Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

 

« P’er zor dottore...La tartaruga lemme-lemme »

La duttrinella 81-85

Post n°2475 pubblicato il 14 Gennaio 2016 da valerio.sampieri
 

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877

Maestro. - La Fede dunque come appartiene a Dio?
Discepolo. - Perchè fa, che noi crediamo tutto quello, che Dio ha rivelato alla santa Chiesa.

LXXXI.

D. G. Fin quì vva bbe'; llasseme mett' a ssede
Che oggi in piedi nun ce posso stà.
Tu sta' attento e arisponni, come va
Ch' è rrobba sua de Ddio puro la fede?

Peppe. Perchè la fede fa cche ss' à da crede
Nun solo quer che sse po' vvede, ma
Puro l'artro, c'à ddì la verità,
Nun ciàriesce mai de potè vvede.

D. G. E ttu cce ll'ài 'sta fede?
Peppe. Eh! ttanto quanto....
D. G. Ma ssi è ppoca nun basta pe ssarvasse.
Peppe. Voi dite bbe', mma nun so' mmic' un santo,

E cquanno c' arifretto....
D. G. E cche? nun sai
Si cquer che ss' à da fa ppe nu sbajasse?
Quer che ffo io: nun arifrette mai.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 87



Maestro. - La Speranza perchè appartiene a Dio?
Discepolo. - Perchè fa, che noi mettiamo la nostra fiducia in Dio, e da lui speriamo la vita eterna mediante la grazia del medesimo Dio, ed i nostri meriti, i quali pur nascono dalla grazia sua.
Maestro. - La Carità perchè appartiene a Dio?
Discepolo. - Perchè fa, che noi amiamo Dio sopra ogni cosa, ed il prossimo come noi medesimi per amor di Dio.

LXXXII.

D. G. Accostet' un po' ppiù, ce' a 'sta distanza
Nu mm' ariesce de sentitte, e ttu
Sbrighete sai, ch' er tempo che cciàvanza
Ciàbbasta appena a ffinì 'ste virtù.

Che cc' è ddoppo la fede?
Peppe. La speranza.
D. G. E cche sse spera?
Peppe. A ppotè annà llassù.
D. G. E ppe ffà cche?
Peppe. Pe grattasse la panza.
D.G. E ddoppo poi?
Peppe. Nu mm' aricordo ppiù.

Ma ttutt' er bono sta in quer che vv' ò ddetto.
D. G. E ddi', la carità ppuro è dde Ddio?
Peppe. Ggià, pperchè ss'àdd'amà Ddio bbenedetto,

E ppo' er prossimo tuo come te stesso:
Cusì cc' è scrìtto...
D. G. Embe'?
Peppe. Mma ddico io,
'Na vorta si, mma s' usa pur' adesso?

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 88



Maestro. - Quali sono le virtù Cardinali?
Discepolo. - Prudenza, Giustizia, Temperanza e Fortezza.
Maestro. - Perchè si chiamano Cardinali?
Discepolo. - Perchè sono principali, e come fontane delle buone operazioni.

LXXXIII.

D. G. Sentime, Peppe, io fo ll' obbrigo mio,
Che ccià ll' obbrighi sui pur' er curato,
Ma nu mme fa spregà 'sto po' de fiato;
Si nun ce credi a cquer che ddico io,

Vatten' in pace... e ddicemose addio....
Quanno ch' er fiato vedo ch' è bbuttato..
Ma bbasta, mo' cc' avemo principiato
Finimo, e attento pe l' amor de Ddio.

Di', cquali so' le virtù ccardinali?
Peppe. So' pprudenza, ggiustizzia, temperanza
E ffortezza.
D. G. E pperchè sso' pprincipali?

Peppe. Perchè ttutte le bbon' operazzione
J'escheno, dice, fori de la panza
Come l'acqua vie ggiù ddar funtanone.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 89



Maestro. - Dichiarate l'ufficio di queste virtù.
Discepolo. - La Prudenza ci fa considerati e cauti in
ogni cosa, acciocchnè non siamo ingannati, nnè inganniamo gli
altri.
La Giustizia fa che noi rendiamo ad altri quello ch 'è suo.

LXXXIV.

Peppe. Ve va bbe' ccom' ò ddetto?
D. 0: Nun c' è mmale:
Seguita.
Peppe. Mo', ssi rame date licenza
U' mmomento, c' a ddilla talecquale
Vado pe strada, e ppo' aritorno...
D. G. Eh, ssenza

Che scegni ggiù, vva' ppuro pe le scale
Che ttrovi tutto.
Peppe. Abbiatece pacenza. -
D. a. Hai fatto?
Peppe. Si.
D. G. Mmanco ciàvessi l'ale
Come se' sverto! E ddimme, 'sta prudenza

Che ffa?
Peppe. Ddice che ll'omo un po' educato
Nun à dda cojonà, mma ddice appresso
Che nun dev' esse manco cojonato.

D. G. E la ggiustizzia?
Peppe. Fa cche i' mmano tua
Ce stia la robba tua; l'artri lo stesso:
C' ognuno dev' ave la robba sua.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 90



Discepolo. - La Temperanza fa che noi mettiamo freno ai desiderii disordinati.
La Fortezza fa che noi non temiamo alcun pericolo, neppur l'istessa morte, in servizio di Dio.

LXXXV.

D. G. Mo' vvie' la temperanza.
Peppe. Eh, cquesta cqua
Dice ch' è bbona a mmettece ggiudizzio,
E ssi ppuro ciàvemo quarche vvizzio
Un po' cattivo, ce lo fa ppassà.

D.G. E la fortezza?
Peppe. Eh, ssi cc' è llei nun s' à
Ppaura de cascà in un pricipizzio
Magar' a nun potecce ariarzà,
P' amor de Ddio e ppe ffaje un servizzio.

D. G. E mmagar' a mmorì, Ppeppetto mio!
Che la morte divent' un giocarello
Quanno se more per amor de Ddio.

Capischi fijo?
Peppe. Si, cquesto va bbe':
Pe llui puro er crepà ddiventa bbello,...
Ma ppiù ttardi se crepa e mmejo è.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 91

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Chevalier54_Zforco1gnaccolinocamaciotizianarodelia.marinoamorino11Talarico.Francoantonio.caccavalepetula1960frank67lemiefoto0giorgio.ragazzinilele.lele2008sergintprefazione09
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963