Creato da lgcasc il 06/09/2013

PRESICCESI NEL MONDO

Spazio d'incontro dei presiccesi

 

« A MISSALU BARCUNE »

LU SCIARDINU

Post n°186 pubblicato il 26 Ottobre 2022 da ginoscirocco

LU SCIARDINU

Carusu - E tie de dhu sta essi?
Carusa - T'aggiu scupertu de luntanu e m'aggiu mprossimata. Tie ci sinti?
Carusu - Nu lu sacciu. M'aggiu ddiscitatu stammane e m'è bbanuta a mente la vuce c'aggiu ntisa a ntra lu sonnu stanotte e me dicia ca lu nume meu è Adamu e ca su patrunu de tuttu stu sciardinu.
Carusa - Llora, ci tie te chiami Adamu, jeu me chiamu beddhazza?
Adamu - E va e va, vane, tie beddhazza, e cci nume è?
Carusa  - E va me piace, chiameme: e va.
Adamu  - Piace puru a mie. Pocca, de moi a nnanzi te chiamu Eva tuttuttaccatu però.
Eva  -      Me dole la ventre, tie sai cci g'è?
Adamu - Me sentu vacante puru jeu, sarà ca è la fame.
Eva   -    Aggiu vistu le crape ca se mancene le scrasce ma su sicura ca nu me piacene ca tennu le spine.
Adamu - Sciamu a ngiru ca me pare c'aggiu visti pedi de culummi, de pirazzi, de urmeculi, de scìsciule e de cutugni.
Eva  -  Varda, Adanu, ci sape comu su duci dhe mile.
Adamu - Pocca, dhu pede stane caricu a spezzassu. Tene le mile beddhe russe e beddhe rosse ma stannu mutu tise e ci le rria dha susu.
Eva - Macari te minti ccuvatu a nterra e te nchianu su lu cutursu.
Adamu - Nu nci la faci, assavoja quantu stannu tise!
Eva   -  Varda, Adamu, sta sacara, me n'ane ccota una iddha e me la sta minte a ntra la manu, cci dici me la manciu?
Vuce  - Nooooooo! Dhe mile su mei e nu le poti manciare.
Eva - Adamu, cci t'è banuta coccia? Percé dici ca nu me la pozzu manciare?
Adamu - Nu su statu jeu c'aggiu cridatu, però canuscu la vuce è la stessa de stanotte.
Eva - Focu nosciu, comu crida! Stane scusi, vola a ncelu, nu se face bbidire ma iddhu ne vide e ne sente! Dimannili percé nu le putimu mancu pruvare.
Adamu - Senti, Signuria m'ai dittu ca su patrunu de tuttu lu sciardinu, e mo me dici ca le mile, no?
Vuce  - Putiti manciare tuttu chiru ca truvati ma le mile de dhu pede: NO, percé nu boju cu ddavantati
        "
saputi" e nu boju mancu cu mparati cci g'è “lu bonu e lu fiaccu”.
Adamu - Ma ci nu ssapimu cci g'è "lu bonu e lu fiaccu", comu facimu cu scucchiamu? Ttocca cu li damu retta ca si no se stizza e nu la spiccia cchiui! Varda cci beddhu pede de fica, veni ca ne facimu na ncasciata de fiche.
Eva    - Me sentu meju. Lu sule è mpunutu, ne trasimu ntra sta rutticeddha cu passamu la notte a lu cupertu?
Adamu - Me pare ca dici bonu. Mo ccoju do frunze cusì ne stannimu a nterra.
Eva   - Adamu, la mila jeu nu l'aggiu minata, cci dici ne la damu na mozzacata padunu, tantu a cquaintra ci ne vide. Teni mozzaca puru tie.
Adamu - Cci g'è beddha duce, pare de zùccuru.

Eva   - Deveru e g'è fatta a puntu giustu ca se squaja a mmucca.
Adamu - Eva, tanìa raggione la vuce, sarà ca sta bisciu “lu bonu e lu fiaccu”.
Eva   - E comu faci cu lu sacci?
Adamu - Cu la mozzacata a la mila, me sta ncorgu ca teni do beddhe cuddhure ttaccate a mpettu, cci dici è “bonu o fiaccu” ci li do na mpastata cu li mani?
Eva    - Statte fermu, ca stasira sto cu doja de capu.
Adamu - Sentu frùsciu de pedi su le zìppere siccate, menumale ca nc'è scuru ca si no ci sape cci se menzene, ci ne videne de costi tutti doi nudi.
Vuce - Mmaledetti, mmaledetti! Mannaggia a bui e a tutta la strappina voscia, v'iti manciata la mila e mo v'iti ncorti puru ca siti nudi!
Adamu - Sempre signuria sinti? Ci nu si bistu si ntisu! Comu è ca pisti li pedi nterra quannu camini, nu voli cchiui a ncelu?
Eva   - Sarà ca Signuria sinti bonu e parduni tuttu. Lu sacciu imu paccatu ma pe na menza mozzacata de mila ne dai la mmaledizione? Me crisciu ca sutta a dha vuce cridazzara, se ccuccia nu core bonu e me crisciu ca ne parduni.
Adamu - Si ccuttenta mo? Ci t'a criata! Nc'era bisognu cu dai retta a la sacara?
Eva    - Cci ne sapia jeu de “lu bene e de lu fiaccu” ca ci l'ìa saputa prima ca era "fiaccu", fessa era era stata cu me manciu la mila e cu te la fazzu pruvare.
Adamu - Mannaggia a tie e de quannu t'aggiu ffruntata.
Eva   - Te pare a ttie mo ca nu te la scuntavi cu mie.
Vuce   - Mo ca canusciti “lu bonu e lu fiaccu” sta ve llitacati. Sciativene de cquai! Stu sciardinu nu ve lu mmeritati. Sciativene sperti e damerti a ngiru pe tutta la terra, nchìtila de ristiani e de moi nnanzi muriti quannu ddavantati vecchi e ttocca cu faticati cu putiti campare e tie, beddha mia, ttocca patisci le doje de sgravu, quannu ddaventi mamma.
Adamu - Sciamene ca nu bboju cu lu sentu cchiui. Ci sape cci bole, quannu dice ca ddaventi mamma.
Eva   - Llassa stare, aggiu capitu jeu, ca ci pe ci sa, nu me fazzu passare la doja de capu, li fiji, cu inche la terra de ristiani, se li face sulu.

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ginosciroccocielostellepianetimonellaccio19petiksprefazione09aida631m12ps12annamatrigianopoeta_semplicedony686cassetta2gryllo73ibanez92gMiele.Speziato0
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963