Via, Verità e Vita

Religione

 

TAG

 

PREGHIERA AL SACRO CAPO DI GESÙ

Sacro Capo di Gesù

O Sacro Capo di Gesù, Tempio della Divina Sapienza, che guidate tutti i moti del Sacro Cuore, ispirate e dirigete tutti i miei pensieri, le mie parole, le mie azioni. Come voi avete promesso, siate il Rimedio contro i grandi flagelli del nostro tempo: l'orgoglio intellettuale e l'infedeltà. Per le Vostre Sofferenze, o Gesù, per la vostra Passione dal Getsemani al Calvario, per la Corona di spine che straziò la Vostra Fronte, per il Vostro Sangue Prezioso, per la Vostra Croce, per l'amore e il dolore della Vostra Madre, fate trionfare il Vostro Desiderio per la Gloria di Dio, la salvezza delle anime e la gioia del vostro Sacro Cuore. Amen.

Gesù ha riservato varie promesse per chi proclama e diffonde la devozione al Sacro Capo di Gesù, con grazie e benedizioni abbondanti... Vedere

http://www.preghiereagesuemaria.it/devozioni/devozionealsacrocapodigesù.htm

 

img 1

VANGELO DEL GIORNO, CON COMMENTO, IN LINGUA INGLESE. 

"CLICCA QUI"

 

 

Eucarestia

O Gesù, che ti fai alimento spirituale per noi nel Sacramento dell'Eucarestia, nutri le nostre anime e fa' che possiamo essere sempre migliori, giorno dopo giorno, nelle vie di Dio. Amen.

 

 

 

PREGHIERA A SAN GIUSEPPE

San Giuseppe

San Giuseppe, mi consacro a te per essere per sempre tuo imitatore, tuo amabile figlio. Prendi possesso di me, fa’ del mio corpo e della mia anima ciò che faresti del tuo corpo e della tua anima, per la gloria di Gesù. Pure lui si è affidato a te così pienamente da lasciarsi portare là dove tu credevi opportuno, da stabilire te per suo padre e obbedirti come il più docile figlio. Sacro Cuore di Gesù, grazie di averci dato Giuseppe per padre e di averci donato tutto ciò che hai e tutto ciò che sei. Fa che ti restituisca amore per amore; te lo chiedo per intercessione e in nome di san Giuseppe. Amen.

 

BENEDIZIONE DI PADRE PIO

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 20
 

 

« Le parabole del regno dei cieliGesù e la Samaritana (video) »

Commento al Vangelo di oggi, Domenica 15 Marzo 2015

Post n°1432 pubblicato il 15 Marzo 2015 da francesconapoli_fn

Dal Vangelo secondo Giovanni 3,14-21: (In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna. Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio. E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene alla luce perché le sue opere non vengano riprovate. Invece chi fa la verità viene verso la luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio»). PAROLA DEL SIGNORE. 

Commento a cura di Don Lello Ponticelli, sacerdote. 

 
Rispondi al commento:
giuscip1946
giuscip1946 il 28/07/15 alle 01:43 via WEB
Dalla lettera di san Paolo apostolo agli Efesini 4 – 1/6 Fratelli, io, prigioniero a motivo del Signore, vi esorto: comportatevi in maniera degna della chiamata che avete ricevuto, con ogni umiltà, dolcezza e magnanimità, sopportandovi a vicenda nell’amore, avendo a cuore di conservare l’unità dello spirito per mezzo del vincolo della pace. Un solo corpo e un solo spirito, come una sola è la speranza alla quale siete stati chiamati, quella della vostra vocazione; un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo. Un solo Dio e Padre di tutti, che è al di sopra di tutti, opera per mezzo di tutti ed è presente in tutti. ///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////// San Paolo sta dicendo che il Signore è solo uno, è Padre di tutti, è al di sopra di tutti, opera tramite tutti ed presente in tutti. San Paolo dice anche che noi siamo il tempio del Signore e lo Spirito Santo dimora in noi. Nella nostra professione di fede - il credo - abbiamo tante volte ripetuto che crediamo in Dio, ma chi è il Signore Dio per noi? Per comprendere chi è il Signore Dio per noi dobbiamo prima di tutto scoprire, scoprire non sapere , chi siamo noi. San Paolo ha appena detto che il Signore Dio è nostro Padre, ma se Lui è il Padre di noi tutti, noi siamo suoi figli e lo siamo veramente. Questo è il primo passo per sapere chi siamo. Se siamo figli siamo stati creati a Sua immagine e somiglianza che è bellezza, eterna giovinezza, sapienza, potenza, amore, pace, coraggio, dolcezza, umiltà, mitezza ecc., oltretutto siamo figli di Colui che non è carne e noi non possiamo essere carne, siamo anche noi spirito. Il nostro corpo è solo un temporaneo involucro dal quale prima o poi saremo costretti a staccarci e, se avremo creduto, avremo un corpo simile a quello del Signore risorto. Opera per mezzo di tutti perché gli apparteniamo, ma se questo non avviene vuol dire che non la nostra è una fede idea, chiacchiere. Lui è presente in tutti ma si manifesta solo in chi crede; esattamente come la corrente elettrica che c’è nelle case, ma si manifesta solo se schiacciamo l’interruttore. Chi crede in questa verità non potrà mai fare opere contro la Sua volontà, non potrà mai compiere atti impuri che il peccato li ha denominati “amore”. IL salario del peccato è la morte, se non siamo santi siamo peccatori, riusciamo allora ad immaginare quanto il peccato colpisce il Suo cuore di Papà che vive in noi? Per questo ogni peccatore pentito, ogni convertito porta gioia al Suo cuore. Il figliol prodigo è il nostro esempio. Se Lui è presente in tutti, ogni volta che disprezziamo, scartiamo, non amiamo il nostro prossimo stiamo disprezzando LUI, stiamo scartando Lui, non stiamo amando Lui che è la vita in persona. Se in spirito e verità crediamo che è presente in tutti scopriamo che noi, i nostri fratelli e Lui siamo una sola cosa. Se veramente crediamo che Lui è presente in tutti non temiamo più la solitudine, la fame, la sete, la morte del corpo ecc. Se crediamo in questa verità il Suo Spirito si manifesterà sul nostro volto ed avremo un volto di Amore e di Pace, ritorneremo la Sua immagine e somiglianza. Se crediamo che Lui è in noi, Lui opererà in noi. Il Signore Gesù è il nostro esempio. E’ la via perché con la croce ci ha rivelato il valore della rinuncia. E’ la verità perché ci ha rivelato chi siamo e come siamo. E’ la vita perché se crediamo nella Sua parola vivremo da vivi ponendo fine al nostro vegetare chiamando vita la morte. Dal vangelo secondo Giovanni 6- 1/15 In quel tempo, Gesù passò all’altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. Gesù salì sul monte e là si pose a sedere con i suoi discepoli. Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei. Allora Gesù, alzàti gli occhi, vide che una grande folla veniva da lui e disse a Filippo: «Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?». Diceva così per metterlo alla prova; egli infatti sapeva quello che stava per compiere. Gli rispose Filippo: «Duecento denari di pane non sono sufficienti neppure perché ognuno possa riceverne un pezzo». Gli disse allora uno dei suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro: «C’è qui un ragazzo che ha cinque pani d’orzo e due pesci; ma che cos’è questo per tanta gente?». Rispose Gesù: «Fateli sedere». C’era molta erba in quel luogo. Si misero dunque a sedere ed erano circa cinquemila uomini. Allora Gesù prese i pani e, dopo aver reso grazie, li diede a quelli che erano seduti, e lo stesso fece dei pesci, quanto ne volevano. E quando furono saziati, disse ai suoi discepoli: «Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto». Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi dei cinque pani d’orzo, avanzati a coloro che avevano mangiato. Allora la gente, visto il segno che egli aveva compiuto, diceva: «Questi è davvero il profeta, colui che viene nel mondo!». Ma Gesù, sapendo che venivano a prenderlo per farlo re, si ritirò di nuovo sul monte, lui da solo. ////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////// Il Signore Gesù sale sul mote e porta con se i Suoi discepoli ed anche la folla che li seguiva . Ha scelto il monte per dire a tutti che chi Lo segue sarà portato il alto. Una volta in alto provvede a tutto il necessario, prende quei pochi pani e quei pochi pesci e dopo aver ringraziato il Padre questo poco cibo disponibile, lo stesso cibo si moltiplica e diventa sufficiente per sfamare cinquemila uomini e tutte le donne e i bambini che erano con loro. Questo è per noi un esempio, se abbiamo poco ma ringraziamo il Signore per quel poco, il nostro poco aumenterà e saremo nell’abbondanza. In particolare questo riguarda la grazia che ci è stata data Se Lo ringrazieremo per quello che ci ha donato, Lui moltiplicherà in noi grazia stessa fino a farci diventare luce del mondo e sale della terrà. Il Signore sta nutrendo queste persone e non altre che in questo momento hanno fame perché costoro lo stanno cercando e lo stanno ascoltando. Quando il Signore vede il nostro interesse per la Sua parola non tarderà a darci il Suo aiuto. Dopo aver dato da mangiare al popolo che Lo seguiva il Signore stesso incaricò i Suoi discepoli per raccogliere i pezzi avanzati perché nulla andasse perduto. Questo a testimonianza che il Signore è geloso delle Sue grazie, non vuole che vadano minimamente perdute. Anche di questa parola è geloso, ma la Sua speranza è che serva almeno a qualcuno di quelli che ne verranno a conoscenza, in particolare spera che serva a chi la diffonde. Grazie Signore Gesù.
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 

INFO


Un blog di: francesconapoli_fn
Data di creazione: 01/06/2010
 

Sacro Cuore di Gesù

Sacro Cuore di Gesù purificaci da ogni macchia di peccato e donaci salute e salvezza.

Amen.

 

San Michele

San Michele Arcangelo, donaci la forza per tenere lontano le insidie del maligno. Ricaccia negli inferi gli spiriti malvagi e custodisci con la tua potenza i figli di Dio. Amen.

 

 

Sant'Antonio di Padova

O Sant'Antonio, che hai preferito abbandonare la dottrina per vivere nella semplicità, sul tuo esempio, aiutaci a vivere come umili cristiani pieni di sante virtù, la cui grande ricchezza sta nell'essere con Cristo, Salvatore del mondo. Amen.

 

San Pio

O San Pio da Pietrelcina, intercedi per noi presso Gesù affinché ci siano concesse le grazie materiali e spirituali necessarie per ottenere la salvezza eterna di ognuno di noi, cosicché possiamo rendere gloria a Dio come Lui vuole, con cuore, anima e mente. Amen.

 

 

 

noicattolici

 

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

francesconapoli_fntempestadamore_1967elisabetta.meggettoezio_48segretario61adrianofischerbellomocubaSingleoggiLT97QZZbiagio.carilliclara8marzodaniela.boni67anbo54robertofarris.rfStratocovers
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom