Creato da cuccuruccuz il 31/10/2008

EL PUEBLO UNIDO

JAMAS SERA VENCIDO

SIAMOVIVI

 



MI TROVI
SU FACEBOOK

Nico Guevara

 

QUALCUNO ERA COMUNISTA..

Qualcuno era comunista perché si sentiva solo.

Qualcuno era comunista perché credeva di
poter essere vivo e felice solo se lo erano anche gli altri.
Qualcuno era comunista perché aveva bisogno
di una spinta verso qualcosa di nuovo.
Perché sentiva la necessità di una morale diversa.
Perché forse era solo una forza, un volo,
un sogno era solo uno slancio, un desiderio
di cambiare le cose, di cambiare la vita.
Sì, qualcuno era comunista perché,
con accanto questo slancio,
ognuno era come… più di sé stesso.
Era come… due persone in una.
Da una parte la personale fatica quotidiana
e dall'altra il senso di appartenenza a
una razza che voleva spiccare il volo
per cambiare veramente la vita.
No. Forse anche allora molti avevano aperto
le ali senza essere capaci di volare…
come dei gabbiani ipotetici.
E ora? Anche ora ci si sente come in due.
Da una parte l'uomo inserito che
attraversa ossequiosamente
lo squallore della propria sopravvivenza quotidiana
e dall'altra il gabbiano senza più neanche
l'intenzione del volo perché
ormai il sogno si è rattrappito.
Due miserie in un corpo solo.

 

 

 

 

HO VISTO ANCHE DEGLI ZINGARI FELICI

...ho visto degli zingari felici...

ubriacarsi di luna,

di vendetta e di ...guerra...

...i poeti amano l'odore delle armi,

odiano la fine della giornata...

 

 

« PASQUA-ISRAELE-PALESTINAIL BAMBINO CON LA PISTOLA »

Parola di guerrigliero

Post n°67 pubblicato il 15 Aprile 2009 da cuccuruccuz
 

Prima di partire dall'Avana verso la Bolivia (frontiera con il Perù ) per organizzare la guerriglia, Javier Heraud scrisse questa lettera che lasciò nelle mani della moglie di un giovane compagno a Cuba.  Accordarono che  se non gli fosse successo nulla, lei doveva conservarla; se lo ammazzavano, lei avrebbe portato a Lima la lettera  alla madre.

Novembre '62 L'Avana, Cuba


                                              
Cara mamma,
                      non so quando potrai leggere questa lettera. Se la leggi vuol dire che qualcosa è successo nella Sierra e che ormai non potrò salutarti e abbracciarti come sempre. Se sapessi quanto ti amo! Se Sapessi che ora che mi preparo a partire da Cuba per entrare nella mia Patria ed aprire un fronte guerrigliero penso più che mai a te, a mio padre ai miei fratelli tanto amati!

Vado in guerra per l'allegria, per la mia patria, per l'amore che ho, per tutto insomma. Non mi serbare rancore se mi succede qualcosa. Avrei voluto vivere per ringraziarti per quello che hai fatto per me, ma non potrei vivere senza servire il mio popolo e la patria. Questo lo sai bene, e tu mi hai educato onorato e fatto giusto, amante della verità, della giustizia.

Perchè so che la mia patria cambierà, sò  che  anche tu   ti troverai contenta e felice in compagnia di mio padre e dei miei fratelli. E che il mio vuoto si riempirà presto con l'allegria e la speranza della patria.

ti bacia tuo figlio

         Javier



 

Puerto Maldonado, Perù, Il corpo martoriato del giovane poeta crivellato di pallottole dum dum il 15 maggio 1963. Era in una canoa  alla deriva sul fiume Madre de Dios, disarmato.
Il  suo gruppo venne tradito dai dirigenti del partito comunista boliviano , lo stesso che  anni dopo,  tradì  Ernesto Che Guevara,  obbedendo  alla politica sovietica antifochista


 

 

 
Rispondi al commento:
cuccuruccuz
cuccuruccuz il 16/04/09 alle 19:14 via WEB
Non era solo uno che lottava per la patria ma uno che aveva nel cuore un ideale di liberta e giustizia...purtroppo la storia è piena di traditori di ideali e di martiri che inseguono un sogno...starò sempre dalla parte di questi ultimi... HASTA LA VICTORIA SIEMPRE!!!!!!
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

Nostra patria il mondo intero,nostra legge la libertà.
Libera cultura in liberi spazi!Anarchia è vita.
Voi ridete di me perché sono diverso,
io rido di voi perché siete tutti uguali.
Oggi cerco un’ora di furibonda anarchia e,
per quell’ora darei tutti i miei sogni,
tutti i miei amori, tutta la mia vita.
Anarchico è colui che dopo una lunga,
affannosa e disperata ricerca ha trovato
sè stesso e si è posto, sdegnoso e superbo
“sui margini della società” negando
a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Ogni popolo, come ogni persona è quello che è,
e per questo ha un diritto ad essere se stesso.

 

 

TAG

 

EL CHE

Dicono che noi
rivoluzionari siamo romantici.
Si è vero lo siamo in modo diverso,
siamo quelli disposti a dare la vita
per quello in cui crediamo.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

gee900aran.banjo78Maddalena.Robinole800pie.brancacciodi.luna.nuovaquasituttatua63MAN_FLYmax_6_66Cla.udio19cesibluale_soendo251Fubine1studioavvg.manca
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 29