Creato da namy0000 il 04/04/2010

Un mondo nuovo

Come creare un mondo nuovo

 

Messaggi del 01/12/2020

Creatore

Post n°3467 pubblicato il 01 Dicembre 2020 da namy0000
 

Creatore è una parola che abbiamo trovato nella Bibbia. Quella stessa Bibbia, che ci rivela Dio Padre, ci dice che è Creatore.  Il Padre ha parlato, ha detto, e la sua Parola è avvenuta. La sua Parola, il suo Verbo, cioè il suo Amore sapiente, si è concretizzato. Tutto ciò che vedi attorno a te e dentro di te, tutto ciò che accade tra gli uomini e nella loro storia è dono, e ti conduce al Donatore. Se sei illuminato dallo Spirito santo non solo capisci, ma anche godi e brami di vincere il tuo peccato per entrare nel movimento di quell’Amore che crea.

Egli “disse”, e tutto fu fatto; egli parla, e tutto esiste. Tutto dall’Amore, con Amore, per l’Amore. Se credi che Dio-Padre è Creatore, e non puoi far a meno di crederlo, altrimenti non sarebbe nemmeno Padre, allora vedi ogni cosa avvolta dall’Amore, e tu stesso farai di tutto per Amare e accogliere l’Amore degli altri. Ciò non è possibile per chi parla solo di Natura e aspetta il Nirvana (don Vigilio, 25 nov. 2020).

 

Quando penso al Cielo, mi viene di ritenerlo il nascondiglio di Dio. Infatti, guardo il cielo e Dio non lo scorgo. La Terra la ritengo, invece, il mio nascondiglio, il luogo dove io mi eclisso per non lasciarmi vedere quando mi sento o sono davvero peccatore. Quando io esco dal mio nascondiglio per incontrare il perdono del Padre, anche lui esce dal suo per abbracciarmi. Di certo è uscito lui prima di me, e allora cielo e terra non sono più né distanti né separati, ma diventano come il nido riscaldato dalle ali della chioccia che cova in silenzio. Cielo e terra vengono dallo stesso cuore, e si uniranno per consegnarci a quel cuore, materno e paterno ad un tempo, che ci desidera. Il cielo e la terra li ha scoperti, distanti l’uno dall’altra, Giacobbe nel suo sogno famoso (Gen 27,10ss). Erano distanti, ma uniti da una scala, una scala capiente, perché ospitava il movimento di salita e discesa di chissà quanti angeli. E Gesù ci ha promesso che li vedremo anche noi quegli angeli salire e scendere (Gv 1,51): nella promessa di Gesù la scala è lui stesso. Cielo e terra sono uniti da Gesù: è lui l’abitazione di Dio Padre, ed è ancora lui la nostra dimora. Gesù porta noi terrestri nelle dimore celesti, e qui sulla terra Gesù porta giù il cielo e lo vedremo tra poco.

Cielo e terra, due realtà contrapposte, ma non nemiche tra di loro. Il cielo sarà al servizio della terra, e la terra a servizio del cielo.

Con Cielo indichiamo il mondo di Dio-Amore e con Terra la dimora dell’uomo.

La Terra ci pare di possederla, di adoperarla, di tenerla tra le mani con familiarità, benché la conosciamo ben poco. Il Cielo ci fa pensare a realtà sconosciute, che esistono sì, ma chissà dove e chissà come. Il Cielo ci rende curiosi, talvolta anche impauriti, quando il nostro cuore ci rimprovera qualcosa. Le realtà celesti non le teniamo in mano, non dipendono da noi e non si lasciano afferrare. Esse rimangono mistero, nel senso che restano nascoste. Possiamo però affermare che anch’esse sono creature del nostro Padre, e quindi non ci devono far paura, ma solo stupire, perché sono espressione dell’Amore, dello stesso Amore di cui noi stessi siamo partecipi. Possiamo dire perciò che Cielo e Terra sono un unico dono (don Vigilio, 26 nov. 2020)

 
 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

ULTIME VISITE AL BLOG

namy0000yarisdgl5cassetta2ReCassettaIILuciferREdegliInferioceanodisilenzio1simon_boccanegraJohnTrade53Yuliviibiondazurvololowcarloreomeo0GUATAMELA1MARI066LUIGI3960
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom