Creato da amosgitai il 27/09/2007

Cinema&Viaggi

Blog su cinema e viaggi. Recensioni dei film usciti a cinema e in DVD. Diari di viaggio intorno al mondo: news sulle offerte su viaggi e voli lowcost.

 

 

« CRITICA IL COSMO SUL COMOIL MISTERO DI ROCKFORD »

IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE

Post n°11 pubblicato il 03 Febbraio 2011 da amosgitai
 

Bruno è un bambino di otto anni, figlio di un ufficiale nazista che deve lasciare la sua casa di Berlino e gli amici per andare a vivere in una villa in mezzo alla campagna nei pressi di una “fattoria” circondata da recinzione di filo spinato, nella quale si trovano strani “contadini” che indossano un pigiama a strisce: il padre di Bruno è stato promosso ed ha avuto l’incarico di comandare un campo di sterminio. Annoiato perché senza amici, solo nella grande casa, e mosso dalla sua passione per l’esplorazione, Bruno decide di esplorare il giardino posteriore della villa e, disobbedendo alle istruzioni della madre, si avvia verso la “fattoria”. Giunto lì, dietro la recinzione, incontra Shmuel, un bambino della sua età molto esile, vestito con un pigiama a righe. L’amicizia con quel bambino ebreo avrà per Bruno conseguenze importanti sulla sua vita.

CRITICA "IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE"

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/amosgitai/trackback.php?msg=9839473

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento