Creato da scricciolo68lbr il 17/02/2007

Pensieri e parole...

Riflessioni, emozioni, musica, idee e sogni di un internauta alle prese con la vita... Porto con me sempre il mio quaderno degli appunti, mi fermo, scrivo, riprendo il cammino... verso la Luce

 

Messaggi del 14/06/2024

NEANCHE PIÙ PER LE GABBIE DEI CANARINI SERVONO…

Post n°1847 pubblicato il 14 Giugno 2024 da scricciolo68lbr
 

Quotidiani... male, anzi malissimo, con alcune eccezioni. Gli italiani, dopo avere accertato le bugie, le falsità, le balle, le notizie approssimative e molto spesso manipolate a fini politici, le notizie fornite per compiacere gli editori e i loro amichetti, spesso le lobbies, soprattutto farmaceutiche, preferiscono informarsi altrove su quello che accade in Italia e soprattutto, nel mondo.

I giornali cartacei annaspano, tra veri e propri tracrolli e cali nel giro 12 mesi: nella rivelazione del periodo tra aprile 2023 ed aprile 2024 forniscono un quadro impietoso, coi dati Ads sul fronte della diffusione totale "cartacei + digitale", che sono negativi.

Male il Corriere della Sera di Cairo, che perde 20mila copie passando da 247mila e 227mila. Restando in casa Rcs, fa peggio la Gazzetta dello Sport che un anno fa volava alto a quota 173.115 e nelle ultime rilevazioni è passata a 145.924. In discesa anche La Repubblica degli Elkann - anche se cala meno al confronto con le due rivali con cui però divide il podio - passando a 146.789 rispetto ai 152.047 dello stesso mese nel 2023.

E qui un bel sorriso di soddisfazione, ci sta bene e ci sta tutto. Chi la fa, l'aspetti, Ciò che semina si raccoglie... dicono due antichi adagi.

Se Il Sole 24 Ore fa meno 8mila (da 128.929 a 120.369) e La Stampa scende sotto quota 80mila (78.817 da 88.196) da segnalare qualche nota lieta. L'Avvenire cresce, sfiorando le 100mila copie (99.805 da 98.776), Il Fatto Quotidiano accelera a 52.131 (rispetto 49.664 di aprile 2023) e Il Corriere dello Sport va in gol con 42.038 rispetto ai 37.863 di 12 mesi prima.

E ancora. Scorrendo la classifica, tra i giornali in top-20, cala in modo contenuto Il Giornale (27.599 rispetto a 28.826), scende La Verità (da 32.930 di aprile 2023 alle attuali 27.196), cresce Tuttosport a 24.060 (erano 22.313), perde poco Il Mattino (dalle attuali 23.996 rispetto alle 24.222).

Giornali, ecco i dati Ads completi periodo aprile 2024 / aprile 2023: e buon divertimento.

.

Corriere della Sera

Aprile 2023 247.966  

Aprile 2024 227.507

.

Gazzetta dello Sport

Aprile 2023 173.115 

Aprile 2024 145.924

.

La Repubblica

Aprile 2023 152.047        

Aprile 2024 146.789

.

Sole 24 ore

Aprile 2023 128.929          

Aprile 2024 120.369

.

Avvenire

Aprile 2023 98.776              

Aprile 2024 99.805

.

La Stampa

Aprile 2023 88.196             

Aprile 2024 78.817

.

Il Messaggero

Aprile 2023 65.844         

Aprile 2024 62.466

.

Qn - Il Resto del Carlino

Aprile 2023 62.418

Aprile 2024 56.464

.

Il Fatto Quotidiano

Aprile 2023 49.664   

Aprile 2024 52.131

.

Il Gazzettino

Aprile 2023 45.322

Aprile 2024 43.661

.

Corriere dello Sport - Stadio

Aprile 2023 37.863  

Aprile 2024 42.038

.

Qn - La Nazione

Aprile 2023 41.535

Aprile 2024 36.468

 
 
 

LA NAVE DEGLI AGENTI ADDETTI ALLA SICUREZZA DEL G7 POSTA SOTTO SEQUESTRO!

Post n°1846 pubblicato il 14 Giugno 2024 da scricciolo68lbr
 
Tag: #G7, #G72024

La squadra mobile di Brindisi ha sequestrato la nave Goddess of the Night (o Mykonos Magic, ex Costa Magica), ormeggiata al porto di Brindisi. Lo ha reso noto il segretario del sindacato di polizia Coisp Domenico Pianese ricordando che la nave era destinata a ospitare gli oltre 2.500 agenti e altre forze di polizia aggregate in Puglia per il servizio di sicurezza del G7. Nave che, sottolinea Pianese, "versava in pessime condizioni igienico sanitarie, con alloggi sporchi e danneggiati, servizi igienici inutilizzabili, docce fatiscenti, cabine allagate".

Ma andiamo per ordine.

Il Sindacato unitario lavoratori carabinieri Siul Cc e il Sindacato unitario lavoratori polizia Siulp si sono attivati immediatamente contro l'ex nave da crociera trasformata in hotel per il G7. "Perdite d'acqua dall’impianto di condizionamento e dai sanitari dei bagni, stanze in condizioni vergognose, con materiale che esce dagli split dei condizionatori e si deposita sulle lenzuola dei letti, nonché condizionatori guasti nelle cabine centrali, quindi senza possibilità di scambio d'aria ed aerazione esterna, di conseguenza: microclima infernale". 

Si è presentata così, secondo una nota del Siulp, Sindacato unitario lavoratori polizia, l’ex nave da crociera Costa Magica - ribattezzata Goddess of the Night, Dea della notte - che funge da hotel galleggiante per i poliziotti e i carabinieri giunti da tutta Italia e che presiederanno l’ordine e la sicurezza, dal 13 al 15 giugno, per il vertice G7 che si sta svolgendo a Borgo Egnazia, a Savelletri di Fasano (Brindisi).

«La nota più dolente, anche a voler trascurare l’assenza di cassette di sicurezza per il deposito delle armi personali, riguarda l’innumerevole quantità di bagni intasati e non funzionanti. Oltre ai limiti strutturali della nave».

Sono state e seguitano a decine e decine le segnalazioni inviate dagli addetti ai lavori per la sicurezza del summit, arrivate già nel pomeriggio di domenica 9 giugno sulla banchina di Sant’Apollinare, a Brindisi, e che sono saliti a bordo della nave scelta dal ministero dall’Interno anche dopo ore di fila fatta sotto al sole cocente dei primi caldi e senza la possibilità di poter ristorarsi in una zona benessere allestita per l’occasione. Molti dei poliziotti e carabinieri hanno macinato decine di ore di chilometri per raggiungere la Puglia dal proprio luogo di servizio.

«La nave che sta ospitando le forze di polizia sembra che non riunisca i minimi requisiti di convivenza. Pertanto, si chiede ai vertici dell’organizzazione dell’evento di mettere i colleghi nelle migliori condizioni di vivibilità. I carabinieri sono disposti ai sacrifici ma dopo un turno di lavoro hanno il diritto di riposare in condizioni dignitose» recita una nota di Sebastiano Calabrò, Segretario Generale del Siul, Sindacato italiano unitario lavoratori carabinieri.

Nelle note si lamenta «l’ennesima dimostrazione di una capacità logistica imbarazzante ed impreparata» corredata da diverse foto e video realizzati sia all’interno che all’esterno della nave hotel e che stanno girando sui gruppi whatsapp di carabinieri e poliziotti.

E non finisce qui, perché stando alle ulteriori testimonianze di chi è riuscito a imbarcarsi per l’orario della distribuzione della cena, ha dovuto fare i conti anche con la mancanza di vassoi su cui posare piatti e posate, barcamenandosi in giochi di equilibrio in piedi.

«Ci siamo immediatamente attivati presso il vertice del Dipartimento della Polizia di Stato, che si è a sua volta interfacciato con la Questura di Brindisi. Nelle frenetiche interlocuzioni che si sono susseguite abbiamo preteso immediati provvedimenti, anche, se necessario, di spostare in strutture ricettive dignitose i colleghi a cui sono state assegnate cabine inagibili.

«Non è questo il momento di andare alla ricerca delle responsabilità, essendo prioritario incalzare l’Amministrazione per evitare che le già mortificanti condizioni imposte ai colleghi possano peggiorare, e date le premesse non ci sarebbe di che stupirsi. Ma non mancherà di certo un contesto in cui chiederemo conto e ragione degli inauditi disagi provocati da negligenze inaccettabili. Ringraziamo quanti ci hanno consentito di avere in tempo reale il quadro degli accadimenti, e confidiamo che, dopo le sferzanti proteste azionate con i massimi responsabili del Dipartimento della Polizia di Stato, ci sarà una correzione nella linea di gestione.»

E alla fine, i carabinieri si sono scagliati contro il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni.

“È passato qualche giorno dal risultato elettorale delle elezioni europee e penso che adesso il presidente del Consiglio possa dedicarsi con il suo governo a comprendere che cosa sia accaduto a Brindisi, agli operatori che si sono trovati uno scenario indegno per quello che deve essere il servizio di ordine pubblico e di sicurezza per il G7”. Con queste parole Vincenzo Romeo, Segretario Nazionale di Pianeta Sindacale Carabinieri, si rivolge in un video direttamente a Giorgia Meloni e chiede chiarimenti su quanto accaduto in Puglia. Gli alloggi della nave-hotel destinati alle forze di sicurezza, infatti, sono stati oggetto di denuncia perché presentavano condizioni igieniche pessime.

Spero che si sia attivata - continua Romeo – anche perché i carabinieri vogliono capire perché si sono trovati in quelle condizioni. Vogliono capire se ci sono stati dei sopralluoghi, attività preparatorie da parte del ministero degli Interni. Quali sono state le condizioni che hanno portato  a trovarsi in questa situazione di assoluto disagio. Una gestione fallimentare. Gli operatori che si sono trovati sul posto e che si sono trovati in queste condizioni hanno il diritto di sapere chi ha causato tutto questo, chi sono i responsabili e quali sono le operazioni che adesso stanno sanando tutto questo. Perché chi doveva gestire ha fatto sì che ci trovassimo in queste condizioni assurde?”. Poi Romeo conclude rivolgendosi direttamente alla premier: “Presidente Meloni, aspettiamo una sua risposta. E lei sa quale ministro ha delegato”. Insomma, il sindacato dei carabinieri vuole sapere chi è il ministro responsabile di questa situazione.

E c'è chi pensa a Matteo Piantedosi. Il responsabile degli Interni ieri sera ha chiesto al Dipartimento della pubblica sicurezza chiarimenti in merito alla vicenda riguardante la nave ormeggiata nel porto di Brindisi. Intanto la presidente del Consiglio si trova a Borgo Egnazia da un paio di giorni ed è pronta ad accogliere i grandi della terra, ma il caso degli alloggi fatiscenti rischia di essere una macchia nell’organizzazione del vertice. Sulla ex Costa Magica sono state segnalate perdite di acqua, camere sporche e condizionatori guasti. Il 70% dei militari alloggiati sulla nave è stato dirottato in strutture alberghiere.

Intanto, dopo le numerose "denunce pubbliche", come già detto, la squadra mobile di Brindisi ha SEQUESTRATO la nave Goddess of the Night (o Mykonos Magic, ex Costa Magica), ormeggiata al porto di Brindisi. Lo ha reso noto il segretario del sindacato di polizia Coisp Domenico Pianese ricordando che la nave era destinata a ospitare gli oltre 2.500 agenti e altre forze di polizia aggregate in Puglia per il servizio di sicurezza del G7. Nave che, sottolinea Pianese, "versava in pessime condizioni igienico sanitarie, con alloggi sporchi e danneggiati, servizi igienici inutilizzabili, docce fatiscenti, cabine allagate".

Come ha spiegato il sindacato di polizia Coisp, l’affitto è costato 6 milioni di euro di soldi pubblici: “Non si capisce come sia stato possibile noleggiarla senza aver fatto un’accurata ispezione prima di far partire gli agenti”, ha affermato il segretario Domenico Pianese. 

Conapo: "Vigili del Fuoco accampati in tende in garage".

"A dispetto di un buon piano organizzativo iniziale, sviluppato dai vertici regionali del Corpo e le conseguenti promesse centrali (tutte venute puntualmente meno), per i propri uomini" al G7 in Puglia "il Dipartimento dei Vigili del Fuoco ha pensato bene di impiegare risorse e modalità tipiche delle calamità naturali, anche se non c'è (grazie a Dio) alcuna calamità (o forse il G7 dalla dirigenza VV.F. è percepito come tale?)! Dunque: tende montante in un garage del Comando di Brindisi, dove fino al giorno prima erano parcheggiati automezzi, o nei capannoni della Fiera del Levante a Bari; assicurando però che sarà disponibile l'aria condizionata! Oltre a questo, si è pensato anche di aumentare il numero dei posti letto negli alloggi del personale, finendo per ridurre il rapporto persone ospitate/servizi igienici disponibili ad un livello improponibile".

E' la denuncia del sindacato dei Vigili del Fuoco Conapo Puglia in una lettera inviata alla Presidente Meloni e al ministro Piantedosi. "Chiediamo che, come sembrerebbe stia accadendo in queste ore per il personale delle FF.OO., vengano individuate situazioni logistiche adeguate e, per quel che è oramai possibile, siano inviati mezzi in piena efficienza (reale, non formale)", concludono.

 


 
 
 

AREA PERSONALE

 

RADIO DJVOCE

 

PAROLE

   

     IL TIBET NASCE LIBERO

  LASCIAMO CHE RESTI TALE

                             i

Le parole.

                       I

Le parole contano
dille piano...
tante volte rimangono
fanno male anche se dette per rabbia
si ricordano
In qualche modo restano.
Le parole, quante volte rimangono
le parole feriscono
le parole ti cambiano
le parole confortano.
Le parole fanno danni invisibili
sono note che aiutano
e che la notte confortano.
                                  i
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

scricciolo68lbribabboundolcesorrisoperte6surfinia60Desert.69cassetta2norise1there0perla88sQuartoProvvisoriom12ps12Kanty0sRico65moroPenna_Magica
 

I LINK PREFERITI

DECISIONI.

 

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

IMMAGINI DI TE

 

 

 

 

 

CONTATTO

 

 

PASSIONE

immagine


 

 

LIBERTà.

 

 

Affrontare ciò che ci spaventa

è il modo migliore per superare

ciò che ancora non si conosce.

 

 

 
 

ATTIMI

 

 

 

UN GIOCO!

 

 

EMOZIONI

 

 

 

 

 

PASSAGGI

Contatore accessi gratuito

 

 

ABBRACCIO

 

  

 

 

BOCCA

 

 

 

 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963