Creato da giramondo595 il 14/11/2008

CHIACCHERE FRA AMICI

DI TUTTO UN PO'

 

 

L' occasione fa la persona ladra

Post n°944 pubblicato il 08 Novembre 2015 da giramondo595

Leggete questa disavventura, che giunge dall' australia...ma tutto il mondo è paese, perciò potrebbe essere accaduta dappertutto ed as chiunque.

e traete le vostre conclusioni Vince alle corse, tradita da un selfie; a riscuotere è un "amico" di Facebook
Dalla giovane australiana una lezione preziosa: non postare foto del biglietto vincente sui social...


Chantelle è stata abbastanza fortunata da puntare sul cavallo vincente, ma non sui giusti amici sui social network. Questa bella australiano è andata con gli amici alla sua prima corsa a Perth e ha puntato, quasi per gioco, venti dollari su un cavallo dato per sfavorito. Con sua grande sorpresa, è riuscita invece a vincere ben 825 dollari. Ebbra di felicità si è fatta un selfie per condividere l'attimo vincente con i social network Peccato che fidarsi è bene, non fidarsi è meglio: qualcuno ha riscosso la vincita usando la matrice da lei postata su Facebook.
Il colpevole? Un amico social. La giovane australiana, infatti, è stata così sbadata da includere il ticket fortunato con tanto di codice a barre nella foto condivisa e un suo "amico" l'ha battuta sul tempo. Veloce la sua reazione: insulti senza mezzi termini al farabutto che l'ha privata dei soldi. "Mi hai rovinato la giornata" ha scritto.

La polizia si è detta speranzosa di scovare il colpevole. Ora alla giovane Chantelle non resta altro che rivedere le proprie amicizie virtuali.

 
 
 

sanitÓ che sa far rima anche con umanitÓ

Post n°943 pubblicato il 23 Ottobre 2015 da giramondo595

Bimba piange in sala operatoria, chirurgo la consola

 

 

 

Un cardiochirurgo cinese di un ospedale nello Zhejiang consola la piccola paziente di soli due anni, che piange disperata, prima dell'operazione al cuore, prendendola in braccio e mostrandole alcuni cartoon sullo smartphone.

 

 
 
 

A inventare i numeri

Post n°942 pubblicato il 01 Ottobre 2015 da giramondo595

A inventare i numeri (Gianni Rodari)
Tratto da "Favole al telefono" - Edizione Einaudi.

Tutte le sere un viaggiatore di commercio telefonava a sua figlia e le raccontava una storia...
"Inventiamo dei numeri?"
"Inventiamoli, comincio io. Quasi uno, quasi due, quasi tre, quasi quattro, quasi cinque, quasi sei".
"E' troppo poco. Senti questi: uno stramilione di biliardoni, un ottone di millantoni, un meravigliardo e un meraviglione".
"Io allora inventerò una tabellina:
- tre per uno Trento e Belluno
- tre per due bistecca di bue
- tre per tre latte e caffè
- tre per quattro cioccolato
- tre per cinque malelingue
- tre per sei patrizi e plebei
- tre per sette torta a fette
- tre per otto piselli e risotto
- tre per nove scarpe nuove
- tre per dieci pasta e ceci.
"Quanto costa questa pasta?"
"Due tirate d'orecchi".
"Quanto c'è da qui a Milano?"
"Mille chilometri nuovi, un chilometro usato e sette cioccolatini".
"Quanto pesa una lagrima?"
"Secondo: la lagrima di un bambino capriccioso pesa meno del vento, quella di un bambino affamato pesa più di tutta la terra".
"Quanto è lunga questa favola?"
"Troppo".
"Allora inventiamo in fretta altri numeri per finire. Li dico io, alla maniera di Modena: unci dunci trinci, quara quarinci, miri miminci, un fan dès".
"E io li dico alla maniera di Roma: unzi donzi tenzi, quale qualinzi, mele melinzi, riffe raffe e dieci".

 

 
 
 

Meravigliose poesie del Principe De Curtis

Post n°941 pubblicato il 17 Settembre 2015 da giramondo595

La donna
Chi l'ha criata è stato nu grand'ommo,
nun 'o vvoglio sapè, chi è stato è stato;
è stato 'o Pateterno? E quanno, e comme?
Ch'avite ditto? '0 fatto d' 'a custata?
Ma 'a femmena è na cosa troppo bella,
nun 'a puteva fà cu 'a custatella!
Per carità, non dite fesserie!
Mo v' 'o ddich'io comm' è stata criata:
è stato nu lavoro 'e fantasia,
è stata na magnifica truvata,
e su questo non faccio discussione;
chi l'ha criata è gghiuto int' 'o pallone!

 

'A vita è ingiusta...
'A vita è ingiusta pecchè è fatta a scale.
Ognuno sta piazzato a nu scalino,
ma sti scalini nun sò tutte eguale:
sò state predisposte da 'o destino
ch'ha regolato chesta umanità.

 

 

Il cimitero della civiltà
Aiere ha fatto n'anno - 'o diece 'e maggio,
na matenata calda e chiena 'e sole -,
penzaie 'ncapo a me: "Cu che curaggio
io stamattina vaco a faticà!".
Facenno 'o paro e sparo mme susette:
"Mo mme ne vaco 'a parte 'e copp' 'o Campo".
Int'a ddiece minute mme vestette
cu 'e mucassine e cu 'o vestito blu.
Nun facette sparà manco 'o cannone
ca già stevo assettato int' 'a cantina,
annanze a nu piatto 'e maccarune:
nu zito ch'affucava int 'o ragù.
C' 'a panza chiena, a passo... chianu chiano
mme ne trasette dint'a na campagna,
mmocca nu miezo sigaro tuscano,
ca m' 'o zucavo comme 'o biberò.
Tutto a nu tratto veco nu spiazzale
chino 'e ferraglie vecchie e arrugginite.
E ched' è, neh?... nu campo 'e residuate:
"il cimitero della civiltà".
Nu carro armato cu 'a lamiera rotta...
trattore viecchie... macchine scassate...
n' "Alfetta" senza 'e qquatte rote 'a sotto...
pareva 'o campusanto d' 'a Pietà!
Guardanno a uno a uno sti ruttame,
pare ca ognuno 'e lloro mme diceva:
"Guardate ccà cosa addiventiamo
quanno 'a vicchiaia subbentra a giuventù".
Mmiezo a sta pace, a stu silenzio 'e morte,
tutto a nu tratto sento nu bisbiglio...
appizzo 'e rrecchie e sento 'e di cchiù forte:
"Mia cara Giulietta, come va?".
Chi è ca sta parlanno cu Giulietta?
Nmiezo a stu campo nun ce sta nisciuno...
Tu vuo vedè che l'hanno cu ll' "Alfetta"?
Cheste so ccose 'e pazze! E chi sarrà?
Mme movo chianu chiano... indifferente,
piglio e mm'assetto 'ncopp' 'o carro armato...
quanno 'a sotto mme sento 'e di: "Accidente!...
E chisto mo chi è?... Che vularrà?".
Chi ha ditto sti pparole? Chi ha parlato?
I' faccio sta domanda e zompo all'erta...
"So io ch'aggio parlato: 'o carro armato...
Proprio addu me v'aviveve assettà?
A Napule nun se pò sta cuieto.
Aiere un brutto cane mascalzone
se ferma, addora... aiza 'a coscia 'e reto,
e po' mme fa pipi 'nfaccia 'o sciassi".
"Vi prego di accettare le mie scuse,
v' 'e ffaccio a nome anche del mio paese;
Ma voi siete tedesco o Made in Usa?
E come vi trovate in Italy?".
"Sono tedesco, venni da Berlino
per far la guerra contro l'Inghilterra;
ma poi - chiamalo caso oppur destino -
'e mmazzate ll'avette proprio ccà!".
"Ah, si... mo mme ricordo... le mazzate
ch'avisteve da noi napoletani...
E quanto furon... quattro le giornate,
si nun mme sbaglio: o qualche cosa 'e cchiù?".
"Furon quattro.Mazzate 'a tutte pizze:
prete, benzina, sputazzate 'nfacccia...
Aviveve vedè chilli scugnizze
che cosa se facettero afferrà!".
"Caro Signore, 'o nuosto è nu paisiello
ca tene - è overo - tanta tulleranza;
ma nun nce aimma scurdà ca Masaniello
apparteneva a chesta gente ccà.
E mo mm'ite 'a scusà ll'impertinenza,
primma aggio 'ntiso 'e dì: "Cara Giulietta".
Facitemmella chesta confidenza:
si nun mme sbaglio era st' "Alfetta" ccà?".
"Appunto, si,è qui da noi da un mese...
'A puverella è stata disgraziata,
è capitata 'nmano a un brutto arnese,
... Chisto nun ha saputo maie guidà.
Io mm' 'a pigliasse cu 'e rappresentante,
cu chilli llà che cacciano 'e ppatente;
chiunque 'e nuie, oggi, senza cuntante,
se piglia 'a macchinetta e se ne va".
"Di macchine in Italia c'è abbondanza...-
rispose sottovoce 'a puverella -
si no che ffa... po' nce grattammo 'a panza:
chillo ca vene ll'avimmo acchiappà".
"Giulietta, raccontate qui al signore
i vostri guai" - dicette 'o carro armato.
L' "Alfetta" rispunnette a malincuore:
"Se ci tenete, li racconterò.
Come sapete, sono milanese,
son figlia d'Alfa e di papà Romeo,
per fare me papà non badò a spese;
mi volle fare bella "come il fò".
Infatti, mi adagiarono in vetrina,
tutta agghindata... splendida... lucente!
Ero un' "Alfetta" ancora signorina:
facevo tanta gola in verità!
Un giorno si presenta un giovanotto
cu tanto nu paccotto 'e cambiale,
io, puverella!, avette fà 'o fagotto,
penzanno:Chi sa comme va a fernì!
Si rivelò cretino, senza gusto:
apparteneva 'a "gioventù bruciata".
Diceva a tutti quanti: "Io sono un fusto;
'e ffemmene cu mmico hanna cadè!".
Senza rispetto, senza nu cuntegno...
cambiava tutt' 'e giorne... signorina:
ci conduceva al solito convegno...
... alla periferia della città.
Chello ca cumbinava 'o giuvinotto?
Chi maie ve lo potrebbe raccontare:
io nn'aggio mantenute cannelotte
'e tutte specie, 'e tutte 'e qqualità:
la signorina di buona famiglia,
a vedova, 'a zetella, 'a mmaretata...
E quanno succedette 'o parapiglia,
stavamo proprio cu una 'e chesti ccà.
In una curva, questo gran cretino,
volle fare un sorpasso proibito,
di fronte a noi veniva un camioncino,
un cozzo, svenni, e mo mme trovo ccà".
"A nu fetente 'e chisto ce vulesse
nu paliatone, na scassata d'osse'...
Ma comme - dico i' po' - sò sempe 'e stesse
ca t'hanna cumbinà sti guaie ccà?".
"E che penzate 'e fà donna Giulietta?".
"E ch'aggia fà? - rispose 'a puverella-
So che domani viene una carretta,
mme pigliano e mme portano a squaglià".
"Giulietta... via, fatevi coraggio -
(dicette 'o carro armato). lo ero un "Tigre",
il popolo tremava al mio passaggio!...
Mannaggia 'a guerra e chi 'a vulette fà!
lo so cosa faranno del mio squaglio:
cupierche 'e cassarole, rubinette,
incudini, martelli, o qualche maglio,
e na duzzina 'e fierre pe stirà"
"lo vi capisco... sono dispiaciuto...
ma p' 'e metalli 'a morte nun esiste;
invece 'e n'ommo, quanno se n'è ghiuto,
manco na cafettera se pò ffà!".

 
 
 

Dal blog sottovento

Post n°940 pubblicato il 04 Settembre 2015 da giramondo595

La felicità
La felicità è il sorriso
del bambino soldato ché ha deposto le armi,
è addormentarsi sereno dopo una preghiera,
e l'arrivo della Primavera ,la pioggia che si riflette
nella luce di lampioni la sera.
E' la libertà in un mondo
di uomini liberi, in un mondo libero,
è pane per ogni fame,
acqua per ogni sete.
La felicità è speranza e non solo illusione
è un uomo che ritorna salvo dal lavoro
è giustizia senza padroni
è legge senza eccezioni.
E' quando un amico comprende
che sei triste
e ti consola, senza una parola.
La felicità è un vento leggero tra i capelli
di cui nemmeno ti accorgi,
è futuro ,è un bambino che ride nel sonno
è una piccola mano che contiene le sorti della vita
il peccato ed il perdono.
La felicità è conquista mai dono.
Maria Attanasio

 

 
 
 

Uno struggente grido d' aiuto

Post n°939 pubblicato il 20 Agosto 2015 da giramondo595

degli alberi. Non distruggeteci.


L' albero ti parla


Come un bambino nacqui,
e crebbi accanto mio padre
che mi fece da spalla
nel tempo triste e bello.
Ora sono grande,come altri in mezzo agli altri .
E guardo, quanto è bello il mondo,
resisto al caldo, al freddo, alla pioggia !
Nella piena gioventù, con scure in mano
Si avvicina un' uomo bruto che mi guarda.
Da su in giù con tanta rabbia.
Ad un tratto alza la scure
Il mio tronco comincia a tagliare,
che dolore che provai.
In fin di vita io restai.
Ora son qua steso per terra
Per sempre giaccio e dormo
Non fatelo mai più
Per amor del mondo.


D' Amore Francesco

 

 
 
 

Uno splendido gesto di umanitÓ

Post n°938 pubblicato il 16 Agosto 2015 da giramondo595

che viene da Cirella, un paesino vicino Diamante. in provincia di Cosenza. In Calabria Il paese dei murales.

un lido offre agli ambulanti immigrati il suo ombrellone per mezz'ora di sosta


"L'umanità non è morta e c'è chi pensa agli altri piuttosto che solo a se stesso. L'estate le nostre spiagge assolate pullulano di immigrati ambulanti che vendono ogni sorta di oggetti pur di raggranellare qualcosa. E' un lavoro pesante, camminare sulla spiaggia carichi di roba e sotto un sole cocente, che spesso fa vedere queste persone accasciarsi per le spiagge". Per questo Rinaldo Aramini proprietario del Lido Verde a Cirella dice che vedendo questa gente chiedere al suo chiosco un bicchiere d'acqua ha avuto l'idea per come poterli aiutare. "L'idea - dichiara Rinaldo- è molto semplice e l'anno prossimo la realizzerò meglio con una grande tenda munita di materassini e acqua. Per ora ho messo un ombrellone vicino alla riva del mare con una sedia con su una scritta in italiano ed arabo dove invito l'ambulante a fermarsi, riposarsi per mezz'ora e poi riprendere il suo lavoro". "Certo non è tanto - continua Aramini- ma certamente se lo facessero tutti i lidi per tutta questa gente sarebbe una cosa ottima, renderebbe il loro lavoro più tranquillizzante e soprattutto meno opprimente da affrontare sotto la calura estiva". Molti turisti e cittadini , che affollano il Lido verde hanno apprezzato l'idea ed invitato Rinaldo a continuare nella sua iniziativa. Spesso basta poco per rendere la vita degli altri più piacevole ben sapendo che niente basterà per ripagare la vita di queste persone bombardate a casa propria, cacciate dalla loro terra e costrette ad attraversare il mare per sperare in una vita migliore.

 

 
 
 

Prezioso consiglio della Polizia di Stato sulla truffa ai bancomat

Post n°937 pubblicato il 10 Agosto 2015 da giramondo595

col trucco della forchetta.

Su facebook, la polizia di Stato e la sua insuperabile agente Lisa, mettono in guardia ogni giorno noi cittadini ed utenti di internet.

https://www.facebook.com/AgenteLisa?ref=ts&fref=ts

Stavolta ci danno qualche suggerimento sui bancomat.

Attenzione quando ritirate denaro dal ‪#‎bancomat‬ o dagli uffici postali! I criminali utilizzano ancora il vecchio trucco della "forchetta".
Buongiorno dall'Agente Lisa!
Malgrado le sofisticate tecnologie utilizzate sul web da vari truffatori per derubare online le persone, proprio qualche giorno fa la polizia Postale di Roma ha arrestato due individui che mettevano a punto il vecchio metodo del "cash trapping".
Cos'è? Un modo per rubare le banconote erogate dallo sportello attraverso un manufatto metallico della lunghezza di circa 18 cm con due "denti" su un'estremità.
I due malfattori facevano così: posizionavano la "forchetta" nella bocchetta dell'erogatore bancomat , si allontanavano e aspettavano che uno sfortunato cliente effettuasse un prelievo di contante dallo sportello manomesso.
Al momento del prelievo, ecco l'amara sorpresa! Le banconote rimanevano bloccate e dopo 30 secondi dall'erogazione l'ATM chiudeva automaticamente lo sportello.
Il cliente ignaro di tutto si allontanava pensando in un problema tecnico e a questo punto, uno dei malviventi, utilizzando una sorta di grimaldello, rimuoveva la "forchetta " con le banconote bloccate.
Mi raccomando quindi massima attenzione agli sportelli che erogano denaro, occhio che non ci sia qualcosa di strano e guardatevi sempre intorno per vedere se qualcuno vi sta osservando.

Buone vacanze a tutti

 
 
 

notizie curiose dal mondo

Post n°936 pubblicato il 02 Agosto 2015 da giramondo595

Marito tradito scopre la tresca della moglie grazie al suo cane

Dire al marito che si esce con le amiche e che si farà tardi: è una delle scuse più classiche che una donna usa se vuole nascondere incontri galanti e tradimenti. A Gela, un'avvenente donna poco più che trentenne e madre di due bambini lo ha fatto, ieri sera, dopo le 21, ma con una variante che le è stata fatale: portarsi dietro il proprio cane da salotto, uno yorkshire sin troppo vivace.Proprio per questa caratteristica, la fedifraga ha legato l'animale a una fioriera del centro storico davanti al bar del suo amante. Abbassata la saracinesca dell'esercizio, ma non totalmente, i due amanti hanno dato libero sfogo alla loro travolgente passione.Senza cena pronta, l'ignaro marito (un operaio di circa 40 anni) aveva deciso di recarsi in rosticceria per comprare pizze e arancini, portando con sé i figli. Il caso però ha voluto che scegliesse un fast food ubicato a pochi metri dal bar-alcova.All'arrivo del gruppetto il cane legato alla fioriera si è messo ad abbaiare insistentemente perché ha riconosciuto i padroni. Uno dei bambini ha fatto notare che quello era il cane della mamma. Allora, il marito insospettito, si è avvicinato al bar, ha alzato di scatto la saracinesca e ha scoperto i due amanti in flagrante.La rabbia dell'uomo tradito si è abbattuta violentemente sull'amante della moglie con una raffica di pugni e di calci. Nella colluttazione, mobili e suppellettili del locale sono stati danneggiati. Alcuni passanti hanno chiamato i carabinieri e un'ambulanza del 118 che ha portato al pronto soccorso il barista pestato a sangue. Dopo le necessarie cure, è stato dimesso con una prognosi di pochi giorni.I carabinieri hanno interrogato i protagonisti e si preparano a denunciare il marito aggressore che ha già dichiarato di volere divorziare dalla moglie. Lei si è giustificata dicendo che con le amiche aveva bevuto troppo e che poi aveva occasionalmente ceduto alle avance del barista. Ma delle amiche non si è trovata traccia alcuna.


Trovato in vecchia auto un portafoglio perduto 55 anni fa

Un signore di 75 anni e' tornato in possesso di un portafoglio perduto in una Hudson nel 1952. Lo hanno trovato i nuovi proprietari dell'auto. Glenn Goodlove, all'epoca marinaio, lo aveva perso mente abbracciava una ragazza sul sedile posteriore dell'auto, oggi in mano a due collezionisti nell'Idaho, Usa . Lei guidava una Hudson 55 anni fa? gli hanno chiesto. E poi gli hanno restituito quanto aveva perso: 10 dollari e i documenti.


Ex manager costruisce casa su albero, una 'suite' tra i rami

ARLENA DI CASTRO (VITERBO) - Un ex manager ha costruito nel Viterbese una grande casa su un albero secolare, dotata perfino di una veranda. L'autore dell'impresa e' Renzo Stucchi, ex ad della Cacharel Italia, che, una volta in pensione, ha acquistato una tenuta di 12 ettari con coltivazioni di lavanda e un uliveto . Qui su una quercia alta piu' di 20 metri ha costruito la casa, che diventera' la suite del complesso principale della tenuta, risalente al '700 e destinato ad essere un agriturismo.


Dà false generalità ma sono quelle di un ricercato

Maryland - Viaggiava in auto senza documenti. Fermato dalla polizia, per evitare di beccarsi una contravvenzione, ha dato false generalità. Sfortuna ha voluto che il nome di fantasia da lui inventato fosse quello di un super criminale ricercato in tutto lo Stato per via della sua attività di falsario e trafficante di droga. Visto come si stavano mettendo le cose, l'uomo, Vincent Massey, un 48enne di Annapolis, Maryland, ha pensato allora fosse venuto il momento di dire la verità. "Ho inventato tutto - avrebbe detto ai poliziotti - il mio vero nome è Vincent Massey". L'uomo, dopo alcune ore, è riuscito a dimostrare la sua reale identità. Ora è stato però incriminato per avere fornito una falsa identità alle forze dell'ordine.

 

Morto da 556 anni riceve pubblicità dalle poste tedesche

GERMANIA - Acquisire nuovi clienti è la sola speranza di molte imprese moderne di sopravvivere alla concorrenza. Forse per questo alcune società scelgono di inviare messaggi pubblicitari anche senza l'autorizzazione del destinatario. Capita però delle volte che l'operatore incaricato a selezionare gli indirizzi non badi con attenzione alle generalità del possibile cliente. Le Poste tedesche hanno ad esempio tentato di acquisire come cliente il pittore Stephan Lochner, morto però 556 anni fa. La lettera pubblicitaria, intestata a suo nome, è stata recapitata al Duomo di Colonia, dov'è conservato un suo famoso trittico. Appurato l'errore, il prelato Norbert Feldhoff ha inviato una risposta indirizzandola però al presidente di Deutsche Post, Klaus Zumwinkel. "Non sono in grado di indicarLe il nuovo indirizzo di Stephan Lochner - ha scritto il parroco -. Conosciamo bene il signor Lochner, ma non possiamo più raggiungerlo, perché è morto 556 anni fa". Non è la prima volta che l'artista, esponente di riferimento del tardo gotico, è oggetto delle attenzioni delle aziende. Già nel 2005 l'American Express lo invitò per posta ad entrare nel suo Gold Card Club. La Neue Zuercher Zeitung ha invece tentato di convincerlo a sottoscrivere un abbonamento. In tutti i casi, Feldhoff ha ironicamente declinato la proposta, invitando piuttosto i mittenti a fare una donazione a favore del Duomo. Una richiesta che sembra aver avuto i suoi effetti. Due anni fa American Express donò 555 euro mentre ora le Poste hanno garantito, per voce di Zumwinkel, un'offerta di 1111,11 euro. Non è chiaro il perché di questa insolita cifra. Il denaro, comunque, verrà utilizzato per la nuova finestra artistica da oltre 100 metri quadrati che andrà sul transetto sud della chiesa.

 

 

 
 
 

Non abbandonate gli amici a quattro zampe

Post n°935 pubblicato il 15 Luglio 2015 da giramondo595

Prima o poi, crisi permettendo tutti o quasi partiremo per le meritate vacanze al mare o in montagna. Ogni anno gli amici a quattro zampe, vengono abbandonati lungo il ciglio delle strade, mettendo a rischio la loro e l' incolumità di chi guida. Questo è un reato perseguibile dalla legge civile e da quella della coscienza. E' il gesto più abbietto che si può compiere nei riguardi degli esseri che abbiamo portato in casa per la gioia dei nostri figli. Non sono dei giocattoli, o dei soprammobili. Teniamolo tutti bene in mente .


Il messaggio ha inizio così. con i vostri pensieri

coloridivita
Condivido ogni singola parola che hai scritto anzi voglio lanciare un appello a tutti coloro che hanno animali domestici: ci sono alberghi, strutture balneari, hotel che ospitano anche i vostri amici, quindi se dovete partire per una vacanza, Fido potrà accompagnarvi senza problemi! Un animale è il migliore amico dell'uomo, non abbandonatelo mai, vi sarà sempre fedele, non fatelo soffrire, lui si fida di voi! Se proprio non potete tenere animali, evitate di portarli a casa, loro non sono giocattoli ma esserini indifesi che soffrono per il vostro abbandono! ... Un bacione e scusa se mi sono dilungata ma hai toccato un argomento che mi sta tanto a cuore!

giusymartoglio
Blavo zietto!!! Hai ploplio lagione, a nessuno baupiace essele abbandonato, nè agli umani nè agli animali!!! Noi siamo pel semple!!! Baubacetti e bau domenica!!! Senti che caldoooooo?????? Bobuccio e Zaletta

roseilmare
In vacanza con me prima di tutti il mio piccolino e poi gli altri. Noi ce lo portiamo. Ormai fa parte della famiglia e a dirla tutta è il mio figlio preferito. Bacio.

 

Il fine giustifica i mezzi Scriveva il grande Niccolò
Macchiavelli, nel Libro " Il Principe "

 

 

ed io aggiungo: in special modo quando si vuole promuovere una nobile campagna.
Contro l' abbandono degli animali in strada al loro tragico destino.
Perciò mi sono permesso di utilizzare il messaggio dell' amica
Adriana ( girasole20071 ) autrice del blog Jose' Dario,c'e'!!!


Mi è sembrato un messaggio stupendo, per la sua simpatia ed incisività
Migliore di mille pubblicità cruenti e degno di essere condiviso

 

Parti per le vacanze?
Allora ricordati che........  non fare a Loro quello che non vorresti
facessero a te

  

 
Meditate gente, meditate!.......

 

 

 Bacioni a tutti voi

riccidorati


C'è un altro problema oggi come oggi e cioè che in molti stentano ad arrivare a fine mese con lo stipendio e avere un animale in casa costa e allora li abbandonano...Io chiederei a costoro: se li amate veramente questi amici, non è che rinunciando a qualcosina di poco conto magari li potete tenere? Un bacione a te e buona serata Pasquale


noarell
E con questo caldo, se portate a passeggio i vostri amici a 4 zampe, portate con voi dell'acqua, anche loro soffrono il caldo. Bacione Pasquale:)

 

 
 
 

Le situazioni paradossali..

Post n°934 pubblicato il 11 Luglio 2015 da giramondo595

a volte, continuano anche dopo la morte.


Questo è uno di questi casi

Disdetta telefono ma il documento del defunto e' nella bara
Sabato, 20 Giugno 2015

Hai voglia a parlare di semplificazione, la burocrazia italiana è incorreggibile! Sentite cosa è accaduto al signor Luigi Aiello di San Vincenzo La Costa, nel cosentino, che ha chiesto di disdire il contratto del telefono del padre defunto lo scorso anno. Gli sono stati richiesti una serie di documenti tra cui ovviamente il certificato di morte, codice fiscale suo e del genitore, fotocopia della carta di identità sua e del genitore. E qui è sorto un problema perchè la carta di identità del padre era nel portafoglio seppellito insieme al defunto. A nulla è valso il fatto che il signor Aiello avesse fatto presente all'operatore che non poteva materialmente recuperare la carta di identità del padre a meno che non avesse fatto esumare la salma! Impensabile, improponibile! Ma a cosa serve la carta di identità se c'è il certificato di morte, le ultime bollette pagate e tutto il resto? Misteri della burocrazia italiana che si accanisce su formalità inutili e poi non vede tante irregolarità macroscopiche, anomalie, falsi alla base di truffe e corruzione, vere emergenze di questo paese! Il signor Aiello alla fine per poter chiudere la procedura è stato costretto ad andare nel comune di residenza del papà e farsi fare una fotocopia del cartellino della carta di identità conservata negli archivi. E questo solo per fare una disdetta! (Gazzetta del Sud)

 

 

 
 
 

Fidarsi Ŕ bene non fidarsi Ŕ meglio 2

Post n°933 pubblicato il 03 Luglio 2015 da giramondo595

Nuovo virus tra i profili di Facebook La Polizia postale spiega come difendersi

'Agente Lisa', uno dei profili Facebook della Polizia di Stato, mette in guardia da un nuovo virus che si diffonde su Facebook.

«Vi ritrovate taggati in un video o in una foto da un vostro amico (si tratta quasi sempre di pornografia) solo che il vostro amico non ne sa nulla e se, incuriositi, cliccate sul link, il vostro pc sarà infettato da un virus», si legge in un post della pagina FB di 'Agente Lisa' che ha già superato le 45 mila condivisioni.

Il virus «Si tratta di un programma malevolo - avverte la Polizia di Stato - che si insinua nel computer e tra i vari effetti può carpire anche i dati sensibili. Questo virus, inoltre si può trasmettere da contatto a contatto, ad esempio si può insinuare nella chat, quindi se chattate con un amico infetto potreste essere infettati anche voi. Fate attenzione poi anche agli smartphone, perché si può diffondere pure sui telefonini».

Come difendersi?
Innanzitutto evitate di cliccare su link che vi sembrano strani (possibile che un mio amico mi tagghi in un video porno sulla mia bacheca?). Installate un buon antivirus aggiornato. E usate il passaparola con i vostri contatti di Facebook. Una buona idea è quella di scrivere un post sulla vostra bacheca dicendo a tutti gli amici che non avete taggato nessuno su video o foto e di non aprire link inviati a vostro nome perché si tratta di un virus. Oppure condividete questo post. Pochi accorgimenti che sicuramente basteranno a salvaguardare il vostro computer

consigli In alternativa, si può condividere il post pubblicato sulla bacheca di 'Agente Lisà. «Pochi accorgimenti che sicuramente basteranno a salvaguardare il vostro computer», assicura la Polizia. Con la pagina Facebook 'Agente Lisà la Polizia di Stato vuole comunicare alla gente, con un approccio giovane e 'friendly', i risultati del lavoro quotidiano dei poliziotti, ma soprattutto mettere in guardia i cittadini dai pericoli che ci sono in internet e nella vita di tutti i giorni. Un'iniziativa che piace, a giudicare dalle centinaia di migliaia di contatti quotidiani e in continuo aumento.

e come ha scritto questo utente sul messaggero.it
ramaja
19:10:02, 2015-02-14
Un buon antivirus non basta. Ci vuole prudenza...

 

 
 
 

Fidarsi Ŕ bene, non fidarsi Ŕ meglioooo

Post n°932 pubblicato il 26 Giugno 2015 da giramondo595

Dicevano gli antichi..Leggete questa storia , che ha del grottesco e del paradossale e e lo esclamerete anche voi

Strada inesistente ma le mappe on line la riportano

"Pino Lombardo, chi era costui?". Potrà apparire una parafrasi irriverente di Manzoni ma è quanto probabilmente si saranno chiesti i dirigenti di un'azienda torinese, che qualche settimana addietro hanno chiesto al Comune di Sant'Andrea Jonio il permesso di installare alcuni cartelloni pubblicitari in diverse vie del centro jonico. Tra le vie inserite, anche la fantomatica via Pino Lombardo.Il Comune ha risposto, con determina del settore Urbanistica, che la via è inesistente. In effetti è vero, anche se la vicenda è più complessa e comincia a diventare grottesca. La via in effetti esiste, anche se con un altro nome, quello ufficiale deciso dal Comune molti anni fa: l'intitolazione venne fatta a Riccardo Lombardi, uno dei fondatori del Partito d'azione ed esponente politico di lungo corso nell'età della prima Repubblica. Peccato che pochi anni addietro un goliardico anonimo abbia modificato il nome apposto sulla targa, trasformandolo appunto in Pino Lombardo.Questo nome, per tanti, è diventato di fatto quello ufficiale: durante l'estate tutti i turisti lo hanno letto, magari ipotizzando che fosse una personalità conosciuta a livello locale, alla quale la comunità aveva reso omaggio dedicandogli la via del lungomare. Ma i problemi concreti si sono visti col passare del tempo, visto che tutte le mappe online e persino i navigatori satellitari non riportano neppure oggi l'indicazione di Riccardo Lombardi, bensì quella taroccata. Un errore nel quale tempo fa sono stati indotti anche i titolari di alcuni stabilimenti balneari: non conoscendo la reale denominazione hanno costituito sedi legali in una via inesistente, riportata persino sugli scontrini.
Di recente, la tabella è stata aggiornata dal Comune, ma c'è tutta una serie di comunicazioni che l'ente dovrebbe fare alle società che gestiscono le mappe online, per evitare che, in una eventuale situazione d'emergenza, si finisca per dover cercare una via che non c'è.

Dalla Gazzetta Del Sud

 
 
 

Pu˛ succedere anche questo

Post n°931 pubblicato il 21 Giugno 2015 da giramondo595

le chiede di sposarlo, con uno spot al cinema

LONDRA - Ha chiesto alla fidanzata di sposarlo con uno spot al cinema, trasmesso mentre lei, ignara, era in sala da sola. All'inizio immagini sentimentali, con poesie sull'amore. Infine, lui, in smoking, con in mano una serie di cartelli con cui, alla fine chiedeva 'Mi vuoi sposare?' . E un ultimo cartello, con un'informazione: ''Sono dietro di te'. Quando lei si e' girata, lui era li' pronto con l'anello. Applauso dei presenti.


inventore calabrese progetta propulsore ad aria

VIBO VALENTIA - Un'auto con un propulsore ad aria e con un sistema di accensione a scansione ottica che legge le impronte digitali contro il furto. E' un progetto elaborato da un inventore di Vibo Valentia, Giuseppe Muzio, che ha gia' depositato la richiesta di brevetto alla Camera di commercio. Allo stato si tratta ancora di uno studio teorico, ma Muzio ha gia' scritto ad alcune case automobilistiche, tra le quali la Fiat, chiedendo collaborazione per lo sviluppo di un prototipo.


troppo ubriaco al matrimonio, fidanzata sposa fratello

NEW DELHI - Si e' presentato completamente sbronzo al suo matrimonio e cosi' la promessa sposa si e' unita in matrimonio con il fratello . E' accaduto nel Bihar,nord est dell'India.Secondo il racconto di un ufficiale di polizia,il giovane ubriaco avrebbe offeso parenti,amici e la famiglia della sposa.E' stato allontanato e si e' deciso di dare in sposa la ragazza al fratello piu' giovane, che ha accettato subito.Il mancato sposo, ripresosi, ha pianto in pubblico, chiedendo scusa a tutti.

 

 
 
 

io mi chiedo se i giudici togati con l' ermellino

Post n°930 pubblicato il 12 Giugno 2015 da giramondo595

quando pronunciano tali sentenze, pensino alle conseguenze..di tale decisione. Io mi chiedo, se lor signori la sera quando tornano a casa si sentano la coscienza tranquilla. Pensino alla circostanza che i loro figli, i loro nipoti, potrebbero comparire nel lungo elenco delle vittime di incidenti stradali, causati da veri e propri criminali, che in preda ai fumi dell' alcool uccidono ignari automobilisti

Probabilmente no!..........

A mio modesto avviso, sarebbe stato meglio imporre per legge che un' automobilista ubriaco, non deve guidare... Nei locali notturni, deve esserci un servizio navetta che accompagna a casa...se i giudatori non sono lucidi. Quando una compagnia di amici va a fare la sua movida, ci deve essere per legge un automobilista astemio, che deve fungere da autista. All' estero, alcune di queste leggi ci sono. Secondo me, che non sono un magistrato, per legge se un automobilista, non è in grado di tornare a casa ,deve essere accompagnato al primo hotel per poter riposare..Se malgrado tutte queste precauzioni, l' automobilista decide di affrontare il viaggio ugualmente, deve finire in galera e bisogna buttare la chiave..altro che un ubriaco che guida se la può cavare.

Chi guida ubriaco potrà cavarsela: ecco come
Una sentenza della Cassazione fa discutere

Un automobilista che, da ubriaco, provoca un incidente potrebbe cavarsela.
Nessuna condanna infatti è prevista per chi guida in stato di ebbrezza se, prima di effettuare la prova con l'alcoltest, l'agente di polizia non lo avvisa della facoltà di farsi assistere dal suo avvocato e ciò non viene messo a verbale.

La questione è stata definitivamente chiusa da una recente interpretazione della Cassazione che allarga i termini per la difesa e abbraccia una interpretazione più garantista al conducente.
Al momento del controllo sulla strada con l'etilometro, l'automobilista ha diritto di essere informato della facoltà di farsi assistere da un difensore di fiducia.
Se ciò non avviene egli ha la possibilità di far valere tale nullità nel suo ricorso.
Per evitare questo vizio di forma: la polizia stradale deve annotare, sul verbale, di aver avvisato l'interessato della facoltà di farsi assistere da un legale.

La normativa attuale italiana stabilisce come valore limite legale il tasso di alcolemia di 0,5 g/litro

Guida con tasso alcolemico compreso tra 0,5 e 0,8 g/l - ammenda da 500 a 2000 euro, - sospensione patente da 3 a 6 mesi

Guida con tasso alcolemico tra 0,8 e 1,5 g/l - ammenda da 800 a 3200 euro - arresto fino a 6 mesi - sospensione patente da 6 mesi ad 1 anno

Guida con tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l - ammenda da 1500 a 6000 euro - arresto da 6 mesi ad un anno - sospensione patente da 1 a 2 anni - sequestro preventivo del veicolo - confisca del veicolo (salvo che appartenga a persona estranea al reato)

 

 
 
 

Sono stanco": pilota "dirotta" l'aereo. Passeggeri increduli

Post n°929 pubblicato il 08 Giugno 2015 da giramondo595

Era troppo stanco per proseguire, così ha "dirottato" il suo volo atterrando a Manchester, in Gran Bretagna, anziché a Parigi
Era troppo stanco per proseguire, così ha "dirottato" il suo volo atterrando a Manchester, in Gran Bretagna, anziché a Parigi. E' successo su un Airbus A380 della Air France partito da New York e diretto alla Ville Lumière. Il pilota aveva raggiunto la quota massima di ore di volo e, per rispettare il riposo obbligatorio, ha optato per un cambio di rotta. I passeggeri, già irritati per un ritardo di sei ore a New York causa neve, hanno dovuto attendere 12 ore nell'aeroporto di Manchester, in attesa di un sostituto che li portasse nella capitale francese.

Ecco i commenti di alcuni dei passeggeri: "Appena atterrati a Charles De Gaulle... un viaggio di 20 ore tra il decollo e il parcheggio...whaooo!". "La gente è furiosa", dice un altro.

Un portavoce della Air France ha spiegato che il tempo legale di riposo si sarebbe potuto rispettare anche accelerando il rientro a Parigi, ma il pilota ha scelto altrimenti. In ogni caso, la società ha sottolineato che sarebbe stata una grande imprudenza violare il riposo obbligatorio, su cui non si deve mai transigere. "Sarebbe come guidare ubriachi in autostrada a 180 km/h", ha aggiunto il portavoce.

 

 
 
 

risate a go go 1

Post n°928 pubblicato il 30 Maggio 2015 da giramondo595

Cinque pazienti attendono il turno per entrare dallo psichiatra. Dice il primo: "ora tocca a me che sono napoleone Buonaparte" e il secondo: "No! tocca a me che sono Leonardo da Vinci". Di rimando la terza paziente: "Niente da fare ci vado io perchè sono Cleopatra". Il quarto paziente: "Non tocca a nessuno di voi! il prossimo sono io perchè sono Mosè, colui al quale Dio ha dato le tavole della legge" e il quinto, con aria stupita: "Cos'è che ti avrei dato io?"


Un atleta del tutto sconosciuto ha appena battuto il record mondiale dei cento metri piani con otto secondi netti.
Tutti accorrono per congratularsi e sentono il giovane brontolare: "Se pesco quello che mi ha messo una vespa dentro la maglietta...!"


Un signore va da un salumiere e chiede: "scusi ma queste fette di prosciutto quando vanno all'etto?" e il salumiere: "guardi io non lo so, io chiudo alle 9 ma non so a che ora vanno a letto loro".


Un uomo arriva alla stazione ferroviaria e chiede un biglietto e il bigliettaio gli dice di fare la fila, però, non c'è nessuno. Dopo cinque minuti l'uomo ritorna dal bigliettaio e richiede il biglietto, questo dice di no perchè deve fare la fila anche se non c'è nessuno, allora l'uomo gli dà un pugno e il bigliettaio dice: "chi è stato?" l'uomo risponde: "non lo so, c'è tanta gente qui!!!"


Un giorno un signore entra in un tabaccaio e chiede: "Scusi vendete sigarette sfuse?" e la commessa risponde: "no...mi dispiace" e il signore: "ok grazie". Il 2° giorno la stessa cosa ..il 3°-4°.....10°giorno..lo stesso signore ridice alla commessa: "scusi vendete sigarette sfuse?" e la commessa innervosita risponde: "si.." e il signore: "bene allora me ne dia 20".


Un tizio va in un ristorante e chiede un piatto di spaghetti al sugo e il cameriere glielo porta e il tizio urla che c'è un capello e il cameriere spiega: "impossibile perchè l'abbiamo fatto con i pelati".


Un balbuziente entra in una libreria e dice: "cerco uuuun lallalalalavoro" il libraio lo assume insieme ad altri due e qualche tempo dopo chiede ai lavoratori quante bibbie hanno venduto e uno risponde: "una sola" l'altro: "due sole" e il balbuziente risponde: "iiio nenenene ho vevevevndute tutte" e il libraio: "ma come hai fatto?" e lui: "semplice oooo llla cococomprava o lalal legggevo tutututtatata"


In un ristorante un cliente aspetta il pranzo che ha ordinato. quando arriva il cameriere il cliente gli dice: "mi scusi ci sono dei peli nelle mie polpette e a me fa schifo mangiarle" il cameriere alquanto umiliato gli dice: "mi scusi il fatto è che il nostro cuoco è senza braccia e quando fa la carne la deve rotolare sul petto" il cliente disgustato dice: "ma che schifo!" ed il cameriere ribatte dicendo: "allora e meglio che non le dica come riempe i cannelloni".

- "Scusi, cameriere fate il latte macchiato?"
- "Sta scherzando?..Questo è un bar molto pulito..."


Una coppia di sposi in viaggio di nozze....ogni sera lui la spoglia e dice: "do un bacio al boschetto!!!" al settimo giorno lei scocciata dice: "ah bello...o pianti il pino o mi vendo il terreno!!!!!"

 

 
 
 

risate a go go

Post n°927 pubblicato il 24 Maggio 2015 da giramondo595

Un signore si reca all'ufficio brevetti con un'apparecchiatura di sua invenzione:
-Ho ideato un nuovo macchinario.
Non appena avrò risolto un problemino sarà pronto per essere brevettato: è un tosaerba volante!
Ma scusi, come può tosare il prato se vola?
-Ecco, quello è il problemino che devo risolvere.

 

In tribunale, l'avvocato domanda all'imputata:
-Qual è la prima cosa che le ha detto suo marito, al risveglio quella mattina?
-Mi ha detto «Dove mi trovo, Laura?». Ah.
E allora perché lei gli ha sparato sei colpi?
-Perché mi chiamo Giulia.


Un tale incrocia un amico che corre per strada:
-Ehi, Giovanni!... Ma dove vai così di fretta?
-Scusa, non posso fermarmi: cerco di evitare una rissa!
-Tra chi?
-Tra me e quell'energumeno che mi insegue!

 

 
 
 

Tre capolavori

Post n°926 pubblicato il 21 Maggio 2015 da giramondo595

di una poetessa in erba

Le persone speciali

Esiste una grande differenza
Tra una persona normale ed una speciale.
E' da quest' ultima che deriva il calore
e lo stare bene che ci trasmette
solo la sua vicinanza.
La persona speciale è una persona normalissima,
solo che crede, veramente sempre, in quello che fa
e in quello che dice...
Crede sempre in se stesso,
perché per amare gli altri,
prima di tutto,
bisogna amare se stessi.
La persona speciale non è perfetta,
anche se trova la soluzione ad ogni problema.
E' fiduciosa, anche quando ha paura.
Tra tanti problemi,
la persona speciale
riesce comunque a vedere la luce
anche quando il tunnel è lungo e buio.
( Esposito Lorena Pia )

 

Mendicante

Ho sfiorato appena
la tua mano protesa...
mendicare...non è umiliante
per chi è onesto nel cuore.
Ho voluto donarti
qualcosa di me...
E' insieme ad una sciarpa
Per coprirti dal freddo
Ti ho donato un pezzo di pane
Per rallegrare,
oltre lo spirito,
anche il tuo corpo
( Esposito Lorena Pia )

 

Tu fratello mio

Guardo i tuoi lucidi occhi,
pieni di fantasia e voglia di scoprire
ciò che ti circonda...
sfioro le tue mani calde
e riesco a percepire
le tue piccole emozioni acerbe.
Il tuo sorriso si illumina
Senza malizia...
Incontrando lo stupore
Di una nuova vita.
Per me sei tutto:
la perfezione di un bambino,
l' amore e il dono segreto,
quell' energia indispensabile
che mi serve ogni giorno
per sopravvivere.
( Esposito Lorena Pia )

 
 
 

E' davvero fantastico

Post n°925 pubblicato il 16 Maggio 2015 da giramondo595

Partorisce in auto e poi supera esame insegnante in ospedale
La commissione di abilitazione in ospedale subito dopo il parto
Il 17 marzo 2015 è di certo una data che la bolzanina Fabiola Cutrì non dimenticherà mai più: è il giorno di inizio primavera in cui ha partorito in auto una bambina e, poche ore dopo, ha superato l'esame di abilitazione all'insegnamento, come riporta Ansa. "Siamo felicissimi, ora abbiamo davvero tanto da festeggiare", racconta radiosa le neomamma.
La giornata movimentata, adatta a una commedia americana, è iniziata all'alba, alle 5.50, quando improvvisamente si rompono le acque. Nulla di strano, Fabiola e suo marito Daniele Celi attendevano questo momento da tempo. La coppia ha preso al volo la borsa, pronta nell'armadio, ed è scesa a prendere la macchina. Avevano infatti deciso di fare nascere la loro bimba all'ospedale di Merano, che si trova a una trentina di chilometri da Bolzano. La femminuccia, però, aveva fretta e nessuna intenzione ad aspettare. "Durante il viaggio - racconta Fabiola - in poche spinte è venuta al mondo".

Daniele fa giusto in tempo ad accostare la Volkswagen Touran su una piazzola d'emergenza lungo la superstrada Mebo nei pressi di Sinigo. "Tutto è successo così velocemente, abbiamo fatto tutto da soli", sottolinea con un pizzico di orgoglio la neomamma. "Ormai eravamo alle porte di Merano e a questo punto non abbiamo neanche richiesto l'intervento di un'ambulanza, ma abbiamo proseguito il viaggio verso l'ospedale". Arrivati al nosocomio della città del Passirio, mamma e figlia sono state immediatamente visitate dai medici, che hanno confermato che tutte e due stavano benissimo. Nicole Eileen pesa 3,340 kg e misura 50,5 cm. La felicità è tanta.

La neofamigliola si gode questo momento tanto desiderato, ma poi il pensiero va all'esame di abilitazione all'insegnamento che la mamma dovrebbe sostenere lo stesso giorno alla facoltà di scienze della formazione a Bressanone. Fabiola è cresciuta mistilingue, in famiglia si parla italiano e tedesco e insegna tedesco alle scuole medie Archimede di Bolzano. "Abbiamo chiamato per chiedere di rinviare l'esame per ovvi motivi, ma la commissione è stata gentilissima e ha dato la sua disponibilità a venire fino in ospedale a Merano e farmi sostenere l'esame direttamente qui", prosegue il suo racconto. Detto fatto. Fabiola supera l'esame con 96-100. La notizia della mamma multitasking, come oggi vengono chiamate le donne che fanno mille cose in contemporanea, si diffonde velocemente. Parenti, amici e giornalisti chiamano e ognuno vuole sentire la storia dell'incredibile 17 marzo in famiglia Cutrì-Celi.

 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 118
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
 

 MESSAGGIO PER I GIOVANI

...Droga e alcool portano alla distruzione fisica e mentale!!! La vita e' troppo bella per essere distrutta dalle sostanze!!!!!! Vogliatevi bene !!!

http://spazio.libero.it/SARA28LUGLIO/

 

 

UN CALOROSO ABBRACCIO A TUTTI VOI

   BENVENUTI NEL MIO BLOG

   BENVENUTI NEL MIO BLOG 

 

 

 

AREA PERSONALE

 

CITAZIONI DI

Beata Madre Teresa di Calcutta


Quello che noi facciamo
è solo una goccia nell'
oceano,
ma se non lo facessimo
l'oceano avrebbe una
goccia
in meno

Non importa quanto
si dà
ma quanto amore si
mette nel dare.


Trova un minuto
per pensare,
trova un minuto
per pregare,
trova un minuto
per ridere.

La peggiore malattia
dell'uomo?
La solitudine.


Le parole gentili
possono essere brevi
e facili da pronunciare
ma la loro eco è infinita.

 

 

GRAZIE AMICI QUESTI REGALI SONO PER VOI

 

          Grazie Solic

 

Grazie diana.fini

 

 Grazie Trappolinax ( Wanda )

Grazie aumania_12 ( Alisia )

Grazie Trappolinax ( Wanda )

grazie STREGAPORFIDIA (Sonia)

questi splendidi regali,
li voglio
dedicare a
tutti voi amici

Aforismi 

Edward Morgan Forster è stato uno scrittore
britannico,autore di racconti brevi,
di romanzi e saggi letterari.
Da alcuni suoi romanzi sono stati
tratti film di grande successo come:
Passaggio in India (1984, regia di David Lean)
Camera con vista (1986, regia di James Ivory),
Maurice(1987, regia di James Ivory)
e Casa Howard (1992, regia di James Ivory).


Se è facile raccontare la vita,
ben più difficile è viverla,
e siamo tutti dispostissimi a
chiamare in causa "i nervi",o qualsiasi
altra parola d'ordine che serva a
occultare i nostri desideri.
( Edward Morgan Forster )

 Albert Einstein è stato un fisico
a soli 26 anni, ha mutato
il modello istituzionale di
interpretazione
del mondo fisico


E' più facile spezzare
un'atomo, che
un pregiudizio
( Albert Einstein )

 

GRAZIE PER I VOSTRI DONI

       Carissimi amici,
       grazie a tutti
       per i vostri doni.
       Questi sono solo
       una piccolissima
       rappresentanza
       della vostra amicizia
       ed affetto.
       sono felicissimo di
       ciò...bacioni
        a tutti

      vivi la vita    

      Grazie agli amci Trappolinax e luce 1001 per
      i bellissimi regali per il compleanno del mio blog

                    

               

 

SAGGEZZA POPOLARE ANDREOLESE

Cu ava focu campau,cu ava pana moriu.
Chi ha del fuoco è vissuto,
chi ha pane è morto a causa del freddo

'A casa mbidìàta,o pòvara o malàta.
La casa ch'è oggetto d'invidia va
incontro a povertà o malattia.

A bbona lavandàra on manca petra.
Ad una brava lavandaia non manca
pietra (su cui lavare).

E cu' t'affìdi, ti nganni.
Sulla persona a cui presti
fiducia ti sbagli (facilmente).

Canta lu gaddru e si scòtula li pinni.
Il gallo canta e si scuote le piume.
(Si dice di persona che di un fatto
non vuole assumersi alcuna responsabilità
e "se ne lava le mani", come Pilato.

Per altri curiosi proverbi andreolesi:

http://www.andreolesi.com/dialetto/proverbi.htm

 

FRASI CELEBRI

Golda Meir, fu una donna politica
israeliana, quarto premier d'Israele
e prima donna a guidare il governo
del suo Paese.

La vecchiaia è come un aereo
che punta in una tempesta.
Una volta che sei a bordo non puoi
più fare niente
(Golda Meir)

Anton Pavlovič Čechov è stato uno
scrittore, drammaturgo e
medico russo.
Laureatosi in medicina,
scriveva novelle di notte.

L' intelligente
ama istruirsi,
lo stupido istruire.
( Anton Cecov )

Non sappiamo cosa può accaderci
in quello strano guazzabuglio che è la vita.
Possiamo però decidere quello che avviene
in noi, come affrontarlo, che uso farne...
ed è questo, in conclusione,
ciò che conta.
( Joseph Fortton )

 

Henry Ford è stato un imprenditore statunitense.
Fu uno dei fondatori della Ford Motor Company,
società produttrice di automobili, ancora oggi
una delle maggiori società del settore negli
USA e nel mondo.

Chiunque smetta di imparare è vecchio,
che abbia venti o ottant'anni.
Chiunque continua a imparare resta
giovane. La più grande cosa
nella vita è mantenere la
propria mente giovane.
( H. Ford )

Riflessioni sul Tempo ... Il passato rivive ogni giorno perché non è mai passato. (Proverbio Africano); Il tempo è un grande maestro, ma sfortunatamente uccide tutti i suoi studenti. (Hector Berlioz);        Una briciola d’oro non può comprare una briciola di tempo. (Proverbio Cinese);                                            Quando ogni uomo avrà raggiunto la felicità, il tempo non ci  sarà più. (Fëdor Dostoevskij)Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J Lennon )Un giorno senza un sorriso è un giorno perso.(Charlie Chaplin) L'unica cura per l'acne giovanile è la vecchiaia.( Totò )Ogni minuto muore un imbecille e ne nascono due. ( Eduardo De Filippo )Chi vive troppo tempo in un luogo perfetto finisce per annoiarsi. (Paulo Coelho)