Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

 

« La risata de la DuchessaStoria nostra 136-140 »

La duttrinella 61-65

Post n°2425 pubblicato il 02 Gennaio 2016 da valerio.sampieri
 

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877

Maestro. - Dichiarate il settimo.
Discepolo. - Il settimo comanda, che niuno pigli la roba d'altri occultamente, che si chiama furto, nè palesamente che si chiama rapina: nè faccia fraude in vendere o comprare, e simili contratti; e finalmente non danneggi il prossimo nella roba.

LXI.

D. G. Sarebbe cosa de datte un cacchiotto
Da fatte diventà la faccia nera.
Annamo, passa a cquer ch' è scritto sotto,
E ffiniscim' a ddì 'sta tiritera.

Peppe. Dice che bbisogn' esse un galeotto
P' arubbà ssia de ggiorno, sia de sera,
E ppoi se curre er rischiò che dde bbotto
Te pijino e tte schiaffin' in galera.
 
E 'r peggio poi de tutti li malanni
E' cche pprima de fatte ariuscì ffora
So' ccapàci a ppassà li mesi e ll' anni.
 
Che vva' bbe' cche llì ddrento nun ce piove,
Ce se sta 'n compagnia, nun se lavora,
Ma ppo' so' ssempre le carcere-nove!

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 67



Maestro. - . Dichiarate l'ottavo.
Discepolo. - Nell'ottavo si proibisce il falso testimonio, il mormorare, detrarre, adulare, le bugie ed ogni altro danno che si fa al prossimo colla lingua.

LXII.

D. G. Vedete, queste cqua sso' ccose lisce,
Ma stat' attenti un po', m'ariccommanno,
Che cquarchevvorta se scivola quanno
Uno nun se lo crede.
Peppe. Eh, sse capisce!

D. G. Be', ddì l' ottavo.
Peppe. Quì se provibbisce
Er dì bbucìa, er mormorà cche ffanno,
Er farzo tistimonio, e ogni artro danno
Che sse fa cco la lingua... e ppo' finisce.

D. G. E nun c'è artro?
Peppe. Ah, ssì, cc'è st'adulare...
Ma cquesto che ssignifica? che io
Nu lo capisco.
D.G. Eh, cquesto cqui è n' affare

Che nu lo so mmanch' io ssi ssia peccato;
Anzi si tt'ò da dì er pensiero mio,
Qui er Belarmino dev' avè sbajato.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 68



Maestro. - Dichiarate li due ultimi.
Discepolo. - Comanda Dio negli ultimi due precetti, che niuno desideri la donna o roba d'altri; perchè Esso, che vede i cuori, ci vuole santi e mondi, non solo nell' esteriore, ma anche nell'interiore, acciocchnè noi siamo intieramente e veramente giusti.

LXIII.

D. G. Ma nun importa, lassa sta parola
E ddimm' un po' ll' urtimi du' precetti.
Peppe. Qui ddice Ddio che nun te facci gola
La donna d'artri, e cche nnun te ce metti

A ffà nnemmanco un peccato de sòla.
E ddice poi che bbe' cche ppoveretti
S'à da porta ccamicia, camiciola
E ccarzoni che ccaschin' a pezzetti,

Ma nun s' à dd' avè mmai la tentazzione
De potesse pijà la robba bbella
Che cciànno l'artri, e ddice in concrusione

Che nun abbasta de lavasse er viso,
Ma ss'à dd' avè ppulite le bbudella
P'annà, cche Dio ne scampi, in paradiso.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 69



Maestro. - Aggiungete ai Comandamenti di Dio quei pochi che ha aggiunti la Santa Chiesa.

LXIV.

D. G. Sai che tte dico? che cqnanno tu wòi
Curri che ppari un cavallo scappato,
Ner mentre viceversa a un de noi
Je po' ssuccede a rrestà impappinato.

Bravo! ma bbravo Peppe! Adesso poi
Sapete che la Cchiesa cià aggiontato
Un ber tòcco de sei, e un de voi
Potrebbe... piano, nu me so' sbajato?

M' è pparso a mme dd' ave 'nteso er cannone,
E Ccaterina e io, quann' è cquest' ora
Semo ssuefatti a mmagnà cquer boccone.

Dunque per oggi ognuno a ccasa sua...
Peppe. E cquanno...?
D. G. Ggiuveddì, bbell' abbonora;
E Ddio ve bbenedica a tutteddua!

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 70



1. Udir la messa tutte le Domeniche ed altre feste comandate.

LXV.

D. G. Bon giorno. E Ppippo?
Peppe. E' 'n fijo bbenedetto!
E oggi nu j' annava la duttrina.
D. Q. Be', pprincipiamo.
Peppe. I' 'sto primo precetto

Ce dice che la festa de matina
Se sente messa.
D.G. Ettu?
Peppe. Zompo dal letto
E ccurro drento a Ssanta Caterina
Che mme sta ssotto, ... e mmagara un pochetto
S'abbi da cammina, bbe' sse cammina

Finchnè sse trova. - Solo che mme pare
Ch'er mejo è dd'entrà'n chiesa quann'er prete
E' ggià un ber pezzo che sta su l' artare,

Perchè la messa a mme mm' ànn' insegnato
Ch' è ssempre bbona finchnè nun vedete
Ch'er vangelo nu ll' anno arivortato.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 71

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Chevalier54_Zforco1gnaccolinocamaciotizianarodelia.marinoamorino11Talarico.Francoantonio.caccavalepetula1960frank67lemiefoto0giorgio.ragazzinilele.lele2008sergintprefazione09
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963