Creato da lgcasc il 06/09/2013

PRESICCESI NEL MONDO

Spazio d'incontro dei presiccesi

 

« Una poesia di ALFIO CAZZATOAncora una poesia di GIA... »

Alla scoperta delle nostre radici: GIANCARLO COLELLA

Post n°68 pubblicato il 21 Aprile 2015 da lgcasc

 

Appena ieri ho mandato un messaggio di saluti e d'invito a collaborare a questo blog a Giancarlo Colella. La risposta non s'è fatta attendere. L.C.

Ciao Giancarlo, come stai? Sai, ogni tanto prendo in mano il tuo libretto di
poesie e mi diverto a leggerle. Certamente sono più piacevoli delle mie che
evocano solo la tristezza. Vorrei pubblicare qualcuna delle tue sul blog
"Presiccesi nel mondo" 
http://blog.libero.it/PRESICCEBLOG/
per vivacizzare il
sito.  Non sei presiccese anche tu? Come io sono acquaricese? Il mio bisnonno
difatti era di Acquarica.  Non hai mai consultato il blog? Perché non ci metti
anche tu ogni tanto il tuo zampino?
Se sei d'accordo batti un colpo.

LUIGI CASCIARO

 

 

Ciao Luigi. E' sempre un gran piacere avere tue notizie. Sono contentissimo di
rivederti fra non molto, così vedremo, magari con Youcanprint, di partorire
questa tua bellissima raccolta di versi. Purtroppo anche nel settore
dell'editoria noi meridionali paghiamo il prezzo di un gap con il Nord Italia
che ci penalizza severamente. Comunque quando verrai vedremo di andarci
insieme, anche perchè anche io avrei un po' di materiale da dare alle stampe.
Circa l'eventuale pubblicazione di qualche mio componimento fanne l'uso che
ritieni, senza preoccupazione. Tieni conto, comunque, che io sono mezzo
presiccese. Mia madre, Ersilia Tonti, era figlia di Carmelo Tonti, fabbro che
abitava in Via Roma, di fronte alla casa del dottor Luigi Cazzato, farmacista.
Mia madre era amica strettissima di Tullia Cazzato, farmacista e moglie di
Amleto Monsellato, nonchè mia madrina di battesimo. A Presicce ho frequentato
la scuola media, perchè ad Acquarica ai miei tempi c'era solo la scuola
elementare. A Presicce ho avuto i miei amici di gioventù, da Gino Ratano
(geometra) ad Antonio Musci (Vitali, falegname, figlio piccolo di Luciano
Musci), a Luigi Pignataro (camionista), Luigi Mancarella, ecc. ecc. ecc., oltre
a cugini (come Totò ed Antonio Martella, insieme alle sorelle Isa e Gheda). Per
finire, anche mia suocera è di Presicce (De Giorgi-Cafai). Quindi ho motivo di
ritenermi presiccese a tutti gli effetti. Tienimi informato, perciò, in modo da
utilizzare al meglio i giorni della tua permanenza a Presicce. Nel frattempo ti
abbraccio fraternamente.
Giancarlo
.


.

Cosa c’è di più bello e divertente di una poesia di Giancarlo Colella?  - Un’altra sua poesia!

(Dalla raccolta “PESCHI e TERRA RUSSA”

Di  GIANCARLO COLELLA)

 

COMU FOCU DE RISTUCCIU

                 *****

Comu focu de ristucciu

ardu pe sta terra mia

ardu bbampu e brusciu

pe sta terra ieu me strusciu.

 

Pe stu ientu ca te lleva

lu suduru e la fatìa

ci te minti cu drafischi

sutta n’alburu de ulìa.

 

Pe stu sule ca te scarfa

quannu fiata tramuntana

ca scarnizzica lu core

e l’amore se lluntana.

 

Pe stu mare profumatu

ca te canta na canzone

ca te mbrazza e te ncarizza

specie quannu si vagnone.

 

Pe sti frutti sapuriti

ca te iutene a campare

ca duciscine la vita

ci le pene suntu ‘mare.

 

Pe stu cielu ca te mbriaca

Ci lu vardi ventri susu

mentre na carusa begdha

te lu mozzica lu musu.

 

Pe sta gente spassiunata

ca te dà puru lu core

e mbrazz’ogni forastieru

comu sia Nostru Signore.

 

Comu focu de ristucciu

ardu pe sta terra mia

comu focu de ristucciu

ardu pe sta terra mia

ardu ardu ardu

pe sta terra ieu me perdu

brusciu brusciu brusciu

pe sta terra ieu me strusciu.

 

           FINE

 
Rispondi al commento:
Utente non iscritto alla Community di Libero
ginorizzo il 22/04/15 alle 11:15 via WEB
Caru Cici, menu male pe' tie ca sta ne ddiscitamu e stu BOLG sta se anima ca fenca a moi cu mie sulu sta crapia. E brau lu Giancarlu m'è piaciuta mutu la poisia tua, speriamu ca mprima ne liggimu quarche avatra. Nu te piajare pena ca sinti Acquarisu ca puru mama era paisana tua e puru sorma n'è davantata ca mammata la canusce de sicuru è la SSuntina ca tene spusatu lu Carlu Giannotta (Capidemazza). Ci sape ci campa cu bide uniti li do' paesi! ginorizzo
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

nunsepodiginosciroccocassetta2prefazione09voltstudrohoodtempestadamore_1967Yuliviicicobyletizia_arcurieric65vlumil_0barbara20200studio.orsi2011
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom