Creato da Williams_Sindrome il 04/04/2008
I ragazzi/e con le stelle negli occhi

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Ultimi commenti

buon compleanno
Inviato da: ninograg1
il 20/05/2017 alle 14:41
 
buon compleanno
Inviato da: ninograg1
il 20/05/2016 alle 07:46
 
buon compleanno e buon 2013
Inviato da: ninograg1
il 20/05/2013 alle 08:04
 
buon compleanno e buon 2012
Inviato da: ninograg1
il 20/05/2012 alle 11:06
 
L'esame delle urine è davvero utile, andrebbe fatto...
Inviato da: chiaracarboni90
il 31/03/2011 alle 10:46
 
 
Profilo Facebook di Lello Piscopo
 

Ultime visite al Blog

claudiapcpxxxzz0aurelia.moncadagiorgio.cardirosalindaepifaniaARCH.DADAconcettainfantinosomma46vincenzo.tulinoleoncino831chiaralamonacalefilrouge203noemi1991.cmorfeo1967stefaniarinaldi1960
 

FACEBOOK

 
 

Leggi posta


Vuoi controllare se hai posta  

nella Tua messaggeria?

Clicca sulla lettera.

 

PETIZIONE

Foto copiata dal blog di blobbino2005


Per evitare che succeda
la stessa cosa a tuo figlio

Firma anche tu la petizione
contro le centrali nucleari

http://www.firmiamo.it/nuclearenograzie

 

 

Pedofilia

I bambini sono il nostro futuro

Abusare dei bambini è un crimine
contro l'umanità.
Diciamo BASTA!!!! ai pedofili.

Firma anche tu la petizione per richiedere pene più severe
per chi abusa dei bambini.
 

http://firmiamo.it/lottacontrolapedofilia

 

VIOLAZIONE INVOLONTARIA DEL COPYRIGHT

La maggior parte del contenuto di questo blog è stato raccolto su siti internet, ritenuto per tanto pubblico.
Ciò nonostante ogni immagine o scritto resta proprietà del rispettivo autore.
Se qualcuno notasse qualche violazione è  pregato di segnalarmela provvederò immediatamente alla cancellazione.
Grazie
 
 

Contro la pedoflilia ...

....Proteggiamo i nostri figli.

OSCURIAMO IL SITO DELL'ASSOCIAZIONE PEDOFILI DANESE

aquilone blu2

                                           CLICCA E FIRMA
 

TIBET FREE

 

Natura

 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 

Contatore

 

Visite

Web stats powered by www.clubstat.com

 

 

« SensualitàNo permesso?... No cura!... »

Sindrome di Williams. Speranze per il futuro?

Post n°202 pubblicato il 01 Dicembre 2008 da Williams_Sindrome

Trovate le porte del Dna. Una ricerca tutta
italiana ha scoperto un meccanismo di accesso che potrebbe rivelarsi importante
nella strategia di cura di diverse malattie genetiche, fra cui la Sindrome_di_Williams. Molti dei nostri geni, infatti, non vengono letti e interpretati
dalla cellula per il semplice fatto che è come se fossero bloccati dietro una
porta chiusa. E il complesso macchinario cellulare addetto a trasformarli in
proteine non ha la chiave per entrare. A trovare una soluzione è il recente
studio pubblicato su 'Plos Biology' da Davide Corona, ricercatore dell'Istituto
Telethon Dulbecco (DTI), grazie ai finanziamenti di Telethon e della Fondazione
Giovanni Armenise-Harvard.

Protagoniste del lavoro sono due proteine 'chiavi', che potrebbero aprire
prospettive interessanti anche nel disegno di nuove strategie terapeutiche per
alcune malattie genetiche. La prima si chiama Iswi ed è stata scoperta proprio
dal gruppo di Corona nel 2007: la sua peculiarità è la capacità di determinare
la forma dei cromosomi, indicando al Dna come e quanto deve 'impacchettarsi'
(non è come un gomitolo disordinato all'interno del nucleo, ma è condensato
secondo regole ben precise). L'importanza di questa proteina è confermata dal
fatto che nel corso dell'evoluzione si è conservata quasi del tutto intatta:
basti pensare che quella della Drosophyla melanogaster (il moscerino della
frutta su cui Corona ha condotto i suoi esperimenti) è uguale per il 90% a
quella umana e svolge praticamente la stessa funzione. Questa osservazione ha
fermamente convinto i ricercatori a studiare quanti e quali fossero i geni che
regolassero Iswi. Ed è proprio qui che entra in gioco la seconda proteina:
Parp.

Degli oltre 100 geni capaci di interagire con Iswi, questo è quello che si è
imposto all'attenzione del gruppo di Corona. "Noto fino a quel momento per lo
più per il suo ruolo nella riparazione dei danni al Dna, Parp ha rivelato una
stretta relazione con Iswi: è infatti in grado - spiega in una nota Anna Sala,
una delle collaboratrici di Corona e autrice di questo studio - di mettere una
sorta di bandierina chimica su questa proteina e di bloccarne l'attività. Il
risultato è che il Dna risulta meno 'impacchettato' e i geni fino a quel
momento inaccessibili possono essere espressi". In altre parole, si aprono le
porte che prima erano sprangate.

Questo risultato, oltre a rappresentare un importante passo avanti delle
conoscenze sui quei meccanismi che i ricercatori definiscono epigenetici (che
sono cioè al di sopra dei geni), potrebbe dare un contributo importante anche
in termini di strategie di cura. Esistono infatti delle forme tumorali e
diverse malattie genetiche, come la Sindrome_di_Williams, che potrebbero essere
dovute anche a un problema di accesso al Dna. Non a caso, caratteristica comune
di queste patologie così diverse è quella di essere multisintomatiche: questo
perché alla base non c'è l'alterazione di un singolo gene, ma di un meccanismo
che regola più geni. Inoltre, già esistono dei farmaci in grado di bloccare
l'attività di Parp. Si potrebbe quindi pensare a una sorta di effetto domino:
Iswi si spegne e così si apre la porta di geni prima inaccessibili.

(Adnkronos Salute) Roma, 14/10/2008

Se alcune malattie ereditarie sembrano un rompicapo
perche' coinvolgono un grande numero di geni, il bandolo della matassa potrebbe
essere in due proteine che nella cellula svolgono la funzione di buttafuori,
impedendo ad alcuni geni di attivarsi. Le descrivono sulla rivista Plos Biology
gli italiani Davide Corona e Anna Sala, dell'Istituto Telethon Dulbecco presso
l'universita' di Palermo. Entrambi lavorano grazie ai finanziamenti di Telethon
e della Fondazione Giovanni Armenise-Harvard. Molti geni, osservano i
ricercatori, non vengono letti e interpretati dalla cellula per il semplice
fatto che e' come se fossero dietro a una porta chiusa: il macchinario
cellulare addetto a trasformarli in proteine non riesce a entrare. Le proteine
capaci di tenere la porta chiusa si chiamano Iswi e Parp: riuscire a
controllarle permettera' di mettere a punto nuove cure contro alcune malattie
genetiche, come la Sindrome_di_Williams, e alcune forme di tumore. La proteina
Iswi e' una delle meglio conservate nel corso dell'evoluzione, tanto che quella
del moscerino della frutta e quella umana sono uguali per il 90%. E' anche una
delle piu' potenti, tanto da controllare il 5% del genoma. Il suo compito e'
indicare alla molecola del Dna quanto e come deve impacchettarsi su se stessa.
Ma la sua azione puo' essere bloccata dalla proteina, Parp: quest'ultima
''mette una sorta di bandierina chimica su questa proteina e ne blocca
l'attivita'. Il risultato - spiega Sala - e' che senza l'intervento di Iswi il
Dna risulta meno impacchettato e i geni fino a quel momento inaccessibili
possono essere espressi''. In altre parole, si aprono le porte che prima erano
sprangate. Le ricadute in termine di cure richiedono tempo, ma e' incoraggiante
che esistano gia' farmaci capaci di bloccare la proteina Parp, percio' di
impedire che la Iswi non venga spenta e di aprire la porta ai geni rimasti
inattivati.

(ANSA) - ROMA, 14/10/2008

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/OcchiStellati/trackback.php?msg=6011013

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
bertacchia
bertacchia il 02/12/08 alle 09:44 via WEB
Meno male che si scoprono sempre più cose per queste malattie genetiche...speriamo che presto si riesca a produrre questi farmaci per bloccare questa proteina....Ti ringrazio infinitamente per gli auguri che hai lasciato da me...mi hanno fatto molto piacere...Buona giornata...Silvana..., PER TE
(Rispondi)
vibrazioneforte
vibrazioneforte il 04/01/09 alle 16:39 via WEB
La speranza più grande è che, come molte patologie, anche la S.W. possa essere visibile già attraverso gli esami in corso di gravidanza, e che, naturalmente, si trovi una cura. Buon anno
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.