Scena

Sul palcoscenico della vita...

 

E ALLORA BEVO...

Dint' 'a butteglia
n'atu rito 'e vino
è rimasto...
Embè
che fa
m' 'o guardo?
M' 'o tengo mente
e dico:
"Me l'astipo
e dimane m' 'o bevo?"
Dimane nun esiste.
E 'o juorno primma,
siccome se n'è gghiuto,
manco esiste.
Esiste sulamente
stu mumento
'e chistu rito 'e vino int' 'a butteglia.
E che ffaccio,
m' 'o pperdo?
Che ne parlammo a ffà!
Si m' 'o perdesse
manc' 'a butteglia me perdunarrìa.
E allora bevo...
E chistu surz' 'e vino
vence 'a partita cu l'eternità!
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

'A CHIENA E 'A VACANTE

Cu na nutizia bona e n'ata triste
se ne passa sta vita e se ne fuje.
Tu nun fernisce 'e dì: -Viate a nuie!-
ca t'he''a mettere a dì:
-Comme se fa?-

Abbusche mille lire fore mano,
e pienze: -Mò m''e spenno a Mergellina!-
'A stessa sera, pè na medicina,
ce miette 'o riesto e ll'he''a sacrificà.

E' nu scunfiro! Pecché a cunte fatte
cammine sempe, ncopp'a chistu munno,
cu nu pede pè terra e n'ato nfunno
e si te stanche nun te può assettà
.

 

'E NOTTE

Tutt'è silenzio dint'a sta nuttata
nun se sente nu passo 'e cammenà.
Nu ventariello tutta na serata
pare ca me vuleva accarezzà...
E finalmente chiagno! Tu nun vide,
tu staje luntano, comme 'o puo' vedè?
Però t''o ddico pecché tu me cride
e si me cride, chiagne nzieme a me!
Scenne stu chianto lento, doce doce,
nun aizo na mano p''asciuttà.
Io strillo pe' te fa' sentì sta voce,
ma tu nun puo' sentì...c'allucco a ffà?
Tutt'è silenzio...ncielo quanta stelle!
Affaccete, tu pure 'e ppuo' vede;
songo a migliare, e saie pecchè so' belle?
Pecchè stanno luntano, comm''a tte!

 

NON PERDI MAI NIENTE

Se guadagno quattrini col lavoro,
dando un quattrino pel disoccupato,
alla fine dei conti che gli ho dato?
Un poco di lavoro.

Se li guadagno fregando gli altri,
perchè forse al lavoro non ci credo,
allora tanto meglio: che gli cedo?
Il lavoro degli altri.

 
-'O Signore sta ncielo!-
Accussì dice 'a gente
pe' te da' na risposta
quanno tu parle,
per esempio,
a schiovere
pe' fa' cuntento a uno
o pe' te fa' n'amico:
-Vuie site nu signore!-
-'O Signore sta ncielo-,
te risponne.
E te vo' fa' accapì
ca c''o ncenziero,
ch'e' cerimonie
e c''a pulitica
nun se spogna 'a galletta,
anze se ntosta.
E 'o favore ca cirche
nun t''o ffà.
 

'O PENZIERO

E ca tu studie pe' cagnà 'o penziero
ca tiene ncap'a te-
ca nunn'è cumm''o mio,
ch'è ciente vote cchiù meglio d''o tuio-
nun nce faie niente!
Nce refunne 'a salute;
e si te ostin'
peggio pe' te:
nce puo' perdere pure 'a dignità.
Tu tiene nu penziero ch'è d''o tuio?
Nun sarrà nu penziero ca fa luce,
ma è sempre nu penziero:
tienatillo cumm'è!
Che nce vuo' fa' si nuie,
ncopp'a sto munno,
nascimmo c''o penziero fatto e buono?

 

'O RINACCIO

Quanno nu panno-
'e mussola
'e cuttone
'e battista liggiera
o 'e tel' 'e lino-
se fa vecchio
e p' 'a vecchiaia se sgrana,
lassat' 'o sta' sgranato.
Meglio nu panno chin' 'e sgranature
ca p' 'o tiempo
e 'a fatica
s'è sgranato,
ca chilli panne
tutt'arrepezzate
ca vonno parè nuove
e songo stracce,
stracciate 'a sotto...
e 'a coppa unu rinaccio.
 

 

Post N° 40

Post n°40 pubblicato il 30 Gennaio 2008 da palcoscenica

AAA.CERCASI DISPERATAMENTE IDEE DA SCRIVERE SUL BLOG.

PER QUALSIASI INFORMAZIONE RIVOLGERSI ALLA DIREZIONE (CHE SAREI IO)

                                                            GRAZIE

 
 
 

Post N° 39

Post n°39 pubblicato il 28 Novembre 2007 da palcoscenica

VIVA IL TEATRO!!!!
 
Non c'è cosa più bella del teatro....
è una magia unica che si capisce solo se la provi.... viva tutti gli attori e gli appassionati di teatro....io amo recitare e non smetterò mai di farlo....

 
 
 

Il filo della vita...

Post n°38 pubblicato il 02 Ottobre 2007 da palcoscenica

Questa sera ho avuto la notizia che una mia amica che purtroppo nn vedo da un po' di tempo sta male, molto male.é bloccata a letto con una malattia molto rara, una specie di artrosi..ha la mia stessa età..16 anni. Nelle sere precedenti è come se me lo fossi sentito, la pensavo spesso e dicevo sempre "ora la kiamo", ma cm facciamo tutti..rimandiamo sempre. E questo nn lo devo fare più...la vita è un filo sottile, che si può spezzare all'improvviso e noi dobbiamo vivere ogni istante intensamente senza perdere tempo. ma c'è una cosa ke nn posso assolutamente capire o tollerare o xdonare...xkè una ragazza così giovane, che è nel meglio della vita, deve soffrire questo inferno. XKè?? io nn mi riferisco a Dio, o a kiunque altro esista..parlo in generale, parlo della natura....forse nn so nemmeno io cosa dico, ma in questo momento ho solo un gran dolore in petto....Spero solo ke tutto si risolva x il meglio.

 
 
 

'A ggente

Post n°37 pubblicato il 02 Ottobre 2007 da palcoscenica

'A ggente ca me vede mmiez' 'a via
me guarda nfaccia e ride. Ride e passa.
Le vene a mmente na cummedia mia,
se ricorda ch'è comica, e se spassa.

Redite pè cient'anne! Sulamente,
v''o vvoglio dì pè scrupolo 'e cuscienza:
io scrivo 'e fatte comiche d' 'a ggente...
E a ridere, truvate cunvenienza?

                            .....Nun credo.

 
 
 

A livella

Post n°36 pubblicato il 01 Agosto 2007 da palcoscenica
 

Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"

 
 
 

SOLI

Post n°35 pubblicato il 06 Luglio 2007 da palcoscenica

A volte mi kiedo la solitudine cosa sia.... quando sei completamente sola e nn hai nessuno con cui parlare?...o quando sei circondata da tante persone, ma lo stesso ti senti il vuoto dentro.....? Non so, nn saprei dire...io sono piena di amici, i miei stanno ancora insieme (anke se sarebbe meglio di no...ma questo è un altro discorso), ho il teatro che mi fa compagnia....eppure c'è qualcosa che mi manca...una parte di me nn è affatto contenta...non è soddisfatta...non è felice...è,oserei dire, SOLA.

 
 
 

Post N° 34

Post n°34 pubblicato il 18 Giugno 2007 da palcoscenica

Adda passà a nuttata!!!

 
 
 

FORZA NAPOLI

Post n°33 pubblicato il 18 Giugno 2007 da palcoscenica

FORZA NAPOLI....

SIAMO IN SERIE AAAAAA!!!!!!

VIVA IL NAPOLI!!!!!!!!!

A TUTTI I NAPOLETANI PRESENTI: VI VOGLIO BENE...SIETE GRANDI....

E KI NON TIFA NAPOLI...PESTE LO COLGA!!!!!!!

 
 
 

LA TV

Post n°32 pubblicato il 11 Maggio 2007 da palcoscenica
 

La Tv è nata nel 1954. Essa nacque come scopo di intrattenimento. All'epoca la tv nn aveva tutti i programmi che invece oggi ha. Oggi invece è tutto totalmente diverso. Si può accendere la televisione in qualsiasi momento, tanto c'è sempre qualcosa di bello da vedere. O forse no? Attualmente, io credo di no. Quando si accende la tv si vedono soltanto programmi in cui o le ragazze sono "messe in vendita", o ragazzi che tentano di sfondare facendo televisione. Inoltre, questa, offre film, e nn solo, in cui scene di sesso e violenza sn messe in primo piano, e spesso questo fa perdere la distinzione tra finzione e realtà e si finisce per credere reale ciò che è solo frutto della fantasia umana. Oggi nn si capisce più cosa è reale e cosa è frutto di tutte quelle ore buttate davanti a quella scatola vuota. Oggi le ragazze devono essere belle come quelle della tv, i ragazzi devono essere forti come quelli dei film.E così si finisce a dimenticare dove inizia il "vero" e dove finisce il "falso". Io credo che bisogni far capire ai giovani che è bello essere se stessi, senza aver paura di essere giudicati. Bisogna far capire loro che la vita reale è molto più dura di quanto si pensi.
Io sn dell'opinione che ci sia bisogno di consapevolezza, da parte degli autori, di fare e dare programmi che siano per tutti, dal sommo poeta al semplice operaio, e noi pubblico sentirci in dovere di essere, in qualche modo, parte attiva nello scegliere la televisione che più ci appaga.

 
 
 

Post N° 31

Post n°31 pubblicato il 26 Aprile 2007 da palcoscenica

Cosa mi consigliate di scrivere???

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: palcoscenica
Data di creazione: 14/11/2006
 

'A PAURA MIA

Tengo nemice? Faccio 'o paro e sparo...
'E ttengo mente e dico: "Stongo ccà!"
E nun tremmo si sent' 'e dì: "Te sparo!"
Chillo c' 'o ddice, 'o ddice, nun 'o ffà.
Si è p' 'o buciardo, nun me movo,aspetto.
('A buscia corre assaie, ma campa poco).
'O vuò vedè? 'O canusce comm' 'o "sette",
va pè parlà, se fa una lamp' 'e fuoco.
'A calunnia? E chella "è un venticello",
dico vicin' a 'o viento: "Nun sciuscià?"
Quann 'ha fatt' 'a sfucata vene 'o bello,
allor' accumminciamm' a raggiunà.
E manco 'a morte, si me tene mente,
me fa paura. 'A morte è generale.
Ll'uommene sò rumanze differente,
ma tènen' una chiusa,unu finale.
M'arròbbano? Arreduco mmiez' 'a via?...
J' fatico e addevento chillu stesso,
ma,quanto voglio bene a mamma mia,
a mme me fa paura sul' 'o fesso!

 

ULTIME VISITE AL BLOG

tovenaarzaccaria85Fallomaticcasalino.davidefiona.protopaola.vassallidaj.deluciaVivaiErediCrisafulligilsoccourbandigiorgiasrlemidelpretevallletAndreaWalternonpiufrankieminchia
 

immagineVolgo questa preghiera al nostro Dio,
se veramente esiste:
su questo mondo triste...
Tu, "generoso", quando mi creasti,
per tuo volere augusto,
un destino crudele mi donasti:
quel di vedere giusto.
                Vedo l'analfabeta, il buonaniente
                stimato e rispettato;
                l'idiota fa carriera più repente:
                diventa letterato!
                Quanti t'hanno pregato con fervore:
                "Dio mio, fammi morire!"
                Io non ti chiedo questo grande onore,
                ma... fammi incretinire>.

             EDUARDO de FILIPPO
 

 

CHE D'È STA MALATIA

Che d'è sta malatia ca mm'è venuta,
stu fatto ca nun voglio vedè 'a ggente...
Chi m''ha mmiscata, chi me l'ha mettuta
sta freva ncuollo ca me dà turmiente?
Chille ca sule parlano
se dice ca so' pazze o so' fissate,
so' chilli tipi c'hanno perz''a bussola
pe' na femmena, o stanno disperate.
Io tengo 'e solde, so' vuluto bbene...
me lament''e che cosa?
Chi m''ha mmiscata chesta malatia,
sta freva ncuollo chi me l'ha mettuta?
Io parlo sulo,crideme,
mmiez'a na folla 'e ggente
ca nun veco; sento parlà e risponnere
dicenno sempe 'e stesse fessarie...
Ma fosse chesta 'a freva e 'a malatia?

 

CHE TE MPORTA?

Cumm'è stato? E che te mporta?
Che te mporta d''o sapè?
E' passato? E nzerra 'a porta
senza sèntere 'o pecché.
Vaie spianno, addimannànno...
a che serve addimmannà?
Pure 'a chille ca te sanno
nun appure 'a verità.
E mettimmo ca nu tizio
dice: -Andò così e così-...
He' perduto tutt''o sfizio:
'o passato adda murì.

 

'E PPREGHIERE

Chi tenesse na figlia malata
e 'a vulesse salvà cu 'e preghiere,
se mettesse vicino assettato,
s''a guardasse, ma senza pregà.

'E ppreghiere so' belle e so' care...
è questione ca quanno he' pregato
e po' vide c''a figlia scumpare
nun te puo' nè accusà nè pentì.

 

Nun date retta
quanno c'è chi dice:
-'O sole me fa male,
'o viento pure...
'O tramonto me mette npucundrìa-.
Sapìte 'a pucundrìa
chi l'ha mmentata?
L'ommo spuorco
ca nun se lava 'e riente
e nun po' rridere!

 
-'O giurnale che dice?-
-C'adda di'...dice chello
ca se po' ddi' quanno staie ncroce,
quann' he' perz' 'a speranza,'a forza,'a voce
e vide atturono a tte tutte nemice.
'E muorte fin'a mmò songo vintuno,
ciente ricoverate e tre suspette-.
-'E nomm' 'e mmette?-
-Comme, nun 'e mmette!
E' tutto chiaro, nun ne sfugge uno.
Però, che t'aggia di'...chistu culèro
sape addò mett' 'e mmane e ll'uocchie pure.
I' cchiù ce penzo, cchiù nun pare 'o vero:
trase int' 'e vasce, và p''e vicarielle...
Nun ce passa p' 'e strade d' 'e signure,
se và piglianno sul' ' e puverielle!-
 

SI T' 'O SAPESSE DICERE

Ah...si putesse dicere
chello c' 'o core dice;
quanto sarria felice
si t' 'o sapesse dì!

E si putisse sèntere
chello c' 'o core sente,
dicisse:-Eternamente
voglio restà cu te!-

Ma 'o core sape scrivere?
'O core è analfabeta,
è comme 'a nu pùeta
ca nun sape cantà.

Se mbroglia... sposta 'e vvirgule...
nu punto ammirativo....
mette nu congiuntivo
addò nun nce 'adda stà...

E tu c' 'o staje a ssèntere
te mbruoglie appriess' a isso,
comme succede spisso...
E addio felicità!

 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963