gemini

il cielo brucia dentro la terra

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 56
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ITALIANOinATTESAspageticassetta2angi2010tirripitirriLutero_Paganolusimia2005magnumgmVasilissaskunkvita.perezcostanzatorrelli46Narcysseleoncinobianco1oltreL_aura
 

ULTIMI COMMENTI

Impegnatevi di più con i post non posso essere l'unico...
Inviato da: cassetta2
il 02/09/2020 alle 09:18
 
salutino ^__^ ciao
Inviato da: angi2010
il 18/04/2017 alle 23:29
 
La speranza muore per ultima! :) Bentornata Angi
Inviato da: deteriora_sequor
il 14/02/2017 alle 09:28
 
L'hanno scampata entrambi...fiuu.. pensavo peggio
Inviato da: angi2010
il 13/02/2017 alle 23:30
 
Visto? Un romanzo breve che è un raggio di luce :-)
Inviato da: deteriora_sequor
il 13/12/2016 alle 12:06
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Attaccato al muro insiem...Attaccato al muro insiem... »

Attaccato al muro insieme all'ombra XXXV

Post n°265 pubblicato il 02 Novembre 2016 da deteriora_sequor








Giungemmo nel reparto rianimazione, che appariva come un bunker
sotto assedio. Continuo viavai di persone e di addetti in tonaca azzurra,
passaggio di Dottoroni con stuoli di servitù alle costole in attesa di una
sola parola chiarificatrice. Io e Danilo ci appiattimmo istintivamente
contro la parete bianca. Avremmo potuto fare serata in quel posto se
il mio fratellastro non avesse preso il coraggio a due mani e non si fosse
spostato in direzione dello sportello informazioni. Lo sentì farfugliare
qualcosa e ricevere più dinieghi che altro dall'impiegata. Il sangue
cominciava a bollirmi mentre l'effetto del nozinan mi sbarazzava delle
ultime inibizioni. Mi avvicinai. "Senta, nostro padre sta morendo per un
blocco renale e ci sarebbe gradito anche solo vederlo prima che tiri le
cuoia. Può farci il favore di essere così gentile da indicarci la direzione
della sua degenza?" Forse il fatto che le parole mi uscissero metalliche
dalla bocca ebbe un'impressione sulla donna che ci fornì le giuste tracce.
Così, come due derelitti (e Io ancora con gli effetti personali di mia madre
nel sacchetto trasparente) ci muovemmo stanchissimi verso la stanza in
cui era custodito Luigi. Percorremmo cinquanta metri e finalmente trovammo
la stanza II/C. Il vecchio era sotto la tenda ipobarica per complicazioni
respiratorie e una quantità spaventosa di cannule e flebo ne segnavano
il corpo magro e ossuto. Aveva gli occhi semichiusi e non dava la minima
impressione di riconoscerci mentre succhiava nervosamente il labbro
inferiore. Finalmente entrò un' infermiera che prese dei rilevamenti.
Luigi parve riaversi e, aprendo la bocca, prese a dilaniare una delle
cannule che gli foravano la gola. La donna gli disse di stare fermo mentre
Io scoppiavo a ridere istericamente. Danilo mi prese per la collottola e mi
sbatté fuori dalla porta. Era la prima volta che lo vedevo reagire a quel
modo, e in cuor mio ero soddisfatto di avergli fatto perdere le staffe.
Totalmente annebbiato dal nozinan mi sdraiai su un divanetto e cominciai
a sonnecchiare. Talvolta mi svegliavo di botto facevo lo sforzo per alzarmi
ma cadevo puntualmente di schiena con le palpebre pesantissime. Alla
fine sentì la porta della stanza II/C sbattere con un certo vigore e uscirne
l'infermiera a caccia di aiuti. fu seguita immediatamente da Danilo. "Il
vecchio si agita, vero? Testa dura come il sottoscritto." Ebbi il tempo di
dire mentre due robusti tirapiedi dell'ospedale mi prendevano per entrambe
le braccia e mi trascinavano verso l'ascensore. Poi schiacciavano il bottone
sino al pianoterra. MI trascinarono per le corsie di emergenza e poi mi
scagliarono senza tanti complimenti in mezzo al parcheggio. "Visite
concluse" Urlò uno dei due, forse il più spiritoso. Era sera e il buio
iniziava a incombere.







(Continua)










La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Prassitele/trackback.php?msg=13468739

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
several1
several1 il 02/11/16 alle 16:11 via WEB
metodi sbrigativi
 
 
deteriora_sequor
deteriora_sequor il 02/11/16 alle 16:13 via WEB
Due cafoni e un derelitto
 
EMMEGRACE
EMMEGRACE il 02/11/16 alle 16:32 via WEB
Ma che brutte maniere :( Che sta succedendo a Luigi? Questo post è in tema a questa giornata :(
 
 
deteriora_sequor
deteriora_sequor il 02/11/16 alle 18:09 via WEB
Mi sorprende Danilo, che dalla personalità angelica sembra transitare bruscamente all'accettazione della brutalità verso il povero Simone...
 
romamia17
romamia17 il 02/11/16 alle 20:26 via WEB
Che brutte maniere di trattare la gente! Un saluto, animolibero
 
 
deteriora_sequor
deteriora_sequor il 03/11/16 alle 09:52 via WEB
In un grande ospedale trovi di tutto...Ciao
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: deteriora_sequor
Data di creazione: 13/05/2013