Creato da a.b.cyrano il 08/12/2009

amore straziato

sindrome di stoccolma - alienazione genitoriale

 

 

« violenza simulata........... »

falsi abusi salviamo la famiglia

documento dal sito:  http://www.papaseparati.it/ Falsi abusi - salviamo la famiglia

Ringrazio Dio, che mi ha dato e mi dà tuttora la forza di sopportare il dolore e l’offesa.
Mi chiamo Mario xxxxxx, ho cinquantuno anni e sono un xxxxxxxx.
Vorrei raccontarvi la mia storia…


Una storia vera, di quelle che speri sempre non accadano a te, che dall’oggi al domani, vedi tramutati i sogni in incubi, la tua onestà in sconfitta, la tua fiducia in amara delusione.

E’ la storia di un amore, che nel tempo è stato frustrato, deluso, tradito, massacrato.

E che, a giudizio dello stato è divenuto “violenza sessuale”.

L’idea di tenermi mia moglie, e salvare la mia famiglia, per lo stato ha costituito grave reato: e a chiunque semplicemente corteggi una donna oggi, compresa la moglie, vorrei suggerire: occhio, attenzione, tra un momento ti puoi trovare denunciato per molestie sessuali e condannato, specie se hai due soldi da spenderci sopra.

Ai padri di famiglia raccomando la stessa attenzione, sperando che non tocchi a tutti la sorte che è toccata a me: da genitore sono stato tramutato a forza in meno, “sponsor” economico di una famiglia disintegrata, in cui pago per stare a distanza sia da mia moglie che da mia figlia.

Quanto a quella che era la mia casa, dopo esserne stato sbattuto fuori, è diventata il tetto di tutti, senza che io potessi obiettarne alcunché.

Sposatomi nel “credo” che avremmo condiviso il bene ed il male, mi sono ritrovato da solo a nutrirmi del male, mentre il bene (stipendio, figlia, casa, comodità), se l’è preso tutto lei. A me è rimasta la desolazione del nulla, a me rimane il carcere.

E allora lo voglio dire, quanto siano inconcepibili le torture che i mariti e padri di famiglia, separati costrittivamente dai figli e obbligati a svenarsi a sproposito per mantenere gli agi di mogli fuggite e nullafacenti, in un sistema che pare congegnato prevenutamene per farli fuori togliendo loro tutto, compresa la dignità, subiscono ogni giorno.

 

Papa Woytila disse: “ non si può rimanere indifferenti davanti all’ingiustizia: chi è vittima non deve tacere e ad un tempo, non deve generare odio e violenza”.

 Io la violenza l’ho subita, non inflitta.

Da diciassette anni subisco: come marito, come padre, come cattolico.

E come cittadino, che in uno stato che non garantisce giustizia, equilibrio, tutela della famiglia, non si riconosce più.

Mentre la chiesa deve piegare il capo di fronte all’invadenza delle leggi laiche nell’ambito dell’efficacia e del valore dei Sacramenti, che non è in grado di salvare e difendere dalla dispersione e dagli attacchi di un mondo sempre più privo di Dio, lo stato è assolutamente sovrano di se stesso, non tollera alcuna ingerenza, impone alla Chiesa e ai cattolici obblighi e limiti, decide che sentirsi mariti e padri nel vincolo cristiano è “ fuorilegge”, autorizza a prezzare la vita e i valori più importanti come merce da barattare nelle aule dei tribunali, dove si consumano delitti ben più gravi di qualunque violenza, lo stato laico si senta in diritto di giudicare e punire.

Dopo la riforma del diritto di famiglia del 1984, non c’è stata più fine al peggio: uno stato dimentico del rispetto dovuto ai valori sostenuti dalla Chiesa cattolica,(rispetto garantito invece dall’articolo 7 della costituzione), ha avallato a passo rapido la morte della famiglia. Lo stesso matrimonio “concordatario”, di concorde al suo interno, non ha proprio niente, solo il nome.

Anche questo aberrante fardello del laicismo non va taciuto: lo Stato no rispetta i Sacramenti, e chi crede e li venera, viene disintegrato. L’articolo 3 della nostra democratica costituzione recita: “… è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli… che… impediscono il pieno sviluppo della persona umana…”. Belle parole, solo parole! Io gli ostacoli me li sono sempre visti ingigantire, moltiplicare, ad impedirmi l’esistenza, la serenità, la libertà.

Sono un povero impotente, penalmente braccato, non voglio lamentarmi e fare la vittima incompresa. Ho raccontato i fatti, ho cercato di comprendere le ragioni anche oltre il mio ambito personale e privato: ho cercato di capire perché mi sia potuto capitare un calvario così insopportabile, pieno di menzogne e cattiveria.

Ho scoperto che le ragioni sociali, politiche, economiche, culturali, storiche, esistono, sono molte, non trascurabili. E che quello che ho vissuto io è stato ed è continuamente vissuto da migliaia di altri pellegrini come me ridotti in mutande da leggi immorali.

Alle donne rivolgo un consiglio: tenetevi lontane dal femminismo urlato e cialtrone delle piazze e dei talk show, donne di valore con testa e cuore capaci di cogliere torti e ragioni, donne cui è rimesso il destino di questa società malata, votata al suicidio finchè verrà manipolata da femministe incattivite col sesso opposto, vendicative, arrabbiate con la storia e forse anche con se stesse.

In tribunale accusano, umiliano, pretendono e vengono credute e premiate.

Arbitrariamente e maliziosamente abili a giostrare la delicata materia dei sentimenti del sesso, della maternità, decretano la rovina di altri esseri umani, totalmente depressi in ogni loro aspettativa di equità e di riscatto.

Ogni quattro minuti un divorzio, cioè trecentosessanta divorzi ogni 24 ore… Un bel record, che l’ultima moda della cronaca nera condisce con un numero indescrivibile di (presunte) violenze sessuali. Ma anche le notizie più allarmanti vanno rilette con un minimo di senno, distinte con ragione, colte con intelligenza.

Le accuse si provano, non basta una sola voce. Le donne, (alcune, maestre della menzogna) hanno scoperto ed imparato in fretta che il sesso è un arma, la più efficace, che la propria “fragile” conformazione fisica può essere strumento d’offesa letale,in barba alla propria proverbiale debolezza e sottomissione.

La guerra dei sessi, per ora, l’hanno vinta loro, dati alla mano. Ma così il mondo non può andare avanti: siamo pieni di kamikaze senza saperlo, siamo nemici noi stessi del nostro futuro; guardiamo agli altri con sospetto e fastidio, li pensiamo nemici, li critichiamo per il velo delle donne, per le loro famiglie numerose, mentre il cancro del voto all’autodistruzione ce l’abbiamo addosso da soli, in un mondo che ha ucciso i valori, ha seppellito Dio, ha detto alla vita di arrangiarsi come può a vivere alla giornata, come capita, costi quello che costi.

Mi sono tolto, come si dice, i sassi dalle scarpe, scrivendo la mia storia, raccontandomi allo specchio. Ma il dolore rimane. La rabbia pure. Potrei soccombere, togliermi la vita, cedere. Ma resisto nella fede che mi vede, nonostante tutto, ancora in piedi, con uno sguardo ad un futuro che spero migliore, per tutti.

Preferisco morire in piedi che vivere in ginocchio. Che la Chiesa si scuota, che lo stato si ravveda, così da rendersi conto che non si può, insieme, non tutelare la famiglia e che la famiglia deve essere protetta da entrambi.

Ringrazio tutti i miei amici, preziosa sponda a cui attaccare nel mare in tempesta.

Ringrazio la mia famiglia, che non ha mai tremato nei suoi valori, e soprattutto mia madre, nella quale ho sempre avuto, integre e perfette, quella bontà e semplicità che m’aspettavo di trovare anche nel mio matrimonio. E ringrazio Dio, che mi ha dato e mi da tuttora la forza di sopportare il dolore e l’offesa, consolandomi nella solitudine, sollevandomi dalla miseria dell’angoscia, nella fiducia profonda che “il male è meglio subirlo che farlo”.

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/amorestraziato/trackback.php?msg=8142572

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
cima64
cima64 il 07/03/10 alle 22:55 via WEB
IL tuo dolore, profondo e disperato,ma rispettoso di modo di vivere che frantuma ogni idea di famiglia e buoni sentimenti, mi ha colpito nel profondo. Conosco altre persone ,uomini,messi alla berlina perchè la legge ha deciso che erano i "mostri " da allontanare... Per quel che possa valere sappi che c'è qualcuno che tifa per te
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

 

VIOLENZA PSICOLOGICA

....piccolo amore mio,

i giocattoli,

i giocattoli che tanto desideravi,  

il tuo papà riusciva farli

arrivare  a te

ma il "disagio" di una mamma 

che

......non te li negava,

...non te li buttava,

 ......ma  

li riponeva

in vista

sulla tua scrivania,  

impedendoti di giocarci ! ! ! ! !

 

 

.......

"amore mio grande"

tu

che hai potuto scegliere

ti sei rifugiato

dal tuo papà

lasciando

i soprusi

le angherie

le violenze

di un disagio

............

ora

il tuo papà

sempr più confuso

da una lunga storia

che non trova

mai la fine

rischia

di non sapere più

comprendere le tue esigenze

ora che

stiamo ritrovando

il  "piccolo amore mio"

il compagno dei tuoi giochi

.....tuo fratello

 

....VERSO LA LIBERTÀ

 ....sei venuto a me

come alternativa

ad una grande punizione...

 

....sei venuto a me

contro il tuo "controllato" volere

 

....sei venuto a me

con un  "indotto"  timore

 

ma tu non sai,

piccolo amore mio,

che  è  solo  il  primo passo

 

per uscire

dalla tua prigionia,

 

per avere

desideri  da sognare,

 

per far crescere

ali per volare

. . . . . . . . . . . . . . . . . .

 . . .  . . . . . . . . . . . . . . 

 

.....UN ANNO DOPO

ora

 che hai imparato a camminare

tu non lo sai ancora,

 non lo sai,

ma stai per volare

vola amore mio,

vola senza paura

vola tranquillo come l'aquila 

 vola attento come il falco

vola veloce come la rondine

vola alto,

vola alto come il gabbiano 

...vola ! ! !  ...vola ! ! !  

..vola libero ! ! !

 

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

TAG

 

ULTIME VISITE AL BLOG

margherita5575armenfrancirma.usaia.b.cyranopassavoesonorimastaiosi2009pippolenci3talitha0io_beamgpresicceWIDE_REDstrong_passionsatanonakiwai
 

ADNKRONOS: CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

 manifestazione contro
la violenza sulle donne
Roma, 28 nov.2009 
 Hanno sfilato per le vie di Roma
per dire 'no alla violenza
contro le donne',
contro lo sfruttamento del corpo
a fini politici ed economici
e per una scuola che educhi
alla convivenza civile
tra i sessi
e la liberta'
di scelta sessuale
e di genere.

Secondo le organizzatrici
della manifestazione,
alla quale hanno aderito
giovani dei centri sociali,
coordinamenti femminili,
le femministe 'storiche'
ma anche diversi uomi
…e
un provocatore.
...... un uomo distribuiva
un volantino provocatorio


la simulazione di violenza
e' a sua volta una violenza
contro le donne
che hanno 'veramente'
subito una violenza". ….

 

 

dal sito:

criminologia.it                    

 false violenze 

di Jacqueline Monica Magi
   (Sostituto procuratore

della Repubblica

presso il Tribunale di Pistoia)

Onestà intellettuale vuole
che oltre a parlare
delle violenze atroci
subite da tante donne,
oltre le violenze quotidiane
subite fra le mura domestiche
si parli anche dei casi di
false” violenze
o meglio di “false” denunce
di violenza subita.
Potrebbe sembrare incredibile
che si possa accusare
qualcuno che si sa innocente
di un delitto turpe quale
quello di violenza sessuale........
eppure succede
e neanche troppo raramente.....

 

.......

DICHIARAZIONE UNIVERSALE
DEI DIRITTI UMANI

Articolo 12

Nessun individuo potrà essere
sottoposto ad interferenze arbitrarie
nella sua vita privata,
 nella sua famiglia...

Articolo 16

3) La famiglia è il nucleo
 naturale e fondamentale
della società
e ha diritto
ad essere protetta
dalla società e dallo Stato.

 

...IN CONTRADDITORIO

........
le associazioni

che operano a tutela delle donne:
«Non fanno l'operazione di filtro
che dovrebbero fare:
incitano le assistite a denunciare

 

ULTIMI COMMENTI

 

AREA PERSONALE

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30