Creato da fasanobi il 13/06/2008
Comunicati giornalistici

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fasanobimondodonna_2008ituoilibri.ebookparmenide2008Terzo_Blog.GiusmisteropaganoStolen_wordsmoschettiere62lacky.procinobetaeta7Sky_Eagleacer.250gioiaamoreRavvedutiIn2
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

seminario:”Illeciti penali in edilizia: un approccio pragmatico”

Post n°106 pubblicato il 09 Maggio 2018 da fasanobi
 
Foto di fasanobi

 

l’Associazione “Giorgio Ambrosoli Salerno, lunedì 21 maggio 2018, alle ore 15,30, nella sede del Palazzo di Giustizia in corso Vittorio Emanuele (Aula Parrilli), presenterà il seminario:”Illeciti penali in edilizia: un approccio pragmatico”, con il patrocinio di: “Ordine degli avvocati di Salerno”, Camera Penale Vallo della Lucania Giovanni Lombardi”,Ordine degli avvocati di Vallo della Lucania nell’ambito del quale sarà illustrato il libro, a cura di Luigi Levita e Gianluca D’Aiuto, “Illeciti penali in edilizia: casi e soluzioni” – Maggioli Editore,2018. Modererà la serata l’avv. Pasquale D’Aiuto (Foro di Salerno, Fondatore e segretario dell’Associazione Giorgio Ambrosoli, Salerno.

Dopo i saluti della Dott.ssa Iside Russo,Presidente della Corte d’Appello di Salerno, seguiranno quelli del Dott. Leonida Primicerio, Procuratore Generale presso la Corte d'Appello di Salerno, dell’Avvocato Americo Montera, Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Salerno, dell’Avv. Michele Barbato, Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Vallo della Lucania e dell’Avv. Antonello Natale, Presidente della Camera Penale Vallo della Lucania.

Introdurrà l’argomento il Dott. Nicola Graziano, Magistrato presso il Tribunale di Napoli; Direttore scientifico della collana legale Maggioli Editore. Illustreranno l’argomento: il Dott. Luigi De Vita, Magistrato; l’Avv. Prof. Gianluca D’Aiuto, Professore a contratto di Diritto penale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università telematica “Pegaso”; il Prof. Avv. Agostino De Caro, Professore ordinario di Diritto dell'esecuzione penale, Procedura penale e Procedura penale europea presso l’Università degli Studi del Molise, Facoltà di Giurisprudenza.

L’abuso edilizio è quel reato urbanistico che si concretizza quando viene effettuato un intervento sul territorio senza l’autorizzazione necessaria per costruire. Si ha abuso edilizio anche quando l’intervento è difforme dall’autorizzazione concessa.

Chi commette un abuso edilizio è punito sia sul versante penale che su quello amministrativo; la sanzione penale, infatti, prevede un’ammenda o l’arresto per il soggetto che ha commesso il reato, mentre quella amministrativa concerne il ripristino dello stato anteriore all’abuso. Per l’interesse suscitato dall’argomento è previsto una notevole affluenza di pubblico. Inoltre l’attività formativa è accreditata dal CNF della formazione professionale continua (n. 3 crediti concessi dagli Ordini patrocinatori). La registrazione dei partecipanti è all’ingresso, con firma all’uscita. Per informazioni:  giorgioambrosolisalerno.wordpress.com;

         https://giorgioambrosolisalerno.wordpress.com/contatti/

pasqualedaiuto@hotmail.com

Ufficio stampa: Accademia dei Parmenidei e mail: parmenide2008@libero.it;

Bianca Fasano.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Seminario sul tema “Intelligence, legalità, segreto, prassi”.

Post n°105 pubblicato il 20 Marzo 2018 da fasanobi
 
Foto di fasanobi

 
 

 Salerno. Venerdì 23 marzo 2018, dalle ore 15:30, in Salerno, Via Roma, Palazzo Sant’Agostino – sede della Provincia nel Salone di rappresentanza “Girolamo Bottiglieri”, l’Associazione Giorgio Ambrosoli Salerno, con il patrocinio della Provincia di Salerno, dell’Ordine degli Avvocati di Salerno, dell’Ordine degli Avvocati di Avellino e del Centro per gli studi criminologici giuridici e sociologici, presenterà al pubblico il seminario sul tema: “Intelligence,  legalità, segreto, prassi”, nel corso del quale sarà illustrato il libro, a cura di Salvatore Pignataro, L’intelligence, oggi. L’attività di intelligence nell’ambito della sicurezza nazionale”, (testo di “elevato valore scientifico” secondo il C.S.C., Centro per gli studi criminologici, giuridici e sociologici). Moderatore della serata sarà l’Avv. Pasquale D’Aiuto ( Foro di Salerno, Fondatore e Segretario Associazione Giorgio Ambrosoli Salerno ).

Dopo i saluti del Dott. Pasquale Errico, Questore di Salerno, e dell’Avv. Americo Montera, Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Salerno, l’argomento del convegno sarà introdotto dal Sen. Giuseppe Esposito,Vicepresidente Co.Pa.Si.R.( Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica), prenderà poi la parola l’autore del testo,il dottor Salvatore Pignataro (giornalista e scrittore)

Aprirà le relazioni il  Prof. Giuseppe Acocella, (Ordinario di Teoria generale del diritto presso l’Università di Napoli “Federico II”; Coordinatore dell’Osservatorio sulla Legalità presso l’Università “San Pio V” in Roma) che tratterà il tema:  Legalità globale. La crisi del diritto penale legato all’ordinamento giuridico degli stati sovrani”. Seguirà l’intervento del Dott. Raffaele Battista (Capo di Gabinetto presso la Questura di Salerno, Ideatore e Presidente dell’Associazione Giorgio Ambrosoli Salerno), che parlerà di: “La tutela del segreto di Stato nel processo penale.”

Facendo seguito, il Prof. Carmelo Rizzo, Docente di Diritto Penale presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali dell’Università degli Studi di Salerno e il Prof. Avv. Andrea R. Castaldo, Ordinario di Diritto Penale presso l’Università degli Studi di Salerno, tratteranno il tema “Correttezza e liceità dell’attività d’osservazione, controllo e contenimento dei reati. Agente provocatore, infiltrato, false flag, falsus emptor”.

Si fa presente che il Convegno varrà come attività formativa accreditata dal CNF (grazie ad ORDAVVSA) ai fini della formazione professionale continua (n. 3 crediti). La registrazione dei partecipanti avverrà all’ingresso e si prevede la  firma in ingresso e in uscita. Per qualsiasi informazione: giorgioambrosolisalerno.wordpress.com; pasqualedaiuto@hotmail.com

Bianca Fasano.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

cerimonia d'intitolazione di "Via Giuseppe Grimaldi (1930-1981), Medaglia d'Oro al valor civile".

 

Sabato 30 settembre 2017, alle ore 16:30, al casale Prepezzano di Giffoni Sei Casali, in Lungofiume località Ramiera, si terrà la cerimonia d'intitolazione di "Via Giuseppe Grimaldi (1930-1981), Medaglia d'Oro al valor civile".

 Il Comune di Giffoni Sei Casali, difatti, su invito dell'Associazione Giorgio Ambrosoli Salerno, ha deliberato prontamente,  con atto di Giunta Comunale n. 22 del 2 marzo 2017, l'intitolazione di una strada in favore di Giuseppe (Pino) Grimaldi,  Segretario particolare dell'Avv. Leopoldo (Dino) Grassani, con il quale condivise sia la coraggiosa tempra che il barbaro assassinio da parte della criminalità organizzata, il 27 marzo del 1981 e con questi è stato insignito della Medaglia d'Oro al valor civile in data 26.5.2009 da parte del Presidente Giorgio Napolitano," Per aver pagato con il proprio olocausto la dedizione alla Toga ed alla Legge".  

-"Chi per la gloria muor/Vissuto è assai/La fronda dell'allor/Non langue mai"- fece cantare nella sua opera, dal coro presente nella nona scena del primo atto, nella "Caritea, regina di Spagna" (ossia La morte di Don Alfonso re di Portogallo) il compositore Saverio Mercadante e a queste parole fecero fede i fratelli Bandiera, fedeli Mazziniani che, mutandole in "Chi per la patria muor/Vissuto è assai", le ritennero le più opportune per chiudere le loro vite. In questi tempi dove "L'Italia è fatta", ma si cerca di distruggerne gli ideali più profondi, è giusto che alla manifestazione partecipi, oltre ad un vasto pubblico di cittadini, sia per invito personale che per essere presenti all'evento, per il Comune di Giffoni Sei Casali,  Il sindaco Francesco Munno e per per l'Ass. Giorgio Ambrosoli Salerno, il presidente Dott. Raffaele Battista, e che entrambi prendano la parola a ricordo (Per informazioni:  Ufficio segreteria del sindaco;  Ufficio Segreteria segreteria@comune.giffoniseicasali.sa.it e Segretario dell'Associazione Giorgio Ambrosoli, A v v .  P a s q u a l e  D'A i u t o, Via R. De Martino n. 7, 84124 Salerno; Tel. e fax 089.22.21.51 - 347.69.00.518 pasqualedaiuto@hotmail.com

vvpasqualedaiuto@pec.ordineforense.salerno.it )

Pino Grimaldi è un eroe; ucciso mediante una vera e propria esecuzione con un colpo solo alla fronte. Uno di quegli eroi che più di quanti, per ragioni di belligeranza, si trovano a morire su un fronte di guerra, ebbe il presentimento di quanto gli sarebbe accaduto ma non indietreggiò. Fu udito ripetere spesso: «Io morirò con l'avvocato Gassani». Avrebbe, come il suo amico, potuto tirarsi indietro,provarsi a convincere l'avvocato  a rinunciare al lavoro che lo vedeva coinvolto in merito al rapimento di due imprenditori Campani, per questioni legate alla testimonianza di un cliente. In precedenza, difatti, erano state prodotte contro l'avvocato Gassani, diverse minacce di morte da parte della camorra, ma questi non volle retrocedere in forza della paura e così vennero barbaramente uccisi entrambi, nello studio del legale di Salerno. Avevano entrambi cinquantun anni. Pino Grimaldi era divenuto l'ombra dell'avvocato Gassani, per non lasciarlo solo nel pericolo, anche in quanto amico di famiglia e videro la morte assieme, per mano di due emissari della camorra. Occorre dunque rimarcare che la società non dimentica i suoi martiri ed appare davvero un bel gesto quello dell'Amministrazione comunale di Giffoni Sei Casali che, in tempi brevissimi, ha voluto rendere omaggio al ricordo dello sfortunato e coraggioso concittadino. Come Giorgio Ambrosoli, cui è dedicata l'Associazione salernitana, anche Pino Grimaldi merita il ricordo costante e l'attenzione di quanti conoscono il loro sacrificio: "Chi per la patria muor, vissuto è assai".

Bianca Fasano

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Salerno: L’Associazione Giorgio Ambrosoli Salerno, con gli onorevoli patrocini della Provincia di Salerno, dell’Ordine degli avv

Foto di fasanobi

Salerno: L’Associazione Giorgio Ambrosoli Salerno, con gli onorevoli patrocinidella Provincia di Salerno, dell’Ordine degli avvocati di Salerno e dell’AGI(Associazione Grafologica Italiana), presenta il Seminario sul tema“La prova scientifica nel processo civile e penale.”Venerdì 7 Aprile 2017, dalle ore15:30 - 18:30, nell’Aula Consiliare di Palazzo Sant’Agostino - sede dellaProvincia di Salerno

 

Salerno: L’AssociazioneGiorgio Ambrosoli Salerno, con gli onorevoli patrocini della Provincia diSalerno, dell’Ordine degli avvocati di Salerno e dell’AGI (AssociazioneGrafologica Italiana), presenta il Seminario sul tema “La provascientifica nel processo civile e penale.“ Venerdì 7 Aprile 2017, dalle ore 15:30 – 18:30, nell’AulaConsiliare di Palazzo Sant’Agostino – sede della Provincia di Salerno.

L’interessantissimo argomento vedrà come moderatoredella serata l’Avv. Pasquale D’Aiuto, professionista iscritto presso l’Ordinedegli Avvocati di Salerno. Co-Fondatore e Segretario dell’Associazione GiorgioAmbrosoli Salerno.

Dopo i saluti alle autorità, l’introduzione al temasarà a cura dell’Avv. Gianluca D’Aiuto, Professionista iscritto al Foro diVallo della Lucania. Il primo argomento della serata sarà presentato da ungrande esperto in materia grafologica usata a scopo scientifico, ossia il Dott. GIUSEPPE SANTORELLI, Perito graficoforense, Membro ordinario dell’Accademia Italiana Scienze Forensi nonchédell’Associazione Grafologica Italiana, cultore della materia criminalistica,che tratterà il tema: “Il problema della prova scientifica nel processopenale”. Si può definire la prova scientifica, qualsiasi sia il metodo checomporta, come un dispositivo tecnico scientifico atto alla ricostruzione delfatto storico. Prendendo il via da un fatto documentato, attraverso l’utilizzodi una legge scientifica, dimostra l'esistenza di un altro fatto, da provare, equindi un fatto sconosciuto, rientrando nella tipologia della prova critica oindizio. Pur avendo un ruolo molto rilevante nel processo penale, evidenzia ilrischio che il risultato probatorio che si ottiene attraverso l'espletamentodella prova scientifica, abbia la caratteristica della verità, mentre in realtànon si deve fraintendere ritenendo che l'espressione scientifica racchiuda diper sé che il risultato dell'attività sia un risultato attendibile e chepermetta di giungere alla certezza della ricostruzione del fatto.

Di certo anche a quanticonoscono le nuove tecniche investigative soltanto attraverso le serietelevisive quali NCIS, Unità anticrimine, The Mentalist, R.I.S, Delittiimperfetti, Lie to Me e Crossing Jordan (nel mondo delle autopsie), apparechiaro che il mondo investigativo è molto cambiato nel tempo, per quantoriguarda i mezzi atti a raggiungere il fine della “verità”. Le investigazioni ela ricostruzione probatoria dei fatti, risulta attualmente perseguitoutilizzando in numerosi casi le “nuove” prove scientifiche. Ricordiamo i testgenetici del DNA, gli esami biologici, le analisi chimiche e tossicologiche,gli esami psicologici, le informazioni desumibili da studi epidemiologici, lagrafologia, la ricostruzione della dinamica dell’evento mediante il computer,il metodo spettrografico di riconoscimento vocale (voice-print) e persino, inalcuni casi, la stilometria a merito della quale si ottiene il riconoscimentoqualitativo dello stile letterario di una persona allo scopo di attribuire aquesti un atto o una dichiarazione. Proprio per chiarire questi nuovi metodi diindagine il Dott. VINCENZO CAIAZZO, Colonnello dell’Arma dei Carabinieri,Comandante della Sezione di Polizia Giudiziaria presso la Procura dellaRepubblica di Napoli parlerà de “La ricerca della prova scientificanell’attività d’indagine”.

Ovviamente toccherà almagistrato fare da ago della bilancia in queste innovative possibilità el’argomento verrà chiarito dal Dott. LUIGI LEVITA, Magistrato, cheproporrà il suo intervento: “Il ruolo del giudice nel ventaglio delle ipotesiricostruttive. La motivazione del metodo scientifico”.

Concluderà, con undifferente punto di vista, il Dott. GIORGIO CARUSO, del Gruppo CattolicaAssicurazioni, Responsabile Rete fiduciari, il quale prospetterà la questione sotto il profilo de “Ilproblema del falso nel sistema assicurativo: analisi del fenomeno, nuovistrumenti, casi concreti, soluzioni adottate”. Appare evidente chel’organizzazione del convegno abbia tenuto conto dell’insieme delleproblematiche, nell’intento di fornire un quadro totale quanto più definitopossibile.

Come sempre accade per iconvegni organizzati dall’Associazione, l’incontro varrà come attivitàformativa accreditata dal CNF ai fini della formazione professionale continua(n. 3 crediti), essendo liberoe prevedendo l’identificazione e la firma in ingresso ed in uscita.

Per informazioni: Organizzazione: Associazione GiorgioAmbrosoli Salerno www.giorgioambrosolisalerno.wordpress.com

Info: Avv. Pasquale D’Aiuto - pasqualedaiuto@hotmail.com

Si ringraziano per il sostegno La Ditta Casaburi(lista nozze e bomboniere) ed il Bar Umberto di Salerno.

Bianca Fasano.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il rimpianto di ciò che hai perduto

Post n°102 pubblicato il 12 Luglio 2016 da fasanobi
 
Foto di fasanobi

 

Il rimpianto di ciò che hai perduto.

 

Il rimpianto di ciò che hai perduto

t'insegue le notti

delle falene,

riempiendo di fumo le stanze

del vuoto.

Non serve,

non paga,

il rimpianto.

Ti uccide senza la lama,

t'incide nell'animo

una domanda

 e poi tante,

ma tante,

senza colore,

che pure,

hanno ancora un profumo.

E' inutile,

vano,

il rimpianto,

non ha occhi

e non ha labbra da baciare,

né mani

da stringere ancora

ed allora?

A che servi,

rimpianto,

se quando lasciasti sapevi

che era così:

finito, smarrito

perduto l'amore

per quello che un tempo

ti parve la luce del giorno

e si spense nel grigio,

macchiato di sangue

di un pallido,

smagrito,

addio.

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso