Creato da algheazzurre.s il 09/04/2009

in me

non si può descrivere il cammino della vita lo si deve solo vivere

 

 

Quando finisce l'illusione di un amore

Post n°35 pubblicato il 30 Agosto 2010 da algheazzurre.s
 

......... è drammatico svegliarsi e tornare alla realtà........

anche se già tutto mi sembrava fosse reale, ma era illusione........

illusione dettata dal cuore, dalla voglia di amare ........

adesso mi chiedo.......

mi chiedo se al mondo esiste chi sa amare, privo di egoismi, privo di vanità, privo di sè..........

tante troppe, sì! Sempre tante e troppe domande, forse anche sempre e tante troppe aspettative..........

chiedersi perchè? Perchè l'amore romantico, unico, che ogni donna sogna, resta comunque uno splendido sogno?

E' forse troppo chiedere di essere amati, come l'amore che doniamo?

e come sempre mi chiedo, come sempre avrò in risposta le solite frasi di circostanza........

come sempre confinerò me stessa nel limbo dei colpevoli d'amore........

 

 
 
 

In attesa del nuovo giorno

Post n°34 pubblicato il 30 Agosto 2010 da algheazzurre.s
 

...........stanotte non ricordo che sogno ho fatto, nè se ho sognato, mi sono rigirata nel letto, non ho riposato, è stato un tormentato dormiveglia..........
 
il celllulare sotto il cuscino....... chissà che speravo.......... forse quel "bip" sarebbe bastato a rendere il mio sonno tranquillo.......
 
mi sono alzata all'ora di sempre, ho accarezzato il mio piccolo e il suo morbido pelo, mi ha dato tenerezza, il suo miagolio mi ha dato il buon giorno.........
 
perchè no? Il sole stava nascendo, i passeri e i piccioni nicchiavano ancora nei loro nidi, ed io dovevo combattere quel senso di vuoto, di inutilità, di tristezza.........
 
una calda doccia, un caffè fumante, la mente organizzava già come avrei dovuto vestirmi........ oggi mi sarei vestita elegantemente, avrei messo due gocce di profumo, avrei indossato i miei orecchini preferiti, calze nere e decoltè con il tacco......... forse così avrei iniziato a rivivere, a sentirmi meglio..........
 
ed eccomi al lavoro........ il freddo, il vuoto, non c'è stato sollievo negli abiti eleganti, non c'è stato  cambiamento........ i complimenti dei colleghi m'infastidivano..........
 
forse è presto per voltare pagina............ non posso truccare l'anima.........
 
ma non lascerò che il vuoto, mi prenda dentro e fuori.........
 
oggi è un giorno quasi vecchio.......... domani il sole porterà un'altro giorno nuovo.........

 
 
 

Vuoto

Post n°33 pubblicato il 30 Agosto 2010 da algheazzurre.s

........ sapevo che sarebbe tornato......... il vuoto.........

 
e adesso mi chiedo se...... quando il cuore batteva all'impazzata al suono della sua voce, non fosse forse per paura........
 
e adesso mi chiedo se....... l'amore che sento, non sia solo la speranza d'amare........
 
e adesso........ vuoto.........
 
la mente ha solo il rumore assordante di mille ali he sbattono ansiose contro la fronte per uscire...........
 
il cuore........ il cuore sembra fermo, il suo battito è impercettibile........ e lo stomaco ha un .......... vuoto
 
ilusione? amore? speranza? felicità? attesa?
 
non sono io forse che l'ho vissute?
 
adesso il vuoto......... sono state tutte spazzate via dal gelido vento del nord.........
 
il vuoto........ eppure respiro, eppure ascolto, eppure scrivo......... ma ho il vuoto dentro.......... lasciato da un'amore in cui solo io forse credevo........
 
e adesso è così freddo, questo.......... vuoto.........

 
 
 

scorre il tempo........

Post n°32 pubblicato il 27 Novembre 2009 da algheazzurre.s
 

..... scorre con i suoi tic-tac.....

scorre lento,  scorre veloce.........

chi può dirlo?

non è mai veloce quando nel cuore provi una profonda tristezza.........

non è mai lento quando nel cuore provi tanto amore.........

il mio tempo scorre, scorre con i suoi minuti grigi, con le sue ore rosa........

un'ora di sorrisi è un minuti di lacrime amare...........

ma io amo il tempo, amo il sole acceso, amo le nebbie sognanti, amo i temporali saettanti.......

amo il tempo, perchè vivo grazie al tempo che scorre, scorre.........

con i suoi tic-tac, tic-tac, tic-tac...........

il tempo passato è finito lasciando nella mente e nel cuore esperienze, che mi hanno fatta crescere, pensare, e.......... continuare a sognare.......... proseguire nell'amore di mamma, di donna, di fata, di folletto.........

domani......... arriverà ancora altro tempo, e sarò io a scegliere se sarà lento o veloce....... perchè il tempo scorre, ma non si è mai intromesso fra me e ciò che sono..........

Susy

 
 
 

riprendo dal cielo........

Post n°31 pubblicato il 26 Novembre 2009 da algheazzurre.s
 

........... dopo tanti giorni, mesi, notti.......... stamani ho alzato gli occhi al cielo....... com'era bello il suo colore........

il sole che stava sorgendo, infiammava di rosso tenue l'orizzonte........

quando c'è quella luce, le case, gli alberi, gli uccelli, tutto intorno....... non hanno contorni, non hanno definizioni dell'immagine, sembra solo che uno stuolo di ombre cerchi di offuscare ciò che di più bello, di più vero, di più uguale esista al mondo........ il cielo........

mi sono chiesta........... come può questa bellezza del mondo, che a tutti si dona allo stesso modo, essere spettatrice di tanta disuguaglianza, di tante atrocità?

Chi siamo noi? Chi siamo noi che ci permettiamo di tutto e di più, con la nostra presunzione e la nostra prepotenza? Eppure noi siamo soli ospiti in questo mondo, ospiti di passaggio......... ospiti irrispettosi e maleducati...........

vorrei tornare a scrivere, a imprimere qui i miei pensieri, e non essere più un viandante senza meta..........

