Creato da arw3n63 il 27/06/2012

COME UN'AQUILA

Il volo della mente: incessante, instancabile, senza meta e senza confini, senza vertigini, e maestoso come un'aquila eterna. Jim Morrison

 

Storiella semplice

Post n°1231 pubblicato il 26 Marzo 2018 da arw3n63
 

Storiella semplice

“Si racconta che Giuseppe Verdi, passeggiando un giorno per una strada di Milano, incontrò un suonatore di organetto che suonava la marcia trionfale dell’Aida.

Verdi si fermò e disse: “ state suonando troppo velocemente”.

Il suonatore di organetto sollevò il cappello in segno di saluto e, avendo riconosciuto Verdi, disse: “ Grazie maestro, mille grazie!”.

Il giorno seguente Verdi ripassò dalle stesse parti e trovò il suonatore di organetto che suonava la marcia trionfale a tempo giusto. Davanti a lui era un vistoso cartello con scritta:

“ ALLIEVO DI GIUSEPPE VERDI”.”

Non so da dove è tratta questa storiella, dono pasquale della mia insegnante di yoga, la giro a voi.

 

Blog chiuso a tempo indeterminato

Chi mi conosce sa dove trovarmi e come contattarmi, a tutti gli altri…

auguro una

buona continuazione

 
 
 

Il segreto per vivere bene

Post n°1230 pubblicato il 20 Marzo 2018 da arw3n63
 

Sarebbe quello di farsi i c....propri!

Ci vuole una buona dose di menefreghismo per vivere bene?

Non si può sempre tacere e far finta di nulla, che tutto va bene o farsi andar bene anche quello che non va.

Ad esempio quello che sta accadendo a sagredo58  e certe dinamiche veramente tristi.

Sono settimane che si riscontrano malfunzionamenti nel suo blog. Basta dare un’occhiata per rendersi conto che manca di diverse funzioni, commenti  recenti, le visite al blog e che  impediscono la corretta fruizione ed interazione anche da parte di chi legge e commenta.  Mancano  anche  la classifica della Net Parade e il contatore di Shinistat.

Viene spontanea una domanda e cioè se tutto ciò sia da attribuire ad una qualche segnalazione da parte di qualcuno.

Capita in ogni community che ci siano contrasti  tra blogger, nati magari lontano nel tempo e che  si trascinano fino  ad arrivare al punto di non avere più la corretta percezione, da parte di chi frequenta, di cosa abbia scatenato tanto astio e rancore fatti di post e contropost.

A causa di una lista nera? Un’Artemide di Efeso? Una serie di post sulla carriola e scariolanti?

Il web conserva memoria di tutto ciò che viene pubblicato ed indicizzato, basta usare un motore di ricerca e si trovano cose che sembravano perdute e cancellate.

Ho trovato questa immagine.

 

L’opera  è di Mistero Pagano, trovata tramite ricerca immagini su google,  c’è ancora il link che reindirizza al blog di Deinauti, naturalmente l’immagine è stata rimossa e sostituita con un’altra nel post di riferimento.

Dal momento che tra i soggetti dell’opera c’è anche  il mio avatar credo di aver diritto ad averne una copia e pubblicarla. Magari c’è anche qualche altro blogger che si riconosce.

Non entro nel merito di carriole e scariolanti, chi ha ragione e chi torto, cosa è etico e cosa non lo è però vorrei porre un quesito, chiedo fra queste opere quale la più offensiva e volgare?

 

L’Artemide usata da Sagredo che dichiara  la sua lista nera oppure il totem di Mistero Pagano?

              

Considerando che i torti e le ragioni non sono mai solo da un lato una riflessione la farei. Non sarebbe neanche male se il blog venisse ripristinato.

 

 

 

 
 
 

Nome di donna

Post n°1229 pubblicato il 12 Marzo 2018 da arw3n63
 

Domenica piovosa quindi quale alternativa al centro commerciale?

Il cinema!

Tra le ultime uscite nei cinema della zona scegliamo “ Nome di donna” di Marco Tullio Giordana e racconta la storia di Nina, una giovane madre single che trova impiego in una prestigiosa clinica privata per anziani. La protagonista subisce molestia sessuale e abuso di potere dal direttore della clinica e decide di ribellarsi trovandosi isolata dalle colleghe che sanno ma tacciono, a turno loro stesse vittime del potere dell’uomo. Seguono tentativi di insabbiamento anche da parte delle colleghe e non mancano le minacce trasversali del prete che copre il direttore della casa di riposo.

Il film dunque parla di molestie sul luogo di lavoro e dinamiche subdole e vigliacche di sopraffazione delle donne ed arriva in un momento storico di denunce di molestie sessuali invitandoci ad una riflessione.

Non è tanto un film di indagine del “fatto” ma dell’effetto e le conseguenze derivanti dalla denuncia, dell’aver lanciato un sasso, dell’aver aperto il coperchio di un vaso.

La solitudine in cui verrà a trovarsi la protagonista, l’insinuazione che 'se la sia cercata', solitudine in cui si trova chi non intende sottostare.

Il film mi è comunque piaciuto nonostante alcune scene sembrano “tagliate” ed avrebbero meritato maggior approfondimento, ma credo sia difficile sviluppare un tema così delicato e complesso  nell’arco di un’ora e mezza.

 

 

 
 
 

Fenomenologia del cialtrone

Post n°1228 pubblicato il 11 Marzo 2018 da arw3n63
 

" Non c’ho niente da dire ma devo dirlo assolutamente"
La dolente testimonianza di Nicoletta ci introduce naturalmente a esaminare quelle figure refrattarie alle regole ed eminentemente cialtronesche che sono gli scrittori  da web.

La dicitura è ampia e si adatta a una disparata varietà di scribacchini, accomunati però tutti dall’unanime disprezzo per la regola fondante della letteratura mondiale, e cioè che per scrivere è necessario avere qualcosa da dire. 
Il criminale all’origine di questa autentica iattura – la probabile inconsapevolezza spiega il suo agire, ma certo non lo giustifica – è Raymond Carver, il padre di quella corrente letteraria contemporanea che è stata chiamata minimalismo. La capacità di osservazione entomologica delle dinamiche umane che lo ha spinto a scrivere racconti di due personaggi che, magari, neanche si incontrano ma si limitano a osservarsi dalle finestre dei rispettivi appartamenti in queste desolate città americane ha indotto migliaia di epigoni detalentati a concepire racconti dove non succede niente, i personaggi non fanno niente se non agonizzare in trame boccheggianti per una decina di pagine senza capo né coda, ignorando tutto ciò che potrebbe essere coerenza, logica, intreccio. Possa il Padreterno perdonare Carver perché non sapeva quel che faceva.
Questa modalità di scrittura trova la sua estrema incarnazione, la sua apoteosi, la sua quintessenza nei blog e nei social network. Gli scrittori da blog – non tutti, sia ben chiaro, solo quelli cialtroni – si sono liberati d’un colpo di qualunque convenzione e riempiono pagine e pagine di prosa sperimentale, la cui sperimentalità consiste essenzialmente nel non fare capire un tubo al lettore. Concetto da affermare con cautela, però, perché scagliarsi contro brani tipo il seguente, scaricato da un blog a caso tra i milioni presenti in rete, in certi ambienti rischierebbe di attirare l’accusa di aridità: 
Si alza alto nel cielo senza sbiadire. Ha con sé l’essenza estrema di quella persona. Vuole conservarla. Custodirne il ricordo. Non la conosceva prima, ma ora c’è stato uno scambio intenso. E dolente. Su nel cielo non v’è nulla che vi possa trovare. Nessuno a cui l’aria mutata in respiro possa implorare aiuto. Negli immensi spazi le nuvole giocano a rimpiattino, scivolando sulle correnti, totalmente indifferenti a quel che accade là, molto più in basso. Anche l’aria è respiro. Prima nulla la tangeva. Tutto le era indifferente. Ma in questo momento. Divenuta respiro è avvilita. Umiliata. Chi non ha ascoltato le sue preghiere?”. 

Chi? Che cosa? Quando? Dove? Mah! Si potrebbe dire che qualunque brano letterario estrapolato brutalmente dal contesto può risultare di difficile comprensibilità. Ma, a parte il fatto che non è vero, tutto il racconto da cui queste righe sono estratte è di questo tenore. Perché infliggere al prossimo tali esempi di grafomania patologica? Semplice: perché ora la tecnologia consente di farlo. E se una cosa può essere fatta, perché non farla? Perché trattenersi? Solo perché è una cazzata? A parte il fatto che il criterio estetico per decidere cosa rientri in quella categoria aristotelica è tutto da definire, non dimentichiamoci che il cialtrone pensa di essere adeguato per definizione. 

E la stessa linea di pensiero, portata alle estreme conseguenze, conduce inesorabilmente il cialtrone grafomane a usare Facebook come se fosse una clava con cui tramortire quei disgraziati che hanno la sfortuna di essergli, diciamo così, amici. Ecco che, allora, non resiste a cenare in un ristorante senza fotografare un comunissimo piatto di trenette al pesto e postarne la foto accompagnata dall’insostituibile commento: “Trenette al pesto! Yum-yum!”. 
Ci sono poi quelli che, invece, ci tengono a comunicare urbi et orbi che stanno andando “Verso Casteggio!”. 
Altri ancora sentono l’impulso di postare una foto di una scritta, ma non una scritta particolare, solo una scritta: semplice, banale, che dice: “E adesso?”. 

Per non parlare di quelli che non si trattengono e devono proprio esprimere il loro travolgente entusiasmo culturale per “Ildegarda di Bingen. Che ganza!”. I peggiori, però, sono quelli che hanno distillato il minimalismo da blog trasformandolo in una versione de no-antri di un haiku, con lo sfondo dell’Appennino al posto del Fujiyama: “_tu sei cavallo. Come me. Sapido”. O anche “_sesquipedale. Campo semantico”. La loro urgenza è quella di esprimersi e chi se ne importa se esprimono cazzate. Dico, quindi sono.  
Al gradino più basso di questi interpreti espressionisti delle regole del vivere e dello scrivere civile ci sono gli scrittori da Web che, per insondabili ragioni della politica editoriale, arrivano alla pubblicazione. Spesso stampati da editori APS, cioè A Proprie Spese – secondo l’immortale definizione data da Umberto Eco nel “Pendolo di Foucault” – il momento di massima gloria di questi pubblici infelicitatori è la presentazione del loro libro. Stante che detto volume è di fatto non distribuito, la presentazione è per i malcapitati amici, parenti o semplici conoscenti del grafomane la sola occasione di entrare in contatto con il parto della creatività cialtronesca. 

Solitamente queste presentazioni si svolgono in orridi sottoscala di librerie semiperiferiche. 
Di norma c’è un tavolo in formica, tipo sezione sgarrupata del Pci del Dopoguerra, dietro cui siedono il cialtrone, il professor Teotochi Albizzati Fringibello del Rosso, antico insegnante di greco del cialtrone ai tempi del liceo, e una settantenne con filo di perle e parecchi braccialetti d’oro, piuttosto ben tenuta ancorché un poco scricchiolante, nota animatrice culturale della parrocchia. Il pubblico può essere di due tipi: prezzolato o spontaneo. Se è del primo tipo sono circa quindici persone, cioè tutti, ma proprio tutti, gli amici del cialtrone e quei due o tre congiunti (madri, padri, fratelli) che non hanno potuto esimersi dal presenziare; se è del secondo tipo, sono rigorosamente due anziane pensionate che non hanno mai niente da fare alle sei del pomeriggio e che preferiscono sonnecchiare a un evento culturale – che fa prestigio e tiene la mente attiva – piuttosto che in chiesa o davanti a qualche programma tv del pomeriggio. In ogni caso il pubblico spontaneo è sempre numericamente inferiore a quelli che presentano. 

L’animatrice culturale introduce l’opera del cialtrone APS magnificando la sensibilità dell’autore, lo stile potente e la sottigliezza psicologica che, del resto, traspare fin dal titolo: “Decrittando Cupido”.Finalmente il cialtrone APS può prendere la parola e sfiancare i presenti con un vaniloquio di mezz’ora che spinge la madre dell’autore a un passo dal disconoscimento. Quando, ebbro di sé, deve prendere fiato, offre involontariamente l’opportunità al Teotochi Albizzati Fringibello del Rosso di porre una domanda sulle ragioni inconsce che hanno spinto l’autore ad ambientare la sua storia d’amore – ché di questo si tratta – tra una PR milanese e un ex lama tibetano a Sharm el-Sheikh. Desiderio di épater le bourgeois o intima necessità creativa? Segue altro vaniloquio – di cui non vale la pena dare conto –, quindi debole applauso, prosecchino con patatina rancida e tartine ossidate e poi dediche e dediche come neppure Ken Follett: “A Sandro, amico, mentore, sodale, drudo, così lontano eppur così vicino” e altre variazioni sul genere. E’ molto difficile che Carver possa mai essere perdonato.

Tratto da : Fenomenologia del cialtrone -Andrea Ballarini


 
 
 

Otto marzo

Post n°1227 pubblicato il 08 Marzo 2018 da arw3n63
 

Ancora la  gigantografia della “notizia choc di Oliviero Toscani” vecchia come il cucco in home, certo che il portale non ci fa una gran bella figura!

Cliccando sul link appare così:

“Questo è leggermente imbarazzante, non è vero?

Sembra che non riusciamo a trovare quanto cercato. Forse la ricerca, o uno dei link qui sotto, può aiutare.”

E già! Imbarazzante ancor di più  considerando che oggi è tutto un pubblicare di post augurali in occasione della giornata internazionale della donna.

Ed è pure notizia vecchia, chissà forse domani è un altro giorno e cambierà anche la pagina della home.

Intanto quest’anno la “festa della donna” verrà ricordata anche per i disagi di chi non aderisce  allo sciopero generale indetto dal sindacato USB: “Non una di meno perché la lotta contro ogni discriminazione di genere e ogni forma di violenza maschile sulle donne è parte sostanziale della lotta complessiva del nostro sindacato». «Lo sciopero coinvolgerà le lavoratrici a tempo indeterminato, le partite Iva, le precarie, le lavoratrici in nero, il lavoro di cura e domestico, le stagiste e le lavoratrici senza contratto, le disoccupate e le studentesse. Sono in programma saranno azioni, picchetti e presidi durante la mattina e cortei pomeridiani «contro la violenza maschile sulle donne, contro la mancanza di finanziamenti e riconoscimento dei Centri antiviolenza, contro la chiusura degli spazi delle donne, contro l’obiezione di coscienza nei servizi sanitari pubblici, per il diritto a un welfare universale, al reddito di autodeterminazione, alla casa, al lavoro, alla parità salariale, all’educazione scolastica, a misure di sostegno per la fuoriuscita dalla violenza».

Quindi giornata difficile anche per tutte quelle donne che devono usare i mezzi pubblici per recarsi al lavoro.

 

 
 
 
Successivi »
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: arw3n63
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 55
Prov: EE
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

LETTURE

 

Andrea Ballarini

Fenomenologia del cialtrone

Il cialtrone è parte della nostra vita.Sia che vogliamo difendercene, sia che vogliamo andare ad ingrossare le fila del suo esercito, non possiamo prescindere dalla sua conoscenza.

 

 

AREA PERSONALE

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

LETTURE UTILI E LINK

 

Come usare la rete per arricchire
le proprie esperienze
e relazioni personali.

Ciò che serve sapere
e i manuali tecnici non dicono.

Cose da fare, e cose da non fare,
per muoversi nella rete utilmente,
piacevolmente e senza fastidi.


Per leggere il libro online il link:http://www.gandalf.it/uman/capitoli.htm

 

 

 

 

hit counter