Creato da schik1 il 30/05/2011

Silvana Scognamiglio

Se ami la lettura, svolta a sinistra, vai in fondo e rifletti. Hai appena terminato di leggere il testo che ti piace. Teatro, Musica, Danza, le basi per una vita migliore e di qualità.

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: schik1
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 49
Prov: NA
 

ULTIME VISITE AL BLOG

IrrequietaDschik1Fanny_WilmotMiss.ZaffiroElemento.Scostanteme_stessa_mealaska_icevittoriococoa201clmisteropaganopaperino61tovirgola_dfIltuocognatinoMassimiliano_UdD
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 

 

Galeotto fu...

Post n°938 pubblicato il 15 Maggio 2018 da schik1

Immagine correlata


L'amore, amore mio.
Durante il viaggio in treno che la conduceva a Milano, le si sedette accanto un'anziana, dal volto serenamente affidabile. Tirò dal libro che aveva in borsa, la foto di suo figlio e l'osservò con insistenza. Poi notò lo sguardo distratto della sua vicina di viaggio, nel guardare fuori dal finestrino, il panorama. Pioveva e le nuvole erano intrise di acqua. "Questo è mio figlio, un brav'uomo", le disse interrompendo la donna nel suo intento che le sorrise appena.Riprese lo sguardo verso il panorama. Alla stazione di Milano l'attendeva il suo uomo che non vedeva da mesi, sempre in giro per tournèe e aveva tanta voglia di abbracciarlo. Almeno così doveva essere e invece si ritrovò da sola sotto la pioggia torrenziale i attesa di un taxi che la conducesse a casa.Eh.. niente cellulare. Davanti al caffè si chiedeva dove fosse finito. Lo chiama al telefono, ma in casa evidentemente non c'era. S'adombrò. Dopo una doccia si stende sul letto, s'addormenta e sogna.
Galeotto fu la foto... il figlio della signora era li che l'attendeva in stazione e le corre incontro abbracciandola. Si precipitano a casa e appena chiusa la porta si spogliano e si baciano frettolosamente, senza dirsi una parola. Lui l'accompagna nel letto e fanno l'amore. Intenso, davvero soddisfacente, proibito e provò una bella sensazione di appagamento. Si gira e si ritrova da sola nel letto e delusa... si sveglia. 
Che strano sogno. Suona il campanello della porta, apre e le appare la donna del treno con una borsa.
- Sono la sua vicina, ho appena traslocato e.. questa l'ha dimenticata sul treno. So di lei, è una pianista famosa ed io sono onorata di averla come dirimpettaia. 
- Grazie - appena accennato.
Chiuse la porta stupita, osservò la borsa l'aprì e trovò i regali che aveva comprato per lui, durante la sua assenza. La ripose nell'armadio. A qualcosa servirà.
Lui, niente. Cena da sola e lui, niente. Squilla il telefono e finalmente..
Giorgio, dove sei finito?... Cosa?.. No... no tu adesso vieni e mi spieghi... come un'altra? ...
i suono assordante del telefono riattaccato gli salta in gola. Era finita. E meno male! Una noia tremenda! Non
l'aveva mai accompagnata, mai sostenuta e tutti quei regali? Ma si! Serviranno a qualcosa! Accese la radio e mentre sorseggiava un drink, suona la porta. Stavolta era il figlio della vicina.
Mi scusi il disturbo. Ha dello zucchero da darmi? Sa, mia madre ha dimenticato di comprarlo..signorina?
Era assai meglio del sogno e... scoppiò in una grassa risata perchè lui non sapeva di aver fatto l'amore con lei ancor prima di conoscerla!! 
Aspetti, .... ecco lo zucchero.. glielo darei per tutta la vita.

 
 
 

Crescita meravigliosa

Post n°937 pubblicato il 12 Maggio 2018 da schik1

Ciao ragazzi!

E' da un pò che sono assente. Ebbene sono diventata direttore artistico della mia produzione presso il Teatro San Carluccio di Napoli. Grande responsabilità, impegno e discernimento.

Sto facendo il cartellone per la mia produzione ed è tutta di alta qualità. Variegata e diversificata.

Attori noti, nuove leve, artisti navigati e figli di puttana.

Cantanti, attori, musicisti, ballerini, fotografi e scrittori faranno parte del nutritissimo cartellone del San Carluccio, periodo Dicembre/Maggio prossimi, inclusi.

Sono felice e anche disorientata, sembra a noi tutti in famiglia, di vivere su una nuvola!! Bellissima sensazione di leggerezza.

Mille complimenti per la programmazione, per l'organizzazione e per le scelte artistiche. Spero che interverranno tutti coloro che aderiranno al mio lavoro.

Partiranno anche i corsi di Recitazione che si terranno tra Ottobre/Giugno inclusi, tranne il mese di Dicembre.

Che dire... mi sono impegnata nonostante mille difficoltà e soprattutto ostacoli, trovare persone affidabili ancora adesso è un'impresa ardua e anche se ci resto male, vado avanti lo stesso.

Kissss

 
 
 

Sfogo

Post n°936 pubblicato il 29 Marzo 2018 da schik1

Voglio esprimere tutto ciò che mi passa dalla testa circa la bellezza delle cose belle.

Il Teatro. E' scoppiato violentemente dentro di me nel 2000 questo desiderio di far parte dell'arte e infatti ho assolto lavori di progettualità addirittura approvati dalla Camera di Commercio di Milano per la Expo 2015.

Onorata. Pochissimi credono che l'arte sia la possibilità di guadagnare e vivere decentemente, perchè non sanno che è un lavoro. Prestigioso ma pur sempre un lavoro.

Vedo tantissima gente che fa Teatro, fa le schifezze e le fa nelle schifezze che chiamato Teatro e si fanno pure pagare. Ci riescono. Ma sono approssimativi e certi di fare bene. No. Fanno male. E nemmeno si rendono conto della ridicolaggine in cui si barcamenano.

Ci sono persona che hanno in registro dei Teatri niente male che non sanno gestire, non sanno come guadagnare bene e sbarcano sempre il lunario. Sprecati. Ma a loro sta bene così e credono convinti, di fare bene.

Non dico degli spettacoli. Schifezze pur di strappare una risata infilandoci parolacce e volgarità. Il Teatro è luogo di insegnamento e non la strada degli allocchi.

L'eleganza, la cultura ma quella vera, ne disarmante e esacerbante, la bellezza dei costumi, delle scene, delle musiche e perchè no anche delle luci.

Tutto fa brodo. Nel mio immaginario vorrò un Teatro col mio stile, che quando si vede uno stemma si capisce immediatamente che trattasi di quella produzione che da quel risultato.

Al Sud è difficilissimo, le compagnie amatoriali bislacche che pullulano a go go inguaiano la piazza perchè con poco svendono un vizio che esiste da secoli: la rappresentazione di una scena.

Attori illusi che credono di essere tali se la tirano perchè si sentono arrivati... si, al capolinea, saccenti e scivi di chi li esorta a fare meglio.

Quanti ce ne sono accidenti a loro! Persone che s'infiltrano come gli 007 per capire come faccio ad attirare a me persone capaci che messe a confronto con altre... non gliela fanno!

Il Teatro. Questo mondo ovattato che affascina chi come me vuole impegnarsi veramente in questa produzione.

Ci sto riflettendo molto bene. Sto facendo una scelta ardua. Ma devo valutare cosa mettere in piazza di diverso dagli altri assai convincente per il pubblico da risultare interessante.

Diciamo che lo so. Ancora poco materiale umano che fatico a trovare in mezzo a  quell'accozzaglia di cui prima e poi si parte per una meravigliosa avventura senza fine.

Silvana Scognamiglio quasi Aprile, 2018



 
 
 

Perchè andai via da casa

Post n°935 pubblicato il 17 Febbraio 2018 da schik1

E' inutile spiegare le motivazioni? Affatto però dipende dalle persone. Personalmente non sono tanto brava a parole, sicuramente con i fatti. Tu stavi assumendo un atteggiamento superbioso nei miei riguardi che non avevo immaginato prima. Mi stavo chiudendo nel mio nuovo mondo, quello dell'arte e della creatività, nel quale non dovevi entrare per non sporcarlo. Iscriversi all'Università non ti autorizzava a sminuirmi mentre invece lo stavi facendo. Nonostante la crisi matrimoniale avevamo deciso a fatica di uscire quella sera per andare a ballare il latino e intanto che ci stavamo preparando, ricevesti una telefonata che prontamente accogliesti in bagno. Capii che era una donna ma non mi preoccupai perchè pensai anche che poteva essere una strategia per farmi ingelosire, ma poi mi dicesti che la nostra serata era saltata perchè dovevi uscire con tuo fratello. Mi avevi messa da parte forse per lui, per un'amante, per un capriccio, per una prova? Bene, avevo avvertito un soffocamento indicibile tale da aspettare che la tua auto fosse lontana per prendere tutte le mie cose a andare via da casa. Mi avevi scartata, fatta sentire una nullità! Come ti eri permesso? L'indomani mi facesti chiamare dai Carabinieri perchè eri preoccupato che mi fosse accaduto qualcosa di male. Bugia. Se ti fossi davvero preoccupato ti saresti immediatamente messo alla ricerca perchè i miei cassetti erano vuoti! Ti ho dato un ceffone forte e invece mi facesti chiamare anche da un mio parente... insomma tu muovere il culo per me no? Hai chiamato gli altri, mi hai fatta sentire controllata, mi hai fatta sentire manipolata. Io volevo te. Mi dicesti che avevi capito che mi trovavo a casa di Laura... l'hai chiamata alle mie spalle per controllare cosa facessi e non ti sei degnato di venire da me per capire cosa mi passasse per la testa!! Infatti ritornai a casa dopo circa due mesi e nemmeno ti degnasti di essere contento. Certamente, sapevi tutto, con l'aiuto di quella sporca traditrice!! Quando abbiamo divorziato ho fatto tutto io: ti volevo lasciare, mi aiutasti a disinnamorarmi di te. Mi aiutasti a scegliere altro e altri col tuo atteggiamento superbo. Mi aiutasti a metabolizzare l'addio senza soffrirne e infatti non soffrii anzi, mi sentii libera e leggera come mai prima di quell'incubo in cui tu mi mettesti. Geloso di tutti gli uomini, della mia presunta carriera, che avrei potuto essere migliore di te! Quel giorno fuori dal Tribunale ti dissi che ti volevo bene e tu mi rispondesti io di meno. Marito, tu non mi hai amata davvero. Finalmente mi dicesti le parole che temevo pensassi che falsamente hai tenuto per te: insignificante, inutile, brutta e ignorante, per non dire cessa, acida. Cosa ti aspettavi che mi strappassi i capelli per la tua amante? Poveraccia, orgogliosa di fare sesso con te non aveva capito che mi aveva fatto un favore. Battaglia legale per i soldi? Non ho mai fatto la tua mantenuta a dispetto del contrario che professava tua madre, figuriamoci se potevo accettare l'elemosina da te col divorzio. La mia dignità non te l'ho regalata, nonostante avessi tramato alle mie spalle tranelli e cattiverie aiutato da gentaglia come te! E poi c'è stato anche Riccardo che non è stato uno stinco di Santo! I figli si fanno con i mariti e le mogli giusti, non significa niente che quando ci si sposa si facciano per dovere coniugale. I figli devono essere solo ed esclusivamente un piacere e una gioia e con te avrei commesso l'errore più grande della mia vita perchè ci saremo legati a vita e mio Dio chissà cosa mi avresti fatto passare con loro! Per chi hai alle spalle tu e come sei fatto tu, cattivo, me li avresti tolti facendomi sbattere nel manicomio! Divorziata io? Si, grazie, felicemente!

 
 
 

Il mio piccolo rifugio

Post n°934 pubblicato il 16 Febbraio 2018 da schik1

Sulle note di questo brano trovo ispirazione.

Mia, mio aggettivi possessivi che spaventano un pò, perchè tolgono la libertà.

L'Amore incatena, ha una forza attrattiva che supera ogni proprio volere, ogni intenzione

Non a caso supera barriere insormontabili, riduce lontananze fisiche e mentali perchè non accetta il no, il confine, il limite.

Tu mi hai catturato con un piccolissimo gesto che io, distratta dal mio male, non ho colto al volo. Mi hai messo a disposizione ciò che non concedi facilmente a tutti.

Ho sobbalzato quando ho compreso che

quel giorno, presa dalla fretta di andare via,

non ho osservato bene, ma ho solo guardato ciò che al momento m'interessava.

Verranno tempi migliori e riceverai da me la meritata ricompensa.

Fammi stare bene

ti farò stare bene.

 
 
 

Corsi di recitazione qualificata

Post n°933 pubblicato il 14 Febbraio 2018 da schik1

Sono aperte le iscrizioni per i corsi di recitazione qualificata.

Il primo prevede un corso base per professionisti del canto lirico che vogliono perfezionare la tecnica interpretativa.
Il secondo è triennale ed è rivolto a giovani diplomati o diplomandi del canto lirico (sono accettati ragazzi e ragazze che studiano presso qualunque scuola di canto lirico campano, preferibilmente quelli di San Pietro a Majella, dove i corsi di Recitazione non sono approfonditi come i nostri. Dato certo dopo un'indagine di mercato) che intendono intraprendere studi approfonditi di recitazione per diventare anche attori professionisti.
La sede operativa sarà presso un teatro a Napoli, zona ospedaliera, e i corsi partiranno ad Ottobre 2018.
Durante i corsi interverranno notissimi attori di teatro e personaggi dello spettacolo per gli stages con i quali si interagirà per perfezionare la formazione.
I corsi sono di tipo accademico, gli orari infatti sono diurni con una durata di 5 ore giornaliere, dal Lunedì al Venerdì, tranne qualche Sabato per le interrogazioni.
A fine corso annuale l'allievo o il partecipante riceverà un attestato di frequenza non riconosciuto, mentre invece per il triennio l'allievo o partecipante riceverà un diploma riconosciuto e il migliore o i migliori, avranno o un contratto di lavoro oppure una borsa di studio per avviamento alla carriera (ci sarà una classifica dell'andamento di tutti il ciclo). Gli altri ex allievi interessati, potranno formare la compagnia teatrale de I Tina Anepeta, che farà un tour presso i più famosi teatri italiani.
Infine al terzo anni gli allievi o partecipanti oltre alla formazione finale, prepareranno uno spettacolo di fine corso che sarà remunerato a tutti gli effetti, in quanto diventati attori professionisti.
Per info e iscrizioni: itinanepeta@virgilio.it oppure chiamare 3409463117 dal Lunedì al Venerdì dalle 10:00 alle 17:00 orario continuato.

 
 
 

Ciao a tutti

Post n°932 pubblicato il 11 Febbraio 2018 da schik1

Ciao proprio a tutti.

Ho trascurato questo Blog per qualche mese perchè avevo delle abitudini da soddisfare.

Ho visto Baglioni al Festival e mi è piaciuto molto anche come uomo. Trovo che assomigli ad un medico romano anche negli atteggiamenti che trovo affascinanti ed eleganti.

Baglioni è una persona introversa, ovvero una persona che difficilmente esterna i suoi sentimenti a parole e direttamente se non con il solo mezzo che ha a disposizione: la musica.

Approcciarsi agli altri significa esporsi apertamente anche attraverso la fisicità, si gesticola, si utilizza il viso apertamente, si utilizzano i piedi e soprattutto le spalle per dirigersi da una parte all'altra mentre si parla e poi si utilizza un linguaggio molto aperto.

L'introverso è schivo, chiuso, statico per certi versi, quasi come se volesse difendersi dagli altri restando al proprio posto e in silenzio. E dietro quei silenzi esiste un mondo eterno, fatto di richieste di aiuto, di essere compreso, amato e accettato per come è.

Sor Claudio è stato così, infatti come tutti gli introversi, non è stato capito, non tanto apprezzato, non tanto piaciuto. A me, un casino!!

Due ruoli precisi che ha saputo eludere l'uno dall'altro e distintamente eseguire con massima precisione e oculatezza e ovviamente professionalità. Spero che l'anno prossimo ci sarà una replica con lui e anche i due co conduttori  molto apprezzati da me.

66 anni di Baglioni visti tutti insieme, un fisico da sballo, un'eleganza evidente e una gentilezza da uomo d'altri tempi, proprio come piace a me!

Che sa corteggiare, che sa farsi apprezzare con gesti semplici e molto evidenti nel contempo.

Viva Claudio Baglioni!!                                                     e tu che mi ricambi gli occhi, in questo istante immenso...

 
 
 

2017

Post n°931 pubblicato il 08 Dicembre 2017 da schik1

 L'anno trascorso.

Ho conosciuto tanta gente, ma ne ho conosciuto uno che mi darà la salute.

Per stare bene inevitabilmente devo stare male. 

Ho cambiato iter lavorativo. Infatti la scelta evince un'evoluzione fantastica che va via da se.

Riorganizzo ancora una volta tutto quanto e capisco che, a differenza delle solite vite delle solite persone, tutto scontato e ogni cosa calibrata, la mia vita è come vivere in una sfera di acqua e fuoco.

2017, anno pari, La Ruota della Fortuna degli arcani maggiori, la somma, il risultato di quest'anno: alti e bassi, salute vacillante che però riceveva da me una sferzata di ripresa, prima giù e poi su e spesso in equilibrio.

Le finanze non sono quelle sperate, ma ancora uno sforzo e ce la dovrò fare, a patto di trovare un partner lavorativo valido.

Tutte proposte alla sporadica.... e un "mi vendo".

Anno particolare. Ho toccato alte sfere, come al solito, ho trovato un innamorato, ma non amo.

Stavolta sono io che temo mi tolga la mia vena artistica. E' come rinnegare che sono donna. Impossibile!

 
 
 

Scrittori, Commediografi, Plottisti e diritti d'autore

Post n°930 pubblicato il 22 Ottobre 2017 da schik1

Sto discutendo da alcuni giorni con un'attrice per la messa in scena di un plot che ho scritto qualche mese fa.

Mi ha spiegato come si comportano i Registi con gli scrittori nella parte scenica e come modificano costumi, trucchi e ambientazioni rispetto alla stesura.
L'importante è non stravolgere il contenuto, non cambiare il titolo, la parte dialogica e soprattutto lo stile, senza il consenso dell'autore.
Tutti i miei lavori sono registrati legalmente e con la SIAE non ci azzecco una cippa.
Nessuno mi deve dire come svolgere il mio lavoro, come e dove tutelarlo perchè quando scoprirò della copia anche di un personaggio, mi comporto di conseguenza.
Una certa Maria mi ha copiato il personaggio di bambola, l'ha chiamata bambina e quando ha presentato al pubblico lo spettacolo, ha usato le mie stesse parole. Diego ti suggerisco, visto che ti voglio bene a dispetto della sua gelosia (me ne frego) di osservare: ciò che fa o che ha fatto agli altri, lo farà anche a te. L'acqua cheta. Però caro Diego ti chiesi di scrivere le musiche per me ed avevo preparato la scaletta... per Diego. Ho tutelato anche quella.
Pertanto quando andrà in scena LA POLVERE MAGICA DEL NATALE PARO PARO A QUELLA CHE VI HO INVIATO TRAMITE MAIL......... PRIMA della vostra messa in scena.... Maria deve stare a cuccia.... e le sto facendo un favore.
Ecco il motivo della fuga....
e non della figa! Lo ribadisco: la vita è una ruota. Lei mi ha tolto una mia creatura e Dio le ha tolto.. l'attrice sa di avere a che fare con una persona con gli attributi. Se avessi un manager sarebbe tutto più semplice. Cerco un uomo che mi faccia da manager per organizzare il mio lavoro moooolto promettente. E il suo con me. Per contatti no mail ma solo 3409463117

 
 
 

Prova inconfutabile

Post n°928 pubblicato il 21 Ottobre 2017 da schik1


Questa è stata la parodia di Cenerentola che, come si vede chiarissimamente, è UN UOMO!! 
Sta dietro ed è quello abbracciato al sorellastro. Io sono la prima bambina a partire da sinistra. Uomini che sono donne e donna che sono uomini (facevo la parte maschile nel ballo) E parlo di almeno 30 anni fa!!

 
 
 

Che fai?

Post n°927 pubblicato il 20 Ottobre 2017 da schik1

Mi chiedono come mai questo silenzio. Non posto nulla del mio lavoro perchè ho scelto la nicchia. Ho organizzato i corsi di recitazione e metteranno in scena le mie commedie. 

Per gli spettacoli posterò le locandine ma per il resto no. Evito la concorrenza.
Saluti, amici

 
 
 

Compagnie amatoriali... insomma!

Post n°926 pubblicato il 20 Ottobre 2017 da schik1

L'ottusaggine è quell'attributo lontano dalla mia mentalità.

Ho scritto una favola per la famiglia e perbacco! I Registi amatoriali l'hanno messa in un target ovvero: solo i bambini possono metterla in scena perchè è appunto una favola e riguarda solo loro.
Cosa ci hanno insegnato: Sandra Mondaini, Raimondo Vianello, Aldo Fabrizio, Franco e Ciccio, Totò e tantissimi altri? Aberro davanti a cotanta grettezza. Allora: meglio dire che questo non è lo stile, lo spirito della compagnia invece che dire: E' una recita per bambini" laddove ci sono Mirella e Gustavo i genitori di Francesco e Stefania che pomiciano davanti a Babbo Natale e ai giocattoli sotto l'albero! E poi mancate di fantasia; gli attori devono sapere e interpretare qualunque personaggio anche un animale. L'interprete alla sporadica è: il napoletano che recita solo il dialetto perchè non ha studiato la fonetica e la dizione e i bambini recitano solo i ruoli di bambini perchè il Regista non è in grado di accompagnarli in scena per non dire che gli attori non sanno fare quel personaggio perchè non hanno studiato l'interpretazione Stani/Strasberg! Cultura, ci vuole la gavetta ecco perchè non riesco a lavorare con chiunque. Non sono per le approssimazioni. Scusate.

 
 
 

Non è mai come sembra

Post n°924 pubblicato il 19 Ottobre 2017 da schik1

DESIDERO VIVERE.

QUANDO RESPIRO CERTI POSTI

COMPRENDO CHE IL MONDO E' GRANDE.

UNA MANO NELLA MIA

L'INTESA INTENSA

CAMMINARE IN SILENZI

E POI UN BACIO.

SE MI VUOI VIENIMI A CERCARE E TROVAMI.


 
 
 

Sentimenti strani

Post n°923 pubblicato il 19 Ottobre 2017 da schik1

Ognuno di noi vive strane sensazioni.

Nella mia vita ho conosciuto amore e odio contemporaneamente.

Una sola volta mi sono ritrovata ad amare e odiare

alla stessa intensità e poi...

la paura di reazioni convulse ed esagerate.

Mai una volta veramente sinceri

mai una volta senza meschinità.

Eppure era amore, innocente

vero, reale e desiderato ma..

umiliato e mortificato all'ennesima potenza!

Un suicidio ambivaente inutile perchè...

poi tutto emerge, ogni cosa va contro ogni volontà controllata.

 
 
 

Discorsi fra amiche

Post n°922 pubblicato il 13 Agosto 2017 da schik1

Oggi, chiachierando davanti a dolci e caffè con un'amica....

Ero giovane, avevo poco da raccontare, stavo iniziando la mia vita e conobbi una Marchesa a Busto Arsizio.... mi chiamava stella, un vezzeggiativo che al nord danno alle ragazze ben volute.

La conobbi per caso, perchè cercavo immobili da mercare e lei era proprietaria di un'intero palazzo, compresa l'attività di antiquariato che svolgeva in un lussuosissimo locale in centro.

Il maggiordomo mi portò un caffè e l'anziana donna, ben vestita e ben truccata, mi guardava con entusiasmo.

Mi disse che non avrebbe dato incarico ad una qualunque agenzia per la vendita dell'immobile, sarebbe stato meglio farlo privatamente tramite conoscenza e mi scelse perchè trovava nei miei modi di fare eleganza e signorilità.

Mi avrebbe corrisposto un succulento ringraziamento, ma non avendo conoscenze di quel calibro e nemmeno esperienza nel settore compra vendita immobiliare, rifiutai. Avevo appena iniziando. Lei lo capì.

Mi chiese di farle visita per due chiachiere e sovente di Domenica, mi recavo da lei di nascosto a mio marito, per farle compagnia. Dopo un paio di mesi circa tentò di regalarmi una collana preziosa, come forma di cortesia.

Era sola, vedova e i figli si trovavano all'estero e le erano rimasti il maggiordomo, un cagnolino e la sua attività.

Mi raccontò, nei lunghi soggiorni, della sua vita e che si era innamorata di un Principe spagnolo che però non poltè sposare, perchè lei non era dello stesso rango.

La sua famiglia era come dire... meno importante per cui il loro fu un amore impossibile.

Interruppi le visite perchè mio marito non doveva sospettare ma quando nel 2001 ritornai a Busto Arsizio oramai separata, lei non c'era più e il paazzo fu venduto da diverso tempo.

La mia amica è rimasta sbalordita di questo racconto e mi ha ammirata per la fortuna che ho avuto stando in Lombardia.

Anche a Napoli c'è un Principe ma ha la puzza sotto il naso. Conosco un Marchese, cafone come pochi e un Barone... con lui è storia vecchia e di amicizia!!

 

Sil.

 
 
 

Magari....

Post n°921 pubblicato il 21 Luglio 2017 da schik1

Se mi conoscessi non mi negheresti due ali. Che ho "un gran disordine nella mente" che anche tu potrai guarire. Rimani.

La sola cosa da fare è superare gli ostacoli del cuore e della mente.

La sola cosa da fare è oltrepassare il limite della coscienza e diventare assertivi.

Lascia stare le ragnatele, oramai non hanno più pennicillina, ma solo acari e polvere.

Unisciti ai tuoi affetti, tutti, altrimenti un giorno lo rimpiangerai e avrai ancora un vuoto che più vuoto non c'è!

Sai qual'è il risultato di mangiare pane e orgoglio? Il pane nutre, l'orgoglio distrugge e distrugge anche quel buon pane che hai ingerito.

Perdona e perdonati. Falla finita che è meglio soprattutto per te.

 
 
 

Momenti..

Post n°920 pubblicato il 20 Luglio 2017 da schik1

Le nuvole.

Le pause e me.

Una canzone cantata

e non ascoltata ma sentita.

Uno sbandamento e un timore

di cadere e di perdere l'orientamento.

La felicità è dietro l'angolo ma la paura di morire

è tanta. Dentro di te non esisto, dentro la vita non vivo

ma con me sempre sono viva e vera. Amori, amanti, successo

e soldi ne avrò, ma sarò sempre a metà. Tra me e te, tra lui e te, tra la vita

e la morte. L'Oracolo delle Maschere. Cin quanta carte scritte e descritte, disegni

già avviati e tra poco rientrerò nell'ambito dello scherno. Belle, colorate e divertenti.

 

 

                        

 
 
 

Ricordi

Post n°918 pubblicato il 02 Luglio 2017 da schik1

Oggi ho rivissuto momenti bellissimi, rinnovando il ricordo e le emozioni.

Ho chiuso gli occhi e con la mente sono ritornata in Lombardia al lago Maggiore dove c'è una storia, una leggenda, poi ho rivisto Wolf e al Ticino, dove spesso fotografavo il fiume coi piedi nell'acqua. Ricordo i costumi da mare che comprai in un negozio a Legnano di Domenica e un attico verso Piazza Da Giussano che avrei voluto acquistare. Ricordo Milano Duomo un piccolo bar raffinato dove incrociai con lo sguardo, un uomo elegante, distinto che osservava nella mia camicetta. Ricordo l'odore di Mc Donald's nei pressi di viale Zara e infine il balconcino dei sempre verde al Corso Vittorio Emanuele. Ricordo Milano marittima in Estate, le serate latine con gli amici a ballare e fare baldoria. Ricordo della Cabello che mi chiese il nome e le piacque, mentre registrava per MTV. Ricordo le risate, la spensieratezza

 
 
 

Per Maurizio, il mio ex cognato

Post n°917 pubblicato il 30 Giugno 2017 da schik1

Ho sempre avuto il forte sospetto che lavorassi in quell'azienda di Moda al posto mio.

Ho sempre avuto il sospetto che mi abbia preso di nascosto il progetto e lo abbia fatto tuo.
Ho ancora adesso il sospetto che continui a vivere il lavoro che mi hai preso senza chiedermi il permesso e adesso che hai paura che ti possa io "fare fuori", ti accapigli in questo posto con mille nik dalla foto uguale perchè.... secondo il tuo cervello piccolo, dovrei impazzire.
Spero di essermi sbagliata in tutti questi anni anche se, da donna intelligente e intuitiva che sono sempre stata, non mi sbaglio.
Devi lottare con le unghie e con i denti per buttare via me, altrimenti sarebbe la tua fine.
So, ne sono certa che adesso qualche pezzo grosso di quella casa di Moda mi legge, perchè ha interesse verso me e quando scoprirà la vera verità, ne la mia e ne la tua, tu perderai e io prenderò quel posto che mi merito.
 (avrei voluto continuare il periodo mettendoci una virgole con parole poco carine nei tuoi riguardi, tipo, brutto figlio di..)
Sei sempre stato geloso del mio matrimonio, di quello che abbiamo costruito io e tuo fratello e non hai esitato a gettare tutto quanto nel cestino.
E non dire che è stata colpa mia o di tuo fratello perchè, un'altra mia forte convinzione, sei stato mandato da quel caro tuo zio siciliano a fare la spia in casa mia e distruggere tutto, SENZA RISPETTO!
Spero che davvero l'avrò vinta.... 13 anni della mia vita rubati e goduti, adesso, tocca a me!

La tua meno male ex cognata.

 
 
 

Ciao, bellissima statua sommersa

Post n°916 pubblicato il 22 Giugno 2017 da schik1

Ruggiero mese prossimo verrò a Roma.
Stavolta però non andrò nella casetta
nemmeno al solito posto.
Tu sai come fare, ancora una volta.

 
 
 
Successivi »
 

 

 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI