Creato da yogi2009 il 09/06/2009

Natura & Pensieri

La vita che mi circonda & i pensieri che.......

 

 

Orfanato Ninos de Cristo R.D.

Post n°3 pubblicato il 18 Giugno 2009 da yogi2009
Foto di yogi2009

 

Una non breve descrizione della mia brevissima esperienza al orfanato.

E un po lunga e sicuramente noiosa ma sentivo il bisogno di condividerla

Tramite un Signore Italiano (che inseriva l'orfanato nei siti che pubblicizzavano le sue attività commerciali in Italia e RD) ho conosciuto la fondazione Ninos de Cristo. Questa persona è un collaboratore dell'orfanato, che però oltre a darmi informazioni errate sembra anche non aver preso sul serio la mia disponibilità di collaborazione. Più volte, esponendo le motivazioni che mi spingevano a questa scelta avevo scritto al orfanato offrendomi come volontario per un breve o lungo periodo a seconda della loro necessità di tempo ed impiego. Non ho mai ho avuto risposta! Quindi nel novembre dello scorso anno decido di partire per la RD, tre mesi. In loco dopo aver fatto il turista per due settimane, telefono al orfanato e annuncio la mia visita. Gentilmente mi danno appuntamento per il giorno successivo offrendosi anche di provvedere a trovarmi una sistemazione a La Romana. Per quanto riguarda tutte le mie molte mail inviate precedentemente si giustificano dicendomi che da tempo la loro connessione internet è interrotta, causa motivi tecnici!!?????? Vengo accolto dalla segretaria un Donnone massiccio con l'aria dura e severa, capelli raccolti non uno fuori posto, un vestito grigio-azzurro attillato o meglio troppo stretto, mi ricordava una delle SS, poi ho conosciuto la fondatrice e altre/i collaboratori che fortunatamente erano molto più cordiali e simpatiche tra cui anche un impresario edile che nei uffici con l'aiuto di tutti quelli che avrebbero dovuto essere a disposizione dei bambini scriveva e stampava lettere per la sua ditta. Ho notato di aver creato non poco scompiglio,disagio, interrogativi e agitazione con il mio arrivo, subito sono stato affidato a due bambine meravigliose che prendendomi per mano mi hanno fatto conoscere le loro compagne presenti e le strutture del orfanato. Un paio d'ore dopo sono richiesto al telefono, è la Signora Italiana moglie del vice console Italiano, persona cosi a primo impatto molto gentile e disponibile, dopo avermi fatto le dovute e giuste domande a riguardo il mio arrivo mi da appuntamento per il fine settimana per discutere l'eventuale mio impiego. Trascorro tutto il pomeriggio in compagna delle bambine che mi fanno un mare di domande una mi ha chiesto d'aiutarla a scrivere una lettera in italiano ai suoi genitori adottivi (a distanza) altre mi chiedevano d'insegnarle l'Italiano chi voleva giocare a palla. Ogni tanto arrivava un adulto con aria diffidente a farmi l'interrogatorio sulla mia venuta, ma perché? ma come mai? cosa mi avrebbe spinto a questa scelta? quasi mi sentivo incriminato per qualcosa che non avevo commesso. Continuando ad intrattenermi con le bimbe che tra l'altro mi chiedevano anche se conoscessi il Signore Italiano sopracitato e i suoi figli adulti, nel frattempo mi avevano già dato la sensazione d'essere ben accetto e parte della comunità. Mai riuscirò a dimenticare l'affetto, il calore e la felicità che in solo poche ore sono riuscite a trasmettermi. Questo è ciò che cercavo nella vita e li lo avevo trovato........

Al imbrunire partiamo con un non indifferente fuoristrada bianco io la Fondatrice e un altra Signora ( quella che è stata in Italia) per andare al Hotel che avrebbe dovuto essere la mia sistemazione, dove andiamo?? Giriamo letteralmente l'angolo del orfanato per arrivare sul lato dove c'è l'entrata della chiesa del orfanato, di fronte c'è un hotel che guarda caso le bambine di circa 12 anni portandomi sul tetto del aula informatica nel pomeriggio già mi avevano segnalato con un ghigno ironinico sconsigliandomi d'andarciperchée poco raccomandabile. Infatti non mi accettarono giustificandosi d'essere esclusivamente un hotel a ore!! (mi chiedo se lo sapevano le bambine perché non lo sanno i vertici del orfanato confinante???). Ritorniamo nei uffici del orfanato dove l'impresario è ancora intento nell'attività d'ufficio per la sua ditta privata (con strumenti e materiali che i Donatori hanno fornito agli orfani!). Si consultano per trovare un altro hotel, panico, agitazione, telefonano a destra e a manca sembra un impresa impossibile, non alla loro altezza e capacità. Nonostante più volte abbia loro detto che mi adatto senza alcun problema ad un hotel popolare terra terra e che più avrei risparmiato per i costi d'alloggio più avrei potuto mettere a disposizione del orfanato, continuavano a cercare hotel il cui costo andava dai 35 ai 50 $ giornalieri un esagerazione per il posto. Un paio d'ore dopo sembra abbiano trovato qualcosa una conoscenza dell'impresario, ottimo a 4 $ al giorno molto popolare ma io non ho grandi pretese e mi andava più che bene se non fosse stato che oltre ad offrirmi a pagamento s'intende la compagnia di donne dell'hotel tra cui anche una incinta alle ultime settimane, poi ho anche scoperto che il gestore gay a notte fonda faceva entrare i ragazzini con cui divideva il letto (strana coincidenza).

Il mattino successivo come d'accordo mi ripresento al orfanato in attesa d'ordini superiori subito mi invitano a giocare con le bimbe, poco dopo una un po' più grandicella con un sorriso che non riesco a definire, (perché troppo poche volte per non dire mai ho conosciuto, provato una tale sensazione tanto avvolgente) mi prende per mano e mi porta nell'aula informatica dove era in corso una lezione mi invita a sedere mi accende il computer per poi andare a sedersi 2 file più dietro. Mezz'ora più tardi mi chiamano, una telefonata per me, è il Signore Italiano che al inizio mi da una bella incarnata: perché ho fatto il suo nome? Che non è possibile presentarsi al orfanato senza aver prima concordato la mia venuta, che non è possibile stare li 3 mesi, che solitamente i volontari vanno li 2-3 giorni imbiancano una stanza due e poi se ne vanno.

Una volta chiarito il fatto che ho fatto il suo nome a seguito del fatto che egli usa il nome del orfanato per pubblicizzare nel web le sue attività commerciali e che effettivamente ho avuto modo di conoscere personalmente lui e la sua famiglia presso la loro sede in Italia.

E che non mi era stato possibile concordare la mia venuta a causa della mancata connessione internet da parte del orfanato e non per mancanza mia.

Inoltre che ero li solo per una brevissima visita e per vedere se eventualmente poteva essere utile la mia ulteriore presenza.

Detto questo si è un po' ridimensionato scusandosi per la diffidenza di tutti e giustificando questo comportamento con il fatto che: parole testuali “siamo nell'occhio del ciclone della polizia, che sta tenendo d'occhio orfanotrofi e similari perché sospettati di abusare sessualmente dei minori e che vedendo un via vai di volontari non ufficiali e senza una laurea specifica tali sospetti si vanno ad accentuare. E quindi non sapevano dove collocarmi, se fra i controllori, i possibili abusatori o reale volontario”. E comunque la direttrice a seguito di questo, opinava che avrei potuto essere utile si, ma solo nel distaccamento maschile.

Pur essendo consapevole che purtroppo queste realtà esistono, anche se pensiamo siano sempre lontane da noi, trovarmici al centro e poter essere sospettato di questo più ignobile peccato.... indescrivibile è ciò che ho provato. Forse un po troppo d'impulso, cercando di trattenere le lacrime ho abbracciato la direttrice comunicandole che onde evitare di creare problemi al orfanotrofio e visto che a parte un profondo e sincero sentimento d'amore, comunque non avevo alcuna professionalità specifica da offrire in aiuto ai bambini e quindi preferivo togliere il disturbo. Vigliaccamente non ho avuto il coraggio di voltarmi a salutare le bambine ma sentivo i loro sguardi stupiti addosso, a testa bassa sono uscito dal portone principale, spinto dal dolore, dalla rabbia in un lungo sfogo di lacrime ho camminato speditamente per ore e senza meta.....Chiedendomi perché... perché...cosa sarebbe cambiato se fossi andato con i maschietti avrei potuto essere come il figlio di quel Signore Italiano che senza volerlo nascondere indubbiamente è gay, sarebbe cambiato qualcosa??

Troppo spesso fare del bene è molto più difficile che fare del male, fare volontariato non vuol dire solo dare in questo caso ciò che ho ricevuto dalle bambine è impagabile, si chiama amore amore vero, sincero, incondizionato. Una parola di cui nel nostro mondo dove prevale il denaro e il potere si è perso il significato e ogni valore.

MDP


 

 
 
 

"Per non morire dentro.

Post n°2 pubblicato il 14 Giugno 2009 da yogi2009
Foto di yogi2009

"Per non morire dentro.

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine
ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi.
Lentamente muore chi non cambia la marcia.
Chi non rischia o cambia il colore dei vestiti.
Chi non parla a chi non conosce.
Lentamente muore chi fa della televisione il suo guru.
Lentamente muore chi evita una passione.
Chi preferisce il nero sul bianco  e i puntini sulle'i',
ad un insieme di emozioni che fanno brillare gli occhi.
Che fanno di uno sbadiglio un sorriso.
Che fanno battere il cuore davanti all'errore a ai sentimenti.
Lentamente muore chi non capovolge il tavolo.
Chi è infelice sul lavoro.
Chi non rischia la certezza per l'incertezza per inseguire un sogno.
Chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati.
Lentamente muore chi non viaggia.
Chi non legge,chi non ascolta la musica.
Chi non trova grazia in se stesso.
Lentamente muore chi distrugge l'amor proprio.
Chi non si lascia aiutare.
Chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna e della pioggia incessante.
Lentamente  muore chi  abbandona un progetto prima di iniziarlo.
Chi non fa domande sugli argomenti che non conosce.
Chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.
Evitiamo la morte a piccole dosi,ricordiamo sempre che essre vivi richiede uno sforzo di gran lungo maggiore  del semplice fatto di respirare.
Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento
di una splendida felicità. "
Inviatami da un amica GP

 
 
 

Il mio primo blog

Post n°1 pubblicato il 11 Giugno 2009 da yogi2009
Foto di yogi2009

 

forse per caso, ... solitudine, ... gioia, ... o disperazione!??

Il mio logo, non a caso un vecchio lupo solitario, timidamente nascosto fra i cespugli rossi ad osservare con occhi pensierosi la vita che lo circonda.

Come impostarlo?... Poiché ritengo e spero non appartenere alla categoria degli ipocriti, ed arroganti, sicuramente non ne uscirà un blog esaltante pieno di avventure, storie virtuali ed inverosimili dove tutto è rosa e positivo. La Vita reale non è cosi, quindi perché non raccontarla tutta. Tanto meno sarà un blog intellettuale di quelli che ti ricordano... o non sai se.... è una lettera d'un avocato o del ufficiale giudiziario, dove si leggono paroloni incomprensibili che se hai un vocabolario un po' attempato come il mio nemmeno trovi il significato.

Vorrebbe invece solo essere un piccolo angolo di sfogo per i miei pensieri, non sempre positivi, che certo non fanno testo ma, da cui mi auguro ognuno possa trarre un piccolo spunto di riflessione per arricchire il proprio bagaglio, o per rendersi conto che tutto sommato non sta poi tanto male. Grazie per avermi seguito sin qui, spero ritrovarvi tutti fra le mie prossime pagine. Ah... quasi dimenticavo forse vi chiederete chi sta scrivendo: il mio nome è Moreno 48enne da otto anni eremita ricercatore del senso della vita (ancora non l'ho trovato) scapolo non per scelta, che altro dire!??.... A tutti un Ciaoooo.........

MDP

 

 
 
 
« Precedenti
 

 

AVVISO IMPORTANTE AI NAVIGANTI!!

 

Questo blog nasce dalla mia esigenza di fissare emozioni e pensieri. È uno spazio aperto e a cui può accedere chiunque, purché si rispettino le mie idee (anche nella contestazione).

Inoltre: questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge N. 62/del 07/03/2001. L'autore non ha alcuna responsabilità per ciò che concerne siti ai quali è possibile accedere tramite i link posti all'interno del proprio blog, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Alcune immagini, testi e notizie pubblicate sono tratte dal web e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro utilizzo violasse dei diritti d’autore, si prega avvertire l’ Autore del Blog il quale provvederà immediatamente alle rimozioni relative alle segnalazioni effettuate. Grazie!

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

yogi2009cornell2sempreilmarecartuzzeantares.matipsicologiaforensestelladelmeriggioram_palmollycinziaUsui_historymareblu.sgnoieloyogacarlalastellacioccolatamare
 
 

   Il benessere ci porta

    a non aprezzare più

 le cose che possediamo

perchè date per scontate,

  le anime senza affetti

     si lasciano morire

      nell'abbondanza

  non sapendo cogliere

  l'essenza del attimo

d'un sorriso fanciullesco

 MDR

 

FRA POCO INIZIANO LE FERIE NON ABBANDONIAMOLI!!!

 

    DI   NO!!!   AL

                RAZZISMO


 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIMI COMMENTI

WOLF

 

       "21/12/2012"

       Cosa succederà?

        Cosa pensare?

 

AREA PERSONALE

 

  PER SEMPRE
      DADA

 

FACEBOOK

 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom