Creato da: scioperofiscale il 07/05/2006
La nascita di un nuovo Network

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Link preferiti

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Ultime visite al Blog

egle9susamarmimarcocasa0enrica1989cicciocarillolottergsctthsoeenrbermegliopeggioitaliacboySdoppiamoCupidobonazzo9
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

PRONTO? C'é NESSUNO?!?

Post n°19 pubblicato il 07 Agosto 2006 da scioperofiscale
Foto di scioperofiscale

BRUXELLES (Reuters) - La Commissione europea ha intenzione di contattare il governo italiano per approfondire le motivazioni con le quali l'esecutivo ha bloccato venerdì la fusione fra Autostrade (Milano: AUTO.MI - notizie) e la spagnola Abertis (Madrid: ABE.MC - notizie) >ABE.MC>.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

....NO COMMENT...

Post n°18 pubblicato il 07 Agosto 2006 da scioperofiscale
Foto di scioperofiscale

Detto fatto... guardate due post fa, solo stamane...

(ANSA) - ROMA, 7 ago - La fine della politica dei condoni e una maggiore fermezza nella lotta all' evasione è stata compresa dai contribuenti "e i risultati si vedono". Lo afferma il vice-ministro per l' Economia, Vincenzo Visco commentando i dati delle entrate tributarie.
"La dinamica degli acconti nell'autotassazione di giugno, superiori ai saldi per il 2005 - afferma Visco - dimostra in modo concreto, dati alla mano, che la linea di politica economica adottata dal governo Prodi ha prodotto un rapido e importante cambiamento nell'atteggiamento dei contribuenti".
Per Visco, "l' autotassazione di giugno testimonia infatti che la scelta di non fare più condoni e di perseguire invece con fermezza, come è giusto e doveroso, la lotta all'evasione fiscale è stata capita dai contribuenti. E i risultati si vedono".

Eh si, ragazzi, quest'uomo c'ha fatto proprio paura! Finalmente l'Italia ha smesso di nascondere i soldi: Ragazzi le tasse si pagano, ecchecazz...

Minchia, se in un mese riescono a fare fantapolitica in questo modo chi sa cosa ci attende in 5 anni!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ma i compagni europei non volevano PRRRoodi?

Post n°17 pubblicato il 07 Agosto 2006 da scioperofiscale
Foto di scioperofiscale

ROMA (MF-DJ)--Ci sarebbe solo una questione di protezionismo dietro lascelta del ministro per le Infrastrutture, Antonio Di Pietro, di negarel'autorizzazione alla fusione Autostrade (Milano: AUTO.MI - notizie) -Abertis (Madrid: ABE.MC - notizie) . Ne e' convinto il WallStreet Journal, che oggi scrive che il ministro 'semplicemente non vuolevendere le autostrade agli spagnoli'. I paventati rischi di conflitti diinteresse sarebbero dunque solo un 'mero pretesto'. Le motivazioni del no addotte dal Governo italiano richiamanoprincipalmente la presenza di un grande costruttore, il gruppoAcs-Dragados, nell'azionariato di Abertis e nella compagine che nascerebbedalla fusione. Una presenza vietata dalla legge italiana che aveva portatoalla privatizzazione di Autostrade. Ma 'se Acs (Madrid: ACS.MC - notizie) fosse il vero problema -argomenta il Wsj - sarebbe stato semplice trovare rimedi per evitare iconflitti di interesse. Dopo tutto - continua il giornale - Abertis non e'entrata nell'affare per vincere piu' contratti di costruzioni'.red/fdp(segue)MF-DJ NEWS

Ragazzi, comunque vada siamo sempre dei bastardi Italiani, non ce lo scordiamo. Se i Francesi usano una tale politica per le loro aziende, sono dei grandi, noi siamo dei Mafiosi protezionisti.

E c'era chi era contento di mandare a casa Berlusconi perché dicevano che all'estero ci prendono in giro. Ed infatti abbiamo visto i voti degli "italiani" che però in Italia non ci vivono più.. Forse sarebbe meglio se noi poveri italiani avessimo un po' più di autostima o perlomeno che non guardasssimo all'"estero" con tanta stima.. sapeste quanto sono simpatici certi governi europei.

Quello tedesco ad esempio, durante i mondiali ha fatto passare una legge con la quale ha diminuito la sussistenza sanitaria statale, demandandone una maggior parte alla popolazione, mediante tasse, of course.

Adesso che i tedeschi si sono svegliati dalla batosta se ne stanno rendendo conto e si iniziano a vedere i primi articoli di protesta..

Era meglio se glielo mettevamo tutti in saccoccia ad Aprile, no?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Si inizia.. La Stampa pilotata

Post n°16 pubblicato il 07 Agosto 2006 da scioperofiscale
Foto di scioperofiscale

è di oggi il seguente:

ROMA (Reuters) - Le entrate tributarie italiane sono salite del 12,3% nei primi sei mesi dell'anno rispetto a un anno fa, con i primi segni di successo dell'impegno del governo di centrosinistra nella lotta all'evasione.

Nel periodo gennaio-giugno 2006 le entrate tributarie di competenza hanno raggiunto 179, 111 miliardi di euro (+19,674 mld, pari a +12,3%), ha detto il Dipartimento per le Politiche Fiscali del Ministero dell'Economia e delle Finanze.

Il maggior balzo è stato registrato dalle entrate derivanti dalle ispezioni tributarie per combattere l'evasione, che hanno più che raddoppiato a 1,169 miliardi di euro -- con un aumento del 101,9%.

In dettagli, il gettito delle imposte dirette è risultato di 96,629 miliardi (+13,249 mld, pari a +15,9%), che costituisce il 54,0% del totale delle entrate.

L'Irpef, con i primi risultati dell'autoliquidazione, ha generato entrate per 69,452 miliardi (+4,143 mld, pari a +6,3%).

Le ritenute contribuiscono per 64,931 miliardi (+3,953 mldi, pari a +6,5%), l'autoliquidazione ha dato un apporto di 4,521 miliardi (+190 milioni, pari a +4,4%).

Il gettito Ires, anch'esso influenzato dai primi dati sull'autoliquidazione, è stato di 13,537 miliardi (+2,491 mld, pari a +22,6%).

Il gettito delle imposte indirette è risultato di 82,482 miliardi (+6,425 mld, pari a +8,4%), che costituisce il 46,0% del totale delle entrate.

Le entrate Iva sono state 49,387 miliardi (+4.388 mld, pari a +9,8%).

Le entrate destinate agli enti territoriali e locali sono ammontate a 16,491 miliardi (+1,339 mld, pari a +8,8%).

Evidentemente alla Reuters stanno facendo buoni affari.. Dare il merito degli introiti tributari di Giugno ad un governo zoppo che ha preso il via a Maggio e che è riuscito a far passare un paio di decreti solo con la fiducia.. è veramente patetico.

Non è che ancora sono in vigore leggi del precedente governo, tra cui tra l'altro l'innalzamento delle aliquote con corrispondente abbassamento dell'imposizione fiscale, vero? Macché, Benvenuti a Italy Disneyland, dove solo l'immaginazione è il nostro limite!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Un invito al popolo Italiano

Post n°15 pubblicato il 02 Luglio 2006 da scioperofiscale

Cominciamo con qualche delucidazione, dedicata ai buonpensanti ed ai conigli... C'è chi parla di evasione fiscale riferendosi a questo meraviglioso blog. C'è chi, per paura di possibili coinvolgimenti, si ritira con coda tra le gambe piangendo la sua totale innocenza e la sua conformità al pagamento delle tasse.

Signori e signore, datevi pace; non avete capito un beneamato...

Questo Blog non rappresenta in alcun modo un invito o anche un solo semplice accenno alla possibilità dell'evasione fiscale. Il blog è nato quando il Cav. Berlusconi, in maniera provocatoria, asserì che il popolo della CdL avrebbe messo in atto uno sciopero fiscale nel caso in cui, oggettivamente, non fosse stato rappresentato in parlamento. E questo era il periodo in cui D'Alema fu proposto come capo dello stato.

Abbiamo voluto sottolineare in corsivo la parola sciopero in quanto differente da quella evasione. Con sciopero si intende ovviamente una momentanea sospensione, in questo caso una temporanea astensione dal pagamento delle tasse finché non si verifichino determinate condizioni di democrazia.

Ci perdonerete la momentanea assenza, ma gli autori del blog hanno piuttosto da lavorare, cercando di portare non solo tasse all'Italia, ma anche il buon nome all'estero.

Da queste sporadiche considerazioni ed acute osservazioni nascerà prima o poi un nuovo movimento politico che alla fine possa dare una reale alternativa al popolo italiano, diviso tra ipocriti e ladri. L'opposizione all'attuale governo è indiscussa, e non commenteremo minimamente la possibilità della tassa una tantum sui conti correnti che potremmo veder riapplicata dal lontano 1992. Consideriamo il nostro popolo sufficientemente CONSCIO dell'immoralità e cinismo di un tale gesto.

Al contempo la NUOVA classe politica che cercheremo di fondare negli anni a venire avrà ben poco a che fare con gli, ahimé, poco chiari giri del Sig. Berlusconi. Nel nostro curriculum non vi sarà alcuna traccia di favoritismi o scalate di potere per vie "semplici". Tali vie le abbiamo già studiate ed abbiamo conscientemente deciso di non attuarle, nonostante attualmente il nostro paese non ci supporti in alcun modo nello svolgimento di attività professionali e il fisco uccida sul nascere ogni speranza di costruire un'attività competitiva con i nostri colleghi europei. Parliamo di INPS (cui dimostreremo come promesso l'evasione legalizzata dei fondi pagati dai contibuenti), tasse regionali, svariati albi, banche, ecc. Sebbene il passato governo avesse iniziato a compiere importanti passi verso uno sgravio fiscale e burocratico.

La nostra conoscenza del torbido mondo del legale illegale ci aiuterà in futuro a combatterlo.

La vera natura di questa nuova corrente politica si baserà in primo luogo su un desiderio di consapevolezza del cittadino nei confronti di tutto ciò che riguarda la vita pubblica e le istituzioni. Vogliamo che il popolo italiano sia sveglio e cosciente, a cominciare dalle farse e dai giochi circensi con cui le grandi potenze vogliono distrarci l'attenzione sui veri grandi problemi. Con questo ci riferiamo ad esempio al modo in cui il popolo tedesco viene in questi giorni distolto dall'attenzione sulle riforme nell'ambito della sanità e delle riforme fiscali con quella grande farsa che sono i campionati mondiali, con partire pilotate ed un brasile, cattivo attore, che mostra in maniera imbarazzante i giochi di potere e le convenienze di una certa classe di potere nel vedere una finale Germania - Francia.

Poi mi raccomando Italiani, facciamoci snobbare dai Tedeschi che ci indicano i nostri errori e "scandali" casalinghi in fatto di arbitraggi e "mazzette".

No Amici, ci libereremo del nostro disfattismo ed andremo fieri del nostro nome, perché saremo attenti ed autocritici, ma soprattutto consapevoli della realtà delle cose.

Vi invitiamo per cui a partecipare a questo nuvo movimento, partorendo idee che possano, una ad una, costruire una vera base per un futuro diverso. Da questa base prenderà vita un nuovo partito politico, il cui nome, come nelle migliori democrazie, sarà scelto assieme a voi sulla base delle nostre discussioni.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »