Creato da Violadizucchero il 17/03/2008

VioladiZucchero

I pensieri di una viola di zucchero non poi così dolce...

 

piove piove piove...

Post n°190 pubblicato il 28 Aprile 2009 da Violadizucchero
 

In questi ultimi giorni sono molto “ciapata” come dice il nostro capo c. L’impegno più importante della stagione lavorativa sta per avere vita e io sono sotto più che mai a leggere e studiare. E naturalmente a lamentarmi e ad innervosirmi perché determinate cose non cambiano mai. In più mettiamoci che da domenica piove a secchiate e senza sosta, fa  un freddo stile novembre e tutto ha un’aria truce…non posso negare che anche il mio umore è abbastanza truce e per tanti motivi differenti…e forse sempre medesimi…ma a parte questo, c’è un pezzo di me che non rientra in quadro. Da quando Nino ha fatto questo incidente ho un lato spezzato. C’è un dolore che non trova pace…pensavo che per tutti un evento di questo tipo avesse scatenato reazioni uguali o almeno simili alle mie ma…in realtà non è così. C’è chi mi ha detto, che è un dolore spropositato dato che non sono della famiglia, chi mi ha derisa quando mi ha vista piangere, chi mi dice che faccio male a tenere conto così tanto le reazioni di Azzurrina dato che prima del suo dolore viene quello di Nino, chi dice che alla fine chi ama la velocità in moto prima o poi paga (ed in realtà niente ancora dimostra che l’incidente di Nino è dovuto alla velocità…) e diventa un soggetto che grava su tutti noi…insomma la versione più gettonata è che bisogna pensare che infine è riuscito a sopravvivere e alla fine ci metterà una pezza. Dopo questi illuminanti pensieri a me viene la voglia di non ascoltare più domande e di non pensare più risposte. Ma credo che questa gente non capisca alcune cose:

  • Nino, ragazzo bellissimo giovane e con un carattere solare ora è un invalido civile con tanto di assistente sociale che tira le fila del suo destino;
  • la famiglia dovrà convivere con l’idea di questo fatto per sempre;
  • la vita di tutte quelle persone è cambiata;
  • non si può far prendere al dolore una forma che non è la sua;
  • la situazione di Nino condizionerà per sempre le vite di quelli che gli vogliono bene.

Ed io soffro insieme ad Azzurrina per questo perché la capisco… tutti i giorni l’umore prevalente della mia giornata dipende da quanto mi appare allegra la voce di mia madre…se la sento opaca dentro di me quella giornata sarà spenta mentre sarà luminosa se la sentirò squillante. E’ inutile provare a prenderla da altri lati è così e basta. E’ doloroso…ma non di quei dolori cocenti che poi si placano…di quelli che puoi riuscire a sopportare ma che ogni giorno ti corrodono il cuore.

 
 
 

Cose belle...

Post n°189 pubblicato il 22 Aprile 2009 da Violadizucchero
 

Dunque …vediamo un po’ questa volta mi ci devo concentrare un po’ di più…ma ce la faccio….se ci provo ce la faccio…:

 

  • quest’anno finalmente dopo una serie di culture sconosciute è ricomparsa la colza…è spettacolare attraversare la campagna e trovare queste meravigliose distese di giallo abbagliante…mi piacerebbe fermare la macchina e saltarci in mezzo come quando ero bambina…;
  • è bello che ogni tanto riesca a ricordarmi perché il mio rapporto con Contessa va avanti da un quarto di secolo…quando apre il suo cuore e lascia andare tutte le stupide impalcature ritrovo la mia amica…quella con cui ho passato l’adolescenza quella che in fondo potrebbe essere la voce narrante di tutta la mia esistenza. Nei momenti di dolore non è inconsueto che io abbia voglia di parlare con lei…e lei c’è;
  • ho deciso che domani pianto qui baracca e burattini e me ne vado leggera e leggera a prendere Pasticcina all’asilo…se è bello magari ci scappa anche un gelato e un po’ di gioco al parco;
  • nonostante gli anni, le beghe e la salute che ogni tanto fa venire un po’ di paura se compongo un certo numero di telefono….di là rispondono mamma e papà…e sanno dire le cose giuste per farmi andare avanti;
  • tra un paio di mesi vado in vacanza nella terra natia di papà…Pasticcina ne é entusiasta e non si capacita di non esserci ancora stata;
  • ieri sera nonostante mi sentissi uno straccio ho trovato la forza di mettermi a leggere un libretto con Pasticcina che conosce i passaggi a memoria…più difficile riuscire a metter fine alla lettura e spegnere la luce.
  • le piante davanti a casa mia sono esplose in un verde abbagliante…la vita quindi esiste;
  • mi è tornata la voglia di guardar le buose in giro per la rete…J.
  • trovare affetto e solidarietà anche in queste virtuali pagine….

 
 
 

Macigni

Post n°188 pubblicato il 21 Aprile 2009 da Violadizucchero
 

Questa notte ho pensato che Nino in questa canzone potesse ritrovarsi…la vita è un evento talmente surreale da sembrare davvero traiettoria impercettibile codice di geometria esistenziale. Nel momento attuale per assurdo temo molto di più per l’incolumità di Azzurrina…per lei sò che il colpo vero non è ancora arrivato…lo sento da come mi parla che ancora non ha realizzato….la sento ovattata, come se in realtà non ci fosse, come se un canale di comunicazione con l’esterno si fosse sintonizzato su una frequenza non rilevabile. Ho paura per lei quanta a volte ne ho per me stessa…è la medesima onda gelida che arriva quando in tutto ciò che ancora dovrà accadere fatichi a trovare la luce. Viene voglia di scappare per sempre. Eppure lo sò che non è possibile scappare all’infinito…e ieri sera mi sono aggrappata con tutta me stessa al mio pilastro…ho portato Pasticcina a nanna con me nel lettone e sono stata sveglia nella penombra a guardala addormentarsi…non credo esista per me un’immagine più serena di lei che dorme tutta fatta su nelle coperte (come me…) con quel faccino paffuto che anche nel sonno riesce a mantenere un accenno di sorriso. E per quanto la vita sia dolorosa quel sorriso e quella morbidezza me la fanno apparire sopportabile…

 

Gli uccelli

 

Volano gli uccelli volano
nello spazio tra le nuvole
con le regole assegnate
a questa parte di universo

al nostro sistema solare.
Aprono le ali
scendono in picchiata atterrano meglio di aeroplani
cambiano le prospettive al mondo
voli imprevedibili ed ascese velocissime
traiettorie impercettibili
codici di geometria esistenziale.
Migrano gli uccelli emigrano
con il cambio di stagione
giochi di aperture alari
che nascondono i segreti
di questo sistema solare.
Aprono le ali
scendono in picchiata atterrano meglio di aeroplani
cambiano le prospettive al mondo
voli imprevedibili ed ascese velocissime
traiettorie impercettibili
codici di geometria esistenziale.
Volano gli uccelli volano
nello spazio tra le nuvole
con le regole assegnate
a questa parte di universo
al nostro sistema solare.

 
 
 

Tentativi

Post n°187 pubblicato il 20 Aprile 2009 da Violadizucchero

Questa ultima settimana è stata molto dura. Il colpo che si è abbattuto sulla vita di Azzurrina ha avuto un forte impatto su di me tanto che ancora oggi che è  passata una settimana e la situazione appare un pochino più positiva (per quanto naturalmente un situazione del genere può apparire positiva…) io sono sprofondata in un baratro dal quale faccio fatica a risalire. Vado a momenti…sono lucida e reattiva (va bè…per quanto io possa essere lucida e reattiva…) se mi parlano rispondo, se mi esprimono un concetto lo capisco…ma è come se tutto facesse parte di un comparto a sè senza appoggiare su eventi futuri, facendo apparire veramente il domani come un’ipotesi. Per ora mi è passato lo spirito delle cose e tutto ciò che di solito mi fa venir voglia di viverlo…mi è indifferente. Mi stanno molto strette le giornate che passo qui…ma questo accade ogni anno andando verso la stagione che a me appare più malconcia…insomma non mi sento in quadro. Ho provato anche le terapie d’urto sfruttando giorni con Mille e famiglia (i bambini ora si amano alla follia…), ho avuto Pin a casa tutto per me…ma io sto male. La precarietà della vita mi fa soffrire e non ho ancora capito che arma sfoderare per neutralizzarla.

 
 
 

Respiro

Post n°186 pubblicato il 16 Aprile 2009 da Violadizucchero

Con difficoltà, ma ci stò provando...respiro...guardo la pioggia che fa luccicare i campi verdi e respiro. Nino è vivo e questo è quello che conta. E' difficile immaginare i suoi occhi, ascoltare le lacrime di Azzurrina, provare a stare nella vita di sempre senza sentire sto groppone ma...Nino è vivo. Ci concentriamo tutti sul fatto che la sua ricostruzione sia facile, gioiamo tutti quando lui sorride e si rende conto di essere ancora con noi...ci facciamo forza...ci proviamo.

 
 
 
Successivi »
 

Il mio fiore...

 

CASINA MIA...

 

UNA DELLE MIE GRANDI PASSIONI...

 
 

IL MIO AMICO PIÙ CARO...

 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

ULTIME VISITE AL BLOG

psicologiaforenseNataliaScandurraWIDE_REDcarmine.28veneziad_gengelenac89unamamma1attraverso_mealbertocesaronemary78veInGranSegretofarfalla_sbandatagioia58_rpaoletta1806flavita0
 

ULTIMI COMMENTI

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom