MilleVoltiDaScoprire

UnoNessunoCentomila

 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

TAG

 

TAG CLOUD

 

Bombo

 

FAMIGLIE E POPOLO

Orzo part

 

Crederci

 

1

 

la monachella

 

 il testo qui è solo scenario

 

Tempo battuto

 

Dedicato

 

Pisacane

 

La covata ... è nei canoni

 

 

Il tepore del nido

 

 

cesti d'asino

Post n°173 pubblicato il 05 Giugno 2019 da sinesire

 

Come le albicocche

primi frutti  del giugno fruttottoso

i frutti d’autunno

Essi a confortar l’inverno

                                            sine

 

 
 
 

Mongolfiere slegate

Post n°172 pubblicato il 11 Aprile 2019 da sinesire

 

Me ne andrò

come fieno raccolto di fretta

ché minaccia che piove

e né poi pioverà

Di cartone consunto d’appunti confusi uno scrigno

acquerelli di pioggia

lascerò sulla spiaggia di un giorno d’autunno

 

                                                                     sinesire

 

 
 
 

otto rovescio

Post n°171 pubblicato il 08 Marzo 2019 da sinesire

Ho rubato una mimosa

non l’amore

Come il seno l’ho chiesto

come seno l’ho dato

Al campo ho preso fiori

e fiori al pesco

di sua primavera

 

                                    sinesire

 
 
 

Chiaroscuro

Post n°170 pubblicato il 13 Settembre 2018 da sinesire

 

E lanterne e lucerne

l’odor dell’olio arso

e il disegno sul muro

di luce fioca sparso

proiezione oscillante

ombre cinesi astruse

mia fantasia andante

 

La fiamma del camino  

attizza vaghi pensieri

memorie che il calore

abbaglia e consola.

Nella strada è tempesta

che gelido un  vento

conficca nei muri rifatti

su antichi portali di pietra

graffiati dal gelo  e dal tempo.

 

Nella cenere scrivo una storia

con parole inusata.

 

 
 
 

Scrivendo le aste

Post n°169 pubblicato il 13 Settembre 2018 da sinesire

 

Ho un orologio da taschino, di quelli a cipolla (forse si dice cosi per la catenella…? Bho), con il treno sul retro della cassa [… della Ferrovia ! , si diceva una volta, per esaltarne la precisione e l’ottima meccanica ; … una volta, quando ‘sto Paese cresceva con il suo bel “made in Italy”…], una bella patacca … Ne ho altri da polso, pure di valore - cari oggetti dei miei più cari affetti -, ma quasi mai li porto. Porto invece questo, nella tasca dei pantaloni e agganciato ad un passante (il gilè l’ho avuto solo con il vestito del matrimonio, nonostante sia un indumento che mi piace : non piace alla moglie e quindi … J ). Lo regalai io stesso, tantissimo tempo fa a mio padre – per Lui da un po’ il tempo … chi lo sa che dimensione è ; chi sa cogliere a pieno il concetto di eternità … non io ; che quando mi ci concentro su, per un attimo mi pare quasi di vedere un bagliore di intuizione … e l’attimo successivo … da capo disorientato nel vago. Gli piacque molto e lo portava sempre; chissà .. forse perché anche suo padre ne aveva uno; forse per lo stesso motivo che io oggi porto questo.

Ci guardo l’ora quando occorre, tirandolo fuori scorrendo la catenella e ricarico la corda con la corona.

Carico così corda ed emozione.

Che ci sarà dato in sostituzione e miglioria di questo sensibile carnale … che pure nel suo piccolo è già tra cielo e terra ??

 
 
 

Libeccio

Post n°168 pubblicato il 27 Luglio 2018 da sinesire

 

 

        un fiume scorre silenzioso

        e non ha girini

        né sorgente

        né l’acqua sul monte

rugiada di storie nella notte

e parole perse

come  il fiato di un lamento

come si perde il giorno e la memoria

                                                         sinesire

 

 
 
 

grotta e grottesco

Post n°167 pubblicato il 20 Dicembre 2017 da sinesire

 

Nascondete i poveri

ogni povertà sia nascosta

viene Natale ... non s'addice.

La fila festante che passa alla grotta

potrebbe subire disturbo al sorriso

Ciò che non può essere nascosto

sia ammantato con luci

e con fili d'argento

C'è il Natale che viene

e la grotta da scendere

           " Tu scendi dalle stelle ...

 Tu... che non ci sei più risalito

 

 

 
 
 

Luna Nuova

Post n°166 pubblicato il 14 Ottobre 2017 da sinesire

Angelo Branduardi cita il poeta cinese Li Po (698-762):

 

“Bevendo da solo sotto la luna


Tra i fiori, a una brocca di vino
sono io solo, non un amico con me.
Ma levo il bicchiere, e invito la luna,
poi l’ombra di fronte: noi siamo tre,
luna che bere non sai,
ombra che per natura segui il mio corpo.
Ora questa è la compagnia, la luna e l’ombra che da,
e sono lieto fin ch’è primavera.
Se canto vibra la luna su e giù,
se danzo balza l’ombra confusa.
Finché il senno è desto, tutti lega scambievole gioia,
poi gravato d’ebbrezza ciascuno vuole andare diviso …
Ma eternamente voi mi accompagnate nel mio vagare senza sentimento
Insieme nell’ora ci ritroveremo lontano nel Fiume delle Stelle.”

 
 
 

a Michele, nuovo angelo

Post n°165 pubblicato il 22 Agosto 2017 da sinesire

 

Nella macchia dei lecci e dei cerri

lì a far tempo memoria nei sassi

tra radure e lentischi del pane

La tempesta alla frusta del vento

che trafigge da un cielo incompreso

e fa sua nostra storia

volge    e piega       e contorce

Si apre il suolo

custode tenace

vinto anch’esso

Sotteso

Cade un leccio

Inatteso

 

Guardo al suolo

quel forte gigante

la voragine aperta al suo piede

tese radiche offese alla pioggia

foglie sparse

lussati i suoi rami

Sprofondano gemme

 

Quanto legno sarà ancora fatto croce ?

 

                                                         sine

 
 
 

punto e virgola

Post n°163 pubblicato il 02 Agosto 2017 da sinesire

se vuoi conoscermi in verità

devi ascoltare

le mie bugie

 
 
 

cirri

Post n°162 pubblicato il 25 Luglio 2017 da sinesire

 

Partirà la mongolfiera

e già parte

Non basteranno le braccia e le gomene

né gli abbracci ai suoi lini

né i lacerati accori

Lucida goccia di rugiada

e alito leggero

Perla d’imperlato mattino

Come il seme 

 

                            sine

Risultati immagini per elementi della mongolfiera

 

 
 
 

lucepropria

Post n°161 pubblicato il 10 Giugno 2017 da sinesire

La poesia è già melodia e la melodia è senz'altro lirica di vibrazione.

Ed ognuna è di suo.

L'innesto delle due espressioni dello spirito, riuscito e capace di trasmigrar linfa, non sempre scontato, dà luogo all'incanto. 

(1)

"Tiene mente 'sta palomma,

Comme ggira, comm'avota,
Comme torna 'n'ata vota
'Sta ceroggena a tentà!

Palummè, chist'è 'nu lume,
Nun è rosa o giesummino,
E tu a fforza ccà vvicino
Te vuò mettere a vulà!

Vattenn' 'a lloco!
Vattenne, pazzarella!
Va', palummella, e torna,
E torna a 'st'aria
Accussì fresca e bella!
'O bbì ca i' pure
Mm'abbaglio chianu chiano,
E ca mm'abbrucio 'a mano
Pe' te ne vulè caccià?

Carulì, pe' 'nu capriccio,
Tu vuò fà scuntento a 'n'ato
E po', quanno ll'hê lassato,
Tu addu 'n'ato vuò vulà.

Troppe core staje strignenno
Cu 'sti mmane piccerelle;
Ma fernisce ca 'sti scelle
Pure tu te può abbrucià.

Vattenn' 'a lloco!
Vattenne, pazzarella!
Va', palummella, e torna,
E torna a 'st'aria
Accussì fresca e bella!
'O bbì ca i' pure
Mm'abbaglio chianu chiano,
E ca mm'abbrucio 'a mano
Pe' te ne vulè caccià?

Torna, va', palomma 'e notte,
Dint'a ll'ombra addò sì nata!
Torna a 'st'aria 'mbarzamata
Ca te sape cunzulà!

Dint' 'o scuro e pe' me sulo
'Sta cannela arde e se struje,
Ma c'ardesse a tutt' 'e dduje,
Nun 'o ppozzo suppurtà!

Vattenn' 'a lloco!
Vattenne, pazzarella!
Va', palummella, e torna,
E torna a 'st'aria
Accussì fresca e bella!
'O bbì ca i' pure
Mm'abbaglio chianu chiano,
E ca mm'abbrucio 'a mano
Pe' te ne vulè caccià? "  

                          Salvatore Di Giacomo 

(2)

https://youtu.be/kDDljSb6InA

                          Francesco Buongiovanni 

 

( ... e 3 )         Vittoria Aganoor Pompilj

                              ... Chè la lirica ... è sempre alito d'anima )

 
 
 

miopadrediceva

Post n°159 pubblicato il 09 Giugno 2017 da sinesire

 il Buonsenso fu il primo caposcuola

la Scienza sua figliuola

 l’uccise per veder com’era fatto

 
 
 

...

Post n°158 pubblicato il 22 Maggio 2017 da sinesire

... ma pensa Tu quanto è semplice !!

-----------------------------------------

Rimedio

Un Lupo disse a Giove: - Quarche pecora
dice ch'io rubbo troppo... Ce vô un freno
per impedì che inventino 'ste chiacchiere... -
E Giove je rispose: - Rubba meno.

 

                                                                                                 Trilussa

torna su    indice

 
 
 

il cono di sotto

Post n°156 pubblicato il 15 Aprile 2017 da sinesire

Tutte le ragioni .

Nessuna giustificazione .

 

 

 

 
 
 

ciliege rosse

Post n°155 pubblicato il 06 Aprile 2017 da sinesire

Si parla in tante lingue

e non ci si capisce

             se non sordi

    Si piange in lingua comune

    ed è tutto chiaro

             Se non ciecchi

                                        sine

 

[ mia nonna era sorda -fin da giovinetta- ma capiva tutto ciò che conta;

perché non sentiva  la sua voce, ma ascoltava -ripetendolo-  il labiale altrui.

Cieca ...: non avrebbe capito :(  ] 

 
 
 

papillons

Post n°154 pubblicato il 03 Aprile 2017 da sinesire

 

“ non vi affollate ! “ strillava il venditore di cosucce,

lasciato in disparte.

Gente fa parole l’eco di vento e monti i cumuli.  

 

Solo i semi piumati … son mongolfiere.

Immagine correlata

 
 
 

Preghiera di una madre

Post n°152 pubblicato il 26 Marzo 2017 da sinesire

Verrà la mia vecchiaia … e mi vedrai vecchia.

 … che mi sporco quando mangio;

… che non riesco a vestirmi.

Abbi pazienza.

Ricorda il tempo che io ho trascorso ad insegnarti tutto questo.

Parlando con te ripeterò più volte le stesse cose ...

… Non mi interrompere. Ascoltami, tuttavia.

Quando eri piccolo chiedevi che ti raccontassi sempre quella stessa storia

e tu ti addormentavi così: sereno, dal fantastico al sogno.

 … che non voglio lavarmi.

Non biasimarmi e … non farmi vergognare.

Ricorda di quando dovevo correrti dietro,

mentre inventavi mille scuse per non fare il bagno.

 … ignorante sulle tecnologie nuove.

 Dammi del tempo; tutto quello necessario; non guardarmi con sorriso ironico.

Ricorda con quanta pazienza, per prima, ti ho insegnato l’abc.

 Quando non riesco a ricordare … o perdo il filo …

Dammi il tempo necessario; se non ci riesco, non ti innervosire.

Non è importante quello che dico; non lo è più.

E’ importante, … per entrambi, il bisogno mio di essere con te;  di averti lì che ascolti.

 Quando le mie gambe stanche non mi consentiranno di tenere il tuo passo, 

non considerarmi un peso.

Ritorna verso di me, dammi le tue mani forti;

nello stesso modo che io l’ho fatto con te quando muovevi i primi passi.

E se mi sentirai dire che vorrei esser già morta, non arrabbiarti.

Comprenderai un lontano giorno cosa mi spinge a dirlo,

come la vita, da vecchi, può diventar sopravvivenza.

 Tieni in conto di poter capire un giorno che, nonostante i miei errori,

ho sempre voluto il meglio per te e che ho tentato di spianarti la strada.

 Dammi un po’ del tuo tempo; dammi un po’ della tua pazienza

... e l'eco solamente ... della tua primavera.

Dammi la spalla … ancorché non te la chiedo,

su cui poggiare la testa come ho fatto io con te, prima che me la chiedessi.

Aiutami nel cammino che mi resta da percorrere. 

Aiutami a completare il mio tempo; con amore e pazienza.

Tu per regalarti un altro mio sorriso e per restituirmi in commozione

l’amore immenso che ho per te;     sempre e per sempre.

 

(non è mia; ce ne sono più versioni nel web; per prima me la fece leggere un'amica (!!), la quale mi esortava a leggerci oltre; a trovarci una coniugazione riflessiva: la cognizione dell' "io" vecchio e bambino. Letta sotto questa interpretazione ... bè... è ancora più spessa e toccante.

L'ho solo reinterpretata come ho sentito; e, in verità, sul substrato dell'interpretazione propostami.  :)

 

...  E' salvo il riguardo e il merito all'autore.

 
 
 

il concavo della vela

Post n°150 pubblicato il 19 Febbraio 2017 da sinesire

Stanotte

invidio le piume del tuo migrare

e l’ inappreso del tuo orizzonte

     Ho scritto per orme

     parole di ghiaia

     contate con la risacca

                        stanotte

      che ancora ti chiamo 

 

                              sinesire

 
 
 

né Salomone

Post n°149 pubblicato il 27 Gennaio 2017 da sinesire

Ci sono parole.

Mai più grandi.

Mai più  semplici.

Mai più …

   autore più grande,

   parlare più umile,

  significato più pieno,

  contenuto più vero.

E se vuoi darti trattato del semplice

Non puoi che complicarlo.

Cosi, mentre vuoi interpretare …

Adulteri.

Mentre parli  e parli e parli …

Non ascolti.

E finisce che spogli il povero

Per vestire i poveri.

Che colpisci

Per proteggere.

Che ferisci

Per lenir ferite.

Che stupri

Per amare.

Che apri gli occhi

Per chiudere il cuore.

I più grande auditorio

è nella dispensa della tua coscienza,

 

se non l’hai trasformata in soffitta.

                                                                     oltre_sire

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: sinesire
Data di creazione: 18/12/2012
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ciaobettina0soloperte_sddaunfiorewanted_2013Elemento.ScostantesinesireCoralie.franonimo.2009Terzo_Blog.Giusnike900cassetta2karen_71mission_impossible.0letizia_arcuriamore_eluce
 

ULTIMI COMMENTI

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

l'henne'

dal blog:"granelli di sabbia"

 

 

.^.

Pnsiero

 

Rocciatore abituale

 

magari domani....

 

Il torchio antico 1800 ?

 

Cocci ... come storie.

 

Confusa_mente

 

Festosi e turchesi

 

Magico maggio

 

va pensiero

Ungaretti

 

Impero