Blog
Un blog creato da Elio.Occhipinti il 19/12/2007

Alchimia

Aspetti Filosofici e Psicologici dell'Arte

 
 

LIBRI

I Filosofi del fuoco

per una epistemolgia debole dell'alchimia

edizioni Mimesis

 

Se l’Alchimia è un sapere, che tipo di sapere è? Può essere ricondotto a schemi logico-razionali o necessita di un’apertura a significati e visioni non comuni? Perché l’Alchimia è così misteriosa? E perché molti hanno la sensazione di smarrirsi nell’affrontare il linguaggio alchemico? Infine, in un mondo ipertecnologico e iperscientifico l’Alchimia ha ancora un senso?

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

 

I filosofi del fuoco

Post n°2 pubblicato il 08 Giugno 2009 da Elio.Occhipinti
 

Il mio nuovo libro:

I filosofi del Fuoco

 

La Natura rimprovera l'alchimista

Se l’Alchimia è un sapere, che tipo di sapere è? Può essere ricondotto a schemi logico-razionali o necessita di un’apertura a significati e visioni non comuni? Perché l’Alchimia è così misteriosa? E perché molti hanno la sensazione di smarrirsi nell’affrontare il linguaggio alchemico? Infine, in un mondo ipertecnologico e iperscientifico l’Alchimia ha ancora un senso?

 Queste sono solo alcune delle domande a cui questo saggio intende dare una risposta partendo dallo strumento epistemologico col fine di delineare a quale tipo di conoscenza l’Alchimia attinga e quale visione del mondo essa trasmetta.

Un saggio per tutti, per chi inizia ad avvicinarsi a quest’Arte e per chi già la “frequenta” da tempo. Insomma, per tutti quegli uomini-alchimisti curiosi di conoscere quale modalità inusuale, eppure efficace, per conoscere sé stessi e il mondo l’Alchimia possa offrire, per prendere iniziative, agire in conformità con le leggi della Natura e trasformare il semplice sapere tecnico in un saper vivere.

 

Elio Occhipinti, laureato in psicologia e filosofia, lavora a Milano come psicoterapeuta e conduce gruppi sull’immaginario simbolico. Autore di opere di argomento psicologico e relative alla cultura e alla medicina cinese, svolge altresì l’attività di docente di Medicina Psicosomatica e Psicologia della Comunicazione.

 

 
 
 

Post N° 1

Post n°1 pubblicato il 20 Dicembre 2007 da Elio.Occhipinti
 



Possiamo definitivamente affermare che gli alchimisti furono i primi scienziati nel pieno senso del termine. Cioè, essi non contemplarono semplicemente i fenomeni ma cercarono di dedurne delle regolarità; non fecero solamente dei modelli su principi matematici per riprodurre l’operazione dei fenomeni. Assunsero un atteggiamento del tutto attivo. Cercarono di cogliere la natura del processo stesso e di mettere alla prova le loro idee in laboratorio, e di ricreare e ripetere i fenomeni in condizioni controllate. Poco importa il fatto che i loro controlli fossero troppo spesso inadeguati e rozzi. Essi compirono il tentativo di cogliere e ricreare i processi, e questo è l’importante. (Lindsay)

 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

pensierobellissimocris_shantideagatta80Elio.Occhipinticatirossyok63rigel2_rmBiene73moon481artistoidiesteticarugiadaZagoniopoetellacindy943lupetto.lg
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom