Creato da Distinta_Intrigante il 07/04/2009

COME WITH ME

My imagination

 

« Sensazioni e percezioniCome catturare la sua at... »

Viandante sul mare di nebbia

Post n°85 pubblicato il 13 Luglio 2011 da Distinta_Intrigante

“Viandante sul mare di nebbia” può essere considerato il manifesto del movimento romantico; in esso, infatti, sono riassunti i punti cardine del Romanticismo quali la tendenza al sublime e la percezione di una natura potente ed incontrastata.


La posizione centrale del dipinto è occupata da un uomo, viandante solitario, che si staglia in tutta la sua minuta misura contro il paesaggio che ha di fronte.
Ad un primo impatto, ho avuto l’impressione che quest’uomo, arrivato sino in cima alle rocce, si sia improvvisamente trovato di fronte alla verità, la verità che si riesce a cogliere solo un attimo prima della fine, che ci lascia senza fiato e che tuttavia non ci svela completamente il mistero che la avvolge.


Le rocce sembrano rappresentare il punto culminante di un lungo percorso compiuto dal viandante, che ora si erge contro quel “soffocante” paesaggio e sembra essere rimasto quasi a metà del suo atto, sorpreso da tanta bellezza.

La limitatezza dell’uomo ci è manifesta grazie a due elementi: il mistero della natura e il sublime della stessa.
Il paesaggio innanzi all’uomo è assalito da una nebbia che proviene dal basso.
Essa sembra quasi essere un vapore che la terra sprigiona dal suo grembo e tutto ciò rievoca l’atmosfera primordiale dell’universo.
La nebbia, inoltre, è l’elemento fondamentale del dipinto, è la peculiarità che rende l’opera “romantica”.
Essa, infatti, può essere paragonata alla siepe dell’ “Infinito” di Leopardi, costituisce un ostacolo alla vista e copre ogni vana speranza dell’uomo di arrivare dall’altra parte della scogliera; per contro, però, questo fa sì che l’uomo pur con un tale impedimento, possa dare sfogo all’immaginazione e trovare un’attenuante ad una vita inappagante.
Anche la posizione di spalle dell’uomo può essere ritenuta un elemento, oltre che innovativo, legato all’alone di mistero di fronte al quale si trova il viandante.
Essendo di spalle, infatti, l’uomo dà la sensazione di voler celare il suo vero essere e a noi, non potendo osservare il volto, non è concesso cogliere l’espressione dipinta sul viso e percepire così l’uomo in tutta la sua nudità di fronte ad una tale grandezza.
E’ proprio questa tragica grandezza ed incomprensibilità che fa trasparire il sublime della natura; sublime che già Kant aveva tratta in filosofia come ciò che è informe e che implica la rappresentazione dell’illimitato, ciò che attrae l’uomo suscitando in lui un profondo sentimento di stima e meraviglia, ciò che commuove nella sua quieta contemplazione.
Ciò che inoltre si può notare è l’eroica solitudine dell’uomo: nessun accenno di vegetazione, dalla nebbia emergono soltanto delle nere rocce che esprimono un senso di ostilità ed inospitalità.
Il sentimento che quest’opera mi comunica è di angoscia ed inquietudine sia grazie alla nebbia che invade il paesaggio, sia per la sconfinatezza della vista, infinito paragonabile allo stesso Dio a cui l’uomo tende e che non può tuttavia essere sondato con mezzi umani.

Quanti di voi si identificano nel viandante?

Dedicato a Friedrich

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Whitedragonfly/trackback.php?msg=10418414

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
donnaappagata
donnaappagata il 13/07/11 alle 17:31 via WEB
Questo quadro suggestivo di Viandante sul mare di nebbia d Friedrich, secondo una testimonianza, la figura del viandante rappresenterebbe uno scomparso amico del pittore, tale van den Brinken, e pertanto il dipinto vorrebbe esserne la commemorazione. Nello sfondo sarebbero rappresentati i monti Rosenberg e Zirkelstein, in Sassonia; il viandante, nell'iconologia cristiana, simboleggia la transitorietÓ della vita e insieme il suo destino ultraterreno, la nebbia fa riferimento agli errori della vita umana che vengono superati dalla fede cristiana - le rocce emergenti - la quale porta a Dio, la montagna. Ma il dipinto, al dilÓ di ogni svelamento simbolico-religioso, pu˛ essere inteso come il manifesto di tutto il primo Romanticismo: sembra rappresentare l'uomo solo, con i suoi errori, i suoi dubbi e le sue certezze, posto di fronte alla natura, al mondo, all'infinito. Molto vero! Ciao Dora
 
 
Distinta_Intrigante
Distinta_Intrigante il 14/07/11 alle 20:11 via WEB
Grazie Dora! La tua spiegazione Ŕ stata chiarissima e completa.
 
Insomnia72
Insomnia72 il 13/07/11 alle 23:58 via WEB
:-0 Assolutamente No!! Ciaoo Cry
 
kucciola69
kucciola69 il 14/07/11 alle 02:42 via WEB
Ciao Cry..ben tornata!
 
 
Distinta_Intrigante
Distinta_Intrigante il 14/07/11 alle 20:10 via WEB
ciao Cucciola! mancavo da tanto! E' sempre un piacere averti nel mio blog. :-)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 12
 

ULTIME VISITE AL BLOG

dioguardi.giosafatcamillo590patrighefictATKevangelistadesi1996sweetbaby1982simon2099patriciaspadovagrifge144priscocasaersmalavoroultimoromanticogiorgiarealimiry_27chispa65
 

ULTIMI COMMENTI

Molto interessante, anche perchŔ mi riguarda...
Inviato da: treseguez
il 03/12/2017 alle 09:43
 
Io racconto la mia esperienza..ho avuto una donna che ha...
Inviato da: gustavdegustav
il 31/03/2017 alle 01:12
 
La vita nasce per essere vissuta e per godere mon trovi?...
Inviato da: chiarapertini82
il 05/02/2016 alle 21:23
 
Ma le vigne? Ciao
Inviato da: beppe71c
il 14/11/2011 alle 22:44
 
"Amor omnia vincit" Ne sono convinta anch'io.
Inviato da: roseilmare
il 26/07/2011 alle 21:28
 
 

CHI PUĎ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom