Simply Writer Blog

Metamorfosi di una farfalla - Mindfulness & Love Coaching

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: irene.74
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 47
Prov: TA
 

"Poi nasce un nuovo giorno. E il buio porta via con sé quel che non serve. Il resto spetta a noi. Che di questa metamorfosi abbiamo fatto uno stile di vita. Arabe fenici dalle mille rinascite. Questo siamo..." 

 

Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato  senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001

Alcune delle immagini inserite nel Blog sono tratte da internet, da siti che ne permettono la condivisione gratuita. Qualora ritenessi che la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, comunicacelo via e-mail e le rimuoveremo immediatamente

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

amistad.siemprealecrisa02manu_el1970ILARY.85irene.74CostanzabeforesunsetDoNnA.SKingsGambitossermafiacassetta2leoncinatarantogabriel.cmMAGNETHIKAeric65vtempestadamore_1967
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

« E se bruciassimo le navi?Mistero: l’ingrediente i... »

Quando controllare tutto diventa un’ossessione...

Post n°578 pubblicato il 12 Aprile 2022 da irene.74

Chi ha questa strana tendenza arriva a ritenere assolutamente normale il proprio comportamento. Si descrive solitamente come una persona precisa, attenta, responsabile. Ma anche come una abituata a guardarsi le spalle, a non lasciare eccessivi margini agli altri. Una, insomma, che non si fa fare fessa da nessuno, neppure dalla vita.

Ma se andiamo oltre queste assurde apparenze, scopriamo che quella fortezza inespugnabile che c'era stata così meticolosamente descritta, si rivela a tutti gli effetti come un fragilissimo castello di sabbia. Pronto ad essere sgretolato senza neppure troppo impegno e fatica...

Ora, nessuno dice che dovremmo vivere da incoscienti, per carità. Controllare, nei limiti della norma, è assolutamente apprezzabile. E' l'ossessione che diventa preoccupante. E che può manifestarsi in tanti modi diversi.

Posso sentire il bisogno di controllare la stessa cosa mille e mille volte ancora (se ho chiuso la porta, spento la luce prima di uscire...) Oppure di ripassare in rassegna ciò che spetta fare ad altri perché convinta che nessuno sappia farlo come lo so fare io (sul posto di lavoro, ad esempio). O ancora posso comportarmi come se tutto debba essere necessariamente processato e sottoposto alla mia attenzione (cellulare del partner incluso...)

Si vive male con questi presupposti, posso garantirtelo. Perchè nella vita, così come nell'esperienza di coppia, è assolutamente necessario far scendere in campo elementi essenziali senza i quali rischieremmo rovinosi scivoloni.

Di cosa sto parlando? Bè, nell'ambito della vita di coppia, sicuramente della FIDUCIA. Non posso sentirmi sereno solo ed esclusivamente se conosco ogni impercettibile movimento del mio partner h24. Innanzitutto perché è impossibile arrivarci. Ma anche perché accettare un (dis)equilibrio del genere mortifica la natura stessa della relazione di coppia.

Ed anche nel rapportarmi con la Vita, sarebbe un grosso errore voler controllare tutto, che già a pensarlo si pecca di presunzione (chi mai ne sarebbe capace??) Perchè solo imparando a fare il mio, puntando all'eccellenza, ed affidando il resto alla FEDE potrò sperare di raggiungere e tagliare qualsiasi traguardo importante.

 

"Prega come se tutto dipendesse da Dio

e lavora come se tutto dipendesse da te"

 

Dovremmo scrivere queste parole su un post-it da tenere a portata di mano, per poterle leggere sempre più spesso.

Eh sì, perché siamo tutti consapevoli di non essere supereroi e che inevitabilmente corriamo il rischio di dover fare i conti con le nostre umane fragilità. E cosa allora potrà mai salvarci? La FEDE e la FIDUCIA che sono componenti essenziali dell'Amore. Che le nutre entrambe ed attraverso di loro si manifesta.

Ecco che se scelgo di fidarmi del partner non mi trasformo in un investigatore privato h24. Ma condivido ciò che è giusto con lui, ci confrontiamo e dialoghiamo senza mai scadere nel bisogno di controllarlo ossessivamente.

Ed il discorso non cambia nell'ambito spirituale. Io darò il meglio di cui sono capace nelle varie situazioni che mi troverò a vivere. Ma con la consapevolezza nel cuore che non spetta tutto a me. Più imparerò a fidarmi delle opportunità che la Vita pone continuamente sul mio cammino, più mi abituerò a cogliere quei segni inequivocabili che mi dimostrano di non esser sola nei momenti esistenziali più difficili.

Un gran bel cambio di prospettiva, non trovi?

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/SimplyWriter/trackback.php?msg=16200001

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
KingsGambit
KingsGambit il 12/04/22 alle 18:15 via WEB
I temi trattati non sono pochi anche se la base è una, la fiducia. Si parte del personale: la coppia. Per arrivare alla fede. E il legame è l'eternità, della coppia però, cioè il futuro. Si mette in dubbio chi si ha accanto e di conseguenza un comportamento comune, solo quando si sta cercando una risposta ad un cambiamento importante. Credo che tutto il discorso sia incentrato su questo aspetto. L'amore smussa tante rigidità, e nel tempo, impari ad amare anche le pieghe di un lenzuolo che hai sempre visto stirato. Le cose cambiano quando ti accorgi che chi conosci e hai accanto, non è come pensi. ad esempi scoprire che un uomo forte, è in realtà fragile. Io penso che di base siamo tutti, a volte fragile a volte forti, a volte stretti in un abbraccio, a volte soli. la vita di coppia è prima che amore e passione, conoscenza. Se non prendi atto di questo... le sorprese saranno amare. Buona serata... Kings
 
 
irene.74
irene.74 il 12/04/22 alle 19:06 via WEB
Non credo che il problema in una coppia possa essere la scoperta delle fragilità. Perchè è assolutamente umano averne. Perchè ne abbiamo tutti, indistintamente. Anzi... l'amore ti induce a volerle in qualche modo proteggere quelle fragilità. Credo piuttosto che i problemi nascano dal fingere di essere ciò che non si è. Dal mettere paletti e dall'innalzare muri che impediscano al partner di capire completamente e approfonditamente chi vive al suo fianco. La conoscenza, come dici tu, è vitale. Ma deve essere resa possibile. La si deve permettere. Posso sentire il bisogno di proteggermi dal mondo, non dal mio partner. Perchè se questo accade è evidente che ci sia qualcosa che non va come dovrebbe... qualcosa di importante... Mi posso mostrare per ciò che sono se riesco a fidarmi. Allora sì che metto a nudo anche le fragilità. E la persona che mi ama non potrà andarmi certo a colpire proprio lì. Perchè mi ama! Fiducia... coraggio... conoscenza... complicità... Tasselli preziosi di un puzzle stupendo che li reclama tutti: l'Amore. Buona serata anche a te
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: irene.74
Data di creazione: 30/09/2013