Creato da anidrideperiodica il 13/06/2006
Anarchy live in Parella!!!

Area personale

 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

Ultime visite al Blog

BlogendalUnsuspectedgrossi2003giovanna.bracoroberth_milanomercantedoltremareil.lordneroanidrideperiodicawhitedragondreamstrong_passionFaccio_le_caprioleil_pabloandread.zfluttuante3ade911
 

FACEBOOK

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« evento musicale dell'anno!Congedo »

Carol before Xmas

Post n°155 pubblicato il 25 Dicembre 2006 da anidrideperiodica

Si introdusse furtivamente nel suo nido alle 3.10. I termosifoni erano spenti da ore e la stanza era fredda. L’aveva pregato di non aspettarla alzato: quando succedeva che lei tornasse tardi, lui insisteva sempre per andare ad aprirle il cancello. Naturalmente per non svegliarlo non accese la luce e fece del proprio meglio per muoversi come un’ombra. Naturalmente urtò contro scarpe e valigie e non riuscì a trattenere un’imprecazione soffocata.

Entrò in camera, temendo di trovarlo sorridente, seduto sul letto, ma non aveva nemmeno scalfito il suo sonno da coscienza pulita. Si spogliò e scivolò sotto il piumone al suo fianco, facendoglisi vicina per riscaldarsi.

Per lei era sempre un’incognita mettersi al volante: come dire, sai a quale entrata  entri ma non sai a quale casello esci. Non aveva mai avuto senso d’orientamento e in genere evitava di percorrere circuiti sconosciuti, ma per incontrare quelle persone… forse si sarebbe decisa a guidare anche se non avesse trovato un’anima gentile a condurla al luogo dell’appuntamento. Certo, con ogni probabilità in quel caso avrebbero dovuto cercarla con le torce e i cani in giro per Torino e dintorni, ma ci avrebbe provato.

Volti immaginati da tempo, altri solo intravisti, alcuni noti e già amici. Da bambina aveva desiderato di poter incontrare i personaggi dei suoi romanzi d’avventure fuori dai loro panni favolosi, per poter chiedere loro se tutto andava bene e se qualche volta avrebbero avuto piacere di averla ospite a cena.

M trasalì lievemente nel sonno, e lei si allontanò per non disturbarlo.

Questo era quanto di più vicino le fosse accaduto nella “vita reale”. No, era qualcosa di più prezioso di una fantasia realizzata: per lei quanto di più inestimabile.

Si era mossa per incontrare un gruppo di persone, e conosceva sé stessa: sapeva che la sua tensione e il tuo timore avrebbero sempre venato la sua sfacciataggine ed il suo fare intimidatorio.

Però, ecco, qualcosa che non aveva considerato… quelle persona erano simili a lei sotto molti aspetti, oppure, semplicemente, molto più in gamba. Guardò affascinata le storie che diventavano facce, il ritaglio di un volto in una foto sfocata diventare un corpo, il racconto farsi voce.

Si preoccupò e gioì mentre una Ninfa fatata, accompagnata da un’amica perplessa,  si tramutava in una Donna dolcissima e la portava in giro, riformulando con una voce da bambina fumatrice quanto era rimasto sottinteso e nascosto in pacchetti di byte scagliati in giro per mezza Europa.

Ascoltò i racconti di un giovane Principe, perché le piaceva il suono e la pacatezza di quella voce ironica, tanto quanto i suoi racconti. Si lasciò coccolare da una ziettina  vivace e affettuosa, si fece prendere in giro da un anfitrione molto cool e fu piuttosto turbolenta con incolpevoli passanti. Cacciò il naso nelle famiglie altrui e vide una selva di sorrisi.

Vide conferma della bellezza che aveva intuito da lontano, e sperò di non perdere quegli strani amici curiosamente incontrati, sentendosi un po’ Dorothy e un po’ Monostrato, ma comunque ben decisa a non tornare a casa ancora per un po’.

Si permise di giocare. Proprio perché le persone raccolte intorno a quel tavolo sapevano bene come in nessun vino le punte di speziato vadano disgiunte dall’amaro, tenne per sé i suoi tannini, forte del fatto che sarebbero stati intuiti, in ogni caso.

M trasalì ancora e si mosse debolmente; gli si fece vicina per tranquillizzare il suo sonno, ma M si agitò nuovamente, emise un mormorio indistinto e si voltò verso di lei. Senza profferire parola, M si avvinghiò con le braccia e le gambe e cacciò il muso nell’incavo del suo collo.

“Scusami tesoro… sono una bestia, ti ho svegliato…”

“No, no… com’è stato? Erano carini?”

“Sì… sono stata benissimo…”

 

Alcuni tra i più bei regali non vengono recapitati esattamente a Natale

un abbraccio a tutti... che sia davvero buon Natale

Any

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/acidoperiodico/trackback.php?msg=2075199

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
agathacook
agathacook il 25/12/06 alle 21:43 via WEB
Vero quello che dici sui regali... Per fortuna. Un abbraccio - forte - anche a te
(Rispondi)
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 26/12/06 alle 19:08 via WEB
ciao bobbino... smack smack
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 26/12/06 alle 08:21 via WEB
Che bella Any! Sembra quasi una fiaba... che come i regali piú preziosi ed inattesi vá conservata a vista e con attenzione. Grazie grazie!
(Rispondi)
 
 
anidrideperiodica
anidrideperiodica il 26/12/06 alle 20:49 via WEB
ma non è una fiaba...
(Rispondi)
 
forzalev
forzalev il 26/12/06 alle 11:49 via WEB
tantissimi auguri di buone feste anche a te!ciao!
(Rispondi)
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 26/12/06 alle 19:14 via WEB
bacioni e meno male che esisti!!!
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 26/12/06 alle 13:47 via WEB
ciao any...grande serata, di quelle che fanno la storia..non la storia del mondo, ma la storia di ognuno di noi....ci vediamo il 5..se potrai..per la serie se non sono morti resuscitano...ormai, poi, in tangenziale vai alla grande..ci sembri nata!!! zia minnie
(Rispondi)
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 26/12/06 alle 19:18 via WEB
beh, se mi volete CERTO che ci sono... non una presenza storica, ma un valido sostegno culinario sì ;)... "nata in tangenziale" suona proprio male, eh!
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 26/12/06 alle 17:14 via WEB
Questa è la dimostrazione che questa realtà non è così virtuale e che.. bello. E' bello e basta. (QuotiDiana)
(Rispondi)
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 26/12/06 alle 19:13 via WEB
no... non è proprio virtuale per niente... ci sono belle mani sulle tastiere e belle teste dietro questa piccola scenografia di ABS e LCD. e io ne sono tanto felice :)
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 26/12/06 alle 17:42 via WEB
Dopo due righe mi vibrava la palpebra destra: dopo 4 righe l'occhio sinistro si è chiuso tipo saracinesca dell'Auchan. dopo la quinta riga entrambi gli occhi hanno esposto uno srtiscione di protesta contro la caccia alle foche e contro chi scrive in piccolo-piccolo. Dopo la sesta riga il mio rene destro è morto dopo atroci sofferenze. Dopo la 7a riga mi sono arreso e ho alzato bandiera bianca (con piccolissimo stemma alabardato nell'angolo). Ergo...S C R I V I P I U' G R A N D E!!! Your Deads! (Li mortacci tua!) Champ&Polp versione o'cieco de Surrient.
(Rispondi)
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 26/12/06 alle 19:07 via WEB
MA LI MORTACCI SUI DI LIBERO, CZZ!!! non UNA, TRE volte l'ho riaperto e ho impostato GRANDE come grandezza carattere ma non me lo prende!!!! ODIO LIBERO!!!!
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 27/12/06 alle 09:55 via WEB
invidia, ecco cosa susciti, per te e per i tuoi amici che hanno avuto la possibilità di stare con te. ecco volevo esserci...ma duemilamigliaia di chilometri ci sono in mezzo. uffa. strngrlontano
(Rispondi)
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 27/12/06 alle 18:31 via WEB
anche a me piacerebbe tanto poterti incontrare!!!
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 27/12/06 alle 11:17 via WEB
splendida questa favola. sai, sei una persona sorprendente e sono stata felice di essere vicina di tavola con te. questa serata ha lasciato un segno in ognuno di noi. sai anche per me è stata molto dura andarmene e l'emozione che mi sono portata a casa non mi ha lasciata dormire. e ora non mi sento più sola. può sembrare esagerato, ma è così. un abbraccio, elisa
(Rispondi)
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 27/12/06 alle 18:30 via WEB
ma che dolce... no, non mi sembra esagerato (ma di me fidati che di sorprendente c'è solo l'idiozia ;P) baci!
(Rispondi)
 
ghita4
ghita4 il 27/12/06 alle 19:15 via WEB
Ecco: da me il mormorio indistinto si tramuta in sbuffare, ma fortunatamente dura poco.E vicini vicini, ci si può addormentare abbracciati, e svegliarsi nel cuore della notte...secondo me abbiamo dei pensierini felici per poter volare ancora...e della polvere di fata...
(Rispondi)
 
 
anidrideperiodica
anidrideperiodica il 27/12/06 alle 20:38 via WEB
frrr frrr flap flutter :)
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 28/12/06 alle 09:22 via WEB
scusa per la mia guida...al volante divento rozzissima...altro che ninfa bambina...ehehehe....però non è che mi posso commuovere su tutti i blog...azz....baciotto verde(come il mio abete sintetico)spirito
(Rispondi)
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/12/06 alle 15:17 via WEB
ma no che non è il caso
(Rispondi)
 
antobi
antobi il 28/12/06 alle 14:28 via WEB
Questo racconto è bellissimo, ma lo sento ancora più mio sapendo esattamente queli emozioni tu stia descrivendo. Ho conosciuto parecchia gente di questo mondo virtuale che tanto virtuale, per me, ormai non è più. E non ho mai avuto sorprese negative. Solo scambi di emozioni dolci, e voglia di vedersi ancora, di condividersi. Spero che, prima o poi, anche le nostre strade si possano incrociare. Un abbraccio.
(Rispondi)
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/12/06 alle 15:16 via WEB
lo spero anch'io!
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.