Susy 

 
 
 

Mare

Post n°30 pubblicato il 29 Maggio 2009 da algheazzurre.s
 

Breaking Waves, Waimea Bay, Hawaii, USA Photographic Print

Sulla cresta dell’onda si perde lo sguardo, l’infinità azzurra, sconfinata materia molecolare……

acqua calma, piatta, liscia, compatta…………

acqua agitata, prepotente, mossa, capricciosa……….

acqua generosa, protettiva, accogliente……..

acqua avida, violenta, divoratrice……..

Mistero della natura, dono della natura…………

Mi sei entrata dentro, hai rubato il mio sguardo, il mio corpo, la mia anima………

Ti odio e ti amo……….

Cavallo imbizzarrito che spezzi le briglie………….

Tigre affamata che divori chi ti sfiora…………

Ti odio e ti amo………..

La forza che emani, ritempra il mio spirito………..

L’accoglienza che offri, accresce l’abbandono……….

M’ immergo in te e volo……….

Volo libera senza ali……….

Volo leggèra senza sforzo……….

 

Ti odio e ti amo………..  

 
 
 

Libera

Post n°29 pubblicato il 28 Maggio 2009 da algheazzurre.s
 

Raggi di sole attraverso la foresta Stampa artistica

Voglia di fuggire di staccarmi da questo corpo che m'imprigiona tenendomi come zavorra ancorata alla terra.......

la mia anima è detenuta da una mente ed un cuore troppo terreni.........

carnefici impietosi e crudeli, sadici torturatori dello spirito.........

Libera! Libera come polline che rende fertile il morire del fiore........

Libera! Libera come nuvole che si ribellano al vento.........

Libera! Libera come la farfalla che magnifica di colori senza pensare che la sua vita sarà breve...........

Libera! Libero l'anima mia, lasciando ai miei occhi le sbarre della mente..........

Per un breve tempo, il tempo di scrivere, mi sento libera di viaggiare nella luce dell'anima mia............ 

 
 
 

Scusate amici.......

Post n°28 pubblicato il 27 Aprile 2009 da algheazzurre.s

.... la mia assenza, ma è dovuta ad una brutta bronchite che mi sono presa, e non riesco a stare molto alzata e senza febbre :-) spero passi in fretta, un abbraccio a tutti

Rose 107 Photographic Print di Scott Kuehn

Eccomi! Ancora qualche giorno di prigionia, ma il peggio è passato! La paura è stata tanta, poi le radiografie hanno dato risposta.......... broncopolmonite!

Ecco cosa succede a voler fare l'eroina e a dire che tutto và bene!

GRAZIE A TUTTI DI VERO CUORE!

 
 
 

glicini

Post n°27 pubblicato il 24 Aprile 2009 da algheazzurre.s
 

 

Bouquet 2 Stampa artistica di Sarah Gillard

viaggiano i pensieri andando incontro alla primavera.............. sento il profumo di glicine, rampicante delicato............   

ed ecco che la mente mi porta a quella strada che sà di antico e di amore..........

una strada fatta di vecchie mura in pietra che porta al Forte Belvedere.......... da lassù si può ammirare la bellezza della mia Firenze, lontani dai rumori assordanti delle auto...........  

un immenso giardino dove lo sguardo si perde all'orizzonte e lascia alla mente i sogni più belli............ 

la strada degli innamorati, così l'ho chiamata.......... e fantastico su ogni pietra...........  

donne con lo scialle sulle spalle e con gli occhi pieni di luce che attendevano il primo bacio............. cavalieri che s'inchinavano davanti alla bellezza e bramavano un "sì"...........  

mani nelle mani.......... sospiri e sorrisi.........  forte il battito dei cuori...........  

in quella strada, camminiamo io e te amor mio.......... senti l'odore dei glicini? Senti i battiti affrettati del mio cuore? Ti donerò tutta la mia dolcezza e i miei occhi saranno per te la luce delle notti solitarie, e i miei baci saranno per te dissetanti gocce per i giorni aridi, e le mie carezze saranno unguento per le tue ferite............. 

con il profumo dei glicini e con le pietre negli occhi........... la mente fantastica ancora cercandoti

 
 
 

Stasera io.......

Post n°26 pubblicato il 23 Aprile 2009 da algheazzurre.s
 

Hands Holding Seedling Photographic Print di Ken Wardius

Firenze, 23 aprile 2009

Dopo le rassicurazioni degli amici, che devo dire mi ci volevano, non tanto perchè mi piace essere coccolata ( a parte a chi non piace?), non era questo l'intento, l'intento era di capire se mi approccio nella maniera giusta con gli altri..........

Però basta! Non è da me piangermi addosso troppo a lungo, un bel sospiro, una bella riflessione, e la voglia di coltivare le amicizie che stanno nascendo........

E' anche vero che spesso mi sembra di scrivere delle lagne, ma vi assicuro che tutto quello che scivo, viene prima da dentro e spesso riesco a capirmi solo dopo essermi riletta........ come ho scritto ad un'amica che ha smesso di scriver nel blog, perchè a detta sua voleva regalare un sorriso a chi la leggeva, e sempre a detta sua, le cose che scrive sono tristi......... le ho fatto notare che i più grandi poeti, hanno scritto le loro più belle poesie, proprio nel momento della sofferenza del cuore, questo significa che niente è costruito nello scrivere, e che tutto viene dai veri sentimenti........

E' anche vero, che si riesce a scrivre in un momento particolare di gioia eccessiva, oppure in un momento di menefreghismo, cioè scrivi e chi se ne importa :-)

E' anche vero, che se avessi chiuso un'altra volta il mio blog, poi me ne sarei pentita, non tanto perchè avrei dovuto ricostruire, quanto perchè avrei perso le nuove amicizie a cui tengo molto.........

E' anche vero che sono un tipo impulsivo e passionale, e che molte volte invado lo spazio degli altri inopportunamente, ma vi garantisco che in me non ci sono secondi scopi, se non quello di parlare con chi sai di poterti fidare...........

caspita! Quanti "è anche vero" che ho scritto! Ops! Ma non cancello o non sarei io!

E' stato un malinteso di sicuro, la colpa è mia, che ho creduto di poter dialogare come tra amiche, invece dovevo rispettare i tempi dell'altra, tutto qui.........

Quello che più mi ha fatto male, non è tanto l'incomprensine, della quale avevo chiesto scusa, ma la cancellazione del suo nick nello spazio amici.......... e non posso nemmeno dire........ "uno se ne va, altri dieci torneranno", perchè comunque sia, ognuno di noi è unico nel suo essere.........

Ringrazio tutti gli amici, che con la loro vicinanza, mi hanno fatto riflettere sul mio comportamento, però alcune regole che mi sono imposta non sono sbagliate, cercherò di seguirle pur modificandole di poco..........

Grazie!

Susy

 

 
 
 

Oggi io.......

Post n°25 pubblicato il 23 Aprile 2009 da algheazzurre.s
 

Wine Retreat Photographic Print di Anastasiya Tikhonova

Firenze, 23 aprile 2009

Bè! Che dire?

Sembra quasi che nei blog, ci sia una sorta di complicità nascosta, offendi senza sapere di aver offeso........

Forse è giusto che rimanga nel mio spazio senza addentrarmi negli altri blog, e forse devo ancora imparare a non sentire quello che credo di sentire solo leggendo.......

Quindi da oggi mi impongo queste regole:

  1. non girare fra i blog;
  2. non rispondere nei post pubblicati;
  3. non rispondere ai commenti degli ospiti dei blog;
  4. non cercare amicizie;
  5. non fare amicizie;
  6. non cercare il confronto;
  7. non essere gentile, perchè puoi essere fraintesa.

Amareggiata? Sì! Un po' lo sono, ma la colpa è mia, devo solo imparare a farmi i fatti miei.

Questo il mio messaggio che ha tanto offeso! 

Dolce amica XXXXX, questi versi ti hanno trovata, per consolare i tuoi momenti tristi, ti abbraccio forte e..... visto che mi sento serena..... ti regalo un affettuoso sorriso :-)

 

 

 
 
 

Oggi io.......

Post n°24 pubblicato il 21 Aprile 2009 da algheazzurre.s
 

Paperelle Pop Art Stampa artistica di Anthony Matos

Firenze, 21 aprile 2009

Come posso donare qualcosa di me, se non riesco prima a donare a me stessa?

Guardavo una nuvola stasera, correva veloce lassù in alto, e subito ho pensato al vento..... il mio amato vento, il mio amante di pura essenza, che sa donarmi carezze, che sa parlarmi dolcemente, ma sa anche domare i miei pensieri........

La mente gira intorno per non sentire, finge di ascoltarmi, ma è solo un frisby che si lancia e poi torna indietro roteando vertiginosamente.........

Spesso sorrido ma altrettanto spesso sono solo le mie labbra che si muovono autonomamente...... non voglio sentire, non voglio parlare, non voglio........

E stasera lui mi ha toccata....... non riesco ad accettare le sue mani su di me........

e stasera vorrei fosse già mattina...........

e stasera.........

lascerò il mio posto a quella bambola di pezza, che si muove se la muovi, che sorride se vuoi che sorrida, che giace se vuoi che giaccia........

chiudo gli occhi........ sta sorgendo il sole..........

 
 
 

BUON COMPLEANNO

Post n°23 pubblicato il 21 Aprile 2009 da algheazzurre.s

Per Coricina , amica virtuale nel fisico, ma amica vera di emozioni e sentimenti

 

(indipendentemente dall'età citata nella canzone :-) mi è sempre piaciuta)

AUGURI CORI

 
 
 

Io - II

Post n°22 pubblicato il 20 Aprile 2009 da algheazzurre.s
 
Tag: Susy

........ la notte....... la sua amica notte.......... quella che la faceva sentire al sicuro e serena, la stessa notte, la stessa stella.......... lo stesso divano dove lei si rifugiava nel silenzio del buio, dove poteva restare finalmente sola e lasciare ai suoi pensieri la libertà di viaggiare.........

il pensiero più bello....... sempre lui......... ma cos'è che l'aveva spinta ad accettare quell'amore? Fu allora che i pensieri cominciarono a lasciare il posto ai ricordi..........

Si ricordò di quando era adolescente, quando aveva avuto fretta di crescere, quando avrebbe voluto che il suo corpo acquistasse le forme di donna...........

si ricordò che aveva voluto comprare il primo reggiseno pur non avendone ancora molto, però la faceva sentire uguale alle sue amiche..........

quando osservava le sue amiche baciarsi con i loro ragazzi, e lei si chiedeva come mai non ne aveva avuto ancora nessuno........

eppure tutti le dicevano che era bella.........

ma forse le mancava quel pizzico di malizia che inconsciamente invitava........ o forse il suo aspetto di bambina ingenua, li teneva lontani..........

ancora oggi non sapeva darne risposta........

poi a 15 anni lo vide......... le piacque, un ragazzo normale, con grandi spalle perchè era pugile......... e lei sognò tante volte di rifugiarsi tra quelle braccia e di farsi coccolare............

"ti vuoi mettere con me?"

non poteva crederci che dicesse proprio a lei, le aveva dato attenzione, l'aveva notata.........

Si ricordò del suo primo bacio, del suo imbarazzo.......

come era tutto così ancora vivo nella sua mente!

La sua prima volta, quando aveva detto di sì più per curiosità che per convinzione e desiderio..........

si ritrovò allora......... moglie/mamma/bambina.......... quante difficoltà da affrontare....... e quanta pazienza da trovare..........

si era imposta di avere pazienza, di raggiungere la felicità a piccoli passi, ci sarebbe riuscita? Ma cosa significava essere felice?

Le sarebbe bastato non avere paura quando lui tornava la sera dal lavoro.........

le sarebbe bastato poter crescere la sua prima figlia e darle tutto quello che lei non aveva potuto avere..........

ma troppe e tante erano le sofferenze...........

come quella volta che era stata costretta a dormire in terra, accanto alla culla della sua creatura, ma adesso non si ricordava il motivo, le faceva sempre solo tanto male ricordare quei momenti............

quindi basta per stanotte avere ricordi.........

riportò allora i suoi pensieri al suo amore segreto......... e si sentì nuovamente serena......... 

 

Celia Hammond, 1976 Stampa artistica di Terence Donovan

 

 

Ancora un'altro giorno era nato, e i suoi pensieri per lui, le avrebbero fatto amare ogni gesto e ogni parola, che in quel solito giorno lei avrebbe fatto e detto......... era pronta ad affrontarlo con i battiti del cuore che suonavano quella nuova melodia........ amore......

....... un'altro giorno stava finendo........

 

 

lui non aveva chiamato e lei aveva il cuore colmo di rabbia, di nostalgia, d'amore.........

le faceva male provare quei sentimenti contrastanti fra loro, non aveva nessun diritto di sentirsi così, in fin dei conti........ lei era l'altra....... praticamente nessuno.........

un pizzico d'invidia............ per i giorni non vissuti al suo fianco, per le parole ancora da dire, per le carezze sotto i raggi del sole.............

si impose allora di pensare al suo ultimo incontro con lui..........

le sue mani si erano posate sui suoi fianchi tirandola a sè......... "ciao amore" e quel dolcissimo bacio che le fece ancora una volta capire quanto lui l'amasse.........

ogni volta si sentiva emozionata, l'insicurezza di pochi istanti prima era svanita, il suo cuore aveva cessato di battere, ma solo per un'istante, quasi a riprendere il fiato per iniziare la sua frenetica corsa..........

era sua! Era suo!..........

Troppo tempo era trascorso dall'ultima volta che si erano visti, ma il loro amore aveva vinto tutti gli ostacoli e tutte le distanze, adesso era lì! Sotto un cielo costellato di stelle, al suono del fruscìo degli alberi......... era sua!

La passione li travolse, non si tolsero nemmeno i vestiti, era troppo forte il desiderio per poter perdere anche un  solo istante di quei meravigliosi infiniti attimi........

e fù il tempo dei sospiri, dei gemiti, dei baci e delle carezze........... le mani non avevano tregua, le lingue si intrecciavano prepotenti nelle loro bocche......... ti amo, quasi gridato........... ti voglio, appena sussurrato........

come ogni temporale......... scende piano la quiete........

cenarono con una pizza......... avevano tante cose da raccontarsi, anche se nei giorni precedenti se le erano già dette, ma non avevano il solito sapore di quando si guardavano negli occhi..........

lui le parlò dei libri che aveva letto, dei film che aveva visto, e lei come sempre restava incantata dal suono della sua voce e dalla sua maestria nel raccontare........

dispettosamente gli aveva accennato, che avrebbe potuto fare lo speeker in una radio, anche se sapeva che molte altre donne si sarebbero innamorate della sua voce..........

era innamorata, non contava nient'altro adesso, i pensieri erano tutti per lui......... il suo amore..........

così la rabbia, la nostalgia......... lasciarono il posto soltanto all'amore.........

e fu così che inizio il lungo cammino che le aveva permesso di arrivare ad oggi........

 
 
 

Io - I

Post n°21 pubblicato il 20 Aprile 2009 da algheazzurre.s
 
Tag: Susy

 

Quasi ogni notte, lei si alzava....... aspettava che tutti dormissero, per rimanere sola con i suoi desideri..........

A piedi nudi, indossando una trasparente camicia da notte, raggiunse il salotto, illuminato soltanto dalle luci della notte.

Aveva sistemato l'arredamento di quella stanza, in modo che rimanendo a diacere sul divano, il suo volto fosse rivolto a quella finestra, che lei amava chiamare "il suo quadro mai dipinto", e come ogni quadro più amato, osservava........ quel campanile era sempre lì, e ogni volta riusciva a darle emozione, imponente, fermo, antico...... quale pietra doveva ancora scoprire?

Il cielo era bucherellato da tante piccole stelle, qualche nube curiosava e la spiava...... lei sorrise e cercò con lo sguardo, la sua unica amica, che come ogni anno, nello stesso periodo, le faceva compagnia....... quanto le era mancata in quell'inverno............

due perle di rugiada, le inumidirono gli occhi. 

"Ciao amica mia"! Le sussurrò! "Anche questa volta non mi hai tradita"!

"Ho tante cose da raccontarti"! 

La sua stella! La più luminosa di tutte! VENERE! 

Non doveva più tenere i suoi pensieri per se, la sua amica l'avrebbe ascoltata, l'avrebbe capita, e il suo cuore respirato con più ossigeno, il suo sangue..... pulsato fluido, la sua mente...... accarezzato mille arcobaleni............ 

Gli occhi le si chiudevano stanchi,  con tutte le sue forze voleva che non accadesse, ma i suoi sogni si facevano strada, e perchè fosserò più belli, lei si accarezzò dolcemente il corpo....... quel corpo di donna, al quale non aveva donato le sue attenzioni, che portava i segni degli anni, delle fatiche,,,,,,,,, ,  le sue mani scivolarono lentamente sul collo, scendendo e disegnando la rotondità dei suoi seni, i suoi capezzoli divennero duri per l'eccitazione, e le sue mani continuarono lo scrutare ogni parte del suo corpo.........  

Si ritrovò così....... addormentata su quel divano, le prime luci dell'alba rischiaravano il cielo, le stelle non avevano più luce, ma lei sapeva....... erano lì, la aspettavano..........

"A stanotte amica mia!" !!!!!!!!

 

Gli occhi stanchi, seguivano i soliti movimenti di ogni mattina.

Tutto era ancora avvolto nel silenzio, il suo gattino....... il primo a darle il buongiorno, le si sfregava sensualmente sulle gambe, lei amava parlargli sottovoce, e lui le rispondeva con un silenzioso miagolio, era bello quel rito, quella complicità con quella sua piccola bestiola, di cui si sentiva un pò simile...........

il brontolio della caffettiera....... l'odore del caffè........ come era buono!

Se lo versò nel bicchiere grande, perchè in quel modo ne avrebbe sentito anche il profumo insieme al sapore......... ancora pochi minuti di quel silenzio, di quella pace.......... e poi "lo" avrebbe svegliato...........

"lo" guardò, entrando nella grande camera, dormiva....... si soffermò un istante........ chi era? Eppure ci conviveva da ben 30 lunghi anni, ma non lo conosceva, non la conosceva............

Era tardi..... perchè riusciva sempre a fare tardi?

Un'altro giorno l'aspettava........ il tram...... il lavoro...... i colleghi........ i telefoni che squillavano..........

sempre uguali i suoi giorni, quasi un rito perpetuo di una vita intera.........

Ma da qualche tempo, qualcosa era cambiato....... il suo cuore batteva di un battito nuovo............... 

 

A Group of White Terns Fly Near a Lighthouse Just after Sunset Photographic Print

 

 

 

 

Le piaceva guardare fuori dalla finestra, quando i primi bagliori del nuovo giorno illuminavano il cielo, i passerotti cinguettavano e le rondini disegnavano alte le loro rituali acrobazie...........

Piccoli fruscii di lenzuola che si muovevano sopra il corpo ancora addormentato del suo tesoro più grande........ sua figlia........

Si era seduta davanti al PC e lo aveva cercato, aveva cercato qualche parola che la facesse sognare ancora un po', ad occhi aperti, ma sognare la sua storia segreta.......

Era un'altra donna da quando lo aveva conosciuto e amato, nessun rimpianto, nessun senso di colpa, adesso lei conosceva l'amore, l'amore bevuto a piccoli sorsi, tanto da non permetterle di sentire secche le sue labbra e il suo cuore.........

La sua stella, anche quella notte l'aveva cullata con il suo trepido bagliore, l'aveva solo intravista fra quelle nubi nere che coprivano il cielo, ma si era lo stesso fidata di lei, le aveva parlato anche quella notte e aveva continuato il suo racconto.........

Era lui, l'uomo che l'aveva resa finalmente donna, che le aveva dato amore ed aveva sgretolato molte delle insicurezze che la sua inesperienza e ingenuità, l'avevano tenuta segregata ad un ruolo responsabile di una vita piatta, travagliata, anche se con due grandi felicità....... le uniche felicità........ le sue figlie.........

"ciao amore"......... il suo saluto......... e poi amore, parole, dubbi, certezze, amore........ e il suo cuore batteva forte, lo sentiva vivo, sentiva viva la sua pelle, sentiva luminosi i suoi pensieri........ la donna viveva.........

Ringraziò il destino che tanto le aveva donato, un'amore a metà, e per metà lei viveva.......... non chiese mai di più, sapeva che non poteva forzare la mano a quel destino, così avido e così generoso............. perchè sapeva che il destino è il signore della probabilità, padrone assoluto sul bene donato, signore onnipotente che dà e toglie, e prima di perdere quel poco che aveva.......... niente di più chiedeva........

 

 
 
 

Nessuna musica.......

Post n°20 pubblicato il 20 Aprile 2009 da algheazzurre.s
 

stasera niente canzoni...........

stasera ascolto una dolce musica, l'appagamento di un desiderio............

 

è dolce sentire il fiato uscire leggero..........

è delicato il fruscìo dei pensieri...........

è armonioso il battito del cuore............

 

stasera niente musica da ascoltare con malinconia............

 

stasera il sole mi ha lasciato quel raggio che avevo chiesto per farmi compagnia..........

stasera quel nero mantello, non oscurerà i colori...........

stasera le stelle luccicheranno di luce propria..........

stasera il temporale farà festa in cielo.............

stasera...............

 

una tempesta di saette disegnano immagini da fiaba............

nuvole duellanti rullano i tamburi più potenti..............

il vento mi abbraccia con la sua passione..............

stasera.............

 

mi lascio andare leggera............ stasera non avrò paura...........

 
 
 

Amando..........

Post n°19 pubblicato il 20 Aprile 2009 da algheazzurre.s
 

Come è dolce lasciarsi trasportare dalle note di una melodia............

non posso chiudere gli occhi........... non vedrei i tuoi...........

non posso parlare.......... non ascolterei............

 

questa dolcissima melodia mi fà pensare alle tue carezze sfiorate..........

ai tuoi teneri baci..........

ai tuoi occhi innamorati............

ascolto e sento..........

il soffio del vento.........

 

ascolto e guardo.........

un cielo stellato............

 

ascolto in silenzio .........

vuota è la mia mente.............

ci sei soltanto tu........

mio cuore innamorato..............

 

 
 
 

Il mio primo volo II

Post n°18 pubblicato il 17 Aprile 2009 da algheazzurre.s
 

 

ancora incantata e a bocca aperta, guardavo tutto, e come se per un'incantesimo tutto potesse svanire, imprimevo nell'anima tutte quelle immagini e colori che i miei occhi trasmettevano al cuore, le sentivo entrare leggere dentro la pelle, scorrere nelle vene, fino a fondersi con il sangue che seguiva il suo percorso............ tutto meraviglioso, un mondo delle favole.........  una tempesta di emozioni e sentimenti.......... gioia, allegria, tenerezza, malinconia, amore............. era bello dissetarsi con quel dolcissimo coctail...............  

 

l'aereo continuava il suo volo.............. sembrava immobile nell'aria eppure si muoveva.......... strano come le distanze non avessero dimensione lassù............ 

un grido di gioia............

"guarda! Si vede la Sardegna!" 

finiva il mare e cominciavano i contorni della terra............ quella meravigliosa terra di Sardegna che non avevo mai avuto la possibilità di vedere................

eppure da lassù la terra era terra, le case erano case, i monti erano monti, i fiumi erano fiumi..............

era grande l'importanza delle persone che ci vivevano............ loro erano le artefici di un popolo e di una cultura diversa.............  

sempre con l'entusiasmo di un bambino e con l'esuberanza della gioia, obbligai mio marito (ormai rassegnato) a guardare finalmente fuori dal finestrino...........

"non ti puoi perdere anche questo! Guarda che stupendi paesaggi che ci sono!" 

si curvò su di me fin quando i suoi occhi non furono "fuori"............ adesso anche lui era a bocca aperta............. 

stavamo arrivando all'aereoporto di Cagliari, almeno così ci disse il "dlin-dlon", ma stavamo lasciando la terra e ricominciava l'immenso azzurro del mare............ 

"oddio! Vuoi vedere che ho decantato fino adesso la Sardegna e invece stavamo sorvolando la Corsica?" 

"ma cosa dici? La Corsica è in Francia!" 

"no! La Corsica è francese, ma non è in Francia!" 

"chissà chi mi ha sentito decantare la Sardegna come ha riso fino ad ora!"  

In quel momento mi sentii un pò "TOTO'", e mi immaginai con una valigia di cartone legata con lo spago.......... che ignorante che ero! 

Ma ecco! L'aereo stava virando formando un cerchio nel cielo, tornavamo indietro.......... un sospiro di sollievo............ non avevo sbagliato terra  

Stavamo atterrando, le case e i fiumi si facevano più grandi e più vicini............ ecco la pista, sentivo i piedi che ormai toccavano il suolo, ed ero un pò dispiaciuta per questo, mi piaceva stare lassù................

un sobbalzo! Le ruote avevano aderito al terreno, eravamo arrivati!

 

Ancora seduta nell'aereo ormai fermo, aspettavo di vedere accostare la scaletta, così come era stato all'aereoporto di Firenze............... 

"Susanna! Dai che dobbiamo scendere!"  

"non vorrai mica che salti! Vedi che ancora non c'è la scaletta!"  

invece della scaletta, dalla parte opposta a dove ero seduta, era stato fatto aderire al portellone, un gigantesco corridoio.............. così............ con un pò di nostalgia, mi incamminai verso l'uscita...............

 Eccomi arrivata!

Il grande androne dell'aereoporto di Cagliari, ancora non avevo ritirato i bagagli............ mi atteggiavo come un "viveur", e sicura mi diressi verso il rullo trasportatore dove avrei potuto ritirare la mia valigia.................

A Firenze mi avevano dato uno scontrino con il numero del mio bagaglio, e adesso mi trovavo lì, in piedi davanti al rullo trasportatore, con quel numero attaccato saldamente ad un dito...........  

Cavolo che "viveur" si saranno detti coloro che mi guardavano  

Non ci fu necessità di controllare il numero........ ecco la mia valigia, l'avevo riconosciuta, ma ormai.......... visto che c'ero........... controllai ugualmente  

Ci dirigemmo all'uscita............. che emozione, scoppiai a piangere, c'erano i miei due nipoti e mio cognato............ quattro anni erano stati lunghi, contatti solo per telefono.......... gli volevo bene, di questo ero certa............. fra singhiozzi e sorrisi......... li abbracciai forte forte, un come stai appena accennato........... e tanti baci  

Il parcheggio era immenso, la macchina nuova di mio cognato, la prima sigaretta dopo ore, e il cuore che batteva come un tamburo a festa............. quella lunga strada mi avrebbe portata nella loro abitazione.................. 

mi meravigliai di quanto si somigliano i posti delle città............ c'era un bellissimo sole............. 

io! Che credevo che la Sardegna fosse un posto retrogrado rispetto alla Toscana, che stupida credenza.........

forse era solo data dalle immagini che avevo visto in televisione, di pastori sardi vestiti con costumi, di montagne brulle per pascoli.............. caspita erano civilissimi  

anzi direi molto più civili di noi toscani, almeno da quello che potei oservare dell'ambiente circostante.............. ero estasiata da tanta bellezza, poco a poco prendevo coscienza di essere in Sardegna.......... finalmente in SardegnaSì! Ero in Sardegna!  

Adesso riuscivo a notare qualche differenza............ la vegetazione era meno fitta, però mi sembrava molto più forte e resistente, bellissime piante rigogliose, cactus giganteschi pieni di buonissimi fichi d'india ancora acerbi............. 

Ecco la cittadina dove avrei abitato per ben tre lunghi giorni............ quanto movimento, sembrava che ci fosse una festa, e invece era un giorno qualunque............. 

Mia cognata ci stava aspettando, che bello rivedere anche lei............ e giù altri pianti di commozione..............

Svuotai la valigia con le poche cose che avevo portato, ma la commozione non era terminata........... con stupore vidi che ci avevano sistemato nella loro camera matrimoniale............

un pò mi dispiacque di questo, perchè non avrei voluto scombinare la loro regolare vita............... ma ne fui anche molto onorata perchè compresi quanto fosse stata gradita la mia visita....................

 
 
 

Il mio primo volo I

Post n°17 pubblicato il 17 Aprile 2009 da algheazzurre.s
 

 

 ero pronta per la partenza, mi sentivo eccitata ed entusiasta di volare......... il mio primo volo!
Tanto era la mia gioia, quanta era la paura di mio marito, che continuava ad emettere suoni indecifrati e sorrisi idioti per mascherare la sua paura, ed io ridevo e lo canzonavo........


"ma ci pensi che botto se cadiamo?"

 

"smettila dai! come fai a non aver paura?"

 

"paura? E di cosa? Se è destino moriremmo anche chiusi in casa!"

 

Adesso ero io più forte di lui.

 

Eccoci nell'entrata dell'areoporto, io avevo già in mano i biglietti con le prenotazioni, il collega di mio marito ci aveva accompagnati e mi stava spiegando che sarei dovuta andare al cek-in (non sò come si scrive) per validare i biglietti e lasciare i bagagli....

avevo le guance che prendevano fuoco, il cuore che batteva forte, un'allegria spropositata....

"Signorina vorrei i posti vicino al finestrino, è il mio primo volo e voglio vedere tutto"

Con un sorriso, l'hostess mi accontentò, la prima "erba voglio" era stata esaudita.

Avevo una sola paura......... di far suonare il metal detector di controllo ai passeggeri perchè nell'intervento

che avevo avuto alle gambe, i chirurghi mi avevano applicato dei "bulloni" alla tibia........
osservai gli altri passeggeri e agii di conseguenza........

misi la borsa, la macchina fotografica, e il giubbotto, nella cesta che sarebbe passata su di un nastro  

trasportatore, tirai un sospirone e passai anch'io sotto le "colonne d'ercole".......


WOW! Non aveva suonato, ero immune!
 

Ma quando ci chiamavano! Possibile che anche in quel grande spazio che offre il cielo ci sia  tanto traffico da provocare un ritardo dell'aeromobile? 

OOOOOOH! Finalmente! Tutti sul pulmann, mancava poco ormai! 

L'emozione non mi lasciava, ma aumentava di minuto in minuto.............

salii quelle scale della scaletta che portavano all'interno dell'aereo, con il fiato sospeso............

ne vedevo uno da vicinissimo............. osservavo tutto, le tante lucine accese, i tanti sportelli e le lunghe file di poltrone distribuite lungo il corridoio tre a tre..........

sempre con biglietti alla mano, cercai i miei posti, il mio era quello vicino al finestrino come avevo voluto, intanto mio marito continuava a farsela sotto dalla paura, ed io continuavo a dirgli........ 

"Bello! Ma guarda come è bello! Sono felice!"

i suoi grugniti accompagnavano le mie risate..........

mi ero seduta al mio posto, già armeggiavo con le cinture di sicurezza per vedere come funzionavano, mi voltavo indietro per vedere i volti degli altri passeggeri, che devo dire, sembravano molto disinvolti........

l'ala dell'aereo si ergeva fiera dinanzi ai miei occhi, luccicava sotto i raggi del sole............ ed ecco il "dlin-dlon" e una voce che annunciava il benveti a bordo..............  sempre la stessa voce con l'aiuto della mimica delle tre hostess dell'equipaggio, e per togliere ogni dubbio ai paurosi, diceva questo:

 

"in caso di emergenza si apriranno gli sportellini che si trovano sul tetto di ogni poltrona, caleranno delle mascherine, dovrete solo appoggiarle ai vostri volti........

le uscite di emergenza sono due in fondo, due davanti e due laterali, prima di lasciare l'aereo, dovrete indossare quei giubbotti gonfiabili, che si trovano sotto ogni poltrona, dovrete fermali intorno alla vita, e tirare le due leve che trovate davanti ad esse, si gonfieranno all'istante, si possono anche gonfiare a fiato tramite due beccucci che si trovano all'interno, se inoltre, l'evaquazione avverrà dal finestrino dell'aereo, si consiglia di gonfiarli soltanto quando sarete all'esterno, il comandante vi ringrazia per l'attenzione e vi augura buon viaggio"

 

Non vi dico le mie risate e le palpate di palle che si dava mio marito

 

Accensione dei motori, un bellissimo ronzio............ l'aereo si stava dirigendo verso la pista per il decollo........... che belloooooooooooo, avevo già fotografato l'ala e il resto dell'aereoporto che si vedeva dal finestrino, ero sempre più eccitata e più felice, stavo facendo la cronaca di tutto quello che riuscivo a vedere con esclamazioni di meraviglia a mio marito, che per smorzare la tensione si era messo a leggere il giornale, con un piccolo problema però.......... gli occhiali che portava erano quelli da lontano, ed io sotto i baffi me la ridevo...........

 

l'aereo aveva raggiunto l'estremità della pista e si stava girando per prendere la rincorsa............

 

"attento eh? adesso accellera, lo senti il motore che potenza?"

 

nessuna risposta............

 

bellooooooooooooo! senti che forza! eccoloooooooooooo! e vai!!!!!!!!!!!!! ci siamo alzati, non tocchiamo più terraaaaaaaaaaa! WOWWWWWWWWWWW!

(che stronza)

guarda come si fanno piccine le case, ecco stà virando, guarda come si solleva l'ala, siamo piegati su una parte, che bello!!!!!!!!!!!

 

nessuna risposta.............

non riuscivo a stare ferma sulla poltrona, quasi ci fossero spilli che mi bucavano il sedere........... continuavo ad emettere esclamazioni di meraviglia, convinta che il rumore del motore dell'aereo, le nascondesse agli altri passeggeri........... però mi venne un dubbio ............ mi voltai e vidi facce sorridenti che mi stavano guardando  che figura...........

 

dopo il primo imbarazzo, e il primo mio silenzio mi dissi............. ma chi se ne frega, e proseguii come avevo iniziato................

 

guardavo in basso, sembrava di guardare una cartina geografica, strade, fiumi, case, montagne, era bellissimo.............. poi ecco la sorpresa........... banchi di zucchero filato, montagne di morbida ovatta, cumuli di panna montata........... le nuvole risplendevano sotto i raggi del sole, formando sembianze sempre diverse.............

greggi di pecorelle al pascolo............ elefanti imbizzarriti............. era tutto così meraviglioso, tutto un'altro mondo.............

 

solo a quella vista mi sorpresi a restare zitta, ma a bocca aperta........... (cavolo Susanna! Ma hai 48 anni! Contegno ci vuole), inutili consigli che stavo dando a me stessa...................

 

il cielo era di un'azzurro intenso e luminoso, come non avevo mai visto.................

 

considerazioni stupide formulate dai pensieri.............. nuvole......... essenze di aria ed acqua, prive di materia solida, facevano da filtro ai raggi del sole, che ci rimbalzavano sopra come tanti bambini che saltano su di un materasso a molle..............

era tutto meravigliosamente fantastico...................

 

mi sentivo libera, mi sentivo padrona, mi sentivo bambina, mi sentivo spirito privo di corpo..............

 
 
 

L'altro amore - ultimo

Post n°16 pubblicato il 16 Aprile 2009 da algheazzurre.s
 

Ci sono stati giorni in cui mi son sentita così triste e malinconica, che ho avuto la necessità di scrivergli, ma....... senza mai inviargli niente, l'ho fatto solo per me stessa, forse per dare un po' di pace ai pensieri e al cuore..........  ho scritto in momenti diversi,  qui li ho radunati insieme  alternando i colori....... ogni pezzo è un giorno particolare....... ormai è passato più di un anno da quando "l'altro amore" vive solo nei ricordi, e quando penso a lui riesco a pensarlo solo con amore....... "per sempre"

Nostalgia.......... e mi chiedo cosa stai facendo, se ogni tanto mi pensi.............

 

mi chiedo come sei quando fai l'amore con Lei, se la guardi con tenerezza, se le dici "ciao amore" e poi le carezzi il viso......... se le tue mani scorrono sul suo corpo con la bramosia dello stesso desiderio d'amore...........

 

"ti fai sempre troppe domande" mi dicesti........... è vero! Mi pongo sempre troppe domande, e sempre devo trovare da sola una risposta............

 

il mio alveare ronza troppo e troppo forte........... e continuo a pensare ai nostri meravigliosi infiniti attimi, a quelli che non ho più vissuto, e ricordo le parole che ti dissi.......... "se anche durasse un battito d'ali di farfalla questo amore, mi ritengo fortunata di averlo potuto vivere".............

 

e adesso mi chiedo se quando ami Lei, pensi qualche volta a noi..............

 

e adesso mi chiedo se crei ancora quell'atmosfera romantica, che sapeva inebriarmi i pensieri, far vibrare la pelle, accendere i desideri.............

 

e adesso mi chiedo se mai potrò vivere ancora e non sopravvivere come adesso..........

 

L'amore muove il mondo, l'amore è vita, l'amore è forza e coraggio............

 

e adesso mi chiedo........... se avrò ancora forza e coraggio..........

(il pezzo successivo lo scrissi dopo una sua telefonata....... l'ultima)

E' stato inutile sfuggire ad un'amore............

 

fà male dentro, fà molto male...........

 

l'avevo ritrovato e di nuovo l'ho sfuggito, paura............ paura di raggiungere quella porta che si spalancava su un'altro mondo, era troppo bello quello che vedevo...........

 

paura di oltrepassarla e di non aver più il coraggio di tornare indietro............

 

così radicata alle mie responsabilità...............

così abituata a non ascoltare quello che l'altra me, mi chiede...............

 

ingnoro la "sua" voce, rendo sorde le "sue" grida.................

fantasma di donna che mi tende le braccia chiedendomi aiuto............

 

non posso ascoltare quella donna adesso, come non l'ho ascoltata fino ad oggi...........

"lei" continua a gridarmi di salvarla, continua a tendermi le "sue" mani perchè io le afferri.............

 

ma la guardo con tristezza, con aria di scuse e continuo a dirLe................

 

"aspetta ancora un pò".................

 

forse stò aspettando solo che smetta di gridare.................

 

 

.......... lo sapevo, sì! Lo sapevo che avrei sofferto e che il tempo non sarebbe stato un buon dottore.........

ritornano alla mente quegli attimi vissuti con te........ sembrano così lontani, sembrano soltanto sogni........ eppure li ho vissuti, li abbiamo vissuti insieme..........

sapevamo ridere, sapevamo ascoltare, sapevamo parlare, sapevamo amare..........

non ti ho amato invano, non mi hai amato invano..........

mi sento molto ricca adesso, mi sento un'altra donna......... dall'istante esatto che sei entrato nella mia vita........

I nostri "per sempre" ........ non erano bugiardi, perchè quel "per sempre"  lo vivo ancora oggi, nei gesti di tutti i giorni, nel mio carattere, nel mio sentirmi più sicura, nel mio aver preso coscienza della donna che è in me........

Gli "altri amori", sono come arcobaleni che ridipingono il cielo, e come arcobaleni sfumano sotto i raggi del sole,  come arcobaleni..... sono rari ma ritornano.......

Non è giusto piangere nè rimpiangere, il giusto è solo......... il mio "Grazie Amore!"

Per sempre.

 
 
 
Successivi »
 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

black_n_whitegastone55_4solodentrodglcuore.andreaFalco_Nero0STREGAPORFIDIAwoland59scrittocolpevoleIo_piccolo_infinitostrong_passionvitto4.vprincipessinaannasilviocaleAnnarita1963
 

parole e musica............

aprono la mente ad immagini

colme di colori e di emozioni............

 

niente scivola sulla pelle abbandonando

il tutto ad una scìa umida.............

 

anche i silenzi entrano dentro graffiando

con artigli nella profondità dell'anima...........

 

parole e musica allèviano quei graffi,

come unguento profumato..............

 

parole e musica colorano

l'arcobaleno del tuo giorno...........

 

 

TAG

 

ULTIMI COMMENTI

io credo molto nell'amore, credo che sia il nostro...
Inviato da: isola_del_tonal
il 21/03/2011 alle 15:01
 
ciao algheazzurre ,buon Natale a te
Inviato da: ladro_di_stelle_dgl
il 25/12/2009 alle 14:57
 
Ciao come stai?...buon pomeriggio^_^
Inviato da: Io_piccolo_infinito
il 09/06/2009 alle 16:08
 
Succede.
Inviato da: marco.1968_m
il 29/05/2009 alle 23:31
 
Un moto di mare supera i confini sfiorando solo infiniti!...
Inviato da: virgola_df
il 29/05/2009 alle 20:56
 
 

FACEBOOK

 
 

PASSI LEGGERI

High Heels Photo

sono passi leggeri,

quelli he ogni giorno senti dietro ai tuoi,

come ombra ti seguiranno,

non te ne accorgerai,

quando la sera scenderà,

l'obra nel buio svanirà,

solo un rumore di passi leggeri.....

ancora ti seguirà

 

AREA PERSONALE

 

TRAMONTO

Tramonto sulla spiaggia Stampe di Michael Busselle

Non c'è niente di più bello

di un tramonto

sulle note di una

meravigliosa notte

la calma della sera

che si appresta

a raccogliere i sogni

i colori del fuoco

che si sta spengendo

carboni ardenti

fra cielo e mare

tutto tace

in riverente attesa

di due labbra calda

di due braccia forti

di sussurri e carezze

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3