**TEST**
Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Cap.2 - Il ManoscrittoCap. 4 - La strega »

Cap. 3 - Tempus fugit

Post n°175 pubblicato il 29 Ottobre 2006 da bluewillow
 

Ogni tentativo di provare ad entrare nuovamente nella sede della Bell Electronics fu vano. Le guardie all'ingresso avevano ricevuto l'ordine di non consentire a Luke Sarton di avvicinarsi prima di sette giorni. Fino al 31 Ottobre Zeb Bell sarebbe stato irraggiungibile. Le proteste furono del tutto inutili.

A Sarton non restò altro da fare che andarsene, con la testa confusa da mille pensieri che si affollavano pressanti, nel tentativo di dare una spiegazione logica a quanto aveva appena vissuto.

Dopo essersi allontanato dalla desolazione di Bravery Lane, Luke cominciò a camminare senza meta, aggirandosi per le strade dei quartieri circostanti, tenendo ancora stretti i due tomi che gli erano stati consegnati. Le vetrine dei negozi erano addobbate per Halloween: le immagini di fantasmi, pipistrelli e zucche che sorridevano sinistre, ripetendosi senza fine, sembravano ironicamente alludere alla incredibile situazione nella quale si era trovato coinvolto.

Quando infine fu talmente stanco e infreddolito da non riuscire a fare più un passo, scese nella metropolitana e prese il primo treno che l'avrebbe ricondotto a casa.

Man mano che che si avvicinava alla propria dimora, Luke cominciò a sentirsi d'animo più leggero: si era lasciato sconvolgere da quello che era evidentemente solo uno scherzo ben congegnato.

L'uomo con il quale aveva parlato non poteva essere davvero il diavolo, anzi forse non era nemmeno l'autentico Zeb Bell. Molto probabilmente si trattava solo di un attore, di qualcuno assoldato da Julian Pontus per giocargli un macabro tiro. Era certamente l'ipotesi più plausibile. Tuttavia qualcosa suonava ancora poco convicente: elaborare una storia così contorta non sembrava nello spirito di Pontus; il vecchio e tirchio professore non avrebbe sprecato tanto tempo e denaro, quali sarebbero stati necessari per assoldare altre persone, solo per burlarsi del proprio ex-allievo. Eppure non c'era altra spiegazione: forse l'avanzare dell'età stava rendendo Julian Pontus un uomo stravagante.

Fu quindi con con un umore più sereno che Luke si apprestò a rientrare in casa, quando oramai era già sera, dopo una giornata decisamente emozionante.

Una volta aperta la porta percepì però una strana atmosfera. Normalmente Zap, il suo piccolo beagle, gli sarebbe corso incontro scodinzolando in maniera festosa, non appena avesse varcato l'ingresso. Ora invece, Sarton poteva osservare uno strano bagliore provenire dal soggiorno che proiettava sul pavimento di legno l'ombra allungata di Zap, apparentemente immobile.

Fattosi avanti vide che il cagnolino puntava ringhiando una figura femminile, voltata di spalle. La donna si girò: era la segretaria di Zeb Bell. Come la mattina indossava un professionale tailleur grigio e aveva i capelli raccolti in una crocchia. Gli occhi erano di un'azzurro intenso , appena celato dalle lenti degli occhiali, che avevano una rigida montatura nera. Se non avesse provato tanta repulsione nei suoi confronti, Luke avrebbe anche potuto dire che era davvero molto bella, sebbene avesse l'aria di voler rappresentare a tutti costi la perfetta icona della segretaria-tipo. Qualcosa di tutto l'insieme dava però nel complesso l'idea dell'artificialità e un lucchichio crudele traspariva dal magnifico sguardo ceruleo.

"Buonasera signor Sarton, lei non si è ancora messo a lavoro. Sono qui per rammentarle che ha poco tempo. L'incarico che ha ricevuto è della massima importanza. Deve riuscire a tradurre in tempo il libro che le è stato consegnato. Le ho portato un piccolo pro-memoria..." disse indicando un oggetto luminoso che Luke non aveva mai visto prima in quella stanza; era da lì che proveniva la luce che rischiarava l'ambiente.

"Questa clessidra segnerà il tempo che le rimane prima che..." fece una pausa significativa, a Luke parve di cogliere un ghigno a distorcere il suo simmetrico volto " .... il contratto si risolva in maniera sfavorevole per lei..."

All'interno della clessidra scorreva lento, ma inarrestabile, un sottile filo di sabbia dorata.

Luke sentì salire la rabbia dentro di sé, quella sarebbe stata l'ultima assurdità alla quale avrebbe assistito, nessuno avrebbe dovuto più insinuare che fosse così sciocco da credere ad un simile cumulo di sciocchezze. Finalmente ritrovò il coraggio e si fece avanti minaccioso " Ne ho abbastanza di questo assurdo scherzo. Ora esca dalla mia casa all'istante!".

Per tutta risposta la donna schioccò le dita e l'uomo si ritrovò letteralmente scaraventato all'indietro, finendo per atterrare su una poltrona, mentre Zap abbaiava furiosamente verso la terribile segretaria.

"Mi creda non è uno scherzo, se ne accorgerà presto. Il signor Bell ha molti modi per convicerla a collaborare, non lo costringa a diventare cattivo, preferiremmo utilizzare il suo ingegno integro. Avrà a disposizione ogni mezzo che sarà necessario per la sua traduzione,non ci sono limiti di spesa. Questo è il numero a cui potrà rivolgersi per ogni evenienza" aggiunse posando un biglietto da visita vicino alla clessidra . " Qualunque cosa occorra per tradurre il manoscritto, sarà sufficiente che chieda di Selina".

Selina si avvicinò a Luke, incapace di articolare parola, innaturalmente bloccato come una bambola di cui solo gli occhi, che si agitavano freneticamente da un lato all'altro del campo visivo, indicavano che fosse ancora cosciente. Con il viso vicinissimo a quello di Sarton, la segretaria aggiunse in tono mellifluo:" Le auguro buon lavoro signor Sarton!" Fiamme vive balenarono nel suo sguardo" Faccia in fretta!". Poi si allontanò e scomparve nel più classico dei modi, con un'esplosione seguita da una nuvola di fumo sulfureo.

Dopo che se ne fu andata il giovane si sentì nuovamente padrone del proprio corpo. Le vicende del mattino erano state avvolte da un alone di irrealtà,ma lì, circondato dalle sue cose, fra le mura della sua casa, tutto appariva incredibilmente vero. Sapeva che Julian Pontus era un uomo spregiudicato, ma non avrebbe mai immaginato che sarebbe stato capace di fare affari persino con il diavolo.

--------------------------------

Bell Electronics - Ufficio di Zeb Bell

"Allora com'è andata con quel Sarton? " chiese Zeb Bell

Selina fece una smorfia: "Umani! Convincerli razionalmente di qualcosa è impossibile, ti costringono sempre a ricorrere a qualche pagliacciata!" , poi si allontanò alquanto seccata.

[Continua...]

Potrete trovare i precedenti capitoli a questi indirizzi:

Cap1 - Una lettera

Cap.2 - Il manoscritto

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.