Creato da namy0000 il 04/04/2010

Un mondo nuovo

Come creare un mondo nuovo

 

Messaggi del 21/05/2022

Viaggio spirituale

Post n°3740 pubblicato il 21 Maggio 2022 da namy0000
 

2022, FC n. 20 del 15 maggio

Il viaggio di fratel Charles de Foucauld è prima un torrente, poi un fiume per diventare, infine, un mare, nel deserto.

Era una persona con talenti incredibili, sapeva fare mille cose. Dio lo aveva scelto da tempo, e quando Charles si scopre stremato spiritualmente dopo anni di eccessi, chiede: “Dio mio, se esistete fate che io vi conosca”. E Dio non si fa attendere.

Nella vita di fratel Charles ci sono persone meravigliose: il suo confessore, l’abate Huvelin, il suo vescovo, il comandante amico Laperrine, la sorella Mimì.

Marie è colei che è costantemente nel cuore e nella mente di Charles in tutti gli anni della sua vita. La loro unione è particolarmente profonda, nel tempo si eleva, sopravvive alla lontananza, ai cambiamenti di vita di entrambi. Anche nei periodi di maggiore confusione, Charles è sempre molto attento a cosa scrive o dice Marie. Dio trova un canale privilegiato per “parlare” a Charles attraverso Marie, la quale con la sua testimonianza, il suo esserci sempre lo riavvicina alla fede e ne segue tutta l’evoluzione spirituale.

Charles de Foucauld giunge alla fede dopo una giovinezza travagliata. Ordinato sacerdote a 43 anni, si reca nel deserto algerino del Sahara, prima a Beni Abbès, povero tra i più poveri, poi più a sud, a Tamanrasset con i Tuareg dell’Hoggar. Vive una vita di preghiera, meditando continuamente la sacra Scrittura, nell’incessante desiderio di essere per ogni persona il “fratello universale”.

Muore a 58 anni, la sera del 1 dicembre 1916, assassinato da una banda di predoni di passaggio.

Lo specifico della spiritualità di Charles de Foucauld è l’abbandono alla volontà di Dio e voler essere come Gesù. Charles voleva stare all’ultimo posto, come Gesù “discende” nella vita dell’uomo fino a essere l’ultimo, fino alla morte. Egli declina Nazaret in ogni azione e luogo della sua vita: nell’adorazione dell’Eucaristia, nella meditazione della Parola, nel suo portare Cristo a coloro ai quali era sconosciuto come i Tuareg, a rivoluzionare l’idea di missione e di evangelizzazione come l’essere testimone di Cristo senza alcun “orpello” e credere che per convertire occorre la presenza eucaristica di Cristo e la testimonianza del Vangelo con le nostre azioni e il nostro nascondimento.

Charles vive pienamente il suo essere fratello universale e apre la sua vita ai musulmani, agli ebrei, ai berberi, con la certezza che si può portare loro Gesù e farlo conoscere solo con la fede e l’umiltà della vita quotidiana.

Preghiera di Charles de Foucauld:

«Padre mio,

io mi abbandono a te, /

fa' di me ciò che ti piace. /

Qualunque cosa tu faccia di me, /

ti ringrazio. /

Sono pronto a tutto, accetto tutto, /

purché la tua volontà si compia in me /

e in tutte le tue creature. /

Non desidero niente altro, mio Dio».

Nella sua vita, fratel Charles faceva tanti propositi, poi cambiava direzione perché ascoltava, amava Dio e si abbandonava a lui.

 
 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

ULTIME VISITE AL BLOG

namy0000gerani51cassetta2marabertowt.v.b.90Vignaiolo.toscanosottonuvolaanastasia_55Jabel.Rvolpicinafatataamistad.siemprealf.cosmosletizia_arcuriILARY.85sfigienio
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom