Via, Verità e Vita

Religione

 

TAG

 

PREGHIERA AL SACRO CAPO DI GESÙ

Sacro Capo di Gesù

O Sacro Capo di Gesù, Tempio della Divina Sapienza, che guidate tutti i moti del Sacro Cuore, ispirate e dirigete tutti i miei pensieri, le mie parole, le mie azioni. Come voi avete promesso, siate il Rimedio contro i grandi flagelli del nostro tempo: l'orgoglio intellettuale e l'infedeltà. Per le Vostre Sofferenze, o Gesù, per la vostra Passione dal Getsemani al Calvario, per la Corona di spine che straziò la Vostra Fronte, per il Vostro Sangue Prezioso, per la Vostra Croce, per l'amore e il dolore della Vostra Madre, fate trionfare il Vostro Desiderio per la Gloria di Dio, la salvezza delle anime e la gioia del vostro Sacro Cuore. Amen.

Gesù ha riservato varie promesse per chi proclama e diffonde la devozione al Sacro Capo di Gesù, con grazie e benedizioni abbondanti... Vedere

http://www.preghiereagesuemaria.it/devozioni/devozionealsacrocapodigesù.htm

 

img 1

VANGELO DEL GIORNO, CON COMMENTO, IN LINGUA INGLESE. 

"CLICCA QUI"

 

 

Eucarestia

O Gesù, che ti fai alimento spirituale per noi nel Sacramento dell'Eucarestia, nutri le nostre anime e fa' che possiamo essere sempre migliori, giorno dopo giorno, nelle vie di Dio. Amen.

 

 

 

PREGHIERA A SAN GIUSEPPE

San Giuseppe

San Giuseppe, mi consacro a te per essere per sempre tuo imitatore, tuo amabile figlio. Prendi possesso di me, fa’ del mio corpo e della mia anima ciò che faresti del tuo corpo e della tua anima, per la gloria di Gesù. Pure lui si è affidato a te così pienamente da lasciarsi portare là dove tu credevi opportuno, da stabilire te per suo padre e obbedirti come il più docile figlio. Sacro Cuore di Gesù, grazie di averci dato Giuseppe per padre e di averci donato tutto ciò che hai e tutto ciò che sei. Fa che ti restituisca amore per amore; te lo chiedo per intercessione e in nome di san Giuseppe. Amen.

 

BENEDIZIONE DI PADRE PIO

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 20
 

 

« Le parabole del regno dei cieliGesù e la Samaritana (video) »

Commento al Vangelo di oggi, Domenica 15 Marzo 2015

Post n°1432 pubblicato il 15 Marzo 2015 da francesconapoli_fn

Dal Vangelo secondo Giovanni 3,14-21: (In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna. Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio. E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene alla luce perché le sue opere non vengano riprovate. Invece chi fa la verità viene verso la luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio»). PAROLA DEL SIGNORE. 

Commento a cura di Don Lello Ponticelli, sacerdote. 

 
Rispondi al commento:
giuscip1946
giuscip1946 il 23/02/16 alle 21:01 via WEB
Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Filippési Fratelli, fatevi insieme miei imitatori e guardate quelli che si comportano secondo l’esempio che avete in noi. Perché molti – ve l’ho già detto più volte e ora, con le lacrime agli occhi, ve lo ripeto – si comportano da nemici della croce di Cristo. La loro sorte finale sarà la perdizione, il ventre è il loro dio. Si vantano di ciò di cui dovrebbero vergognarsi e non pensano che alle cose della terra. La nostra cittadinanza infatti è nei cieli e di là aspettiamo come salvatore il Signore Gesù Cristo, il quale trasfigurerà il nostro misero corpo per conformarlo al suo corpo glorioso, in virtù del potere che egli ha di sottomettere a sé tutte le cose. Perciò, fratelli miei carissimi e tanto desiderati, mia gioia e mia corona, rimanete in questo modo saldi nel Signore, carissimi! Parola di Dio. San Paolo ci chiama "fratelli" perché la fratellanza non nasce da legame di sangue ma da quello di Spirito ed è per questo che il Signore Gesù ci ha insegnato a pregare dicendo: Padre nostro...... La fratellanza è amore verso chi è come noi e verso quelli che sono diversi da noi. Con quelli come noi condividiamo ciò che il Signore Dio ci dona, quelli diversi da noi cercheremo di portarli a Lui perché sono lontani, sperando sempre di essere noi sulla giusta via. La fratellanza è amore e l'amore, come già detto, non conosce razza colore e religione. Molte volte ci scoraggiamo perché, se abbiamo l'amore come speranza, vediamo che non riusciamo a trasmetterlo a chi è lontano dall'amore e ci chiediamo cosa sia possibile fare con chi non si accorge di vivere nelle tenebre. In questo caso, l'unica speranza è che il nostro esempio diventi un punto di domanda per chi ci rifiuta. Purtroppo per il male che domina chi rifiuta l'amore, il male peggiore è il bene, perché lo distrugge Noi quando ci sentiamo rifiutati dai nostri fratelli abbiamo la certezza di trasmettere loro amore? San Paolo, che ha tutta la certezza che la vita sia dietro la croce, sta piangendo perché constata che coloro i quali sono stati illuminati con la parola e con il suo esempio, ora si comportano da nemici della croce. Questo è l'amore: Piangere per chi è fuori strada dopo aver pianto per i nostri sbagli. I nemici della croce sono quelli che la rifiutano, quelli che non accettano la rinuncia e il sacrificio. S. Paolo, insegnandoci a rinunciare, non vuole insegnarci cose contro la nostra natura e oltretutto cose che non siano verità. La nostra anima desidera solo la comunione con il Signore Dio e null'altro perché è parte dell'Onnipotente. I nostri attaccamenti, che generano inimicizia verso la croce, sono opera dell'ingannatore satana che ragiona in chi non vuol rinunciare agli idoli che ha lui stesso crea nell'uomo. Il maligno vuole questo perché odia l'uomo a causa dell'invidia e vuole portarlo alla perdizione per accontentare l'invidia che lo divora. San Paolo che conosce la verità sta piangendo perché sa la fine che aspettano i nemici della croce che lui considera fratelli. Il Signore Dio è vita e nutre le nostre anime, quando l'uomo si lascia convincere dal serpente che la vita è nel cibo, confonde il vivere con il vegetare e per questo il "dio" di questo uomo diventa il suo ventre che accoglie il cibo. Noi siamo sappiamo distinguere il vivere dal vegetare? Per scoprirlo è molto semplice, purché seguiamo l'esempio di San Paolo che piange per quelli che non vogliono rinunciare a nulla, cioè per i nemici della croce ed in particolare quando piange per quelli che pensano di trovare vita nel cibo. Chi è nemico della croce/rinuncia è nello stesso tempo nemico del sacrificio per salvare se stesso ed altri. Nel sacrificio c'è la speranza, nell'ozio o "dolce" far niente non vi è speranza. Dove non c'è la speranza c'è la disperazione e prima o poi si manifesterà. Nel materiale, basti pensare: Chi lavora si sacrifica ma ha la speranza di guadagnare il necessario per mantenere la vita. Chi non vuol sacrificarsi non lavora, ma non lavorando non ha la speranza di poter mantenere la vita. La stessa cosa vale nello spirituale: Chi è amico della croce sacrifica ma ha la speranza di vivere. Chi è nemico del croce, come rinuncia e sacrifico, è senza speranza di vita. Noi come siamo? Se accetteremo la croce come rinuncia e sacrificio, che sono insite nella nostra natura umanadivina, otterremo il passaporto divino per entrare nel regno dei cieli dove il Signore Gesù ci sta aspettando per trasfigurare il nostro corpo in corpo glorioso, quale il Suo che passa attraversi i muri e mangia pane e pesce. Guai allora a coloro che avranno ridotto in cenere il loro corpo tramite quella che il mondo chiama cremazione. Grazie Signore Gesù.
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 

INFO


Un blog di: francesconapoli_fn
Data di creazione: 01/06/2010
 

Sacro Cuore di Gesù

Sacro Cuore di Gesù purificaci da ogni macchia di peccato e donaci salute e salvezza.

Amen.

 

San Michele

San Michele Arcangelo, donaci la forza per tenere lontano le insidie del maligno. Ricaccia negli inferi gli spiriti malvagi e custodisci con la tua potenza i figli di Dio. Amen.

 

 

Sant'Antonio di Padova

O Sant'Antonio, che hai preferito abbandonare la dottrina per vivere nella semplicità, sul tuo esempio, aiutaci a vivere come umili cristiani pieni di sante virtù, la cui grande ricchezza sta nell'essere con Cristo, Salvatore del mondo. Amen.

 

San Pio

O San Pio da Pietrelcina, intercedi per noi presso Gesù affinché ci siano concesse le grazie materiali e spirituali necessarie per ottenere la salvezza eterna di ognuno di noi, cosicché possiamo rendere gloria a Dio come Lui vuole, con cuore, anima e mente. Amen.

 

 

 

noicattolici

 

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

francesconapoli_fntempestadamore_1967elisabetta.meggettoezio_48segretario61adrianofischerbellomocubaSingleoggiLT97QZZbiagio.carilliclara8marzodaniela.boni67anbo54robertofarris.rfStratocovers
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom