Creato da skipperbarche il 07/03/2010
Storie di mare

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

dpsarchitettirotassosandokanpgleonarddoBlueShark3armaniroberto1956verosassiMaw81cisco2128messaggeria.normaleedilcostantino1973semprepazzatittarella91max_6_66bissnero
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

La pesca oggi

Post n°1 pubblicato il 07 Marzo 2010 da skipperbarche

Se consideriamo che un pescatore sull'ottantina,il padre dei pescatori attuali,
(capo barca), andava con il padre a pesca e a vela fino al 1940,
lo strascico si praticava con le "paranze" cioè barche di
sedici-diciotto metri.
Le paranze pescavano affiancate, con la rete in mezzo,quando
c’era il vento …
Perché se vento non ce n’era si stava fermi.

Il rapporto dell’uomo con la navigazione, la pesca e i suoi strumenti era totale:
“La vela era issata su un albero di dieci-dodici
metri d’altezza.

Oggi i metodi e la conoscenza del mare si sono trasformati, i pescatori di quei tempi (il Rais) dovevano veramente conoscere il vento e la corrente e andavano per mare a vela o a remi.
Fabbricavano le reti a mano, con tanta pazienza ed arte, tramandando quest'arte di padre in figlio.
Considerato che il numero di barche negli anni è aumentato tantissimo , anche le tecniche di navigazione erano molto diverse rispetto a quelle di oggi, che si giovano dell’utilizzo di radar ,sistemi satellitari, ecoscandaglio con frequenze ideali per individuare dal novellame in poi, sonar ecc..

Oggi con il motore si pesca a strascico quasi sempre ma non quando lo facevano i nonni (vento e mare) . Oggi con le piste fatte grazie al gps e il cartografico, grazie al pilota automatico,l'ecoscandaglio si segue chiaramente in modo sistematico e devastante la pesca, tenendo le rotte vere più convenienti. Una volta con le vele non si poteva fare ciò.
Non avevano neanche la bussola! Quando c’era la nebbia o di notte, la navigazione si faceva con lo scandaglio a mano: era costituito da una palla di ferro di quattro-cinque chili attaccata a una corda che si calava in acqua e permetteva di misurarne la profondità e il tipo di fondo.
Quando lo scandaglio toccava il fondo mettevi il segno sulla corda e misuravi le braccia di profondità: in base a queste rilevazioni sapevi dove ti trovavi. Anche le città erano un punto di riferimento.

Il pescatore non è più in sintonia con la natura ma ne diventa una macchina devastatrice.
Spesso si sente dire al pescatore di pesca locale: il televideo ha detto che farà scirocco. Sono più in grado di capire l'ambiente dove vivono? .
Non interessa nulla di quello che rimarrà dopo il loro passaggio, oggi conta solo oggi.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso