Creato da homoradix il 17/12/2012

tirillio

2015-2016 Biblioteca Fantastica Immaginaria di Tirillio: idee per la letteratura e la scrittura di Word_user

 

« .- Deinauti: vocazione d...CAPPUCCETTO FRAGOLA »

Dal gran libro delle favole...amorali

Post n°243 pubblicato il 16 Aprile 2017 da woodenship

 


"C'era una volta..."in genere così

si comincia all'orecchio del bimbo

snocciolando favola a che cali palpebra

il sonno conciliando col fantastico.

"Cera una volta..."ti sto narrando

bimba al ruolo ribelle:favola tra le 

fiabe la più bella del reame degli

scacchi liquidi viventi.

Già sapevo di te e ti aspettavo regina

pronto ad accoglierti tra gli stracci

di luce, magia del"C'era una volta..."

per dirti ch'è disdicevole lo stallo

da sotto le coltri, col naso alla pagina

a giocarci l'amore, amanti

gli schemi seguendo dal gran libro

delle favole. Descritta in esso

è facile la minaccia del libeccio:

innalza un cavallone riccio

sulla cresta schiaffandoci il naufrago

illudendolo che sia questo lo stallo

eterno"C'era una volta..."Ma sai

anche tu ch'è momentaneo, vero?

Ti dico: sai? Duole che ci sia solo

bianco e nero nel sentirselo dire

e buchi sulle suole di un pedone

sulla scacchiera di corallo.

Ove era inciso il tuo nome ho letto

di te, regina dalle braccia di sabbia

cingenti marea. E che la mia bambina

saresti stata: donna e bambina, curiosità

espungente fascinosa, follia che il vento non

disperde

troppo intento coi marosi nel disimpegnarli per gioco

muovendoli incontro alle torri

delle nuvole, sibilando all'arrocco per darti scacco

mia regina. Tu che giochi con i lacci, le spalline

lasciando cadere, abbacinandomi

nudità. Io pedone che  vorrebbe

assimilarsi all'oscuro richiamo

facentesi vento: chiama

e richiama per onde che appaiono

quasi d'una campana eco bronzea

riportandone ch'è l'ora

di scorrere all'orizzonte liberi

e senza rimandi o comandi. Bensì il nuovo.

Quel mai udito di cui è sì forte il bisogno

come per l'affamato il pane, per l'assetato l'acqua

... Certo avresti oreferito di Biancaneve

la fiaba. Ma sono io il principe

Azzurro della Bella addormentata

nel bosco atro dei sogni: orsù

dovrai ridestarti al mio bacio.

Il pubblico bambino se lo aspetta

fai finta di dormire felice

sul tuo letto guarnita di rose nella teca

adesso.

Poi ci sarà tempo

a partire dagli sbreghi sui jeans

a che s'allarghi lo sconforto sul viso

sorriso mesto tagliuzzato di noi

che riallacci le spalline. Rivestita

non rinunciando all'abbraccio

ristagno lasci di te sul palato. Sai

di melograno rosso rubino generoso

del succo di"C'era una volta..."

dal gran libro delle favole

dei tristi addii

amorali.

 

woodenship


 
 
 
Vai alla Home Page del blog

        










  contatta homoradix
Disclaimer: Tutti i materiali presenti nel blog non sono prelevabili e o utilizzabili senza il consenso espresso degli Autori.

Ikebana PNG Images & PSDs for Download | PixelSquid

 

I testi pubblicati in WORDU sono di proprietà intellettuale degli autori.

Creative Commons License
Wordu, Tirillio are licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

 

ABBIAMO GIĄ PUBBLICATO

Tu, l'Altro. Forse città [JE SUIS CENACOLO']®

UN EBOOK IN 40 POST di wU editore.

11 autori digiland in punta di penna

sfoglia qui

Genere : racconti brevi