Creato da pippodivita il 27/01/2012
blog

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

MEMORIA

 

Pippo Di Vita e Mario Limentani,

ex deportato dai campi di sterminio

 

Memoria non è semplice ricordo del passato, anche perchè non c'è un prima e un poi, ma c'è la vita nel suo dinamico  e mutabile dinamismo. In questa logica la memoria diviene il recupero del vissuto, che si fa esperienza nel presente, per progredire nel futuro.

Altrimenti "chi dimentica il proprio passato è condannato a riviverlo" e a stagnare nel proprio fango.

Memoria, quindi, è vita per il progresso dell'uomo.

 

Dedica da parte di Mario Limentani a Pippo Di Vita, firmata  sul volume "La scala della morte",   scritto da Grazia Di Veroli.

Il testamento che affida a pippo Di Vita la memoria di Mario Limentani.

 

DALLA SCUOLA ALL'EUROPA

Testatina

Programma Euroscola

Ha iniziato la sua attività di docente, nella scuola secondaria superiore, nel lontano 1982, quando la costruzione europea, in pieno travaglio, stava preparandosi all'apertura delle frontiere. Nel 1991 inizia la sua avventura al Parlamento Europeo come promotore di iniziative, ancora oggi in atto, che condurranno giovani siciliani al programma "Euroscola".

Euroscola è un programma che prevede, presso la sede del Parlamento europeo di Strasburgo, la simulazione di una giornata di seduta parlamentare da parte di circa 700 studenti provenienti dai 27 paesi dell'UE.

 

 

TRENO EUROPEO

TRENO EUROPEO

DALL'1 AL 5 MAGGIO 1993

 

Palermo, Capo d'Orlando, Reggio Calabbria, Metaponto, Bari, Acerra, Napoli e Roma

Promosso da:

Ist. Reg. di Ric. e Form. Cult. "Jacques Maritain"

Parlamento Europeo

 

In collaborazione con:

Commissione europea

Ferrovie dello Stato

 

Sotto l'Alto Patronato

Presidente della Repubblica

 

Con il Patrocinio

Presidente del Parlamento Europeo

 

Su idea, progettazione, organizzazione e coordinamento di

Pippo Di Vita

 

PIPPO E GLI ALTRI

I personaggi incontrati da Pippo Di Vita durante i suoi anni di attività

Card. S. Pappalardo

 

  P. Pino Puglisi

 

                

        Teresa di Calcutta

 

 

 P. Bartolomeo Sorge s. j.

 

        Dario Argenti

 

      Giuliano Gemma

 

      Stefania Sandrelli

 

 

      Vincenzo Consolo

 

                   

             Uto Ughi  

 

    

       Marco Travaglio    

 

     

       Mario Limentani

 

             Don Luigi Ciotti

 

     Valentino Picone

 

         Salvo Ficarra

 

       Papa Francesco

 

        Rita Borsellino

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

Area personale

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

L'Europa a Bastia Umbra 24 aprile 2019

Post n°163 pubblicato il 29 Aprile 2019 da pippodivita

Da sx: Pippo Di Vita, Lucio Raspa, Camilla Laureti e Davide Sassoli

PORTARE L' EUROPA A BASTIA UMBRA
LE OPPORTUNITA' PER IL NOSTRO TERRITORIO

Grande partecipazione all'iniziativa organizzata dal Partito Democratico di Bastia sul tema "Portare l'Europa a Bastia" coordinata dai candidati consiglieri della lista PD Giacomo Giulietti e Roberta Lunghi, alla presenza del candidato sindaco Lucio Raspa, del professore Pippo Di Vita, e dai candidati alle elezioni europee David Sassoli e la spoletina Camilla Laureti.

Nel corso dei vari interventi è stata sottolineata da un lato l'importanza di sviluppare un senso civico europeo attraverso una adeguata e corretta conoscenza dell'Unione Europea e delle sue funzioni, dall'altro la necessità di dare a Bastia una dimensione europea.

L'Europa può infatti rappresentare una grande risorsa ed opportunità per il rilancio di Bastia.

È per questo che il candidato sindaco Raspa ha presentato, supportato da esempi concreti illustrati dal prof. Pippo Di Vita, uno dei punti programmatici fondamentali del programma dell'alleanza civico progresso di cui il PD è parte: lo Sportello Europeo.

Conoscere e far conoscere al territorio le opportunità offerte dai numerosi programmi di finanziamento comunitari e dai fondi strutturali regionali, offrire un servizio di progettazione con personale specializzato, creare reti tra comuni e altre realtà associative o imprenditoriali rappresentano le reali e concrete opportunità che tale sportello offrirebbe alla nostra città.

La candidata umbra alle elezioni europee Camilla Laureti ha quindi offerto spunti di riflessione sull'importanza di un'amministrazione comunale di saper cogliere concretamente le opportunità di finanziamento offerte dall'Europa.

Ha quindi concluso la serata un appassionato ed emozionante intervento del vicepresidente del Parlamento Europeo David Sassoli che pur ricordando la necessità di cambiare questa Europa, orientandosi verso un'Europa dei Popoli anziché degli Stati, ne ha difeso i valori e i principi fondanti che spesso diamo per scontati.

Ha sottolineato tra l'altro la fondamentale importanza, in un mondo globalizzato, di non chiudersi alle enormi potenzialità di un soggetto unitario forte e competitivo come l'unione di 28 Paesi.

Gruppo Consiliare Partito Democratico
Unione Comunale Partito Democratico Bastia Umbra
Lista PD per le Amministrative del 26 Maggio 2019

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Strategie per una cittadinanza europea: Corso di aggiornamento ADR a Foligno

Post n°162 pubblicato il 21 Novembre 2018 da pippodivita

Si è tenuto a Foligno presso Palazzo Trinci il nuovo corso di aggiornamento indetto dall'Associazione dei Docenti di Religione ADR in collaborazione con lo Snadir dal titolo "Scegli il tuo futuro. Strategie per una cittadinanza europea". Un vero successo di pubblico e di critica, alla presenza di una platea di insegnanti e di portatori di interesse molto ricca e qualificata e di una rappresentanza di studenti dell'Istituto tecnico Scarpellini di Foligno. I lavori del convegno sono stati aperti dalla Prof.ssa Marisa Scivoletto, direttrice dei Corsi Adr, e hanno visto i saluti di Rita Barbetti, Assessore alla P.I. di Foligno, Fausto Rapaccini, Direttore dioscesano IRC, Luigino Ciotti, delle Pubbliche Relazioni CELM, Elisabetta Apostolico, Vice Segretaria Snadir Perugia e di Carlo Menichini, Dirigente Scolastico ITE Scarpellini di Foligno. Relatori del convegno, moderato dal Dott. Lucio Raspa, Segretario Generale del CELM, sono stati: Pippo Di Vita, Presidente del CELM e Coordinatore Snadir Umbria, che ha parlato dell'importanza di assumere una dimensione europea all'interno della scuola italiana, Paolo Meucci, Funzionario DG Affari Costituzionali del Parlamento europeo, che ha affrontato il tema della Cittadinanza europea come mezzo per affrontare i cambiamenti che hanno investito le società contemporanee e di Massimo Liucci, Direttore regionale degli Uffici diocesani IRC dell'Umbria, che ha parlato dell'importanza dell'insegnamento della religione nell'educazione alla cittadinanza europea. Sono seguiti gli interventi del giornalista Paolo Borrometi, che ha trattato il tema della cittadinanza europea in relazione ai giovani e dell'avvocato Giovanni Chinnici che ha invece incentrato l'attenzione sul rapporto tra scuola e legalità.

Testimoni del tempo, i due relatori hanno messo in evidenza come sia fondamentale, oggi più di ieri, ancorare il futuro a valori condivisi. In particolare ha colpito la passione e la denuncia del giornalista che ha invitato gli studenti presenti a credere in un futuro migliore e ad alimentare la speranza che l'impegno sociale possa essere per loro sfida ed opportunità di vita. L'intervento conclusivo del Segretario Nazionale e Presidente dell'Adr, Prof. Orazio Ruscica, ha poi brillantemente riassunto la dimensione educativa speciale che riveste l'insegnante di religione nella scuola, ribadendo ancora una volta il valore e l'importanza della nostra categoria professionale.  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

IL SILENZIO » MAFIA

Post n°161 pubblicato il 21 Novembre 2018 da pippodivita

 

ARTICOLO DI FONDO

PIPPO DI VITA

Gazzetta di Foligno

n. 40 18 novembre 2018 

Risale a novembre 2017 la costituzione a Foligno del CELM, Comitato Europeo per la Legalità e la Memoria. Qui la sede operativa, a Palermo la sede di rappresentanza. Scopo del comitato: unire familiari di vittime di mafia e normali cittadini, perché la memoria non
sia un esercizio personalistico, individualista e privatistico ma collettivo. Affinché le idee
di chi ha dato la vita per la legalità possano continuare con le braccia e le gambe di chi a questi valori sta dedicando la propria vita.
Avrei potuto scegliere di fondare il CELM a Palermo, invece mi sono reso conto che fuori
dalla Sicilia non c'è memoria di quella che è stata la lotta che tanti poliziotti, magistrati,
carabinieri, giornalisti e uomini della Società civile hanno condotto per la democrazia,
come se la battaglia fatta in Sicilia soprattutto negli anni ‘70, ‘80, ‘90 fosse stata una
battaglia solo per la Sicilia stessa. Invece si tratta di una battaglia per l'Italia, una battaglia di conquista che si combatte contro la droga e non solo contro la mafia come realtà siciliana, ma come potere economico mondiale.
In Umbria c'è ancora questo pensare che la Sicilia è ‘Cosa Nostra', dei siciliani; agli
umbri sembra una questione lontana. Invece qui la mafia, col riciclaggio di denaro sporco, crea molto lavoro pulito ma coperto da denaro di provenienza illecita. Come capire certe dinamiche? Gli indicatori delle infiltrazioni mafiose sono tanti. Deve ad esempio insospettirci il fatto di vedere negozi che improvvisamente aprono e chiudono. Vedere in certi settori dell'economia - movimento terra, ristorazione, edilizia - un certo impegno e un certo sviluppo imprenditoriale, spesso veloce nella sua crescita, dove (e badate bene: queste cose chi vuole le può sapere!) ci sono dietro figure particolari. Ma è soprattutto questo aprire e chiudere il sintomo che c'è qualcosa che non va. A Foligno esistono locali dove sappiamo tutti che c'è dietro la camorra, così come accade a Perugia. La nostra terra non è immune dal fenomeno mafioso e informandoci scopriamo che non sono notizie che non si conoscono: si possono conoscere.
Ecco perché ho voluto porre qui le basi di questo comitato, che nasce anche dal
lavoro di sensibilizzazione che da insegnante ho svolto negli ultimi 5 anni in Umbria. A Palermo si dice che il silenzio è mafia. I giovani si sensibilizzano parlando loro delle mafie.
Molto spesso nelle scuole non se ne vuole discutere, perché non si riconosce il problema
come proprio, imminente. Addirittura si percepisce la cosa come pericolosa. Certo che è
pericolosa! Camilleri dice che l'Italia è "mentalmente malata di mafiosità": la mafiosità
non è un fatto siciliano, è un fatto nazionale. Parlarne significa combatterla.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

CIAO MIA CARA RITA

Post n°160 pubblicato il 23 Agosto 2018 da pippodivita

Dopo otto giorni rompo il mio silenzio di dolore per la scomparsa di Rita.
Così Rita Borsellino scriveva nella prefazione al mio libro "Evoluzione":
"Grazie Pippo per il privilegio che mi hai dato accompagnandomi per mano a scoprire i tuoi versi. L'amicizia che ci legava si arricchisce ora di un sentire comune che attraverso il linguaggio della poesia si fa più incisivo e coinvolgente".
Grazie RITA dell'amicizia che mi hai regalato e che adesso mi accompagna con il tuo ricordo. Dalle antiche battaglie per l'antimafia, alla tua venuta a Foligno per quei bei giorni che hai donato, con Renato, tuo marito, con il quale ti sei incontrata così presto, alla mia famiglia.
Grazie per i suggerimenti e le tue preziose collaborazioni. Decenni di conoscenza sul campo e un'infinita amicizia che oggi porto per sempre nel mio cuore.
Rita, non ti dimenticherò mai. Resti per sempre nelle mie preghiere.
CIAO RITA.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

A PROPOSITO DELLA SCORTA A SAVIANO

Post n°159 pubblicato il 24 Giugno 2018 da pippodivita

Indipendentemente da Salvini, guardiamo ai fatti: perché la scorta a Saviano? Che ha detto di così pericoloso nel suo libro "Gomorra"? È appurato, da sentenza della cassazione, che ha pure copiato da due giornalisti, spacciando il contenuto per suo. Io ho scritto un libro "MAFIA ED ANTIMAFIA, DAI PERSONAGGI ALLE PERSONE", pubblicato da una piccola ma stupenda casa editrice, la Mohicani di Palermo, ed ho anche vinto, come finalista, il premio giornalistico-letterario "Pier Santi Mattarella". Non ho venduto i numeri stratosferici dei libri di Saviano e riporto tanti nomi, di mafiosi e politici datati ed attuali, spiego come è fatta ed opera la mafia e tutto con precise citazioni, ma non perché non conosco i fatti, come Saviano, ma perché li conosco tanto bene, che mi sembra giusto avvalorarli con documenti di autori molto più autorevoli di me. Non guadagno i soldi di Saviano, non sono mai stato in televisione, nessuno mi invita, e neppure sui giornali, eppure so, da chi lo ha letto, che il mio libro è interessante e completo, ma non faccio audience. Continuo nel mio piccolo a parlare di mafia senza arricchirmi, senza scorta e senza sponchia.

Tral'altro, Saviano ha raccontato di avere avuto minacce, senza che queste avessero avuto un riscontro tale, tanto che fu dato parere negativo da parte della Mobile di Napoli. 

Sono d'accordo con LUCIANA ESPOSITO e con i tanti, che al di là di salvini ed ancora molto prima, anche come me, hanno criticato la scorta di Saviano.
BASTA SCORTA A SAVIANO

In più, in un articolo pubblicato sul Corriere della Sera Magazine il 14 ottobre 2009, l'ex capo della Mobile di Napoli, Vittorio Pisani, svela la verità sulla scorta di Saviano: ''Sull'assegnazione della scorta a Saviano, il nostro parere fu negativo''- rivela. E sul bel best seller tradotto in 43 Paesi, il capo della Mobile dice: ''Il libro ha avuto un peso mediatico eccessivo rispetto al valore che ha per noi addetti ai lavori''. Non ha peli sulla lingua il dottor Pisani: ''Ho arrestato centinaia di delinquenti. Ho scritto, testimoniato e giro per la città con mia moglie e con i miei figli senza scorta. Non sono mai stato minacciato'', continua.

A proposito della scorta assegnata all'autore di ''Gomorra'' spiega: ''A noi della Mobile fu data la delega per riscontrare quel che Saviano aveva raccontato a proposito delle minacce ricevute. Dopo gli accertamenti abbiamo dato parere negativo sull'assegnazione della scorta. Resto perplesso - aggiunge - quando vedo scortate persone che hanno fatto meno di tantissimi poliziotti, carabinieri, magistrati e giornalisti che combattono la camorra da anni''.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »

Cerca in questo Blog

  Trova
 

PROFILO PROFESSIONALE

  

 

  • Docente utilizzato, presso le istituzioni scolastiche, per la progettazione didattica ed europea e come conferenziere
  • Dirigente sindacale
  • Europrogettista nell'ambito dei Fondi e dei Programmi dell'UE
  • Formatore in europrogettazione
  • Musicoterapeuta
  • Esperto in Pubbliche Relazioni
  • Organizzatore di Grandi eventi
  • Consulente istituzionale in politiche comunitarie
  • Consulente dei fondi europei del portale on line "Obiettivo Europa"
  • Scrittore
  • Conduttore radiofonico
  • Già docente di religione nell'istruzione secondaria di II grado
  • Già docente di Teologia dogmatica nella Scuola Teologica di Base Diocesana "San Luca Evangelista" di Palermo
  • Già Conferenziere europeo della Rete Team Europe della Commissione europea (dal 1997 al 2010)
 

ENTI DI APPARTENENZA

 

IPSSAR "P. BORSELLINO"  Palermo

ISTITUTO DI TILOLARITA'

 

ITE "F. SCARPELLINI"      Foligno                                 

ISTITUTO DI SERVIZIO

 

"SNADIR"  (Sindacato Nazionale Autonomo Degli Insegnanti di Religione) 

CONSIGLIERE NAZIONALE, SEGRETARIO PROVINCIALE e COORDINATORE REGIONALE UMBRIA/MARCHE 

 

"OBIETTIVO EUROPA"       Roma         

MEMBRO ESPERTO             

 

FEDERAZIONE GILDA UNAMS Perugia/Umbria

MEMBRO DIRETTIVO PROVINCIALE di PERUGIA e REGIONALE dell'UMBRIA

 

CELM - Comitato Europeo per la legalita' e la memoria

PRESIDENTE e SOCIO FONDATORE


ENTI IN CUI HA GIA' OPERATO

MOVIMENTO FEDERALISTA EUROPEO - Perugia

SOCIO FONDATORE e COMPONENTE DEL DIRETTIVO

 

KIWANIS CLUB FOLIGNO

SOCIO

 

ATTIVITA' SINDACALE

 

Corso Formazione SNADIR - ADR 

Roma 04 maggio 2017

E' organizzatore e coordinatore del Corso Formazione SNADIR - ADR, svoltosi a Roma su:  "La dimensione europea dell'educazione".

https://www.youtube.com/watch?v=hTYnsFCvplI

Intervista a Pippo Di Vita


Corso Formazione SNADIR - ADR - Uffici Dioc. IRC Umbria 

Assisi 10 marzo 2016

E' organizzatore e coordinatore del Corso Formazione SNADIR - ADR - Uffici Dioc. IRC Umbria per IRC di Umbria, Marche, Abruzzo, Toscana, Lazio e Campania. Vi hanno partecipato 300 docenti di IRC.

http://www.ragusaoggi.it/linsegnamento-della-religione-cattolica-nella-riforma-la-buona-scuola-31-anni-dallintesa/

Intervista a Pippo Di Vita 


7° Congresso Nazionale SNADIR

   Rimini 28-29 Novembre 2015   

 Intervento di Pippo Di Vita


INCARICHI

Dal 29 novembre 2015 è componente del Consiglio Nazionale dello SNADIR.

Da febbraio 2014 è coordinatore regionale - supervisore - della regione Marche.

Dal 20 marzo 2013 Pippo Di Vita è Segretario Provinciale SNADIR di Perugia e Coordinatore Regionale per l'Umbria.

E', altresì, membro del Consiglio regionale dell'Umbria e dell'Esecutivo provinciale della Fedederazione sindacale Gilda - Unams (FGU) di Perugia.

Dal 27 febbraio 2013 è stato Terminale Associativo della FGU di Perugia, presso la Scuola Secondaria di primo grado "Colomba Antonietti" di Bastia umbra. Dal 2014 lo è presso l'ITE "F. Scarpellini" di Foligno.

 

CONVEGNI E CONFERENZE A CUI HA PARTECIPATO

 

Convegno Palermo 1997 a Palazzo delle Acquile

 

Dal 1982 partecipa, in qualità di relatore, a conferenze, convegni e tavole rotonde su l'UE e su legalità, comunicazione interpersonale, teologia e catechesi. Ha svolto questa attività, oltre che a Palermo e provincia, e in molte città siciliane, anche in Italia, a Vicenza, Roma, Ancona, Napoli, Benevento, Potenza, Viterbo, Bari, Metaponto, Cosenza, Reggio Calabria, Assisi, Bastia Umbra, Ancona, Perugia, Terni e FolignoIn Europa, dal 1991, ha tenuto incontri presso il Parlamento Europeo, a Strasburgo e Bruxelles, e anche all l’Universitat des Saarlades a Saarbrucken (Germania) e  nel 2008 presso l'Ecole européenne Uccle - Bruxelles (Belgio).

 

ATTIVITA' RADIOFONICA

 

 

RADIO SPAZIO NOI - CIRCUITO NAZIONALE IN BLU

Da Gennaio a Luglio 2003: Conduzione di "Spazio Europa" (12 puntate).

Da Febbraio a Luglio 2004: conduzione di  "Viaggio in Europa" (12 puntate).

Da Novembre 2004  a Maggio 2005: conduzione di "L'Europa a scuola" (12 puntate).

05 Ottobre 2005: Intervista telefonica su ingresso della Turchia nell'Unione europea.

Da Ottobre 2005 a Maggio 2006: conduzione di "Viaggio in Europa"(12 puntate).

 

ALTRE RADIO

7 Marzo 2018RADIO GS - Presentazione "Mafia ed antimafia, ..." (1 ora).

http://www.greenstage.it/AUDIO/7-03-2018%20cosi%20e%20se%20vi%20piace

13 Marzo 2018Radio Libera 21 Marzo - Intervista su legalità ed antimafia (15').

https://www.spreaker.com/show/radio-libera-21-marzos-show

(Partire dal punto 67,30)

 

GRANDI EVENTI ORGANIZZATI

  • FESTA DELL’EUROPA, il 9 maggio 2014 e 2015 a Foligno e 2016 ad Assisi/Bastia Umbra. Dal 1997 fino al 2010, il 9 Maggio, a Palermo, Benevento, Bari, Cosenza, Termini Imerese (PA). 
  • SETTIMANA DELL’AMICIZIA ITALO/CINESE, Palermo, dal 16 al 22/10/2006. 
  • FORUM EUROPEO SCUOLA/EUROPA, Palermo, il 22 Novembre 2002. 
  • DALAI LAMA seguito da Richard Gere e Marco Columbro, Maggio 1996, per conto di Amnesty International.
  • TRENO EUROPEO, dal 1 al 5 maggio 1993 da Palermo è giunto a Roma attraversando le  città di Capo d’orlando, Messina, Reggio Calabria, Cosenza, Metaponto,  Bari, Acerra e Napoli. 
  • STEND DEL PARLAMENTO EUROPEO A PALERMO, a Palermo dal 23 Maggio al 6 Giugno 1992,  in occasione della Fiera Campionaria del Mediterraneo.
  • REFERENDUM SULLA LEGGE 194, tra il 1980 ed il 1981, a Palermo, Manifestazione con Madre Teresa di Calcutta. 
 

RICONOSCIMENTI E PREMI

 

 

 

Roma 26 novembre 2017 (Campidoglio): Targa finalista - Premio giornalistico e letterario "Pier Santi Mattarella:

Cosenza 26 ottobre 2013: 1° classificato - poesia inedita - Premio Internazionale "La Rinascenza della Calabria". Poesia vincitrice: "Uomini Soli".

Palermo 2005: Targa del Presidente del Consiglio comunale per l'organizzazione della Festa dell'Europa.

Ravanusa 2003: Targa in occasione della presentazione del volume “Racconti europei”.

Palermo 2001: Targa “Angelo Valentini” dell’Ufficio per l’Italia del Parlamento europeo.

Palermo 1996: Medaglia celebrativa della Città di Palermo, da parte di Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, per l’attività svolta a favore della dimensione europea.

Arcidiocesi di Palermo 1983: Medaglia  celebrativa della Dedicazione della Cattedrale di Palermo, donata dall’Arcivescovo Cardinale di Palermo, S.E. Salvatore Pappalardo, per l’impegno profuso nell’attività diocesana.

Carini 1985: 2° Premio “Premio Cultura Pino Evola”.

 

PRESENTAZIONE DEI LIBRI

PRESENTAZIONE DI "ESISTERE"

Palermo, 28 Marzo 2013

Bastia Umbra (Pg), 1 giugno 2013

 

PRESENTAZIONE DI "IL TEMPO"

Foligno (Pg), 16 dicembre 2014

 

PRESENTAZIONE DI "EVOLUZIONE"

Bastia Umbra (Pg), 5 novembre 2016

 

Palermo, 15 dicembre 2016

 

PIPPO DI VITA