Creato da nina.monamour il 11/06/2010
 

Il Diavolo in Corpo

Di tutto e di piu'.....

 

 

« Il silenzio dell’invidio...Glazie, no.. »

Il telefono è muto..

Post n°8902 pubblicato il 07 Maggio 2020 da nina.monamour


Si avvicina la data del compleanno del mio adorato nipotino che ha chiesto in regalo al suo Papà un telefonino semplice e stamattina, mentro stendevo i panni, mi sono lasciata prendere da vecchi ricordi..


Immagine correlata


Trovare un figlio a cui i genitori non abbiano regalato un cellulare è ormai una vera rarità; noi lo compriamo, credo, soprattutto con la speranza di assicurarci il contatto con loro. Mio figlio ha avuto il suo primo cellulare quando ormai era già maggiorenne, ma poi l'età del telefonino si è abbassata; così quando ho dato il cellulare in mano a suo fratello minore, lui era solo adolescente.

La prima volta che è uscito da solo gli ho raccomandato.."Più tardi ti chiamo, rispondi..", ed è stato un pomeriggio da incubo, sì perchè quando dopo qualche ora ho provato a chiamarlo, e squilla..squilla..squilla...ma nessuna risposta! "Non avrà sentito.." mi sono detta.
Dopo una mezz'ora ci ho riprovato, ma ancora nessuna risposta e, lì già cominciavo a stare lievemente in ansia.

Alla terza telefonata il cellulare risultava addirittura spento; al ritorno mi ha detto tutte quelle cose che noi mamme abbiamo sentito mille volte, tipo.."Non ho sentito il telefonino squillare perchè era nella tasca del giubbotto..", opprure.." La batteria si è scaricata,," e così via...

Bé, era la prima volta che lo aveva con sé, magari non era abituato, ho pensato, così le volte successive le raccomandazioni sono state tantissime, della serie.."ricarica il telefono, alza la suoneria, se vedi che ti ho chiamato richiama, se non vuoi chiamare manda un sms..".
Ma sono cadute quasi sempre nel nulla (e meno male), in moltissime occasioni, per parlare con lui ho dovuto chiamare uno dei suoi amici.

E alla mia domanda.."Perché i tuoi amici rispondono ai primi squilli e tu no?", la risposta è stata..."Mamma, neppure loro rispondono se sono i loro genitori a chiamarli, a te rispondono perchè il tuo numero non lo riconoscono". Quindi fanno apposta a non rispondere, ma io dico  perché, che cosa ci vorrà mai a mandare un sms per dire.."è tutto ok?"
Ci vuole la volontà di farlo, che non c'è perchè loro non vogliono essere controllati.

E noi come ci comportavamo alla loro età?

Certo, il telefonino non c'era, dunque stava al nostro buon senso farci vivi; capitava di non trovare i gettoni o la cabina telefonica e poi le interurbane erano costose. Insomma, le telefonate erano poche e rapide e i genitori si dovevano accontentare.

Oggi il telefonino per i ragazzini è un modo per rimanere in contatto con tutti, ovunque, ma con mamma e papà.
Peccato che noi glielo avessimo dato con questo scopo, io spesso mi accontento di vedere a che ora i miei figli si sono connessi l'ultima volta su WhatsApp, questo per me corrisponde ad un "è tutto ok".

Gli Psicologi dicono che recidere il filo del telefono è come recidere il cordone ombelicale e uscire dall'adolescenza; poi pare che dopo i vent'anni i figli ritrovino un certo interesse nel contatto telefonico..e allora, coraggio, è solo questione di tempo!!

Ne siamo sicuri? Nutro perplessità e voi?

Commenti al Post:
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 07/05/20 alle 17:35 via WEB
Io non telefonavo. Se non per segnalare ritardi nel rincasare.
Mie figlie sono molto più brave di me: quando sono, anzi erano, fuori casa sanno che preferisco sentire la loro voce piuttosto che leggere un messaggio anche se con le emoticon: dalla voce riconosco i loro stati d'animo ed inoltre è un modo più umano... secondo me :) ciao Nina
 
 
nina.monamour
nina.monamour il 08/05/20 alle 16:36 via WEB
Ai miei tempi non telefonavo neanche io, non essendo l'era del cellulare, se ero da amiche compagne di scuola, chiedevo il permesso per usufruire del telefono di casa per avvertire i miei genitori, se ero fuori usavo le cabine telefoniche, che bei ricordi, Quando ero fidanzata con il mio ex marito avevamo scelto una cabina vicina a noi due, si trovava in una pineta e la sera, tutte le sere, Lui mi chiamava alle 21.00, tanto che chi voleva telefonare aveva capito che quella cabina era il telefono dell'amore, potevano buttare la cabina a terra, ma lui era sempre imperterrito e mi diceva sempre, tranquilla Nina, quì non viene più nessuno a telefonare, quando mi vedono girano al largo, parlavamo ogni sera tre ore, cosa ci dicevamo? Non ricordo, ma sicuramente parlavamo dei nostri sogni, del nostro futuro, ci amavamo tanto..,eravamo felici! Oggi i giovani sono diversi da noi, ma al di là di tutto, l'importante è avvisare i genitori, noi genitori, buon pomeriggio Elena.
 
divinacreatura59
divinacreatura59 il 07/05/20 alle 17:52 via WEB
Mio figlio onestamente è peggiorato col tempo.Se prima non rispondeva alle chiamate con mille scuse,adesso chiama lui quando gli va tanto se lo chiamo non risponde.Non voglio avvelirmi e seguo la scia tanto è inutile.Del resto anche io con tutti chiamo quando ho voglia e rispondo in modo uguale.Non devo meravigliarmi di avere un figlio che mi somiglia:)Baci Ninuzza:)
 
 
nina.monamour
nina.monamour il 08/05/20 alle 16:18 via WEB
Spesso e molto tempo prima Diana, ci sentiamo le regine della casa con il piccolo che ci chiama in ogni momento. Chiede aiuto, baci e coccole, e dice in continuazione.. "voglio mamma". Poi tutto cambia, tutto tace, la gestione dei figli diventa meno difficile da un punto di vista fisico, perché non è più necessario accudirli in ogni momento, ma i rapporti si complicano, infatti subentra il tempo di liti e contestazioni. Ogni cosa che fa il genitore è sbagliata, ncominciano le tensioni e quelle frasi che tu non vorresti mai ascoltare della serie.. che c'è? Lasciami in pace". E molte di noi si sentono, svuotate, sole e andiamo in crisi. Il periodo più critico è senz'altro l'adolescenza che oggi tende a protrarsi a lungo. I teenager tendono a respingere le figure genitoriali e gli scontri si moltiplicano. Se li chiami sul cellulare diranno che li trattiamo come ebeti mentre per loro il distacco dai noi genitori rappresenta una fase indispensabile e preziosa del loro sviluppo personale. Ed è proprio così Diana, passa un lieto pomeriggio.
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/05/20 alle 18:42 via WEB
Le apprensioni per i figli non ancora maggiorenni, sono in dotazione al carico che ogni genitore si mette sulle spalle non solo per eventuali responsabilità, ma anche per aspetti intimi e personali secondo i rapporti che intercorrono con la mamma e il papà. Io purtroppo sono ansioso e troppo nervoso di natura: quando mio figlio era adolescente prossimo alla maggior età, non vi erano telefonini. Lui usciva con la sua comitiva e noi con le solite raccomandazioni ovvie e scontate, lo lasciavamo andare. Accadeva che noi andavamo a letto e lui non era ancora rientrato. Allora Carle' si alzava dal letto ogni mezz'ora circa, si affacciava nel corridoio e guardava la porta (a vetri) se fosse illuminata. Se lo era per la luce della tv, allora era già nel suo letto e non dormiva, se era buia mi avvicinavo verso la porta di ingresso e al buio, a tentoni, scorrevo la mano sullo stipite per toccare le sicura e controllare se fosse stata inserita. Se c'era, dormiva e tornavo rasserenato a letto, se era ancora aperta sapevo che non era ancora rientrato. E così per alcuni anni fino a quando partì per il militare e finì l'età del controllo. Con la femmina è stato un po' più facile e non ho mai avuto grandi problemi: mai troppo tardi e sempre con le stesse persone di comitiva. Nessun problema. Quindi e concludo: massima fiducia nei ragazzi se sono stati ben educati e mai far sentire troppo il fiato addosso. Oggi che il grande ha 49 anni, non gli telefono perché è lui che deve controllare le sue due "ragazze" che sono pronte alle uscite serali ma con moderazione e sicurezza. Buona sera mia cara Nina.
 
 
nina.monamour
nina.monamour il 08/05/20 alle 15:08 via WEB
Oggi, in questo momento, ho capito perchè io e te viviamo in simbiosi, anche io facevo la stessa cosa tua, quando uscivano la notte non era più notte, era un girovagare in casa nell'attesa che rientrassero, il mio cuore andava in fibrillazione, spesso dovevo stendermi su un divano perchè sembrava che voleva uscire fuori dal mio petto, allora prendevo un paio di gocce di Lexotan e mi calmavo. Credo che l'adolescenza dei figli sia soprattutto "aspettare", aspettare che capiscano la loro strada, aspettare che finiscano di piangere quando gli si spezza il cuore, aspettare fuori dalla cameretta finché sono arrabbiati, aspettare la sera fino a tardi finché non tornano a casa, aspettare la telefonata che ti dice che qualcosa è andato storto. Mio caro amico, essere genitori è fare i conti con l'infinito (senza Leopardi). Qualcosa che va oltre la nostra possibilità umana, ma in qualche modo funzionerà, buon pomeriggio Carlè.
 
Semplicegeisha
Semplicegeisha il 07/05/20 alle 18:51 via WEB
Io sono contraria a dare ai bambini smartphone e tablet, io stessa per scelta non ho lo smartphone (ma il tablet che però uso con parsimonia non avendolo sempre a portata di mano). Il dubbio è però nel momento in cui c'è l'hanno tutti gli altri bambini e le mie non si sentiranno escluse? Eppure le gemmelline sono ancora piccole, hanno compiuto solo otto anni il mese scorso come ben tu sai Ninetta, quindi non credo che capitolerò e Dario ne è d'accordo, pensiamo che c'è un tempo per tutto nella vita, buona serata.
 
 
nina.monamour
nina.monamour il 08/05/20 alle 15:51 via WEB
Ancora le tue bambine sono piccole, vedrai a breve come ci sarai dentro fino al collo, ahahahahahahhh. Come ho già scritto presicamente attorno alla propria prole, accettare che i figli crescono è per un genitore uno degli ostacoli più grandi. Pensare a ciò che dovrà e vorrà affrontare, fa paura. Il dover accettare il fatto che un figlio possa desiderare di fare esperienze nuove e distanti da loro, andare in giro, frequentare luoghi e persone che non siano mamma e papà, ci terrorizza particolarmente, figuriamoci se ha un cellulare e non ti risponde. Io sono sempre stata contraria, ma alla fine, all'età giusto, ho deposto le armi! Buon w.e. cara.
 
NonnoRenzo0
NonnoRenzo0 il 07/05/20 alle 18:52 via WEB
I miei figli sono venuti in possesso del telefonino in età adulta, io ne sono venuto in possesso in età avanzata "regalo dei miei figli "Oggi la tecnologia corre le esigenze sono cambiate" pero sono stato il precursore col pc ho iniziaotp con il Commodore C64.Felice serata Nina ciao
 
 
nina.monamour
nina.monamour il 08/05/20 alle 16:02 via WEB
Caro Renzo, mi ritrovo nella tua stessa situazione, non ho mai amato questo sconosciuto "cellulare", non sapevo cosa farmene, ma i miei figli insistevano tanto che mi passavano i loro, ahahahahh, ma io neanhce ci pensavo, per me era fondamentale solo ricevere e telefonare, quindi l'uso che facevo era irrisorio. Adesso non più, vado su WatSapp, mando video, immagini, dialogo e poi uso Skipe, in sintesi auto didatta e ne sono fiera. E poi è stato la volta del pc, ho imparato quasi tutto con il vecchio sistema, ma adesso sono "avanzata" teconologicamente, ne ho due bellissimi, frutto dei miei risparmi. Felice w.e Renzo.
 
ashlye
ashlye il 08/05/20 alle 00:10 via WEB
Ti offriamo tutti i tipi di credito a un basso tasso di interesse del 3% all'anno. Siamo disponibili a concederti un prestito minimo di € 1.000 fino a € 150.000 a lungo termine da 1 a 30 anni. Puoi scegliere liberamente di stabilire con noi i pagamenti mensili e puoi concedere prestiti locali e internazionali a persone di tutto il mondo. Siamo pronti a soddisfare i nostri clienti entro 48 ore dal ricevimento della richiesta. Vi preghiamo di contattarci se necessario. Email: vandick.finance19@gmail.com Whtasapp: +39 338409 6925
 
 
nina.monamour
nina.monamour il 08/05/20 alle 14:37 via WEB
La ringrazio, ma non ho bisogno di nessun prestito, buon pomeriggio.
 
tanmik
tanmik il 08/05/20 alle 05:52 via WEB
Che questo giorno inizi e porti a te un radioso buongiorno...Mik
 
 
nina.monamour
nina.monamour il 08/05/20 alle 14:39 via WEB
Ogni giorno dovrebbe essere più bello dell'altro, ma noi ci accontentiamo, vero Mik? Un lieto pomeriggio.
 
dolcesettembre.1
dolcesettembre.1 il 08/05/20 alle 09:58 via WEB
Anche mio figlio è uguale al tuo e l'ansia allora mi assale.Concordo con quello che dicono gli psicologi.Un abbraccio e serena giornata. :-) Dolce
 
 
nina.monamour
nina.monamour il 08/05/20 alle 14:45 via WEB
Devi sapere Dolce che nonostante siano sposati tutti e due, quando il cellulare squilla e non rispondono, vado in tilt, e così divento lo zimbello di casa, ma io me ne infischio, è più forte di me, li ho ho cresciuti essendo una donna sola, ho fatto tantissimi sacrifici per allevarli come meglio ho potuto, tanto che ci scherzavo con i miei amici quando li presentavo.."ed ecco i miei due gioielli, Tiberio e Caio Gracco", così era solita fare la grande Cornelia, buon pomeriggio.
 
ashlye
ashlye il 08/05/20 alle 12:47 via WEB
Ti offriamo tutti i tipi di credito a un basso tasso di interesse del 3% all'anno. Siamo disponibili a concederti un prestito minimo di € 1.000 fino a € 150.000 a lungo termine da 1 a 30 anni. Puoi scegliere liberamente di stabilire con noi i pagamenti mensili e puoi concedere prestiti locali e internazionali a persone di tutto il mondo. Siamo pronti a soddisfare i nostri clienti entro 48 ore dal ricevimento della richiesta. Vi preghiamo di contattarci se necessario. Email: vandick.finance19@gmail.com Whtasapp: +39 338409 6925
 
 
nina.monamour
nina.monamour il 08/05/20 alle 15:35 via WEB
Nuovamente la ringrazio, gentilissima, buon pomeriggio.
 
licsi35pe
licsi35pe il 08/05/20 alle 15:35 via WEB
IL telefonino ? non sono propensa a farne reagalo ai bambini anche se così è, a quanto ci è dato vedere. Per quanto riguarda l'ansia per i figli...non finirà mai e non per avere un controllo a distanza ma per il semplice fatto che li amiamo e vorremmo averli più vicini. Loro hanno la loro vita è giusto che la seguono e noi..?? dobbiamo comprendeli seppur ci brucia il cuore dentro. Buon pomeriggio, cara Nina, u abbraccio.
 
 
nina.monamour
nina.monamour il 08/05/20 alle 16:54 via WEB
Infatti ho detto al mio nipotino di non contare su di me visto che so bene come la pensano i suoi genitori, e voglio astenermi da commenti che io ritengo spiacevoli, che faccio poi litigo con mio figlio e di conseguenza con mia nuora? Mai e poi mai, non voglio essere il poma d'Adamo, me ne sto nel mio cantuccio, gli regalerò dei soldi e i genitori sapranno come meglio spenderli! Ma una freccia devo lanciarla a favore dei bambini, non sono come eravamo noi, perfetti ebeti, impreparati, alla loro età hanno capito tutto dalla vita, anzi sono smaliziati, furbi e intelligenti. Capisco che per un genitore, l'ansia non cesserà mai, sono i nostri pargoli, li amiamo e vorremmo sempre tenerli sotto una bella campana, ma non è possibile Licia, devono crescere e fare le loro esperienze negative o positive, un sorriso.
 
Vince198
Vince198 il 08/05/20 alle 16:15 via WEB
Ho regalato ai miei figli (quattro ragazzi) il loro primo cellulare che erano prossimi alla maggiore età e, non avendo loro introiti "personali", sono stato sempre io a far loro il "pieno". Ma non è certo questo che mi ha frenato dal non volerli accontentare. Fortuna che non sono di natura troppo pretenziosi nel voler avere a tutti i costi l'ultimo modello etc., ovvero hanno badato sempre al sodo, che quello in possesso funzionasse a dovere.
Solitamente quando i ragazzi stavano via anche in ore molto piccole, era la loro "veneranda" madre a dormire in posizione "verticale" con diversi cuscini per sostenerla, ovvero sonnecchiare e con il cell, acceso, sul comodino. Io invece dormivo alla grande .. ahahahaha .. Cosa vuoi che ti dica: lei è sempre stata apprensiva e solo da non tantissimi anni con i più giovani ha fatto scendere - con non so quali escamotages - quella tensione interiore di madre, sostenuta da un immenso amore filiale! Pensa che li chiamava "i bambini" che erano grandi grossi e da tempo autonomi. A me sta faccenda ha sempre fatto molta tenerezza! Una volta le ho detto di non esagerare con quei termini, ma non c'è stato verso..
Ai loro anni io viaggiavo con le tasche piene di gettoni telefonici e, solitamente, ho utilizzato le cabine dell'allora Sip per telefonare alla mia bella. Buona ultima quella attuale, da fidanzati .. ahahahaha .. Una note per me molto importante: i miei boys ancor oggi curano molto le amicizie vere, reali, frequentano poco social di qualsiasi genere. Da notare che il mio ruolo e quello della consorte non è praticamente esistito io quest'ultima facenda.
Dulcis in fundo sono perfettamente d'accordo con il tuo pensiero in chiusura: non ci credo per niente!
Un abbraccio ^______^
 
 
nina.monamour
nina.monamour il 08/05/20 alle 18:01 via WEB
I miei figli saranno diversi, mai stati "dipendenti da cellulare", si sono sempre accontentati di ciò che avevano avuto in regalo e di questo ringrazio Dio. Ma non hanno mai accettato telefonate come controllo o altro, ritenevano che le brutte notizie, prima o poi, avrebbero fatto il giusto ingresso, è questo è vero, ma noi genitori, spesso e volentieri non siamo razionali, spesso in certe occasioni ci lasciamo andare a veri e propri complotti, ahahahahhh, E' dunque fondamentale che i ragazzini si stacchino dalla famiglia per poter diventare individui autonomi, il loro desiderio di indipendenza non è però un segno di ingratitudine, ma è l’espressione dello spirito vitale che li anima e li spinge a trovare la propria strada e la propria realizzazione. La sicurezza e l’indipendenza emotiva dei figli sono in realtà la miglior prova del buon lavoro fatto dai genitori, ne se d'accordo Vince?
 
   
Vince198
Vince198 il 08/05/20 alle 19:55 via WEB
D'accordo su tutta la linea, Anna! Dolce sera ^_____^
 
     
nina.monamour
nina.monamour il 08/05/20 alle 21:28 via WEB
Non avevo alcun dubbio Vince, conoscendoti bene..notte caro.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Mario939aligi4lascrivanaeric.triganceforeverfashion84volami_nel_cuore33vendicativa_mentealphabethaav.dinardigrandeciro1Grafica_Maryoranginellawoodenshipfilosofo285
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 189
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

**********

             

 

 

 

 

 

         

 

 

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
Template creato da STELLINACADENTE20