Creato da: tizianacorreale il 16/12/2007
Attraverso i miei occhi a volte una semplice eco, altre un'inarrestabile surrealtà...

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

stefano.rigillocomelunadinonsolopolantpicacap.harlock74tizianacorrealefelisia6farfallanarranteProfumoColoratoTopoCanguroocsurtegossipcoccinellagiannyalfieriblaisemodestyCantastorie61ORCHIDEA693
 

Ultimi commenti

Ciao a tutti! Ci tengo molto a dire che il testo "Lo...
Inviato da: Lorenzo Simonini
il 28/05/2012 alle 20:21
 
Davvero grazie per il commento. Non c'è niente di più...
Inviato da: tizianacorreale
il 27/05/2012 alle 22:36
 
"Qui c'è soave indecisione" Brivido.
Inviato da: zr
il 27/05/2012 alle 14:24
 
Ho letto poche poesie moderne così belle e dense di...
Inviato da: antonio
il 07/04/2012 alle 19:07
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 17:09
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

 
« Da non dimenticareIllusioni (2006) »

Quel che mi frulla per la testa

Post n°48 pubblicato il 17 Novembre 2011 da tizianacorreale

A volte mi sembra di vivere in tremila mondi diversi, ma di non aver ancora trovato il mio. Conosco alcuni elementi di quello che spero sarà il mio mondo, e so che una delle sue caratteristiche sarà l’essere pieno di influenze di mondi altrui, intarsi di ambiti che non riuscirò a conoscere bene ma che in qualche modo continueranno a formare l’infinità di incomplete conoscenze che non riuscirò a render mie.

Mi sento viva scrivendo su questo computer, suonando la mia chitarra, dietro una macchina fotografica e recitando qua e là. Mi sento viva cantando, parlando con gli sconosciuti, giocando a pallavolo e discutendo di politica con papà per quanto queste siano tutte cose che non mi riescono affatto bene. Il tempo scorre e io dovrei lasciare che qualcosa rubi meno tempo per dedicarne di più a qualcun’altra.

Dovrei metter delle grandi x su tutto ciò che non mi riesce bene? Dovrei continuare a dedicarmi a ciò che mi riesce e a ciò che non mi riesce in una bilanciata proporzione? Dovrei forse concentrarmi su ciò che meno mi riesce così da migliorare in quello, ed accantonare un po’ ciò per cui in qualche modo, comunque, sono portata? Chi può dirlo? Scelgo ogni giorno quel che mi è più comodo, scelgo ogni giorno di non tagliare via nulla, di lasciare che le cosa vadano da sole, ma non andranno sempre così, dovrò fare delle scelte.

 Cosa sceglierò?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Realtaparallele/trackback.php?msg=10812560

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento