Creato da namy0000 il 04/04/2010

Un mondo nuovo

Come creare un mondo nuovo

 

Messaggi del 03/11/2020

Rovinosa bancarotta

Post n°3439 pubblicato il 03 Novembre 2020 da namy0000
 

2020, Pietro Cabrio, Il Post 31 ottobre

 

La rovinosa bancarotta di un imprenditore ossessivo-compulsivoPer anni Luigi Compiano accatastò auto, moto e barche con i soldi sottratti alla sua azienda, secondo una perizia a causa di un disturbo che ne condizionò la capacità di intendere e di volere

Nel novembre del 2016 circa cento camion partirono da Treviso per conto della casa d’aste inglese Sotheby’s con destinazione Fiera di Milano. Nei loro viaggi trasportarono 434 auto, 159 motocicli, 58 imbarcazioni e 134 biciclette: in tutto 817 lotti che tra il 25 e il 27 novembre dello stesso anno vennero venduti complessivamente per 51 milioni di euro in una delle aste automobilistiche più ricche di sempre. Tutti i lotti erano stati proprietà di una sola persona, l’imprenditore trevigiano Luigi Compiano, che li aveva acquistati nell’arco di diciotto anni servendosi di almeno 36 milioni di euro sottratti dai caveau dell’azienda portavalori di famiglia, provocandone la bancarotta.

In diciotto anni Compiano stipò i mezzi acquistati in undici capannoni in una zona industriale alle porte di Treviso, senza mai farne mostra in pubblico. In questi capannoni trovarono spazio dei pezzi unici nella storia dell’automobilismo: una rarissima Ferrari 275 GTB da oltre 3 milioni di euro, quattro Testarossa, una Maserati MC12 prodotta in cinquanta esemplari, due modelli di Lancia Delta HF Integrale cinque volte campione del mondo nel rally e sette Rolls-Royce, il tutto comprato sapientemente ma in modo ossessivo insieme a un sacco di altra roba.

Tra Ferrari, Porsche, Aston Martin e Maserati, vennero sequestrati anche mezzi e oggetti più disparati, comuni e non. All’asta di Sotheby’s a Milano vennero battuti un motoscafo Lamborghini Miura, una Ducati Desmosedici del 2008, decine di bici da corsa, una Jaguar D-Type per bambini da 30.000 euro, un centinaio di vecchie insegne stradali, due vecchie bici dell’esercito svizzero e poi gomme, motori, idroplani, go-kart, furgoni militari, station-wagon, utilitarie e monoposto di Formula 3.

I beni accatastati rimangono ancora oggi l’immagine dell’enorme dissesto economico da 124 milioni di euro scoperto a partire dal 2013 nei conti dell’azienda portavalori North East Services, fino ad allora leader locale nel settore con oltre 400 dipendenti tra Veneto e Friuli Venezia Giulia. Compiano è il principale imputato nel processo iniziato lo scorso dicembre e ora vicino alla conclusione: per lui il pubblico ministero ha chiesto una pena di nove anni di reclusione.

È accusato di appropriazione indebita, bancarotta documentale – per aver nascosto le scritture contabili della North East Services – e bancarotta per distrazione, avendo compromesso i conti prelevando dai caveau aziendali milioni di euro spesi per acquistare i beni citati: condotta per la quale una perizia del dipartimento di psichiatria dell’ospedale San Raffaele di Milano presentata dalla difesa, ma respinta dai giudici, lo ha valutato come affetto da un disturbo ossessivo-compulsivo tale da condizionare la sua capacità d’intendere e di volere.

Il caso della North East Services ebbe una grandissima risonanza nel Veneto orientale e soprattutto a Treviso, ricca città imprenditoriale dove l’azienda aveva sede e nella cui provincia si trovavano, a pochi chilometri di distanza tra di loro, sia il caveau dal quale venivano prelevati impropriamente i soldi che gli undici capannoni dove venivano conservate auto, moto e barche. Luigi Compiano era inoltre l’erede del gruppo di famiglia, fra i più noti e influenti in città, fondato negli anni Venti dal bisnonno e poi portato avanti dal padre Arnaldo, collezionista d’arte ricordato come un mecenate e candidato sindaco di Treviso nei primi anni Duemila.

I Compiano erano estremamente radicati nel territorio, non solo con le attività imprenditoriali, ma anche nella cultura, con una casa editrice, e come finanziatori di eventi e attività benefiche. Oggi di tutto questo non esiste più nulla. Il caso giudiziario coinvolse inevitabilmente anche gli altri membri della famiglia: Marco Compiano, fratello di Luigi, subentrò nella gestione dell’azienda subito dopo lo scandalo e si trovò accusato di aver evaso l’IVA per un milione di euro. Venne assolto nel 2016 e nello stesso anno disse al quotidiano locale: «Ci siamo trovati da una posizione di solidità alla totale precarietà. Ora vivo di lavori saltuari, non ho un impiego stabile e il nome della nostra famiglia è stato completamente svalutato».

Luigi, descritto come una persona spigolosa ed estremamente riservata, non ha mai rilasciato dichiarazioni, se non nell’ultimo anno, quando ha sostenuto di aver saldato i debiti e per questo di essere finito in miseria. Secondo le deposizioni del curatore fallimentare del gruppo, per diciotto anni prelevò denaro dai caveau dove venivano conservati i soldi di istituti di credito come Veneto Banca, Intesa San Paolo, Unicredit e Zurich, ma anche di supermercati e grossi gruppi come Ikea. Compiano coprì i prelievi con assegni intestati a sé stesso privi di valore e gli ammanchi rimasero nascosti per anni, inizialmente con la presunta complicità di due dipendenti che però sono stati scagionati: secondo la procura avrebbero soltanto eseguito gli ordini di un superiore.

Nel 2013 alcune banche locali, probabilmente insospettite, chiesero improvvisamente di ritirare delle grosse somme di denaro dai depositi della North East Services. L’azienda, non essendo in grado di restituirle, cercò di prendere tempo. Le banche si rivolsero quindi alla Guardia di Finanza, che scoprì ammanchi e irregolarità nei conti “scoperchiando” un caso che a distanza di sette anni fa ancora discutere e non può dirsi concluso.

Tutte le aziende del gruppo Compiano, dal trasporto portavalori a sicurezza e vigilanza, cessarono immediatamente le attività, lasciando per mesi quasi un migliaio di dipendenti senza stipendio e successivamente in cassa integrazione fino al subentro dell’azienda milanese Sicuritalia, che nel 2014 rilevò dal curatore fallimentare l’azienda portavalori e quella di vigilanza. Nelle indagini fu coinvolto anche l’ex questore di Treviso, Carmine Damiano, indagato per aver promosso l’operato dell’azienda in una consulenza professionale pochi anni prima dello scandalo, ma nel 2015 la sua posizione venne archiviata. Oltre al processo in corso per bancarotta, Compiano è già stato condannato in via definitiva dalla Cassazione a 2 anni e 4 mesi per il mancato pagamento di imposte fiscali tra il 2011 e il 2013 per 17 milioni di euro, somma che verrà recuperata dai proventi dell’asta, gli stessi con i quali verranno in parte risarcite banche e imprese.

 
 
 

Una visita a sorpresa

Post n°3438 pubblicato il 03 Novembre 2020 da namy0000
 

La carezza di Francesco ai miei “invisibili”

Una visita a sorpresa che ci ripaga delle umiliazioni subite per aiutare chi vive nelle baracche di Rosarno, dice il fondatore Bartolo Mercuri.

Sono vent’anni che Bartolo Mercuri, il fondatore del Cenacolo di Maropati, in provincia di Reggio Calabria, nel cuore dell’Aspromonte, ribattezzato “papà Africa” dai migranti che assiste senza sosta, si prodiga per gli ultimi.

Di sofferenza ne ha vista a fiumi, inframmezzata da attimi di insperata felicità come quella che prova quando riesce a regalare sorrisi. Ma la soddisfazione più alta è stata certamente l’incontro indimenticabile con padre Konrad Krajewski, l’elemosiniere di papa Francesco.

Il cardinale che non ha segretario né autista, come un prete di strada, di strada ne ha fatta tanta: si è messo alla guida di un furgone stracarico di viveri e prodotti per l’igiene e ha guidato per 700 chilometri, da Roma alla Calabria, per portare un aiuto concreto ai volontari che operano ai piedi dei costoni rocciosi tentando di restituire dignità ai circa duemila “invisibili” che popolano le baraccopoli della zona. «Mi manda papa Francesco», ha detto agli increduli collaboratori di Mercuri, ai quali si è presentato senza alcun preavviso.

Un’improvvisata dietro cui c’è un messaggio preciso del Pontefice, quello di sostenere chi sta dalla parte degli ultimi e dei più fragili. La conferma viene da “papà Africa”: «Nessuno di noi ne sapeva niente. Quando è arrivato, si è messo a scaricare, consegnandoci di tutto: generi alimentari, shampoo, lamette per la barba, dicendoci che li mandava papa Francesco per aiutarci nella nostra missione. E per sostenerci economicamente. Ci ha fatto anche un bel regalo».

Francesco è a conoscenza del grande lavoro che il Cenacolo svolge nella Piana di Gioia Tauro e ha inviato il suo braccio destro nella carità per mettere in pratica l’enciclica Fratelli tutti. Sono state «scene forti», come racconta don Gaudioso Mercuri, il parroco di Varapodio (è il figlio di Bartolo), che lo ha aiutato a scaricare. «Prima è stato alla mensa a distribuire viveri insieme ai volontari a circa duecento famiglie della zona. Sono italiani. Sono i nuovi poveri. Gente con la sofferenza che si legge negli occhi e che riceveva quello che serve per vivere con dignità e in silenzio. A loro ha consegnato anche alcune immaginette di papa Francesco, copie dell’enciclica, rosari. Poi insieme a lui e a mio padre», aggiunge don Gaudioso, «abbiamo incontrato gli africani nelle tendopoli e baraccopoli di Rosarno e San Ferdinando, ma anche nelle abitazioni di fortuna e nei rifugi rurali. Nella zona rossa ovviamente non siamo entrati e ci siamo soltanto passati con l’auto, ma padre Konrad si è fermato per parlare con gli stranieri che cucinavano all’aperto». Una scena di grande profondità e molto commovente, racconta ancora don Gaudioso con la voce rotta dall’emozione. «È l’immagine della Chiesa di Francesco». Non quella degli scandali e degli affari milionari, ma quella che «porta avanti la barca di Pietro nonostante la tempesta intorno», spiega il parroco di Varapodio.

Padre Konrad ha pernottato al Cenacolo e ha celebrato Messa nella chiesetta del Paese. Toccante pure l’incontro con i volontari, al quale hanno partecipato anche il vescovo di Oppido Mamertina e Palmi, monsignor Francesco Milito, don Pino De Masi di Libera e il sindaco di Maropati. «Nella mia vita non ho mai incontrato una persona così meravigliosa», racconta il fondatore del Cenacolo. Uno che ha lasciato il diaconato perché un vescovo gli disse che la sua missione era un’altra, cioè quella di stare vicino ai poveri. Lo ha fatto scontrandosi con i caporali che, a ridosso della rivolta di Rosarno, gli incendiarono due bus, una decina di anni fa. Padre Konrad è venuto a sostenerlo anche per questo (FC n. 44 del 1 novembre 2020).

 
 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

ULTIME VISITE AL BLOG

daunfiorenamy0000yarisdgl5cassetta2ReCassettaIILuciferREdegliInferioceanodisilenzio1simon_boccanegraJohnTrade53Yuliviibiondazurvololowcarloreomeo0GUATAMELA1MARI066
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom