10:15 Saturday Night

Non è rubando la polvere magica dalle ali di una farfalla che un corpo può librarsi libero nell'aria... Blog che evolve con l'ambizione di far parlare la musica..

 

RESISTERE

 

DROGHE

Affinità e divergenze...
musica,il tremore di un passo tra le note,
melodie carezzevoli e chitarre stridenti.

Pelle sulla pelle,
seta e cotone, trasparenze. Pizzi, tessuti che lambiscono. Guanti. Trucco leggero, matita nera.

Stile, Eleganza, Charme:  nell’Animo ancor prima che nei modi.
Androginia.
Sensualità ancor prima del fascino.
Occhi.
Mani dalle dita sottili.
Il nero, la sua essenza, i suoi significati.
Le superfici assorbenti più di quelle riflettenti.
Il candore ed il rossore. Il blu oltremare, la luce del sole.

Baudelaire e Paradisi Artificiali.
Baricco e la Allende.
Paradisi Reali, Paradisi costruiti o raggiunti.
Coscienza e Incoscienza. Estetica imperfetta .

 

..ALTRE DROGHE..

Correre.
Correre sulla spiaggia, correre di notte.
Correre quando il sole brucia,
Correre sotto la pioggia.

Il profumo nell'aria
prima di una pioggia scrosciante.
L’odore della rugiada sulle foglie
più di quello dell’asfalto bagnato.

Le orme dei gabbiani sulla sabbia.
La sabbia bagnata ai bordi del costume.
I capelli di salsedine.
Le acque cristalline,
i candidi riflessi della Luna
su di un mare
che la notte rende nero come la pece.
Luna candida come i veli delle vestali,
gialla come l'oppio,
rossa come il fuoco sulla sabbia.

La pelle nuda, i morsi sulla schiena.
Tremori e tepori.
brividi liquidi,
divagazioni estatiche: dei sensi e della mente.
Erotismo celato, Malinconia latente.

Il vento che accarezza le gote.
I sospiri. Il respiro.
I profumi delicati. Rose, Magnolie, Girasoli.
I fiori del deserto.

Il corpo, le sue forme.
L’affanno,
il sudore profumo di ore d’Amore.
Il tango argentino.
Le notti stellate di fine estate.

 

 

« Sbalorditoil diavolo rimase...Photographic Pictures »

Post N° 87

Post n°87 pubblicato il 27 Luglio 2005 da butterflywings

Gocce di limone 

Nera come la  pece ti appare la notte
se protendi lo sguardo lontano da riva, dal mare.
Nel mare.

Lì dove il silenzio ti parla di onde e di sabbia,
lì dove puoi sentir sulla pelle
la voce del mare
avvolgerti in un abbraccio di parole d’Amore.

Dodici anni fa
quell’ uomo severo eppur amorevole
che adoravo chiamare “nonno”
mi portava con sé
per l’ultima volta su di una barca…

Lo ricordo bene,
il calore che sentivo nel cuore
nel vedere allontanarsi la riva.
Circondati dall’acqua,
la pelle arrossata dal sole
e avvizzita dal sale
di spuma che violenta si frangeva sulla chiglia.
Pensavo che lì ci sarei tornato per sempre.
Che era quella l’incarnazione sublime e perfetta
di ogni mio desiderio: 
una barca, una voce, salsedine e pelle,
a due passi
da un lembo "di terra
in cui sembra finire la terra"…

Gocce di limone a lavare l’insopportabile odore
che sotto la pelle ti resta,
dopo una notte ed un giorno di pesca.
Sulla pelle… e poi sotto,
tra le labbra, sulle dita.

Stanotte
la Luna sembrava
non volersi specchiare nell’acqua,
ed io con lei continuavo
a non ricercare me stesso
negli occhi del mare..

Poi lo sguardo distratto si volge,
e d’improvviso con gli occhi ed il cuore
cominci a osservare
ciò che nei mesi ha dipinto la mente…

Butterflywings riapre:
voglia di scrivere
per capirsi, condividere, ascoltare.

Ritorno a me stesso
ora che più sento bisogno di me.
Recupererò il sorriso di questa foto,
e mi prenderò tutto ciò che desidero:
voglio, Sì, voglio.
Determinato,
sicuro
come non ricordo di esser mai stato.

I compromessi, si sa,
spesso aiutano a vivere,
dando vita a parte dei nostri desideri.

Lascio “la parte” a chi,
come il ragazzo che ero in passato,
ritrova comunque un sorriso nell’accontentarsi.

Io adesso HO SETE.
Voglio, desidero.
Ardentemente.
E se non posso avere tutto,
preferisco continuare a cercare
piuttosto che impormi dei piccoli sorsi.

Ho sete, e un’indecente voglia di bere.

Dalla bellezza e dall’amore nessuno si separi
Che la perfetta Natura l’un dell’altra ha pervaso,
Dando a Bellezza amore, come ultimo destino
E ad Amore bellezza come suo vero colore.
[…]
Io ti potrei amare senza prendermi gioco
dell’Amore e di te
e dell’orribile me stesso.
                                       
Fernando Pessoa,  “35 sonetti”.

 
Rispondi al commento:
butterflywings
butterflywings il 29/07/05 alle 04:02 via WEB
Da bambino mi dicevan di non toccare le ali delle farfalle; le colora una polvere magica, senza di essa non potrebbero volare. Da bambini ci crediamo, che esista al mondo una polvere magica. Chi non è mai corso dietro una farfalla nel vano tentativo di sottrargliela, sottrarle il Potere di volare per farlo proprio..? Crescendo ci capita di smettere di credere alle fiabe, e la polvere magica diviene solo una bella favola per bimbi. E, pur continuando a raccontarla, dimentichiamo. Illusioni generate dalla ricerca di spiegazioni logiche.. La polvere magica esiste. Esiste davvero: sono piccole squame, o forse frammenti di emozione, dipinte su ali di farfalla. Se la tocchi le regali per sempre un volo scucito. A volte basta uno sguardo, una parola, per lasciarla volare via, lontano. La farfalla però sa sempre dove posarsi: ritorna sul fiore se il suo profumo è inebriante, allontanarla non serve che a ritardare l’istante in cui le sue ali smetteranno di fendere l’aria… A volte, rapiti da tanta bellezza, in un delirio di onnipotenza, proviamo (ci illudiamo di riuscirci..) a conficcarle due aghi di premurosa ammirazione nel cuore d'insetto e lasciarla a guardare, crocifissa d'amore, le dita che le han tolto la vita. Ho imparato a volare senza rubar quella polvere: ognuno di noi può farlo, basta sognare... e provare con tutte le forze a dare forma ai tuoi desideri. PESSOA... Ho cominciato a leggerlo da solo due settimane, partendo proprio dai "trentacinque sonetti", che ho letto esser ritenuti un'opera "minore" rispetto ad altre manifestazioni del suo genio.. Leggo un sonetto ogni giorno: mi rapisce, trascinandomi ora verso riflessioni eteree (metafisica, se me lo concedi) ora verso sensazioni palesemente carnali... Annoto le mie impressioni su di un quaderno, intrecciando le sue parole con le mie e con quelle delle canzoni che amo e a cui i suoi versi mi riconducono.. Lettura "lenta", terribilmente seminale... Magari, se ne hai voglia, potrai consigliarmi riguardo al prossimo suo libro da leggere... Buona serata, e grazie delle tue parole...
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 

INFO


Un blog di: butterflywings
Data di creazione: 27/10/2004
 

..WAITING FOR THE SIREN'S CALL..

 

ALLUCINAZIONI

Armonia nel caos.
Decadenza e rinascita.
Orari improbabili.
Conversazioni con cervelli pulsanti.
Introspezione e Filosofia.
Nietzsche e Schopenhauer.
Socrate.

Ian Curtis e Robert Smith.
Depeche Mode, l'eccesso.
Joy division, glaciali.
Jimi Hendrix e Janis Joplin.
L'ultima delle "Tre J" .
I Massive Attack quasi quanto i Cure.
Chicago, I Blues Brothers.
Bologna e Milo Manara.
Roma.

I silenzi.
Paolo Conte e Marlene Kuntz.
Al Pacino e "Il grande Lebowsky".
Quentin Tarantino.
Notti insonni.
Fotografie in bianco e nero.
Frida Kahlo, la splendida e seducente Frida.

Il Rhum delle Barbados.
Il Varadero e lo Zacapa.
Compay Segundo, i Buena Vista Social Club.
Daniele Silvestri, Cohiba.
Letteratura Latino-Americana,
Ermetismo e Decadentismo.
James O'Barr, Eric Draven.

 

..IN ATTESA DEL GIARDINO PENSILE..

 

ULTIME VISITE AL BLOG

sundropbutterflywingsroseflamante.d.avenere_privata.xserpentarokalenieveline_smithStellacadente981ilariaseclimissland0stefycostantinovita.alessialuca1911