Creato da: carloreomeo0 il 03/06/2014
pensieri in libertà
Citazioni nei Blog Amici: 37
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 37
 

Ultime visite al Blog

surfinia60alf.cosmosvita.perezNoRiKo564amistad.siempreQuartoProvvisoriocuspides0Cherryslormaliberacuriosettinoprefazione09naar75chiedididario66Estelle_k
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 14/05/2021

 

IL TEMPO

Post n°526 pubblicato il 14 Maggio 2021 da carloreomeo0

 

Il tempo, cos’è il tempo? Se per misurarlo e tentare di definirlo, siamo dovuti ricorrere ad una convenzione, perché si tratta di qualcosa di immateriale, non percepibile attraverso i nostri cinque sensi e quindi di difficile comprensione umana, per sopperire a tale suo limite, l’uomo ha dovuto imbrigliarlo, codificarlo, in modo che potesse essere comprensibile attraverso i suoi parametri logici, attribuendogli una concezione umana, suddividendolo in secondi, minuti, ore, giorni, mesi anni, secoli e millenni, in passato, presente e futuro, perché proprio per il fatto di sfuggire alla sua logica, alla sua mente razionale, il tempo ha sempre esercitato un certo fascino sull’uomo, come qualunque cosa si ammanti di mistero.

Il tempo, cos’è il tempo? In termini umani strettamente individualistici, è il tempo che intercorre tra la nascita e la morte, che noi comunemente chiamiamo vita, che a volte si trasforma in un timer, in un angosciante conto alla rovescia. Il tempo è l’incessante susseguirsi d’istanti, di eventi, è il continuo, a volte impercettibile, mutare di tutto ciò che ci circonda, non ché di noi stessi, è l’ossessivo ticchettio della vita che fluisce, l’ineluttabilità del suo scorrere.

Qualunque sia il tuo rapporto con il tempo, non sprecarlo misurandolo, cercando di rallentarlo, fermarlo, rincorrerlo o peggio rimpiangendolo, ma vivilo, invece di divenirne schiavo, dando ad ogni suo istante un nuovo significato, un valido motivo affinché venga ricordato.

Perché noi non apparteniamo al tempo, ma esso ci apparterrà, seppur per un breve suo lasso, se sapremo riempirlo d’amore come di ogni sentimento di cui la nostra anima si nutre, se sapremo dedicare parte di quel tempo, che illusoriamente definiamo come nostro, a chi ne ha bisogno, donandogli il bene più prezioso.     

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso