Creato da bandierarossa61 il 31/05/2008
Nel blog verranno presi in considerazione i problemi presenti nella città di Pisa. Blog campanilista, assolutamente no, in quanto i problemi della città della torre pendente, leggendo i quotidiani e ascoltando i servizi trasmessi dalle tv locali e nazionali, li ritroviamo in molte altre città italiane, tanto per citarne alcuni: l'inquinamento, causato dal traffico su gomma, dallo sviluppo sconsiderato degli aeroporti e dell'industria; l'assenza della casa; il sociale la sanità e la salute, la sicurezza e la violenza; gli extracomunitari; i rifiuti e il loro smaltimento; il precariato e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Ripeto sono soltanto alcuni dei tanti probelmi che affliggono questa nostra società. E' un variegato di problematiche che in molti casi sono legate a filo diretto le une alle altre. La discussione sarà condotta in maniera democratica e aperta a tutti, il linguaggio utilizzato dovrà essere semplice e comprensibile. Ritengo necessario informare coloro i quali parteciperanno a questo blog, che le funzioni dello stesso saranno quelle di supporto professionale al lavoro degli amministratori della nostra città.

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultime visite al Blog

daphbidste_fornrapone2008ecoagrimmbandierarossa61nonmale43manuaaasventrypaperhopelove10uomo.elettrico.lecceclaudio.rizzo1grilli2008alessia_dptsymelezema200
 

Ultimi commenti

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« 12/01/09 Ai Direttori de...Pisa 23/01/09 Troppi ROM... »

Pisa 14/01/09

Post n°70 pubblicato il 14 Gennaio 2009 da bandierarossa61

 Ai Direttori dei quotidiani Il Tirreno e La Nazione

Oggetto: Prostituzione/tossicodipendenza

Tutti i giorni gli organi di informazione pullulano di articoli o servizi sui due argomenti in oggetto. Ma perché invece di chiacchierare tanto non si prendono provvedimenti seri per regolarizzare le due attività. La prostituzione è un’attività che è nata con l’uomo e quindi morirà con esso, è inutile fare le multe, con ordinanze a tolleranza zero, sono tutte una buffonata perché tanto il gestore, la mafia si adegua, non è come lo Stato che tergiversa senza prendere alcuna soluzione, e poi siamo sicuri che gli stessi politici non vadano a …….., ovviamente di alto bordo, visto che fanno uso di sostanze stupefacenti. Non ve lo ricordate il servizio della trasmissione Le Jene? Querelati per diffamazione, bla bla bla, nessun degli oltre 900 parlamentari che abbia detto bene tu mi accusi che faccio uso di sostanze stupefacenti ed io ti dimostro il contrario. Una levata di scudi contro i giornalisti e tutto è andato a tarallucci e vino.

Ma andiamo per ordine.

La prima cosa da fare è riallocare nei propri siti i soggetti fuori luogo, che cosa voglio dire, senza essere offensivo nei confronti dei cristiani credenti, che lo Stato italiano diventi una volta per tutte EFFETTIVAMENTE LAICO, e non chiesa dipendente. Lo stato Vaticano che ritorni nei suoi confini e pensi a espiare i propri peccati e risolvere i propri problemi prima di mettere il naso fuori e quando lo fa lo faccia per diffondere il messaggio del buon messia e la buona parola, insomma ricopra l proprio ruolo.

Secondo. Per dare un duro colpo alla malavita lo Stato, dovrebbe gestire, forse non è il termine adeguato, ma sicuramente è comprensibile da tutti, in prima persona le due attività considerando la prostituzione attività libero professionale. Il sesso a pagamento è una industria e come tale va trattata. Semplici cittadini che girano filmini pornografici ne sono un esempio. Forse mania di protagonismo. Quindi ripristino delle case del piacere, albo professionale, sindacato, tasse, pensioni, accertamenti sanitari periodici …. . E’ ovviamente esplicito che la prostituzione deve essere concepita come libera scelta del soggetto che la vuol intraprendere, non è un obbligo, altrimenti è sfruttamento.

Tossicodipendenza, qui la cosa non è semplice perché ci sono varie tipologie di tossicodipendenza. Negli adulti, negli sportivi, nei giovani. Negli adulti, chi ha i soldi ha i propri fornitori e quindi non ha bisogno dello Stato. Per tutto il resto la prima cosa da fare è capire se è meglio la dose di sostanza stupefacentelo o il metadone. Sicuramente quest’ultimo costa meno e per certe tipologie di soggetti, tossicodipendenti incalliti, lo zoccolo duro, di progetti futuri di recupero non ve ne sono, perché sono bruciati e quindi. Sportivi è una scelta di vita, un po’ come nello spettacolo, se vuoi emergere devi concederti e far e farti vedere, magari su qualche calendario, qualcuno ha avuto fortuna, altrimenti rimarrai per sempre una semplice e sciocca velina. Che cosa voglio dire. Se gli sponsor richiedono allo sportivo delle prestazioni extra, che un uomo normale anche se allenatissimo non può raggiungere se non con l’ausilio di, sta allo sportivo scegliere: soldi, carriera e fama o nulla. Meglio un giorno da leoni che cento da pecore? 

Ragazzi, beh qui la cosa è diversa, è un po’ come la pedofilia, adulto che si approfitta di un minore o degli appena maggiorenni, per . Fatti: chi guida sotto l’effetto di stupefacenti accompagnato da alcool, chi si fa le canne o sniffa nei cortili, nei bagni o nelle aule della scuola, chi in discoteca, tutti i luoghi sono buoni per spacciare, acquistare e farsi. Le conseguenze di quanto sopra minorenni o appena maggiorenni che muoiono sulle strade, coinvolgendo altri innocenti passanti o automobilisti, anziani che vengono falciati sulle strisce pedonali o alla fermata del bus …. . Soluzioni. Per evitare i morti sulle strade per gli eccessi di velocità utiliziamo la tecnologia installata sul pedale dell’acceleratore o manetta del motore controllata attraverso l’elettronica installata sui cartelli di limitazione di velocità. E’ un progetto vecchissimo, mai messo in pratica per ovvi motivi, case automobilistiche, assicurazioni, petrolieri, carrozieri …  un po’ come quando progettarono il video registratore che si bloccava al sopraggiungere delle pubblicità, qualcuno li ha tolti dal mercato. Se nei centri abitati si va a 30 o 50 km/h è difficile che ci sia una strage o muoiano persone. Per i giovanissimi controlli nelle scuole, accertamenti sanitari per verificare se fanno uso di sostanze stupefacenti e poi letteri ai genitori e segnalazioni al SSN per la realizzazione, visto che sono tossici in “erba”, di progetti specifici di informazione/formazione e recupero con l’aiuto di psicologi e psichiatri. Per i maggiorenni che non sono ancora diventati tossici incallliti, irrecuperabili, per i quali vale quanto sopra, programmi di recupero reali, in comunità. Ovviamente nessun tossicodipendente, se non è seguito dal SSN può guidare mezzi e quindi avere la patente, come pure gli alcolizzati. Per i maggiorenni pizzicati per la prima volta sarebbe opportuno destinarli a lavori socialmente utili gratuiti due o tre ore al giorno sulle strade, faccinaggio nei grandi magazzini, pulizie … . Privacy in questi casi, solo per i minorenni, per il resto è bene che si sappia.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/aiutiamopisa/trackback.php?msg=6303673

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
rosylagana
rosylagana il 14/01/09 alle 18:38 via WEB
Un sorriso..un dolce riposo,un sorriso e un bacio..Hengel
(Rispondi)
 
bandierarossa61
bandierarossa61 il 26/01/09 alle 10:47 via WEB
Non ho capito il tuo commento puoi per cortesia farmi capire? Grazie
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.