Creato da RedCarpetBlog il 02/03/2009

RED||Carpet

entertainment, now

 

P!nk svela la canzone che dà il titolo al nuovo album: Beautiful Trauma [ASCOLTA]

Post n°8291 pubblicato il 29 Settembre 2017 da RedCarpetBlog
 

Daniel Toshi per RED||Carpet

L'uscita è fissata per la metà di ottobre


P!nk sta per proporre un nuovo album, Beautiful Trauma. La cantautrice ha appena condiviso proprio la canzone che dà il titolo al lavoro. Segue a What About Us, uno dei massimi successi musicali degli ultimi mesi.

La canzone appena svelata vanta la firma di Jack Antonoff, leader dell'alternative rock band Bleachers (quasi un progetto musicale a sua immagine e somiglianza) che in precedenza si è distinto come frontman degli Steel Train e come chitarrista dei Fun., con il quale ha inciso un paio d'album usciti tra la fine dello scorso decennio e l'inizio di questo. Antonoff è anche nei crediti delle ultime pubblicazioni discografiche di Lorde e Taylor Swift.

Altri autori delle canzoni incluse nell'album Beautiful Trauma sono Johnny McDaid degli Snow Patrol e Steve Mac, che ha collaborato alla realizzazione della citata What About Us. Si aggiungo i nomi dei produttori a autori Max Martin, Shellback, Julia Michaels, e Greg Kurstin.

Ecco l'elenco delle 13 tracce che costituiscono il nuovo album di P!nk, atteso per il 13 ottobre:

Beautiful Trauma
Revenge
Whatever You Want
What About Us
But We Lost It
Barbies
Where We Go
For Now
Secrets
Better Life
I Am Here
Wild Hearts Can’t Be Broken
You Get My Love


© RED||Carpet, 2017 | Tutti i diritti sui contenuti sono riservati

 
 
 

Christina Aguilera prepara il nuovo album con la collaborazione di Mark Ronson (che ha condiviso un video)

Post n°8290 pubblicato il 28 Settembre 2017 da RedCarpetBlog
 

Mauro Baldan per RED||Carpet

Lo fa sapere lo stesso produttore, che su Instagram ha pubblicato un contributo dove appare anche la cantautrice


E' noto: Mark Ronson produce musica destinata a far parte del prossimo album di Christina Aguilera. Proprio Ronson ha condiviso un breve video in cui è affiancato dall'interprete di Genie in a Bottle (che commenta musicalmente le immagini) e Anderson Paak, rapper, cantante e lui stesso produttore.

Il sodalizio Aguilera-Ronson è iniziato con l'album Back to Basics, uscito nel 2006 e tra i lavori più fortunati di lei, con lui nei crediti di Slow Down Baby, Without You e Hurt. Quest'ultima fu la canzone scelta come secondo singolo, dopo Back to Basics.

Il più recente album di Christina Aguilera risale al 2012, il riferimento va a Lotus. Cinque anni fa ha unito alla serie televisiva Nashville un suo brano chiamato The Real Thing e nel 2016 ha inciso il singolo Change per sostenere le vittime della strage avvenuta in un locale notturno di Orlando.

© RED||Carpet, 2017 | Tutti i diritti sui contenuti sono riservati

 
 
 

Sony pensa di affidare la regia del film su Cleopatra a Denis Villeneuve (Blade Runner 2049)

Post n°8289 pubblicato il 28 Settembre 2017 da RedCarpetBlog
 

JCR per RED||Carpet

Sarà l'adattamento della biografia scritta da Stacy Schiff


Da anni, alla Sony Pictures si punta a realizzare un biopic dedicato a Cleopatra. Per la regia del film si sono fatti i nomi di David Fincher, James Cameron, e Paul Greengrass, ma ora spunta quello di Denis Villeneuve. Il canadese quarantanovenne sarebbe in trattative con lo studio per assumere il controllo del progetto.

Acclamato per Sicario, quest'anno candidato alla vincita dell'Oscar per la regia di Arrival, con La donna che canta nominato per lo stesso premio nella categoria miglior film straniero nel 2011, Villeneuve è attualmente chiacchierato per Blade Runner 2049 (Warner Bros. lo distribuirà in Italia il 5 ottobre).

Tratto da Cleopatra: A Life, biografia di Stacy Schiff (che Little, Brown and Company ha pubblicato nel 2010), l'adattamento cinematografico è stato affidato a David Scarpa, Eric Roth e Brian Helgeland, con produttori Scott Rudin (che ha acquistato i diritti dell'opera) e Amy Pascal. Angelina Jolie rimane la possibile interprete della regina egiziana, una parte che nel 1934 ha interessato Claudette Colbert e nel 1963 Elizabeth Taylor.


© RED||Carpet, 2017 | Tutti i diritti sui contenuti sono riservati

 
 
 

Sempre più statunitensi replicano l'inchino di Colin Kaepernick, che rimane fuori dai campi della NFL

Post n°8288 pubblicato il 28 Settembre 2017 da RedCarpetBlog
 

Mau_Cox per RED||Carpet

L’ex quarterback dei San Francisco 49ers con quel gesto protestò per i comportamenti violenti degli agenti di polizia nei confronti della popolazione afroamericana


Con Donald Trump apparentemente sempre più contrariato per il moltiplicarsi degli inchini mentre viene intonato l'inno nazionale statunitense, torna ad essere chiacchierato chi per primo in segno di protesta aveva assunto quella posizione: Colin Kaepernick. Il giocatore di football americano, a cui lo scorso anno non è stato rinnovato il contratto con i San Francisco 49ers, nel 2016 espresse silenziosamente contrarietà per i comportamenti violenti degli agenti di polizia nei confronti della popolazione afroamericana inchinandosi mentre veniva intonato l'inno nazionale statunitense.

A gran voce sono molti a chiedere il ritorno in campo del giocatore della National Football League. Ritrovata icona di ribellione, da febbraio Kaepernick non rientra nella NFL. La sua posizione ricorda quella di Muhammad Ali, che rifiutandosi di andare in Vietnam venne emarginato dalla boxe per oltre tre anni.

E dire che solo pochi giorni fa proprio la NFL ha mostrato contrarietà nei confronti del Presidente USA, che senza giri di parole aveva invocato il licenziamento dei giocatori che si erano inginocchiati con le descritte modalità. Proprietari delle squadre e rispettivi campioni si sono alleati contro Trump. Se la libertà di espressione va sempre garantita, ed ha un valore certamente non inferiore a inno e bandiera, e se sono immutate le sue capacità agonistiche, Kaepernick dovrà essere riposizionato in un campo al più presto.

© RED||Carpet, 2017 | Tutti i diritti sui contenuti sono riservati

 
 
 

Gli U2 svelano il video abbinato a You're The Best Thing About Me

Post n°8287 pubblicato il 28 Settembre 2017 da RedCarpetBlog
 

Daniel Toshi per RED||Carpet

La canzone è stata pubblicata al principio di settembre


Gli U2 hanno reso disponibile il video riferito al singolo You're The Best Thing About Me. Jonas Åkerlund (già collaboratore di Madonna, P!nk, e Robbie Williams) ha effettuato le riprese a New York, con i quattro componenti della rock band irlandese che appaiono come turisti e in una scena intenti a calcare la parte superiore di un edificio.

You're The Best Thing About Me anticipa l'uscita del nuovo album, atteso per il 1° dicembre. Songs of Experience è il quattordicesimo lavoro e segue a Songs of Innocence del 2014.

La nuova canzone è dedicata a Ali Hewson, moglie del frontman Bono, e segue a The Blackout, condivisa tramite Facebook il 30 agosto. Visualizza il video abbinato a You're The Best Thing About Me.

© RED||Carpet, 2017 | Tutti i diritti sui contenuti sono riservati

 
 
 

Playboy perde il suo fondatore: Hugh Hefner si è spento a 91 anni

Post n°8286 pubblicato il 28 Settembre 2017 da RedCarpetBlog
 

Alessandra Bormio per RED||Carpet

Il decesso è avvenuto nella sua Playboy Mansion, sfarzosa dimora situata a Los Angeles celebre per le molte feste che lì sono state organizzate


Addio a Hugh Hefner. "Mio padre ha vissuto un'eccezionale e impegnativa vita come media e pioniere culturale e voce leader dietro alcuni dei più importanti movimenti sociali e culturali del nostro tempo al fine di sostenere la libertà di parola, i diritti civili e la libertà sessuale. Ha definito uno stile di vita e un ethos che sono al centro del marchio Playboy, uno dei più riconoscibili e duraturi della storia". E' quanto ha dichiarato in un comunicato Cooper Hefner, uno dei quattro figli dell'editore appena scomparso.

Con la sua rivista ha saputo influenzare i media e i contenuti della stessa hanno avviato una rivoluzione sessuale accostabile al controllo delle nascite tramite la commercializzazione della pillola anticoncezionale e del movimento femminista.

Fondata nel 1953, la rivista ha ispirato progetti cinematografici e televisivi, con la sfarzosa villa situata a Los Angeles - la Playboy Mention - teatro di molte feste nel corso delle quali sono stati anche chiusi accordi finanziari e commerciali. Ceduta nel 2016, grazie ad un vincolo fissato nel contatto di compravendita in quella dimora Hefner è rimasto fino alla fine della vita.

© RED||Carpet, 2017 | Tutti i diritti sui contenuti sono riservati

 
 
 

James Cameron avvia la produzione dei seguiti di Avatar. Il budget è di 1 miliardo di dollari

Post n°8285 pubblicato il 27 Settembre 2017 da RedCarpetBlog
 

Mau_Cox per RED||Carpet

Il primo dei nuovi film sarà rilasciato a dicembre del 2020


Otto anni dopo la conclusione di Avatar, James Cameron avvia la produzione dei nuovi film ambientati a Pandora. Imponente il finanziamento destinato al progetto: 1 miliardo di dollari. Supererà la trilogia de Il Signore degli Anelli di Peter Jackson.

Le riprese sono in corso a Manhattan Beach, in California. I nuovi film saranno prodotti uno di seguito all'altro, come l'originale saranno in 3D.

Con la previsione che otto saranno anche gli anni necessari per completare il processo produttivo dei quattro film annunciati, Avatar 2 sarà distribuito il 18 dicembre del 2020. Il terzo capitolo esordirà il 17 dicembre 2021, il quarto il 20 dicembre dell'anno seguente, e Avatar 5 debutterà il 19 dicembre 2025.

© RED||Carpet, 2017 | Tutti i diritti sui contenuti sono riservati

 
 
 

Phil Lord e Chris Miller (The LEGO Movie) dirigeranno l'adattamento di Artemis, successore del fortunato The Martian

Post n°8284 pubblicato il 27 Settembre 2017 da RedCarpetBlog
 

Mauro Baldan per RED||Carpet

Il libro, che sarà pubblicato a novembre, è di Andy Weir


Diventerà un film anche il nuovo libro dell'autore de L'uomo di Marte, da cui è stato ricavato Sopravvissuto - The Martian. Artemis di Andy Weir sarà diretto da Phil Lord e Chris Miller, nei crediti degli apprezzati The LEGO Movie, Piovono polpette, 21 Jump Street e 22 Jump Street. Lo riporta il sito web Deadline Hollywood.

Lo statunitense Crown Publishing Group pubblicherà Artemis il 17 novembre. Il precedente libro di Weir, dal debutto avvenuto nel 2014, ha venduto 3 milioni di copie e ha ispirato il film di 20th Century Fox prodotto tra gli altri da Ridley Scott e Michael Schaefer.

20th Century Fox, che si è assicurata i diritti per lo sfruttamento cinematografico di Artemis a maggio, realizza il film con New Regency. Il libro si concentra su una donna di nome Jazz, un anonima ventenne costretta nella piccola Artemis, l'unica città esistente sulla Luna. Con i debiti da pagare e uno stipendio che a malapena copre l'affitto, non può dire no quando gli si presenta l'occasione che promette di cambiargli la vita. Ma la proposta e collegata ad una cospirazione per il controllo di tutta Artemis.

© RED||Carpet, 2017 | Tutti i diritti sui contenuti sono riservati

 
 
 

In arrivo Project Mama Earth, album del collettivo guidato da Joss Stone

Post n°8283 pubblicato il 27 Settembre 2017 da RedCarpetBlog
 

Daniel Toshi per RED||Carpet

L'uscita è fissata per novembre


Project Mama Earth è l'album realizzato da Joss Stone insieme ad altri artisti. Atteso per il 10 novembre, il suo contenuto è stato inciso con la complicità di Jonathan Joseph, che in passato ha affiancato la stessa Stone e celebrità della musica come Ricky Martin e Jeff Beck.

Al collettivo sono uniti Jonathan Shorten, già produttore della cantautrice e attrice (ha avuto un ruolo nella serie I Tudors e un altro nel film Eragon), e Nitin Sawhney, che è stato un collaboratore di Sting e Paul McCartney. Con loro anche Étienne M'Bappé, musicista camerunense.

La britannica, il cui ultimo album personale rimane Water for Your Soul del 2015, in merito alla nuova esperienza ha dichiarato: "Li ho lasciati li a fare quello che volevano, mentre io preparavo la cena, volutamente senza interferire. Poi ci incrociavamo per casa, mi davano un pezzo ed io e mia madre ci mettevamo a scrivere melodie e parole. Loro hanno fatto se stessi ed io me.


© RED||Carpet, 2017 | Tutti i diritti sui contenuti sono riservati

 
 
 

Leorando DiCaprio sarà Theodore Roosevelt, 26° presidente degli USA. Sarà diretto da Martin Scorsese

Post n°8282 pubblicato il 27 Settembre 2017 da RedCarpetBlog
 

JCR per RED||Carpet

I due hanno lavorato insieme in cinque precedenti film


Sesta collaborazione tra Leonardo DiCaprio e Martin Scorsese. Dopo Gangs of New York, The Aviator, The Departed - Il bene e il male, Shutter Island e The Wolf of Wall Street, l’attore e il regista si riuniranno per Roosevelt.

Prodotto da Paramount Pictures, sarà il biopic dedicato al 26° presidente degli USA in carica dal 1901 al 1909. Theodore Roosevelt, che ha ricevuto il Premio Nobel per la pace, rimane il più giovane inquilino della Casa Bianca. L'incarico gli fu stato conferito all'età di 42 anni, in seguito all'assassinio di William McKinley. Insieme a quelli di George Washington, Thomas Jefferson e Abraham Lincoln, il suo volto è scolpito sul monte Rushmore. 

DiCaprio e Scorsese in questo progetto si sono impegnati anche come produttori, insieme a Jennifer Davisson Killoran, Emma Koskoff e Chuck Pacheco. La sceneggiatura è stata affidata a Scott Bloom.

© RED||Carpet, 2017 | Tutti i diritti sui contenuti sono riservati

 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom