Creato da vita.perez il 20/01/2008

vitaperezvitaperez

equilibrio precario...non spingete

 

C’è un segreto nei desideri.

Post n°1097 pubblicato il 04 Maggio 2021 da vita.perez

Ma, non c’è mistero nella morte.
È così scontata e conosciuta.
Il mistero vero è il tempo.
È la vita senza tregua.
È la vastità dell’anima in uno sguardo.
Il mistero, è nei nodi del silenzio e nell’acqua santa del dolore.
Nelle maree della poesia e all’ombra della luce di un sorriso.
Il mistero è la vita che t’incalza.
No, non c’è mistero nella morte.

 
 
 

Tracce

Post n°1096 pubblicato il 03 Maggio 2021 da vita.perez

C’è una parentesi nel tempo.
Dentro c’è tutta la vita di adesso.
L’uscio cigola di addii,
ma tu entra senza indugio.
Porta la tua assenza ne ho bisogno.
Voglio incontrarti dove te ne vai.
Camminarti accanto all’incontrario come un gambero.
Mi serve il passo del congedo.
Vieni scalza.
Cammineremo sulla sabbia.
Lasceremo orme opposte nella stessa direzione.
Saremo traccia sconosciuta sulla riva, e guariremo.

 
 
 

L’abbandono.

Post n°1095 pubblicato il 03 Maggio 2021 da vita.perez

Io ti amerò.
So che lo farò.
Quel tempo prima o poi arriverà.
Saprò distinguerti da tutti i miei abbandoni.
Accadrà, e sarà come per l’onda che s’infrange,
che dal mare parte e al mare torna.
Ti lascerò varcare il mio disordine
e come un’aurora albeggerai sulle dune sabbiose di ogni solitudine.
Ritornerò.
Come l’eco del vento.
E tu mi possiederai in ogni mia partenza.

 
 
 

Oggi mi fa male un sentimento.

Post n°1094 pubblicato il 03 Maggio 2021 da vita.perez

Il dolore è blu, e la fitta cade giù nell’anima come un lampo.
Il tuo sguardo perde pezzi di noi, come una fontana chiusa male.
Le nostre vite galleggiano sulla superficie di una perdita.
Tutto, è chiuso male, fra noi.
Lo specchio d’acqua che ci riflette mi acceca,
ma tu, mi tendi una mano d’ombra.
La vista che mi offri cambia il colore agli occhi.
Ho un nuovo sguardo in cui tu mi riconosci ed io mi perdo.

 
 
 

Finivo per baciarti

Post n°1093 pubblicato il 29 Aprile 2021 da vita.perez

Mi hanno sempre fatto paura i tuoi Ti Amo.
Mi hanno sempre fatto sentire come una barchetta in mezzo al mare.
Non sapevo mai chi ero di fronte a quelle due parole.
Sapevo solo che mi facevano volare, ma che non dovevo guardare di sotto.
Adoravo sentirtelo dire, ma perdevo, ogni volta, il governo del timone.
Il mare diventava ancora più immenso e la mia barchetta guscio di noce nell’oceano.
Tu il mare, io un puntino in mezzo al blu.
Ti amo, mi dicevi.
Ed io quasi mai ti rispondevo.
Ti amo. Me lo dicevi ad un centimetro dalle labbra. Ed io ti respiravo.
Ti respiravo.
Respiravo i tuoi ti amo come ossigeno.
Ossigeno che mi mancava ogni volta.
Sono rimasta così, incapace di fronte all’amore.
Ad osservare la bellezza dei Ti Amo dall’alto della scogliera.
Senza sporgermi troppo, con la paura di cadere.

 
 
 

Un profumo di bianco.

Post n°1092 pubblicato il 27 Aprile 2021 da vita.perez

Mi perdo.
E sembra inatteso il tuo ricordo.
Eppure è una consuetudine disarmante.
Mi perdo.
E sembra anche impossibile che sia quasi Maggio.
La luce cade, e si riflette ovunque.
I cieli non schiacciano più come d’inverno, ma dilatano gli orizzonti
E tutto diventa un respiro profondo.
Un profumo di bianco.
I tramonti esplodono negli occhi e somigliano alla Vita che ho dentro.
Ancora una volta c’è una stagione nuova.
Eppure io, mi perdo.
Non so se è il tuo ricordo a disorientarmi.
O la vaga nostalgia dell’Amore.

 
 
 

Sono Viva.

Post n°1091 pubblicato il 11 Aprile 2021 da vita.perez

Questa mattina mi sono svegliata presto,
ho infilato una felpa pesante sul pigiama
e con in mano il mio caffè amaro,
mi sono seduta fuori in giardino a godermi il primo sole,
ed ho pensato alle frasi brevi, come:
_Ti amo.
_Io me ne vado.
_Sto arrivando.
_Non cadere.
_Abbi cura di te.
_C’è il Sole.
E ho pensato al potere che hanno le parole.
A quanto possano colmare le distanze,
essere carezza senza toccare,
e colpire come un pugno senza spostare un solo arto.
A quanto siano potenti e dirette,
e a quanto la brevità di un pensiero
non sia affatto economia di sentimenti.
Ho pensato a come viaggiano leggere sui fogli di carta,
o nel suono della voce,
senza intralciarne il respiro…
Hanno il peso, come di scatole vuote,
ma con dentro il senso profondo di tutte le cose.
Ho pensato dunque:
Sono Viva.

 
 
 

Grazie

Post n°1090 pubblicato il 08 Aprile 2021 da vita.perez

Cari Mamma e Papà,

vi scrivo dalla terra, da un luogo che tu mamma conosci: casa mia.
Tu papà invece no.
O meglio l’avrai vista dal cielo e ci vieni sicuramente.
Soprattutto nelle giornate di sole, quando lo so che, mentre io sto facendo chissà cosa, tu arrivi, sfili uno dei tuoi libri dalla mia libreria e ti sdrai a goderti ancora la “vita”, la luce e il calore sulla tua sedia gialla, di fuori… come facevi quando eravamo tutti insieme a casa nostra.
Questo posto ti sarebbe piaciuto tantissimo.
Tu mamma invece, lo hai adorato.
Ti piaceva stare qui, sederti d’inverno davanti al camino, curare in primavera le mie piante o restare semplicemente qualche giornata a farti coccolare dall’idea che ero diventata un’adulta forte e indipendente…Ma questa gioia (per te e per me) è durata troppo poco ahimè…
Anche io amo questo luogo diventato “casa e vita”, ma stasera darei qualunque cosa per una sola ora con voi…vorrei potermi mettere in auto, parcheggiare e fare le scale a quattro per trovarvi seduti in salone e dirvi:  …grazie!

Grazie perché se non perdo il senso della famiglia (in questo momento così difficile) è perché voi siete stati il più grande esempio di unità e accoglienza e amore.
Siete stati l’imperfezione che genera armonia, il rumore che genera eco, la discontinuità che genera la possibilità… siete stati la libertà che genera la regola, siete stati le parole che generano i pensieri. Siete stati la fissità che genera movimento, siete stati il caos che genera la calma, siete stati il silenzio che genera emozioni, siete stati il rispetto che genera la contemplazione, siete stati il disincanto che genera il realismo.
Siete stati l’assenza che genera il distacco.
Siete stati il disordine che genera la riorganizzazione.
Siete stati la rabbia che genera la tenacia.
Siete stati la emancipazione che genera l’accettazione.
Siete stati la risata che genera la poesia.

Siete stati la leggerezza che genera la Vita.

 
 
 

Buon compleanno VitaPerez

Post n°1089 pubblicato il 20 Gennaio 2021 da vita.perez

Auguri VitaPerez.
Tredici anni fa nasceva questa blog...quanta VITA.

 
 
 

Occhi di malinconia?

Post n°1088 pubblicato il 15 Gennaio 2021 da vita.perez

 

 

 

 -Perché hai gli occhi pieni di  malinconia?


 E che ne so, ho risposto io.

 -Non lo neghi però.

 No, non lo nego. Ce li ho, lo so.

 
 
 

Siamo tutti veri a metà…

Post n°1087 pubblicato il 14 Gennaio 2021 da vita.perez

Siamo tutti veri a metà…
Così mi ha detto oggi un’amica.
Parlavamo delle contraddizioni che a volte ci caratterizzano.
Mi piace la gente ma la odio anche, le dicevo io ridendo…raccontando della mia vita e dei miei periodi sociopatici!
E lei mi ha risposto…beh siamo tutti veri a metà.

Così stasera durante la mia passeggiata serale, questa frase mi è tornata in testa…
Ho passeggiato a lungo su un po' di pensieri, respirando l’aria fredda di questo strano Gennaio.
Siamo veri a metà dunque, tutti.
Nelle nostre vite esposte a Sud c’è sempre un Nord in ombra e viceversa.

 
 
 

Tutto è sospeso

Post n°1086 pubblicato il 01 Dicembre 2020 da vita.perez

 

 

Se potessi andrei al mare.
A camminare scalza sulla sabbia.
Avrei bisogno di sentire la terra nuda sotto i piedi e le sferzate del vento. 
Se potessi respirare il sale,
avrei in bocca un sapore meno amaro.
E' solo un autunno che mi trascina lontano,
lo so.
Devo solo ripetermi che i miei occhi sanno guardare ancora oltre la scogliera
e spingermi fra le tinte del blu.
Tutto è sospeso.
Persino le nostalgie e le mancanze.

 
 
 

Non ho pianto.

Post n°1085 pubblicato il 25 Novembre 2020 da vita.perez

Ho pianto.
O meglio le lacrime sono arrivate da dentro allo stomaco agli occhi, ma poi non sono cadute.
Sono rimaste lì aggrappate all’iride.
Non hanno avuto il coraggio di scendere.
Ma avrei voluto piangere.
Avrei voluto piangere stanchezza. Avrei voluto piangere parole. Avrei voluto piangere mancanze.
Invece ho reclinato il capo all’indietro e mi sono fatta scaldare dal sole.
Sole in pieno viso, sugli occhi chiusi, sulle labbra socchiuse…
Sole sul corpo a riscaldarmi i pensieri.
Luce e calore a ricacciare indietro il freddo da cui venivano le lacrime.

 
 
 

Giorni

Post n°1084 pubblicato il 23 Novembre 2020 da vita.perez

Così passano i giorni.
La prima settimana è andata.
Dalla scorsa Domenica la mia regione è stata dichiarata zona rossa.
La mia vita non subisce grossi contraccolpi, le restrizioni mi influenzano sicuramente,
ma mi adeguo ancora con una certa elasticità, a chiusure e limitazioni.
Le mie giornate sono scandite da risvegli lenti, colazioni senza fretta,
inizio lavoro da remoto, lunghe passeggiate col cane, letture…
Questa settimana non sono stata nemmeno sola.
Mia nipote, ventenne, reduce da complicate dinamiche familiari,
ha deciso di trasferirsi per un po' da me.
Oggi dovrebbe andar via.
Ventenne, ho specificato. Non è un dettaglio.
I ventenni sanno essere una ventata di aria fresca e pulita.
E lei nonostante tutto, nonostante le difficoltà che sta affrontando, lo è.
Nonostante la Vita non sia stata proprio generosa con lei.
Sorride, ama, studia, si confronta, si interroga… Vive.
Vive con la forza e l’energia dei vent’anni.
Quella forza e quell’energia a volte implosiva, a volte esplosiva.
Vive il suo dentro e il suo fuori, e mi piace guardarla in equilibrio sulla fune che la separa dall’estremità dei suoi obiettivi.
Mi piace quando mi accorgo che riesce a camminare sospesa su chilometri di altezze,
mi passa un po' di quella paura che ho a pensarla senza rete di protezione.
Si, sulla fune senza rete, perché la Vita non è un circo ahimè, nonostante tutte le maschere e le finzioni che la abitano.

 
 
 

...

Post n°1083 pubblicato il 02 Novembre 2020 da vita.perez

[ Lei aveva questo dolore che le disegnava il sorriso ]
una maschera di bellezza indecente
inconfutabile bugia dell’antica gioia
nata per sfidare il buio le insegnarono
a non splendere le insegnarono
a mangiarsi il sole nelle camere sfitte dell’infanzia
ma lei sorrise dentro e si formò il distacco
come una luce immobile al centro
che sconquassa tutto
la sua anima divenne giostra
divenne gioia che conosceva
la tristezza dei cavallini che girano e girano
senza toccarsi mai.
_Serena Migliorini

 
 
 

Orchidee

Post n°1082 pubblicato il 28 Ottobre 2020 da vita.perez

Non ho voglia di scrivere che anche quella di oggi è stata una giornata faticosa,
quindi non lo farò.

Racconterò piuttosto della bellezza delle mie orchidee.

Ne ho diverse e di colori bellissimi. Mi piacciono molte le orchidee.
Adoro le loro fioriture, soprattutto quelle autunnali.
Così inattese.
Osservo le gemme sugli steli, le guardo germogliare, poi crescere fino a sbocciare.
A volte quasi non so aspettare, ho bisogno che fioriscano in fretta, ma loro …hanno istanti e silenzi…e mi danno la misura del tempo necessario affinché le cose si realizzino e spesso si perfezionino.
…poi la loro fioritura esplode e si sostiene il tempo necessario ad esprimere e manifestare la bellezza.
Un tempo lungo.
L’orchidea racconta a lungo di se. E’ un fiore che resiste.
Mesi di rivelazione. Manifesta bellezza.

 
 
 

Pensieri

Post n°1081 pubblicato il 13 Ottobre 2020 da vita.perez

Sono consapevole di dover fare i conti con una rabbia mai totalmente elaborata.
Sono consapevole di ferire.
Sono consapevole di millantare verità.
Sono consapevole di avere un ego molto organizzato.
Sono consapevole di produrre un contraddittorio articolato.
Sono consapevole di distruggere volontariamente il mio avversario.
Sono consapevole di utilizzare le debolezze.
Sono consapevole di non aprirmi a perdoni facili.
Sono consapevole di essere spietatamente reale.
Sono consapevole di non lasciare spiragli.
Sono consapevole di opporre i miei stati d’animo.
Sono consapevole di strumentalizzare le emozioni.

Sono consapevole di saper maneggiare le emotività.

Sono inconsapevole quando lo faccio.
Provo a essere capace di avere delle riletture.
Mi fa stare male ferire.

Ho lavorato tanto sulle mie emozioni.
Ho una personalità molto strutturata. 
Sono a mio agio in condizioni di isolamento.
Conosco a fondo le pieghe della mia solitudine.
Ho diverse cicatrici.
Alcune invisibili, ma sensibili al tatto.

 

[Appena ieri scrivevo che non si tocca il dolore]
_che non si toccano le cose quando fanno troppo male.
Oggi un disastro.

 
 
 

Acqua bollente e vapore

Post n°1080 pubblicato il 12 Ottobre 2020 da vita.perez

Oggi mi è sembrato di scalare una montagna.

Ho fatto una fatica immensa ad entrare ed uscire dalle relazioni.
Ci sono rapporti all'interno dei quali bisogna nuotare in superfice…troppo rischioso avvicinarsi a certe profondità.
L’imperativo, adesso, è rimuovere il dolore.
Non si toccano le cose quando fanno troppo male.
E quindi, dicevo che mi è sembrato di scalare una montagna, e che sento una grande stanchezza.
Sono uscita da lavoro, ho guidato verso casa con la voglia di togliermi tutto di dosso e infilarmi sotto una doccia calda.
Non vedevo l’ora di rientrare.
Di rientrare in me.

A casa, così ho fatto.
Chiavi nella toppa, coccole per il mio cucciolo, poi via borsa e giubbino, via pantaloni, via giacca e camicia, tasto di avvio alla mia play list preferita, via l’intimo, e... 



…acqua calda
sulla pelle nuda,
sul viso,
sui capelli,
sulle spalle,
lungo la schiena…

Non so per quanto tempo sono rimasta sotto il getto d’acqua,
senza muovere un muscolo,
senza aggiungere sapone,
senza aggiungere un pensiero.


Solo acqua bollente e vapore.

Fuori note indistinte saturavano casa.
Quando ho chiuso l’acqua c’era David Bowie ad aspettarmi con la sua Space Oddity…
e ho pensato che è incredibile quanto questa canzone sappia sempre arrivare al momento giusto nella mia vita, e che non poteva esserci canzone più indicata …per uscire dal mio viaggio nello spazio universo doccia bollente e vapore….

 
 
 

Le stagioni di mezzo

Post n°1079 pubblicato il 11 Ottobre 2020 da vita.perez

La pioggia mi ha bagnata mentre rientravo dalla mia solita passeggiata col cane.
Ho accelerato il passo, ma non troppo…
Avevo ancora voglia di camminare...


Ho tirato su il cappello del giubbino e abbiamo continuato il nostro 
giro…

 Per il mio cucciolo la pioggia è un dettaglio trascurabile, lui continua ad annusare, a saltare da un’aiuola all’altra, ad indugiare su qualche traccia…
Lo osservavo e mi dicevo che
in fondo riesce
 sempre ad insegnarmi
qualcosa quel musacchione!!!

Ed allora ho indugiato anche io. 

E come lui, ho annusato l’aria e, a pieni polmoni, ho respirato il profumo della pioggia. 

La strada era ricoperta di foglie,
e di aghi di pino…
e le goccioline fini, pian piano, bagnavano
l’asfalto su cui ogni tanto sfrecciava un’automobile.
Ecco l’autunno, ho pensato.
Le stagioni di mezzo…quelle che adoro...

 
 
 

Niente

Post n°1078 pubblicato il 11 Ottobre 2020 da vita.perez

Stamattina mi sono svegliata molto presto.
Ho aperto gli occhi e la luce filtrava dalla veneziana semichiusa.
Mi aspettavo una mattinata piovosa e invece c’era il sole.
Così, ho messo su un po' di musica, ho fatto colazione fuori, ho dato una spuntatina a qualche pianta con la tazza di caffe fra le mani, e mi sono crogiolata un po' sotto i raggi di un sole autunnale…
E’ Domenica.
Tutto è più rallentato. Niente orari, appuntamenti di lavoro, corse per evitare il traffico.
Niente.
Questo il mio programma.
Un bel niente,
Un mezzo invito a pranzo, su cui ho indugiato un po', per poi rifiutare.
E quindi un bel ritorno al niente.

Le mie domeniche in solitudine. Le adoro.

 
 
 
Successivi »
 

ULTIME VISITE AL BLOG

amistad.siempreje_est_un_autremisteropaganoCherryslMarilena63lesaminatoreprefazione09martin.talesvita.perezAVV_PORFIRIORUBIROSAspagetiFanny_WilmotKRI730iridio84
 

AREA PERSONALE

 

VISITATORI

 

_

 

ULTIMI COMMENTI

Bellissimo.
Inviato da: Fanny_Wilmot
il 12/05/2021 alle 12:20
 
La morte non è.
Inviato da: Fanny_Wilmot
il 12/05/2021 alle 12:17
 
La morte è la realtà più inevitabile.. Ciao, VitaPerez...
Inviato da: amistad.siempre
il 10/05/2021 alle 18:37
 
Orme..
Inviato da: amistad.siempre
il 10/05/2021 alle 18:34
 
Alcuni amori non si riesce proprio a estirparli dal cuore.
Inviato da: amistad.siempre
il 10/05/2021 alle 18:32
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 41
 
 
 
 
 
 

NEW YORK

 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 

PARIGI

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica
 in quanto viene aggiornato a discrezione dell'autrice
e comunque non sistematicamente.
Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale,
ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.
Molte immagini sono tratte da internet,
ma se il loro uso violasse diritti d'autore,
lo si comunichi all'autrice del blog che provvederà
alla loro pronta rimozione
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.