Creato da DONNADISTRADA il 10/09/2008

Silena DalFinestrino

visioni e immagini del mondo.. Quasi sempre la fotografia parla più delle parole.Un buon viaggiatore è colui che non sa dove sta andando. Lin Yu-t'ang

 

« SOTTO A UN PONTECloe a testa alta »

Ricordi e Pulizie

Post n°438 pubblicato il 01 Marzo 2015 da DONNADISTRADA
 
Tag: nulla

 

 

 

 

Erano anni che non sentivo questa dannata tristezza in questa casa.

Mi sforzo di non pensarci. Ho passato le giornate di ieri e oggi a togliere sporco vecchio di anni. 

Tutti gli incarti di gelati, pollo arrosto e le vaschette di plastica che i salumieri riempiono con formaggi, olive e quant'altro li ho gettati via riempiendo sacchi su sacchi.  

Tristezza su tristezza.

Ho fotografato il portapranzo che mio padre portava in officina, prima che si ammalasse e poi morisse.

Scappa via più lontano che puoi, dice una voce dentro di me. L'ho sentita per anni quella voce.

 

Ho fotografato il portapranzo e la "spillunga" di mia nonna, un recipiente smaltato che veniva usato per fare "le bottiglie", cioè la conserva di pomodoro passata e riempita dentro le bottiglie. Una pratica faticosissima, perché una volta non c'erano i tappi a corona o i vasi con tatto a vite. Si usavano i tappi di sughero legati stretti con lo spago. Poi in un fusto venivano bollite per un paio d'ore le bottiglie così sigillate e avvolte una ad una con degli stracci per evitare che si rompessero. Ne scoppiava sempre qualcuna e poi bisognava raccogliere i vetri rotti e il sugo rosso impiastricciato sulle bottiglie.

Che fatica!

 

 

Che fatica, dico anch'io oggi a rivivere i vecchi ricordi. A prososito non c'era neanche il passapomodoro a manovella ma i pomodori bolliti erano passati a mano attravaverso i buchini di un setaccio. Quando ero piccola io i miei genitori avevano comprato il passapomodoro a manovella che si assicurava con un morsetto al tavolo e diminuendo di un po' la fatica.

Era  una giornata molto pesante comunque quella delle bottiglie.

 

 

 

 

 

e un vecchio piattino sbrecciato, tanto per chiudere in bellezza.

 

 

 
Rispondi al commento:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Random Walk il 25/03/15 alle 20:33 via WEB
Sai che anche io da bambina facevo le conserve con tutto il parentado? Devo dire che fortunatamente io lo trovavo un bel momento. Avevo così tanti cuginetti. Per noi era un gioco ovviamente. Il lavoro lo facevano 'i grandi'. Però il passapomodoro col morsetto mi sa che ce l'avevano pure i miei. Fortuna che la fatica la facevano loro :) Comunque hai fatto bene a buttar via quelle cianfrusaglie abbandonate. Forse è stato persino liberatorio.
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

 

 

 

NY 1997 foto angela

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 96
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK