Creato da Piazza_delle_Erbe il 30/01/2007

Piazza delle Erbe

... visto dall'alto mi sembrava un paradiso in mezzo a quei sentieri, di tutto mi aspettavo tranne che una spiaggia di carabinieri...

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

FACEBOOK

 
 

AREA PERSONALE

 

 

« del perché non faccio pi...corsi e ricorsi »

angelo e adriano

Post n°188 pubblicato il 06 Gennaio 2008 da Piazza_delle_Erbe
 

C’era una volta un bambino col cappotto bianco e un testone pieno di boccoli. C’erano un mangiadischi di plastica rosso e un giradischi grigio azzurro già allora consumato agli spigoli. E c’erano tanti 45 giri che quel bambino ascoltava e mandava a memoria grazie al suo fratellone; dischi perlopiù finiti rigati, rotti, squagliati dal sole, ingoiati da un trasloco di troppo. Quei 45 giri si intitolavano Viola, Una storia come questa, Azzurro, Sotto le lenzuola, Canzone, Una carezza in un pugno, e poi, soprattutto, Storia d’amore: quel bambino non sapeva perché, ma avrebbe giurato che neanche da grande avrebbe dato a una donna che gli piaceva «uno schiaffo all’improvviso (…) rimandandola da te». Gli anni passarono, arrivarono i cinepanettoni, Joan Lui, i figli della foca, quei silenzi che ruppero il giocattolo del sabato sera, e poi ancora il lento e il rock, Tricarico e Gianni Bella: eppure, per il bambino di allora, Celentano è sempre quello delle stesse canzoni che ora albergano nel suo ipod, al sicuro dai graffi e dal troppo calore; Celentano è l’ottima spalla di Renato Pozzetto in Ecco noi per esempio, commedia surreale che racconta l’Italia degli anni Settanta molto meglio di certo cinema impegnato dell'epoca; e Celentano è il cantante di Si è spento il sole, che vent’anni dopo quel bambino si ritrovò a ballare sotto i portici di Bologna con L.: in quel momento lei si accorse che avrebbe potuto innamorarsi di lui, ma entrambi sapevano che era ormai troppo tardi.

Photobucket

Da grande voglio mettere i dischi alla radio, autore sconosciuto, primi anni Settanta

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

ULTIME VISITE AL BLOG

jumpynamariomancino.mconfetto1teocolossimarblu76lorenzo205PerturbabiIeBallatadeglimpiccatisara_rollyaldoeugeniozipp82010e_dickinsonumamau0Basta_una_scintillatiz_moz
 

ULTIMI COMMENTI

impossibile dimenticare italiani e americani in...
Inviato da: missmarch
il 12/10/2010 alle 22:00
 
concordo, pero` so` che sei tornato e mi senot...
Inviato da: missmarch
il 12/10/2010 alle 21:57
 
Migrero' pure io prima o poi! ;)
Inviato da: raba_rama
il 01/02/2010 alle 21:46
 
Ci risiamo
Inviato da: keelreturn
il 08/06/2009 alle 10:24
 
Buongiorno. Oh cavolo, è una moria senza fine. A dir la...
Inviato da: Toxic_Edition
il 28/01/2009 alle 13:54