Creato da Oceano_Irrazionale il 09/10/2006

Diario Flessibile

...la voce che cantava nella prua mentre Joshua filava al massimo della velocità: "Sono una buona barca, datemi vento e vi darò miglia... Datemi vento... Sono una buona barca..."

 

 

« Inverno alle porteDel risparmio energetico... »

Casa dolce casa... O forse è meglio salata?

Post n°381 pubblicato il 04 Novembre 2007 da Oceano_Irrazionale
 

Fin da quand'ero bambino i miei genitori e tutti quelli che ne sapevano più di me, mi hanno consigliato di puntare ad avere una casa per garantirmi il futuro. Certo, sul piano economico, può sembrare idiota buttare ogni mese enormi quantità di denaro per l'affitto di una casa, come d'altro canto, a me sembra idiota pagare una tassa comunale sul possesso di un bene già abbondantemente pagato. Non mi sopporto più all'idea di ascoltarmi brontolare su questa Italia che tanto amo; i politici italiani (e spero che qualcuno di loro passi a leggere) non tutelano più i cittadini ma li spremono da ogni parte. La "bella vita" del paese solare e mediterraneo è finita e non mi capacito ancora del motivo. O forse si. Dovremmo mettere dei cartelli alle frontiere tra Italia e resto d'europa: "Qui, si deve recuperare per un passato in cui, alcuni italiani (godo a scriverlo minuscolo) han voluto godere di una vita ancor più bella degli altri e, ingordi, hanno privato il nostro bel paese dei fondamentali frutti di quelle risorse, che ci facevano invidiare in ogni parte del globo". Ora invece siamo derisi perché incapaci di riprenderci la nazione perduta, perché privati anche del più indispensabile senso democratico quale la libertà d'informazione, perché soffocati sempre più da imposte assurde, che hanno da ormai troppo tempo spostato l'ago della bilancia di molti italiani, verso la dipendenza dai prestiti bancari.
E' triste e squallido perché la crisi non c'è davvero, la crisi siamo noi che, invece di mostrare orgoglio e difendere i nostri beni, ci inchiniamo a braghe calate, pregando questi politici incapaci di degnarci della loro sodomìa.
Possiedo una casa in un bel posto, grazie anche agli sforzi dei miei genitori che in "altri tempi" sono riusciti a mettere da parte qualcosa per dare una mano ai "figli da grandi". Possiedo una casa ma non posso viverci, perché il mio lavoro mi vede sempre in viaggio, così guardandomi intorno e, cercando di collimare passione e sopravvivenza, ho maturato l'idea, già qui annunciata, di andarmene dal bel paese... Verso i paesi nordici che adoro perché le cose funzionano e per i paesaggi da urlo o verso qualche paese mediterraneo come la grecia per esempio? Ci sto pensando seriamente e credo di essere già nella fase di realizzazione, anche se ancora non mi sembra vero per tutta una serie di motivi che non vorrei trattare ora.
Amo il mare da sempre e, anche la montagna certo, seppur per ripiego, però non credo che sceglierò di andare a vivere in un luogo senza odor di salsedine nell'aria, addirittura non credo che sceglierò un luogo fatto di mattoni e cemento per vivere ma sono sempre più convinto di desiderare una casa in legno, con vele, elica e timone. Credo che abbatterò il mito dell'investimento sul mattone e cederò alle tentazioni che da sempre mi attraggono verso il mare.
Pensando al concetto terrestre di "affittacamere", ho fatto una ricerca assidua sulle imbarcazioni che farebbero al caso mio. Adesso vanno molto di moda le crociere in barca a vela, con skipper ed equipaggio o, per i più esperti, da soli. Ma mi domando come funzionerebbe la filosofia del Low Cost applicato alla crociera in motorsailor. Una vacanza indimenticabile su un battello vivo, perché si tratterebbe di una casa e non solo di una barca. Cabine a disposizione di ospiti settimanali con pacchetto bed and breakfast (per escursioni giornaliere nelle isole del mediterraneo) o con pensione completa per poter navigare sempre (possibilmente a vela)... Mi sto perdendo? Non credo. Appena venduta casa mi fermerò a valutare bene ogni passo (a due o quattro piedi a seconda degli eventi futuri) :-)
Intanto in Turchia ho trovato questa e molte altre simili che si prestano egregiamente allo scopo.
Quella che segue ha 7 cabine, svariate vele e motore IVECO da 360 HP. Il prezzo? Lo stesso di un appartamento di 80 mq in un condominio di città con le finestre che spaziano fino al palazzo di fronte... ICI? No grazie! Non credo di avere più dubbi, al massimo tra due anni l'Italia sarà per me solo un meraviglioso luogo dove trascorrere le vacanze e visitare gli amici più cari.

Ahhh, casa dolce casa... O forse è meglio salata?










 
Rispondi al commento:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 05/11/07 alle 21:54 via WEB
Spero che ti riferissi davvero ai fiori perché in una boat house i "fori", soprattutto nella carena, li sconsigliano tutti, vai a capire il perché... :-))) YUK
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

KAPITEIN


 

TAG

 
 Creative Commons License
 

ULTIME VISITE AL BLOG

psicheee10mariomancino.mdonnaluna5Francevifuyliberanteg.natielviprimobazarsabbia_nel_ventosakura_himeferdinando.pescariniSky_Eaglebuild_allumamau0velistapercaso19690sinner_in_paradise