Creato da: carloreomeo0 il 03/06/2014
pensieri in libertà
Citazioni nei Blog Amici: 36
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 36
 

Ultime visite al Blog

EremoDelCuoreinellafilomenaAnonimo.LocoQuartoProvvisorioprefazione09diego2020200vecchiotexEstelle_kcarloreomeo0dalsilenzioalf.cosmosamici.futuroieriCoulomb2003vita.perez
 

Ultimi commenti

╚ un mondo difficile Carlo.. interpretazioni,legittime...
Inviato da: Estelle_k
il 23/11/2021 alle 00:03
 
Sono d'accordo e rispetto la Costituzione...
Inviato da: prefazione09
il 20/11/2021 alle 07:35
 
Anch'io penso che Draghi sia un illusionista e anche...
Inviato da: prefazione09
il 20/11/2021 alle 07:27
 
la massa Ŕ sotto ipnosi....
Inviato da: alf.cosmos
il 17/11/2021 alle 18:37
 
che tristezza....
Inviato da: alf.cosmos
il 02/11/2021 alle 19:24
 
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 11/10/2021

 

QUANDO MIO PADRE MI INSEGNO' AD ANDARE IN BICICLETTA

Post n°549 pubblicato il 11 Ottobre 2021 da carloreomeo0

 

Nel commemorare mio padre, ad un anno dalla sua scomparsa, mi è tornato alla mente un episodio legato alla mia infanzia, ma ciò nonostante ancora vivido nella mia mente anche se lo avevo accantonato, riposto in qualche angolo segreto della mia mente. Ricordo perfettamente il contesto, il luogo e i gesti, ma soprattutto ricordo esattamente le parole che in quell’occasione egli mi disse. Parole che oggi, a distanza di anni, e dopo il succedersi di esperienze e di eventi, assumono un nuovo significato o meglio ne scopro il senso profondo.

Ricordo che eravamo nella piazza del paese, sotto un tiepido sole primaverile, dove mio padre con tanta pazienza stava tentando di insegnarmi ad andare in bicicletta, quando i riflessi pronti e la sua presa forte mi evitarono per un soffio l’ennesima rovinosa caduta, mi feci prendere dallo sconforto e dall’avvilimento al punto da affermare: “Non riuscirò mai ad andare in bicicletta”. Lui mi guardò pensieroso per qualche istante, poi con un mezzo sorriso disegnato sulla faccia mi disse:

“Ora tu pensa solo a pedalare, mentre io penserò a farti stare in equilibrio impedendoti così di cadere tenendoti dal sellino e vedrai che prima di quanto ti aspetti, pedalando avvertirai una sensazione di libertà e di leggerezza ed allora ti volterai convinto di trovarmi lì a sorreggerti, ma scoprirai che io non ci sarò più, perché non avrai più bisogno che ti sorregga, perché avrai trovato il tuo equilibrio, quell’equilibrio che ti permetterà di sorreggerti e di avanzare con le tue sole forze.”

Ora, papà, so che quel giorno non mi stavi solo insegnando ad andare in bicicletta, quel giorno stavi iniziando ad insegnarmi a trovare il mio equilibrio nella vita e ancora oggi, ci sono quei particolari momenti in cui anche se non ti vedo, so che tu ci sei, che sei lì, a sorreggermi da quel simbolico sellino, dandomi la forza per andare avanti, per lottare per le cose in cui credo.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso