Risonanza Cosmica

Risonanza Cosmica

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Momenti...Quando »

Nel Raggio

Post n°14 pubblicato il 05 Febbraio 2007 da RisonanzaCosmica

immagine

Il mio Cielo di ieri...alle 18

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/RisonanzaCosmica/trackback.php?msg=2250050

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
frosthot
frosthot il 05/02/07 alle 19:27 via WEB
Accade che, ci si trova spesso ad un soffio da quelle stanze del cuore piene di domande: e non si vede l'uscio da cui partire o entrare, almeno per capire o trovare una risposta. Ci sono sempre troppi pomeriggi che aprono la porta sulla terrazza. G.
 
 
RisonanzaCosmica
RisonanzaCosmica il 05/02/07 alle 19:34 via WEB
Ma in uno...incontri Dio...e non va pių via...
 
   
RisonanzaCosmica
RisonanzaCosmica il 05/02/07 alle 19:42 via WEB
...Un pomeriggio in cui...la terrazza...apre la porta...
 
Ruggineblu
Ruggineblu il 05/02/07 alle 19:40 via WEB
ciō che č speranza.. non residua, non dall'affanoso ansimo. ma Speranza, che renda la ragione al permanere. Il bacio lungo, che non finisce ancora.
 
 
RisonanzaCosmica
RisonanzaCosmica il 05/02/07 alle 19:43 via WEB
Un'incosciente consapevolezza...come inconsapevolezza cosciente...
 
lostit2bostikyeah
lostit2bostikyeah il 06/02/07 alle 10:01 via WEB
č come un quadro di Ingres. mi piace questo continuo eco lirico, un rimando da una strofa a un palpitare di cielo.
 
fanciullodivetro
fanciullodivetro il 06/02/07 alle 13:09 via WEB
non invogliarti di me č uno di quei versi che reggerebbe da solo l'intera poesia, sempre raffinatissima...
 
Paris.at.night
Paris.at.night il 19/09/07 alle 13:37 via WEB
con gli occhi al cielo, cosė vive chi sogna.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: RisonanzaCosmica
Data di creazione: 09/01/2007
 
immagine
 
immagine
 

Omaggio all'amara incantevole ironia
di Eduardo De Filippo


PENZIERE MIEJE...

Penziere mieje, levāteve sti panne,
stracciātev' 'a cammisa, e ascite annuro.
Si nun tenite n'abito sicuro,
tanta vestite che n'avit' 'a fa?
Menāteve spugliate mmiez' 'a via,
e si facite folla, cammenate.
Si sentite strillā, nun ve fermate:
nu penziero spugliato 'a folla fa.
Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,
e quanno 'e piede se sō cunzumate:
un'ānema e curaggio, e ve menate...
nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menā!
Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.
Ce sta sempe nu tizio canusciuto,
ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...
e ca ve veste, primm' 'e v'atterrā.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

primariasanbartalmdona.5Una.Rosavita1999claudiadesimone83emanuelas24grignadipendentemanuela.marinoniDrashtaSole.ad.Orientevasteleilcoloredeipensieridsemplicementecomplic
 

CHI PUŌ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puō pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.