10:15 Saturday Night

Non è rubando la polvere magica dalle ali di una farfalla che un corpo può librarsi libero nell'aria... Blog che evolve con l'ambizione di far parlare la musica..

 

RESISTERE

 

DROGHE

Affinità e divergenze...
musica,il tremore di un passo tra le note,
melodie carezzevoli e chitarre stridenti.

Pelle sulla pelle,
seta e cotone, trasparenze. Pizzi, tessuti che lambiscono. Guanti. Trucco leggero, matita nera.

Stile, Eleganza, Charme:  nell’Animo ancor prima che nei modi.
Androginia.
Sensualità ancor prima del fascino.
Occhi.
Mani dalle dita sottili.
Il nero, la sua essenza, i suoi significati.
Le superfici assorbenti più di quelle riflettenti.
Il candore ed il rossore. Il blu oltremare, la luce del sole.

Baudelaire e Paradisi Artificiali.
Baricco e la Allende.
Paradisi Reali, Paradisi costruiti o raggiunti.
Coscienza e Incoscienza. Estetica imperfetta .

 

..ALTRE DROGHE..

Correre.
Correre sulla spiaggia, correre di notte.
Correre quando il sole brucia,
Correre sotto la pioggia.

Il profumo nell'aria
prima di una pioggia scrosciante.
L’odore della rugiada sulle foglie
più di quello dell’asfalto bagnato.

Le orme dei gabbiani sulla sabbia.
La sabbia bagnata ai bordi del costume.
I capelli di salsedine.
Le acque cristalline,
i candidi riflessi della Luna
su di un mare
che la notte rende nero come la pece.
Luna candida come i veli delle vestali,
gialla come l'oppio,
rossa come il fuoco sulla sabbia.

La pelle nuda, i morsi sulla schiena.
Tremori e tepori.
brividi liquidi,
divagazioni estatiche: dei sensi e della mente.
Erotismo celato, Malinconia latente.

Il vento che accarezza le gote.
I sospiri. Il respiro.
I profumi delicati. Rose, Magnolie, Girasoli.
I fiori del deserto.

Il corpo, le sue forme.
L’affanno,
il sudore profumo di ore d’Amore.
Il tango argentino.
Le notti stellate di fine estate.

 

 

« Photographic Pictures

      Don't be afraid..

Post n°90 pubblicato il 15 Novembre 2005 da butterflywings

Questo post
vorrebbe asservire la sinestesia alla sua vera ambizione:
farsi ascoltare ancor prima che leggere...


Note e parole vogliono essere mani dalle dita sottili,
sfiorare impalpabili trame di pelle
fino a divenire un freddo e sottile brivido liquido
che glaciale il corpo pervade e risale. 

Una canzone, dunque..
C’è bisogno di una canzone
per la descrizione di un moto dell’animo:
si, perché in fondo
qui si vuol raccontare senza usar le parole.


Street spirit dei Radiohead..
Se è lì sul tuo computer,
è forse l’unica
in grado di mostrarti la lucidità di questo delirio.

Distende la sua mano un arpeggio a sei corde,
il suo tatto diviene melodica carezza dei sensi:
è allora che la calma del suono
si specchia nel rossore di un sole
che malinconico volge il calore e lo sguardo
all’orizzonte di un’alba che può esser tramonto.

 Nella calma i movimenti divengon gesti sapienti,
ed anche nella furia incedono lenti:
ognuno si fa spazio nel suo attimo
senza per questo rubare il tempo…

E’ calma apparente
l’arpeggio che suona le corde della mia intimità,
e che lentamente si insinua
tra i velami di una nuova sensibilità.

Malinconico il canto
traccia contorni e si ferma a disegnare minuziosi ricami
mentre la batteria scandisce le pause e le accelerazioni
di un moto comunque incessante e sinuoso.
 

L’immagine cui lego questa canzone…

17 anni, in spiaggia con la mia migliore amica.
Guardavamo le onde frangersi in flutti sulla chiglia di una barca.
Ed io pensavo alla mia, alle notti trascorse,
ai ricordi di persone lontane…
 

Una calda goccia d’acqua salata
si fa strada tra le parole,
ed irrora lembi di pelle violati da una brezza tagliente:
la guardo protendersi oltre il viso,
e nel vuoto lanciarsi verso di lei
che mi ascolta seduta tra le mie gambe.

 L’immutabilità di un luogo in eterno divenire,
l’inerzia emotiva di ricordi che non riuscirò mai a sopire.
La carezzevole dolcezza di una melodia intrisa di malinconia,
la serenità di un cuore nella cui forza 
risiede la sua più intima debolezza.
 


Io ci credo davvero:
La musica, se la ascolti,
può condurti ovunque…

 
Rispondi al commento:
butterflywings
butterflywings il 08/01/06 alle 20:14 via WEB
TC sta per... "tante cose" ihihih.. Buon 2006, felice di saperti felice..
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 

INFO


Un blog di: butterflywings
Data di creazione: 27/10/2004
 

..WAITING FOR THE SIREN'S CALL..

 

ALLUCINAZIONI

Armonia nel caos.
Decadenza e rinascita.
Orari improbabili.
Conversazioni con cervelli pulsanti.
Introspezione e Filosofia.
Nietzsche e Schopenhauer.
Socrate.

Ian Curtis e Robert Smith.
Depeche Mode, l'eccesso.
Joy division, glaciali.
Jimi Hendrix e Janis Joplin.
L'ultima delle "Tre J" .
I Massive Attack quasi quanto i Cure.
Chicago, I Blues Brothers.
Bologna e Milo Manara.
Roma.

I silenzi.
Paolo Conte e Marlene Kuntz.
Al Pacino e "Il grande Lebowsky".
Quentin Tarantino.
Notti insonni.
Fotografie in bianco e nero.
Frida Kahlo, la splendida e seducente Frida.

Il Rhum delle Barbados.
Il Varadero e lo Zacapa.
Compay Segundo, i Buena Vista Social Club.
Daniele Silvestri, Cohiba.
Letteratura Latino-Americana,
Ermetismo e Decadentismo.
James O'Barr, Eric Draven.

 

..IN ATTESA DEL GIARDINO PENSILE..

 

ULTIME VISITE AL BLOG

sundropbutterflywingsroseflamante.d.avenere_privata.xserpentarokalenieveline_smithStellacadente981ilariaseclimissland0stefycostantinovita.alessialuca1911