Diario difficile

Un vero uomo libero non è a suo agio in nessun luogo (A. Frossard)

 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

IL VIDEO DELLA SETTIMANA

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

TAG

 

IMPEGNO SOCIALE


 

LA VITA SEGRETA DEI MASCHI

 

 

« Si va in scenaLoro »

Il concerto inatteso

Post n°373 pubblicato il 27 Ottobre 2011 da UomoDifficile

Sono arrivato a pagina 89 ma sembra sempre di essere all'inizio, in questo libro. La cosa non è sorprendente visto che si tratta di un mattone che di pagine ne ha 880. E' Anna Karenina, un classicone che leggo senza avere visto nessuno dei film che ne sono stati tratti. Incredibile quanto sia moderno. E' ambientato nella Mosca dell'800 ma parla il linguaggio di una qualsiasi delle persone che affollano l'autobus sul quale leggo il libro. I problemi di un uomo buono che ha tradito la moglie, le lacrime della donna che fatica a perdonare, le piccole tragedie di una ragazza di buona famiglia che si innamora dell'uomo sbagliato.

Non credo che le ragazze che sfrecciano sui marciapiedi di questa città oggi siano poi tanto diverse. Almeno dentro. Fuori sono dei blindati. Camminano per la strada socievoli come un T1000, tutte con la stessa armatura costituita da stivali, cellulare e frangetta. E quando sono sulla metro, in piedi o sedute, assumono la stessa espressione di un uovo sodo tagliato a metà, qualunque sia il make-up che hanno deciso di esibire.

Io invece non riesco a rimanere indifferente a certi spettacoli. Oggi l'ho rivisto, per la terza volta. Il violinista. La prima volta credo ormai un paio di settimane fa. Mentre leggevo entra nel vagone il solito suonatore questuante. Ma dopo poco che inizia a suonare mi accorgo che non è il solito suonatore. Suona divinamente bene, per quello che posso capire io di violino. Non so se fosse un pezzo famoso, forse improvvisava e basta, ma bastò per incantarmi. Quando finì, una ventina di minuti dopo, mi venne spontaneo applaudire. Mi guardai nel portafogli ma non avevo niente di spicciolo, solo venti euro. Ho avuto un attimo di esitazione, lui si è posato la mano sul petto e ha detto: "Fa nulla, grazie lo stesso".

Il diavolo

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Zardoz/trackback.php?msg=10747996

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
>> Turismo musicale su © BLOGGO NOTES
Ricevuto in data 30/10/11 @ 12:34
Ieri sera, dopo l'ufficio, sono andato a Col San Martino (TV) ad ascoltare le Mulieres Aulosque. ...

 
Commenti al Post:
InsalatinaRiccia
InsalatinaRiccia il 29/10/11 alle 19:31 via WEB
Fin troppo spesso non facciamo caso neanche a chi è vicino a noi....figurati ad uno che chiede anche pochi spiccioli per strada !! Forse però questo è uno dei pochi casi per cui invece varrebbe la pena. E ci sono eh !! Tu sei stato fortunato ! (comunque il tuo impulso è stato dato anche dall' Anna Karenina ;) ).
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: UomoDifficile
Data di creazione: 09/07/2007
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Inferno.74daunfiorekora69LaCortigianaScrivepaologia57menta_mentejizz38lubopoSARA28LUGLIO2kunjahb2606optometristam0dm.73daimon50casati.valeria
 

GENIALE

Grazie ad arcadia73 e a smokindoll.

Messaggi ricevuti

Messaggi inviati

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.