Creato da nina.monamour il 11/06/2010
 

Il Diavolo in Corpo

Di tutto e di piu'.....

 

 

50 Shades Of Green..

Post n°8688 pubblicato il 22 Aprile 2019 da nina.monamour




Saranno felici i frequentatori di pub, saranno strafelici tutti i produttori di birra che ora, dall’alto del loro boccale piena di birra, possono dire di aver trovato l’alleata giusta per migliorare le loro prestazioni sessuali. E così eccoci a registrare l’ennesimo caso mediatico legato a qualche prodotto che ci piace tanto. E quindi dopo la campagna contro i würstel e quella contro il caffè ecco arrivare un messaggio, stavolta positivo, sulla birra...aiuta a far l’Amore.



Booooom....insomma, mica roba da poco, non importa se rossa, doppio malto o bionda, l'importante è che si beva birra. Ma da chi viene questo annuncio? Da una Sessuologa americana autrice del libro "The Married Sex Solution, A Realistic Guide to Saving Your Sex Life", una perfetta sconosciuta qui da noi ma, a quanto si legge nel suo sito personale, (http://drkat.com) sembrerebbe una professionista di lungo corso.

Non è la prima volta che i benefici della birra vengono sottolineati dagli scienziati, uno studio pubblicato sul European Journal of Epidemiology ha rivelato che chi beve un bicchiere di birra al giorno ha un 30% di possibilità in meno di essere colpito da infarto o ictus rispetto a chi non ha questa abitudine. Ma non è solo il cuore a beneficiarne, secondo l'appariscente Dottoressa ecco gli altri effetti positivi delle bionde (ma anche delle rosse e delle nere).

La birra è ricca di fitoestrogeni, sostanze naturali simili agli estrogeni; secondo la tesi della Sessuologa questi composti avrebbero la capacità di aiutare il soggetto a ritardare l’eiaculazione. C’è un'altra buona notizia per gli amanti della birra, in particolare di quella scura, quest'ultima sarebbe responsabile di un aumento della libido. Come? Tutto merito del ferro che nelle birre scure è maggiore rispetto alle bionde, l'aumento di ferro stimola la produzione di globuli rossi e la circolazione e tutto questo rende l'erezione più facile e più frequente.

Se non si vuole rinunciare alla birra e non si vuole andare incontro a nausee e vomiti si deve bere la Guinness, ricca si minerali e vitamine (tra cui la B), potrebbe aiutarti a fortificare la tua salute, a sentirti più a tuo agio con lo stomaco e a non sentirti fuori forma durante il sesso. Il sospetto che potrebbe sfiorare i maliziosi è che dietro tutto questo studio potrebbe esserci la Guinnes, ma lo ripeto, sospetti, solo sospetti.

A cosa serve il viagra quando c'è questa birra “magica” del marchio originario di Edimburgo Innis & Gunn? Si chiama “50 Shades of Green", riprendendo il titolo del libro "50 sfumature di grigio", ed è composta da 50 varietà di "stimolanti naturali". Ecco perché, secondo la Sessuologa, converrebbe assaggiarla, l'azienda usa il ginseng, il ginkgo biloba, la damiana per aumentare il desiderio sessuale e stimolare il sistema nervoso.

 


 
 
 

Le tradizioni regionali di Pasqua nel basso Sud..

Post n°8687 pubblicato il 20 Aprile 2019 da nina.monamour

 

 

Come prevedibile, l’Italia meridionale riserva non poche sorprese, a partire da Procida, in Campania, dove il Giovedì Santo, al tramonto, si svolge la processione dei Dodici Apostoli incappucciati.

 

 

Un rito simile a quello di Taranto, dove tra il giovedì e il sabato all’alba si svolge una lunga processione di fedeli incappucciati, i cosiddetti "Perdoni", proprio come accade ogni anno a Siviglia. Sempre in Puglia, a Noicattaro (Bari) il Giovedì Santo viene acceso un falò davanti alla chiesa della Madonna della Lama, il fuoco continua a bruciare per tutta la notte, in segno di devozione.

Ma la regione forse più ricca di tradizioni pasquali è la Sicilia, ne ho scelte tre, la prima è il Ballo dei Diavoli di Prizzi, in provincia di Palermo.

Sin dalla mattina del giorno di Pasqua, qui due diavoli mascherati vestiti di rosso e la morte vestita di giallo importunano i passanti e cercano di impedire l’incontro tra le statue del Cristo Risorto e della Madonna.

Saranno però poi sconfitti dagli angeli, che li trafiggono con le loro spade in un’atmosfera di festa rallegrata dal suono delle campane. E i diavoli sono protagonisti anche ad Adrano, in provincia di Catania, dove la Domenica di Pasqua vengono inscenati “I Diavulazzi ‘i Pasqua”, una rappresentazione settecentesca ambientata tra inferno e paradiso che celebra il trionfo del bene sul male.



In provincia di Messina, precisamente a San Fratello, si tiene infine la "Festa dei Giudei", contadini e pastori si travestono con un costume tradizionale rosso a strisce di stoffa gialla ricamate con motivi floreali e perle e hanno il volto coperto da un cappuccio rosso.

 

 

Simboleggiano il diavolo e si aggirano per il Paese per disturbare la processione di commemorazione della morte di Cristo. E, dopo averla interrotta, danno vita a un “duello” con i fedeli.

Buona Pasqua a tutti

 


 
 
 

Un po' di allegria..

Post n°8686 pubblicato il 19 Aprile 2019 da nina.monamour

 

 

I carabinieri, una categoria sulla quale, ci si accanisce con barzellette che prendono di mira la loro presunta goffaggine.

Leggete questa..

 Un carabiniere preoccupato incrocia un suo Collega che gli chiede:

"Perché sei così preoccupato?".

"Domani ho l'esame del sangue e non ho studiato nulla!"

ahahahahhhh


 
 
 

Un tuffo nella tradizione calabrese..

Post n°8685 pubblicato il 18 Aprile 2019 da nina.monamour

 



A Pasqua un “culto” della tradizione culinaria e pasticcera calabrese è rappresentato dai Cudduraci, biscotti preparati con un morbidissimo impasto di pasta frolla e con diverse forme della tradizione religiosa, cristiana e decorate con uova sode, simbolo pasquale di amore, fecondità, prosperità e nuovo inizio di vita.

Inizialmente erano semplici ciambelle di pasta frolla (da quì infatti il nome "cuddura" appunto ciambella) e poi realizzate con altre forme come Cestini o Canestri, “U Panaru” delle uova (simbolo di fecondità e nuova vita), Pesci (segno del cristianesimo), Colombe (simbolo di pace), Campane (simbolo di festa e resurrezione di Gesù), Cuori (da regalare alle persone più care), Stelle (simbolo di luce), molti animali come Uccelli, Pulcini, Papere, Conigli e tantissime altre forme, sempre arricchite con uova sode.

Questi dolci pasquali in tutta la provincia reggina sono chiamati anche Gute, ‘Ngute, Sgute, Cuzzupe e Cuculi, di varia forma e grandezza e in alcune zone realizzate con un impasto salato tipo Pane o Pan Brioche, ma sempre decorate con le uova sode.

La tradizione racconta che ogni fidanzato regalava alla promessa sposa un Cuddurace a forma di cuore con molte uova a decorazione, ad indicare la posizione economica e sociale della famiglia dello sposo, infatti più uova si collocavano sul dolce tanto il dono acquisiva valore e benevolenza da parte della famiglia della sposa.

Invece la fidanzata regalava al promesso sposo e alla sua famiglia il Cuddurace a forma di cuore o cestino, come segno di amore e fecondità..

La grandezza del Cuddurace, qualunque fosse la forma, dipendeva dal numero di uova sode e dall’importanza del destinatario. Infatti una volta cotti, quello più grande era destinato dalle ragazze al fidanzato, più grande era l’amore, più erano le uova, più grande il Cuddurace. Si arrivava a preparare Cudduraci da destinare ai fidanzati anche con 21 uova..

Un po’ prima della Pasqua, in famiglia e con largo anticipo si cominciava a mettere da parte le uova, da usare per fare i Cudduraci e per decorarli, che dovevano essere rigorosamente del proprio pollaio, segno anche questo di offerta e dono sincero.

I Cudduraci solitamente si cuocevano nei forni a legna comuni, a uso di tutti gli abitanti del paese, perché difficilmente c’erano forni privati nelle abitazioni, e la preparazione alla Pasqua era rappresentata anche dalle lunghe "processioni" di bambini, piccoli aiutanti, all’andata con in testa le "lande" di alluminio con i Cudduraci pronti da infornare e al ritorno già cotti, con le mamme che urlavano dietro a stare attenti a non rovinare o sprecare quel ben di Dio (ne so qualcosa)..

Arrivati a casa, dopo la cottura venivano avvolti da una linda tovaglia da tavola e conservati nella “cascia” (cassapanca/dispensa). Molto ricercata era il tipo di cassapanca usata a Seminara per conservare le ‘Nzudde, realizzata con pregiato legno chiaro, e appena possibile le famiglie cercavano di dotarsi di tale cassapanca da usare come una vera e propria dispensa per conservare, appunto i Cudduraci e le Pastiere nel periodo pasquale e tantissimo altro durante il resto dell’anno.

Fino al giorno di Pasqua, i Cudduraci restavano ben custoditi, infatti durante la Quaresima non si potevano mangiare "per non fare peccato".

Infine Domenica di Pasqua venivano regalati, offerti e gustati e festeggiare così tutti insieme, la resurrezione del Cristo, l’amore e la prosperità nelle famiglie.
E nelle vostre città come si usa festeggiare la Santa Pasqua? Qual'è il dolce preferito?







 
 
 

E' tutta colpa della Walt Disney..

Post n°8684 pubblicato il 17 Aprile 2019 da nina.monamour

 

 

Ad un finale così avrei creduto molto di più, sia che fosse una relazione, sia che fosse un'amicizia di quelle vere, troppo peso all'amore e troppo poco alle amicizie, in queste favole a cartoni animati.

Quell'ingrata di Biancaneve mollò sette nani una volta trovato il principe Ariel, abbandonò perfino la famiglia per seguire lui, non si fa. È così che nasce il problema delle coppie che una volta fidanzate spariscono.




Credo esista un universo parallelo dove vivono tutte assieme, queste coppie, probabilmente lo stesso universo dove sono finiti tutti i miei accendini e le mie forcine per i capelli. Sì, insomma, l’amore è importante, ma le amicizie lo sono molto di più.

D'accordo basta, troppo cinismo non fa mai bene, è solo che a saperlo prima, forse ci saremmo risparmiate un sacco di docce fredde.

In conclusione, comunque, la cosa da tenere sempre presente, e sulla quale io e il vecchio Walt siamo d’accordo, è che, sia nelle favole che nella vita reale, le vere protagoniste rimaniamo sempre e solo noi.

 

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

karma580Torello600andrix110367nina.monamourwoodenshipQuivisunusdepopulomonellaccio19divinacreatura59alba.estate2012lucre611tanmikaligi4prolocoserdianagiampi1966avvbia
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 184
 

BUONE VACANZE PASQUALI..

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ULTIMI COMMENTI

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

**********

             

 

 

 

 

 

         

 

 

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
Template creato da STELLINACADENTE20