Creato da odio_via_col_vento il 03/11/2005

Abbandonare Tara

abbandonare le sicurezze, i luoghi comuni, alla scoperta di cosa c'è fuori di qui

 

 

« Le bambine - strane dimore 8Season-lag »

L'arazzo

Post n°855 pubblicato il 27 Novembre 2015 da odio_via_col_vento
 
Tag: Amici

 

Bronzino, dettaglio di arazzeria medicea, Giuseppe, il Principe dei Sogni

 

E' una raccolta di romanzi, la vita.
Anche la vita più ordinaria, più semplice, più quotidiana. Anche la mia.
Non tanto il mio romanzo, le mie storie.
Ma piuttosto la trama non ostentata ma costante delle vite che si incrociano e si intrecciano al mio ordinario ordito.
Certe trame, la maggior parte, diventano evidenti solo quando si trova un inciampo, un nodo. Spesso la morte, che fa ripercorrere, di corsa, all'indietro, con la mente, tutti gli sprazzi di vita che hanno visto presente, poco o tanto, nel bene o nel male, quella persona, quel filo rosso di lana, nel tuo ordito personale.

Una giornata su una terrazza al mare, un bambino piccolissimo che gioca, la conversazione distratta e leggera di chi lo tiene d'occhio e intanto si intrattiene con gli altri. Considerazioni, incoraggiamenti, blandi sorrisi.
Gli incontri lungo i corridoi del supermercato, le battute sui carrelli stracolmi e sui carrelli semivuoti, l'eleganza del gesto anche nel quotidiano.
La confessione del dolore, le lacrime trattenute, sapere che questa esternazione di un sentimento profondo con l'altro, con quello che hai incontrato quasi per caso, con lui, sì, te la puoi permettere. Che lui capisce e condivide.
Una manciata di lentiggini brune passate con i geni di padre in figlia. Che ritrovi di nuovo su un volto cereo, invecchiato, malato.
I racconti di una gioventù che non hai conosciuto, un nome e dei sapori, una storia d'amore che ti è sembravata talvolta eccessiva e ridocola: quando eri troppo giovane e troppo sciocca per capire, piena dell'illusione e della presunzione dei vent'anni. E che capisci solo oggi.
Che la terra ti sia lieve.

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/abbandonaretara/trackback.php?msg=13316894

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
atapo
atapo il 27/11/15 alle 09:13 via WEB
Qualcuno se ne è andato...ti porgo le mie condoglianze. Una vita riassunta in tre minuti, si riesce a farlo solo quando la vita sta per andarsene o se ne è già andata: allora resta l'essenziale... e credi di averlo afferrato per tenerlo nei ricordi..
 
 
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 27/11/15 alle 21:59 via WEB
Chissà: i funerali delle persone anziane sono raramente consolatori. Spesso fa male vedere quelli più anziani ancora che rimangono. O quante poche persone vengono......
 
   
atapo
atapo il 28/11/15 alle 17:17 via WEB
Queste tue parole mi hanno fatto ricordare il funerale della mia mamma: avevo notato che c'erano poche persone, solo i parenti intimi e mi ero rattristata ancora di più. D'altra parte era molto anziana e riservata, ormai era rimasta l'ultima del suo "mondo", lo diceva pure lei guardando la sua rubrica dei numeri di telefono:-Ormai li ho cancellati quasi tutti.- Peccato, perchè era stata una persona buona...
 
     
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 29/11/15 alle 16:18 via WEB
Oltretutto non l'avrei immaginato. Pensavo che molti si sarebbero fatti vivi anche per i figli che restano
 
stradanelbosco
stradanelbosco il 27/11/15 alle 11:45 via WEB
tutto bellissimo e accattivante, tanto che a ciò che hai scritto ci si può pure scaldare le mani come fosse un braciere!!! Io la vedo diversamente. Un po'! Ho l'età che ho e che conosci, e se ripercorro a ritroso, anche tutti i momenti con colori diversissimi, anche opposti, mi accorgo che la sensazione che prevale è quella di contentezza( che non è euforia ma calma interiore) di aver vissuto, di aver avuto la fortuna di vivere fino a questo momento, e questo sentimento domina su TUTTI gli altri. Per cui, ciò che mi appaga è l'aver vissuto pur avendo provato il dolore della scomparsa dei miei, e ne proverò forse ancora. Pensi che il mio sia egoismo?? O forse considero la vita, comunque sia, il più grande dono?
 
 
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 27/11/15 alle 22:02 via WEB
No, perché egoismo? Ma nemmeno ottimismo a oltranza. Credo che sia un modo come un altro di esorcizzare la paura della morte.
 
trampolinotonante
trampolinotonante il 27/11/15 alle 11:54 via WEB
Forse chi muore per amore, come Romeo and Juliet, o per un ideale come Salvatore Sciesa, non ama la vita?? Forse è questa rinuncia che dà la misura dell'atto?? Allora non ho fatto altro che porre su un piatto della bilancia la vita e sull'altro TUTTO TUTTO il resto!
 
 
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 27/11/15 alle 22:03 via WEB
Non saprei dire. A questo punto della vita non saprei dire. Credo che siano stati di esaltazione sia gli uni che gli altri
 
arw3n63
arw3n63 il 27/11/15 alle 17:40 via WEB
La perdita di un genitore è un dolore che ancora non ho provato, anche se so che prima o poi accadrà.
 
 
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 27/11/15 alle 18:59 via WEB
Sì, è un grosso impatto sulla vita. Comunque la persona morta era il genitore di una mia amica (anche lei già morta), non il mio
 
francy_62
francy_62 il 27/11/15 alle 19:40 via WEB
Non se sei nell'ordine naturale delle cose, ma quando qualche parente o conoscente stretto se ne va, accanto al dispiacere e al dolore, il sentimento che più mi pervade è il rimorso... Di non aver detto/fatto qualcosa... o di aver detto/fatto qualcos'altro.... Mah... Cra cra
 
 
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 27/11/15 alle 22:04 via WEB
Quello è inevitabile, la vita ci sembra comunque troppo breve, anche se durasse 100 anni
 
mpt2003
mpt2003 il 29/11/15 alle 12:41 via WEB
forse dovremmo imparare a concepire la morte come una parte della vita , e considerarla come la naturale fine anche se la mancanza fisica di chi se ne è andato secondo me non si può evitare anche se la persona muore molto avanti nell'età .
 
 
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 29/11/15 alle 16:17 via WEB
Sí, è vero. Nel mio case, poi, queste persona incarnava ai miei occhi anche il ricordo di sua figlia, che mi manca tanto.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AGGIUNTE AL BLOG

Spesso qui non c'è posto per il mio personale rapporto tra pensiero e immagine.
E allora ho deciso di aprire un FOTOLOG: 

DALLE STELLE ALLE STALLE


Mi faranno piacere le vostre visite

 

AREA PERSONALE

 

HUMAN CALENDAR.COM

 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

EremoDelCuoreiris_di_nottequainodigiustoCherryslemiliopierucciBibitaro_Afrikano202CONFERENCE_IO_2009giacomo.mangiaracinaPost.Scriptum.Mamistad.siempretrampolinotonanteannisexantaVince198phos3venere_privata.x
 

LA FATICA È SEDERSI SENZA FARSI NOTARE

Tutto il resto poi vien da sé.
(Cesare Pavese)

web tracker
 
Citazioni nei Blog Amici: 154
 

HIC SUNT LEONES (OVVERO EXTRA-CONFINI)

Non solo mamma (lo spassosissimo diario di una madre di 3 maschi)

Ciurmamom (una madre indaffarata di 6)

Buba (una foto-e una poesia al giorno)
Prima o poi l'amore arriva (come sopravvivere ironicamente ad una separazione)
Ho sposato un beduino (una mamma alternativa, in esilio a Pisa)
Vesnuccia (da Torino una vita quotidiana con amore)
La casa sull'albero (ex-Sandali al sole)
Prendo appunti (la Profe, sempre Profe ma non commentabile)
Advanced Style (la moda delle bellissime "vecchie babbione" che hanno coraggio)
La Santa Furiosa (credevate di conoscere l'Orlando furioso, vero? questa ne è un'ottima alternativa)
Vita da museo (ora su Wordpress)


 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

PAPERBLOG