Creato da wxzy il 22/07/2012

WXZYTIME

WXZYTIME

 

 

« Cupido 2

Se non lo scriverò continuerò a pensarci

Post n°21 pubblicato il 16 Ottobre 2020 da wxzy

(Un pomeriggio qualunque di un giorno qualsiasi di tirocinio in ospedale)

In stanza c'erano già due pazienti, uno entrando sulla sinistra, un dolce signore molto educato che si scusava se "ne aveva fatta tanta" e aveva problemi sia di vista che di udito, gli occhi diventavano enormi dietro alle lenti spesse e il suo sguardo era mite e perennemente stupito.

Sull'altro lato della stanza...lo chiamerò "Bepi"...per dire che la situazione era talmente grave che lo conoscevamo per nome. Vecchio, malato e depresso. Piangeva spesso abbrancandomi il braccio e mi chiedeva perché non mi ha preso?". Si  riferiva a Dio e io non sapevo cosa rispondergli perché,  in fondo, me lo chiedevo anch'io. 

Non sopporto vedere la gente piangere in generale, ma un conto sono i lacrimoni di dolore di un giovane fratturato al quale puoi promettere un futuro roseo e saltellante lontano da qui...altra storia sono le lacrime di un vecchio che, tra dolori lancinanti,  supplica di morire. La sola cosa che servirebbe davvero, in certi posti, sarebbe una bacchetta magica, un incantesimo,  un Cristo che faccia qualche miracolo.

E insomma che in quella stanza già tanto carica di sofferenza irrimediabile,  restava un posto libero e fu deciso di occuparlo con l'ultimo paziente appena salito dalla sala operatoria.

Arriva che è ancora intontito,  sdraiato e coperto, mascherina ad ossigeno, attaccato ad una sacca trasfusionale, bendato in diversi punti del corpo, sembra vecchissimo, pallidissimo, magrissimo.

Sembrava una situazione normale finché questo signore non è impazzito e, strappata dal braccio la trasfusione, buttando sangue fin dove si poteva arrivare, s'è messo ad urlare preghiere e bestemmie con un vocione tanto energico da sentirsi in tutto il reparto.

La forza della follia

Ad un certo punto eravamo in quattro ad affannarci attorno a lui e sapevamo di essere appena appena sufficienti 

C'è chi dall'anestesia si risveglia "male". In reparto si arriva già risvegliati, il risveglio avviene "giù, in sala" vicino alla rianimazione, proprio per esser pronti. Ma questo è stato un risveglio traditore.

Non rido perché si prega e si bestemmia solo nei momenti più disperati e quell'uomo stava scavando nel profondo del suo dolore senza trovare altro, né un nome di donna né una madre, e lo faceva urlando e buttando fuori sangue...sangue come gioia di vivere, schizzando rabbia e furore.

Quando finii di mettere in ordine, pulito il sangue e tranquillizzato gli altri due pazienti, una volta riportato fuori in zona meglio attrezzata quel signore...il mio supervisore,  in corridoio, mi chiese se stavo bene.

"Ma certo"

Lui aveva l'aria stronzetta di quello che aspetta di vederti inciampare...e io avevo il tono sostenuto e altezzoso di quella che non ti darà questa soddisfazione.

Quello che non ho mai detto nemmeno a me stessa è che anche lui, anche lui come tutti gli altri, somigliava a qualcuno che amo molto.

Nei miei mesi di tirocinio ho visto tutti i miei cari, vivi e morti, somiglianze varie, fisiche, modi di fare, modi di dire...praticamente ho visto me in ogni dolorosa sfaccettatura, passato e futuri possibili, incarnazione delle più terribili paure.

Ho sentito spesso i colleghi fuggire da tutto ciò,  in qualche modo esorcizzano indurendosi un po',  in realtà credo si illudano di riuscire a dimenticare. O forse ci sentono meno davvero, beati loro. 

Non tutti

Io sono di quelli che nel dolore ci nuotano senza nemmeno cercarlo il salvagente del cuore freddo.

Non ho scampo, all'ipersensibile conviene essere più forte e irrubustire le braccia e continuare a nuotare perché l'atollo dell'indifferenza, per noi, non c'è. E, come per gli altri, anche io non ho tempo né di fermarmi né di soffermarmi...posso solo continuare a non riuscire a togliermi certe scene di mente, così, come se servisse a qualcosa 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/WXZYTIME/trackback.php?msg=15171671

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
lesaminatore
lesaminatore il 30/11/20 alle 20:32 via WEB
Bello, forte, vero, l'ho sentito. Il pugno.
 
 
wxzy
wxzy il 03/02/21 alle 23:00 via WEB
Grazie
 
impasse1234
impasse1234 il 06/02/21 alle 18:44 via WEB
Grazie per quello che hai deciso di scrivere qui nel tuo blog, mi ha colpita.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

FACEBOOK

 
 

SO CHE È FASTIDIOSO...

...ma non sempre rispondo ai commenti. Semplicemente perchè,spesso,non ho niente da dire nè da aggiungere. Sappiate,in ogni caso,che sono sempre apprezzati e letti con attenzione

 

ULTIMI COMMENTI

Grazie per quello che hai deciso di scrivere qui nel tuo...
Inviato da: impasse1234
il 06/02/2021 alle 18:44
 
Devote religiose, intendo dire.
Inviato da: Il.nick.sceglilo.tu
il 04/02/2021 alle 11:09
 
Ho sempre scartato in partenza le solari, è un termine che...
Inviato da: Il.nick.sceglilo.tu
il 04/02/2021 alle 11:08
 
Ahahahahah, effettivamente questa storia del solare ci ha...
Inviato da: wxzy
il 03/02/2021 alle 23:04
 
Grazie
Inviato da: wxzy
il 03/02/2021 alle 23:00
 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.